Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23

  1. #1

    Tassotti su Seedorf, Iturbe e Mandzukic.

    Mauro Tassotti è un fiume in piena e a bordo della crociera rossonera, risponde a tantissimi argomenti. Queste le sue parole:

    "A onor del vero sono stato molto vicino a lasciare il Milan. Mi era stato detto che sarebbe arrivato un nuovo staff e che io non ne facevo parte. Ho sempre fatto fatica a lasciare questa società, ma ho parlato con Pippo e con il club e ho deciso di rimanere. Avevo detto ad Allegri che lo avrei seguito, è vero, ma poi ho deciso di rimanere. Con Seedorf è stato sicuramente un rapporto non facile. Ma sono cose passate ed è inutile parlarne. Non ha ancora parlato lui, non ha parlato la società. Da parte mia ho cercato di comportarmi con lui nel modo migliore mettendomi a sua disposizione. Ma per essere collaborativo devi anche sentirti a tuo agio e in quel periodo non stavo bene né in panchina né a Milanello. Pippo può sicuramente portare il suo entusiasmo, ha grandi conoscenze. Ha fatto due anni nel settore giovanile. Vive di calcio da sempre 24 ore su 24 ma poi ovviamente ci sarà la prova del campo. Pippo ha tutte le qualità per fare bene. Ho un bellissimo rapporto con i ragazzi. Il vantaggio di fare il vice è che non prendi decisioni che spettano al capo allenatore. Ma mi piace stare a contatto con i giocatori. Pippo è un allenatore particolare. Da giocatore studiava gli avversari, i loro movimenti e da mister è lo stesso. Ha grande attenzione sui particolari e anche sullo staff ha cercato degli specialisti come Vio e Magni. Sono state sue scelte. Balotelli con l'Inghilterra ha fatto una buona partita mentre con la Costa Rica hanno giocato male tutti. Balotelli deve capire, ma penso che lo sappia, che la squadra ha bisogno di lui e lui della squadra. Iturbe ha fatto molto bene, è sulla bocca di tutti e anche su quella di Inzaghi. E' l'ideale per il 4-3-3. Mandzukic è un giocatore di grande livello, non so che problemi abbia al Bayern ma ha sempre fatto gol e lo sta dimostrando anche al Mondiale. Inzaghi mi sta coinvolgendo tanto. Anche con Allegri ero molto coinvolto, lui è un grande allenatore e merita di trovare una grande squadra. Ho parlato con Pippo e mi ha fatto capire che mi sarei trovato bene. Lui si è confrontato con me sulle scelte degli altri collaboratori e sono convinto che faremo un bel lavoro e speriamo di fare una bella stagione. Dopo l'esonero di Allegri mi sentivo colpevole tanto quanto quelli che erano andati via. Poi una volta che ho deciso di continuare la stagione, ho deciso di andare in fondo. Le difficoltà sono venute fuori successivamente e mi sono trovato a lavorare con una persona che non mi aveva scelto e anche questo forse aveva inciso sulla scelta di andare via. In passato potevo fare anche il primo allenatore ma ho fatto delle scelte. De Sciglio ha avuto una stagione travagliata e non ha trovato molta continuità. Ma ha grandi capacità tecniche, entusiasmo e anche sul piano della corsa può dare molto. Mario può fare bene nel 3-5-2 ma se ha qualcuno con cui dialogare davanti, gli fa piacere. Non è ancora calato nel ruolo di centravanti che fa con risultati alterni. Purtroppo ha delle difficoltà ad interpretare al meglio il ruolo di centravanti. Non è ancora detto con che modulo giocheremo e lo decideremo soltanto a fine mercato" . Sul tandem Balo-Pazzo sono state fatte delle scelte, bisogna capire ancora il vero ruolo di Kakà. All'inizio era un trequartista poi una seconda punta. Il Milan deve ripartire dalla famiglia Berlusconi e da Inzaghi che è stato scelto per portare il Milan in alto e anche dai nostri tifosi, vogliamo uno stadio pieno ma dipende da noi. Giocare una volta a settimana ci darà indubbi vantaggi. Speriamo che Pippo ci porti l'ottava. Non è vero che non corriamo, la cosa importante è che dobbiamo tornare a fare il Milan. Vincere e riportare entusiamo allo stadio che è quello di cui abbiamo bisogno".
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Dumbaghi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    20,678
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Mauro Tassotti è un fiume in piena e a bordo della crociera rossonera, risponde a tantissimi argomenti. Queste le sue parole:

