Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 15 di 15

  1. #11
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,695
    Citazione Originariamente Scritto da mistergao Visualizza Messaggio
    Il 19 marzo 1996, a Bordeaux, va in scena il ritorno dei quarti di finale di Coppa UEFA. La partita, sulla carta, non sembra nulla di che, in quanto il Milan aveva già vinto l’andata comodamente per 2-0, contro un avversario che mai aveva dato l’impressione di poterlo impensierire.
    I rossoneri che vanno a giocarsi la qualificazione a Bordeaux, pur se in formazione rimaneggiata, schierano una signora squadra, c’è la difesa titolare, un signor centrocampo con Desailly, Eranio e Donadoni e Weah in attacco.
    Il Bordeaux, erroneamente, non sembra un avversario fortissimo, eppure tra le sue fila giocano Lizarazu, Zidane, Dutuel, Dugarry e Witschge,. I francesi, aiutati anche da uno stadio caldissimo, partono forte e dopo un quarto d’ora sono già in vantaggio con il carneade Tholot, dopo che Lizarazu si era bevuto Panucci sulla fascia. La partita prende la piega che Capello temeva, con i francesi che giocano con la bava alla bocca, spinti dal loro pubblico: loro non hanno niente da perdere, è il Milan, in evidente debito di ossigeno, a rischiare la madre di tutte le figuracce.
    Il primo tempo finisce solo 1-0, anche grazie ad alcune buone parate di Ielpo, il secondo tempo comincia come il primo, con Zidane strepitoso nell’orchestrare il gioco del Bordeaux. Ed ecco che in meno di dieci minuti arrivano i due gol di Dugarry: il primo su assist involontario dell’arbitro, il secondo spaccando in due una difesa del Milan posizionata malissimo.
    E’ la fine, il Milan ha una grossa occasione con Weah negli ultimi dieci minuti, ma è legata più all’ovvio calo fisiologico dei francesi che non ad una reale volontà di reazione.
    Il Milan la domenica dopo verrà contestato duramente nella partita contro il Parma, da tifosi ingrati e poco intelligenti (per non dire altro): la squadra nei momenti di difficoltà si sostiene, non si affossa.
    Ma i tifosi, i giornalisti e la gente comune sotto sotto hanno capito una cosa: il Milan di Capello è finito.
    Baresi e Tassotti hanno 36 anni, ma anche Costacurta, Rossi, Galli e Donadoni hanno ormai dato tutto o quasi.
    Bordeaux rappresenta la traumatica fine di un’era d’oro, fatta di un decennio di successi: arriverà, è vero, la vittoria in campionato a fine stagione, ma sarà più una vittoria di mestiere che di forza, agevolata anche da una Juventus mai così concentrata sulla conquista della Champions.
    E’ la fine, signori, la fine: Capello a fine stagione se ne andrà a Madrid, un anno prima di commettere il gigantesco errore di tornare indietro (no, Fabio, non te l’ho mai perdonata), Donadoni andrà a divertirsi in USA, arriverà Tabarez che accompagnerà in pensione Baresi e Tassotti (in realtà nell’ultimo anno praticamente sempre assente a causa dei problemi di salute della moglie) e accelererà il distacco dai vari Baggio, Di Canio Ielpo e Locatelli, validi gregari di un Milan fortissimo.
    Ogni volta in cui penso a quella partita vengo assalito da una strana malinconia: tutti noi, davanti agli schermi della TV, stavamo assistendo alla drammatica fine di un’era, che poi forse è stato giusto che finisse così, con uno schianto violentissimo in luogo della solidità degli anni prima. Non poteva, forse non doveva, finire con una lunga agonia, nemmeno con un’eutanasia, ma con la violenza di chi si risveglia di un sogno sul precipizio di un incubo.
    A suo modo (molto a suo modo) anche questo è stato un privilegio.

    QUI SOTTO IL VIDEO DELLA PARTITA:


    Il modo in cui stravinse senza pietà quel campionato fa intendere come quel Milan non fosse affatto finito, ma forse era finito Capello in quel Milan, saturo di troppe campagne condotte al limite delle proprie possibilità professionali. Ma che squadra quella. Venderemmo l'anima, oggi, per avere la metà di quei giocatori.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #12
    Member
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    2,917
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Baggio tecnicamente era un grandissimo talento, ma se è stato scartato nell'ordine da Juve, Milan e Inter una ragione c'è,
    non aveva il fisico per giocare con continuità nel grande calcio, un po come sarebbe accaduto alla leggenda Rivera se avesse giocato in quegli anni,
    oggi purtroppo i Rivera e Baggio non approdano proprio al professionismo, un Poli ha molte più possibilità.
    Tu parli del Baggio a 30 anni distrutto fisicamente dagli infortuni.

    Dai 23 ai 28 anni anche fisicamente aveva un guizzo straordinario.

    Comunque parliamo di un periodo dove nel campionato italiano c'erano i migliori giocatori del mondo, nel Milan quando è stato "scartato" baggio fu scartato anche Savicevic.

    All'inter Baggio fù scartato dopo una partita dove li ha praticamente portati lui Champions.

  4. #13
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    10,971
    Citazione Originariamente Scritto da davoreb Visualizza Messaggio
    Tu parli del Baggio a 30 anni distrutto fisicamente dagli infortuni.

    Dai 23 ai 28 anni anche fisicamente aveva un guizzo straordinario.