    "A onor del vero sono stato molto vicino a lasciare il Milan. Mi era stato detto che sarebbe arrivato un nuovo staff e che io non ne facevo parte. Ho sempre fatto fatica a lasciare questa società, ma ho parlato con Pippo e con il club e ho deciso di rimanere. Avevo detto ad Allegri che lo avrei seguito, è vero, ma poi ho deciso di rimanere. Con Seedorf è stato sicuramente un rapporto non facile. Ma sono cose passate ed è inutile parlarne. Non ha ancora parlato lui, non ha parlato la società. Da parte mia ho cercato di comportarmi con lui nel modo migliore mettendomi a sua disposizione. Ma per essere collaborativo devi anche sentirti a tuo agio e in quel periodo non stavo bene né in panchina né a Milanello. Pippo può sicuramente portare il suo entusiasmo, ha grandi conoscenze. Ha fatto due anni nel settore giovanile. Vive di calcio da sempre 24 ore su 24 ma poi ovviamente ci sarà la prova del campo. Pippo ha tutte le qualità per fare bene. Ho un bellissimo rapporto con i ragazzi. Il vantaggio di fare il vice è che non prendi decisioni che spettano al capo allenatore. Ma mi piace stare a contatto con i giocatori. Pippo è un allenatore particolare. Da giocatore studiava gli avversari, i loro movimenti e da mister è lo stesso. Ha grande attenzione sui particolari e anche sullo staff ha cercato degli specialisti come Vio e Magni. Sono state sue scelte. Balotelli con l'Inghilterra ha fatto una buona partita mentre con la Costa Rica hanno giocato male tutti. Balotelli deve capire, ma penso che lo sappia, che la squadra ha bisogno di lui e lui della squadra. Iturbe ha fatto molto bene, è sulla bocca di tutti e anche su quella di Inzaghi. E' l'ideale per il 4-3-3. Mandzukic è un giocatore di grande livello, non so che problemi abbia al Bayern ma ha sempre fatto gol e lo sta dimostrando anche al Mondiale. Inzaghi mi sta coinvolgendo tanto. Anche con Allegri ero molto coinvolto, lui è un grande allenatore e merita di trovare una grande squadra. Ho parlato con Pippo e mi ha fatto capire che mi sarei trovato bene. Lui si è confrontato con me sulle scelte degli altri collaboratori e sono convinto che faremo un bel lavoro e speriamo di fare una bella stagione. Dopo l'esonero di Allegri mi sentivo colpevole tanto quanto quelli che erano andati via. Poi una volta che ho deciso di continuare la stagione, ho deciso di andare in fondo. Le difficoltà sono venute fuori successivamente e mi sono trovato a lavorare con una persona che non mi aveva scelto e anche questo forse aveva inciso sulla scelta di andare via. In passato potevo fare anche il primo allenatore ma ho fatto delle scelte. De Sciglio ha avuto una stagione travagliata e non ha trovato molta continuità. Ma ha grandi capacità tecniche, entusiasmo e anche sul piano della corsa può dare molto. Mario può fare bene nel 3-5-2 ma se ha qualcuno con cui dialogare davanti, gli fa piacere. Non è ancora calato nel ruolo di centravanti che fa con risultati alterni. Purtroppo ha delle difficoltà ad interpretare al meglio il ruolo di centravanti. Non è ancora detto con che modulo giocheremo e lo decideremo soltanto a fine mercato" . Sul tandem Balo-Pazzo sono state fatte delle scelte, bisogna capire ancora il vero ruolo di Kakà. All'inizio era un trequartista poi una seconda punta. Il Milan deve ripartire dalla famiglia Berlusconi e da Inzaghi che è stato scelto per portare il Milan in alto e anche dai nostri tifosi, vogliamo uno stadio pieno ma dipende da noi. Giocare una volta a settimana ci darà indubbi vantaggi. Speriamo che Pippo ci porti l'ottava. Non è vero che non corriamo, la cosa importante è che dobbiamo tornare a fare il Milan. Vincere e riportare entusiamo allo stadio che è quello di cui abbiamo bisogno".
    ha detto tutto e niente, in pieno stile Milan




    Importante la frase in rosso, forse ci salviamo dallo sciagurato centrocampo a 3.

  4. #3
    Su Seedorf ha detto chiaramente che non si trovava bene con lui, quindi evidentemente le voci relative a qualche comportamento "sui generis" dell'olandese erano vere. E per far andare via a gambe levate uno come Tassotti ce ne vuole. Ho grande stima e rispetto per lui. D'altra parte è l'ultimo grande vecchio rimasto al Milan e sebbene non voglia sporcarsi più di tanto le mani, può ancora trasmettere ai nuovi cosa vuol dire vestire la nostra casacca e dare consigli molto utili.

    Su Iturbe e Mandzukic direi che ci sono conferme e gradimenti a 360°. Dipende soltanto dalla società. A quanto pare, ma era prevedibile, non compreremo in funzione del modulo ma in funzione di quanto avremo in cassa. Per questo motivo il modulo si scoprirà soltanto a fine mercato.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  5. #4
    Senior Member L'avatar di pennyhill
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Capo Boeo
    Messaggi
    5,310
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Su Seedorf ha detto chiaramente che non si trovava bene con lui, quindi evidentemente le voci relative a qualche comportamento "sui generis" dell'olandese erano vere. E per far andare via a gambe levate uno come Tassotti ce ne vuole. Ho grande stima e rispetto per lui. D'altra parte è l'ultimo grande vecchio rimasto al Milan e sebbene non voglia sporcarsi più di tanto le mani, può ancora trasmettere ai nuovi cosa vuol dire vestire la nostra casacca e dare consigli molto utili.

    Su Iturbe e Mandzukic direi che ci sono conferme e gradimenti a 360°. Dipende soltanto dalla società. A quanto pare, ma era prevedibile, non compreremo in funzione del modulo ma in funzione di quanto avremo in cassa. Per questo motivo il modulo si scoprirà soltanto a fine mercato.
    Da quanto leggo mi pare di capire che nell'eventuale futuro staff dell'olandese lui non avrebbe trovato spazio, mi pare quasi normale ci fosse e ci sia ancora, acredine nei confronti di Seedorf.

  6. #5
    Citazione Originariamente Scritto da pennyhill Visualizza Messaggio
    Da quanto leggo mi pare di capire che nell'eventuale futuro staff dell'olandese lui non avrebbe trovato spazio, mi pare quasi normale ci fosse e ci sia ancora, acredine nei confronti di Seedorf.
    dice chiaramente che non si trovava a suo agio né in panchina e né a milanello. Il che dimostra una insofferenza generale. Non credo che Tassotti riconduca tutto il suo malessere al semplice fatto che rischiava di non far parte più dello staff. Per me l'aria pesante che tirava aveva ben altre radici e motivazioni.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  7. #6
    Ale
    Ospite
    E' un rammolito in pieno stile Milan. A questo punto il raduno facciamolo dal primo settembre con il modulo scelto il giorno prima...

  8. #7
    Senior Member L'avatar di runner
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    7,206
    Grande il Tasso sempre un mito!!

    Ha detto esattamente quello che è accaduto e lo fa senza cadere nel ridicolo come fanno spesso molti personaggi nel mondo del calcio, sul modulo devono vedere se restano Kakà e Binho e poi si deciderà....

    non può certo sbilanciarsi ora, anche perchè ogni azienda del Mondo ha uno sua filosofia e idea e poi però deve fare i conti con la realtà e il mercato....

  9. #8
    Senior Member L'avatar di pennyhill
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Capo Boeo
    Messaggi
    5,310
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    dice chiaramente che non si trovava a suo agio né in panchina e né a milanello. Il che dimostra una insofferenza generale. Non credo che Tassotti riconduca tutto il suo malessere al semplice fatto che rischiava di non far parte più dello staff. Per me l'aria pesante che tirava aveva ben altre radici e motivazioni.
    Beh non credo si trattasse di lasciare semplicemente lo staff, si parlava di lasciare una società dopo 20 anni di collaborazione, quasi 35 se aggiungiamo quelli da calciatore. Una freddezza nei rapporti era quasi scontata.

  10. #9
    Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    66
    Sarà pure di famiglia, ma dopo tutto questo tempo a fare il secondo che motivazioni può avere?

  11. #10
    Moderatore L'avatar di mefisto94
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    23,305
    Citazione Originariamente Scritto da Musagete Visualizza Messaggio
    Sarà pure di famiglia, ma dopo tutto questo tempo a fare il secondo che motivazioni può avere?
    Ma lui incide poco nel bene e nel male. E' solo un supporto all'allenatore.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.