    Comunque parliamo di un periodo dove nel campionato italiano c'erano i migliori giocatori del mondo, nel Milan quando è stato "scartato" baggio fu scartato anche Savicevic.

    All'inter Baggio fù scartato dopo una partita dove li ha praticamente portati lui Champions.
    Un epoca con troppi tatticismi... i giocatori geniali come SAvicevic, Baggio, Boban... la prima cosa a cui si pensava era sbatterli come quarti di centrocampo

    Sono nati un po presto.

    Oggi avrebbero molta piu liberta e non sarebbero incastrati... ma e anche vero che atleticamente avrebbero piu difficolta.

    Comunque quel Milan lo avrei voluto vedere con il modulo che va piu di moda in questo momento : un 4231 con piu liberta per i Donadoni, Baggio, Savicevic, Boban...

  5. #14
    Member L'avatar di mistergao
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    Rho
    Messaggi
    1,315
    Citazione Originariamente Scritto da dhorasoosarebbetitolare Visualizza Messaggio
    Ti faccio i complimenti per il bellissimo post nostalgico. Finiva un'era ma al contrario di oggi, c'era molta speranza per il futuro.
    Si chiudeva un ciclo e se ne stava per aprire un altro, quello del Milan contemporaneo.
    Sicuramente un Milan che sarebbe stato meno invincibile ma molto spettacolare e pieno di grandi campioni.


    Ho solo un appunto da fare: mettere Baggio tra i gregari mi sembra davvero ingiusto.
    Fu con noi solamente due stagioni, la prima con Capello la seconda con il povero Tabarez per poi essere spedito a Bologna dal folle ritorno di Don Fabio.
    Robertino rappresenta uno dei più grossi rimpianti del mio Milan. Purtroppo venne nel momento sbagliato con un allenatore agli sgoccioli che non lo sopportava.
    Citazione Originariamente Scritto da The Ripper Visualizza Messaggio
    Ricordo benissimo la partita.
    Due appunti: Costacurta agli sgoccioli non era. Ancora aveva qualcosa da dare.
    E Baggio gregario proprio non era.
    Comunque fu una partita davvero particolare. Ho tanta malinconia se ci penso. Era la fine di un'era pazzesca.



    Non ugualmente mitica a mio modo di vedere, ma allo stesso modo, se ci pensate, finì l'era Ancelotti: Milan-Arsenal.
    Rispondo sul discorso Baggio "gregario" visto che mi sembra abbia causato non pochi malumori.
    Partiamo da un presupposto: io ho adorato pochi giocatori come Roberto Baggio, non solo come calciatore, ma soprattutto come uomo e continuo a ritenere, a quattordici anni di distanza, che Trapattoni abbia fatto molto male a non portarlo in Corea-Giappone nel 2002.
    Scritto ciò, Roberto Baggio non è stato tra i grandi protagonisti del Milan di Capello: nel 95/96 spesso veniva criticato da stampa e tifosi, non si esprimeva al 100% (anche a causa di una serie di problemi fisici), molto raramente giocava 90 minuti, ma entrava in corso d'opera o veniva sostituito. Per quanto mi piacesse e lo ammiri, non lo metterei tra i grandi protagonisti di quella squadra. Chiaro, poi io ho esagerato mettendo il suo nome vicino a quelli di Ielpo e Locatelli, ma rimane un giocatore con un ruolo minore all'interno di uno squadrone che andava spegnendosi.

    Su Costacurta: guarda, secondo me il meglio lo ha dato con Baresi al suo fianco. Quando Franco si è ritirato il suo rendimento è calato. Ha avuto delle buone annate ma non è stato più quello di prima. Per onestà intellettuale ammetto che il mio giudizio sul giocatore è influenzato dall'antipatia che ho sempre provato per lui, magari con altri giocatori sarei stato meno cattivo.

  6. #15
    Bannato
    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    2,130
    Citazione Originariamente Scritto da mistergao Visualizza Messaggio
    Rispondo sul discorso Baggio "gregario" visto che mi sembra abbia causato non pochi malumori.
    Partiamo da un presupposto: io ho adorato pochi giocatori come Roberto Baggio, non solo come calciatore, ma soprattutto come uomo e continuo a ritenere, a quattordici anni di distanza, che Trapattoni abbia fatto molto male a non portarlo in Corea-Giappone nel 2002.
    Scritto ciò, Roberto Baggio non è stato tra i grandi protagonisti del Milan di Capello: nel 95/96 spesso veniva criticato da stampa e tifosi, non si esprimeva al 100% (anche a causa di una serie di problemi fisici), molto raramente giocava 90 minuti, ma entrava in corso d'opera o veniva sostituito. Per quanto mi piacesse e lo ammiri, non lo metterei tra i grandi protagonisti di quella squadra. Chiaro, poi io ho esagerato mettendo il suo nome vicino a quelli di Ielpo e Locatelli, ma rimane un giocatore con un ruolo minore all'interno di uno squadrone che andava spegnendosi.

    Su Costacurta: guarda, secondo me il meglio lo ha dato con Baresi al suo fianco. Quando Franco si è ritirato il suo rendimento è calato. Ha avuto delle buone annate ma non è stato più quello di prima. Per onestà intellettuale ammetto che il mio giudizio sul giocatore è influenzato dall'antipatia che ho sempre provato per lui, magari con altri giocatori sarei stato meno cattivo.

    Così mi trovi d'accordo.

    Su Costacurta: è vero che il suo meglio l'ha dato con Baresi però me lo ricordo importante anche successivamente sebbene non più a quei livelli.

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.