Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 39 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 383

Discussione: Serie A 2012/13

  1. #21
    Citazione Originariamente Scritto da Kurt91 Visualizza Messaggio
    Vedi sei di Brescia, come fai a non tifare per l'Olimpia del tuo compaesano Don Sergio Scariolo?

    Comunque quest'anno alla Centrale del Latte ci gioca Juan Manuel Fernandez, play italo-argentino 22enne di proprietà dell'Olimpia. Speriamo che ne esca fuori un bel giocatore.
    si ma uno non fa una squadra,parlano di smobilitazione,è gia tanto se resterà in a2.

    poi magari fa il miracolo e va in a1

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #22
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    4,449
    Nel frattempo oggi è iniziata la prima giornata di campionato che ha visto una Virtus Bologna corsara in quel di Cremona, sbancata per 74 a 63 con un grandissimo secondo tempo da parte delle V nere.

  4. #23
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    4,449
    Milano, Siena e Sassari ok

    Milano-Caserta 97-71
    Milano brinda al suo nuovo ruolo di favorita del campionato battendo Caserta 97-71 con un super Malik Hairston (7/8 al tiro, 4 assist) e con il buon debutto in maglia EA7 di Basile e Chiotti. Importanti Fotsis e Melli nei momenti che hanno deciso la gara, in ombra l’atteso Langford: Scariolo ha tanti giocatori ed è difficile per loro trovare il ritmo giusto, soprattutto a inizio stagione. Caserta fa quello che può con un roster limitato e solo 3 allenamenti nelle gambe. Sei punti in fila di Hairston danno il vantaggio a Milano dopo il buon inizio di Caserta, che allunga con Basile e Melli (26-17). Sacripanti è costretto subito a quintetti creativi con la guardia Cefarelli, alto 1. 92 come i 4/5 del quintetto, ala forte (manca il lituano Jonunas), ma la Juve tiene fino a un doppio tecnico, prima alla panchina e poi a Stefano Gentile che Melli trasforma in un 11-2 milanese (37-23). Ma non è il colpo del k.o., perché Wise e Gentile producono un 10-2 in un duello familiare con Alessandro Gentile, rientrato con un mese di anticipo dopo l’operazione alla spalla ma surclassato dal fratello maggiore (39-33). Ma la panchina della EA7 è smisurata e Chiotti produce 5 punti e 2 assist in 4’, trovandosi alla perfezione con Fotsis, per il nuovo allungo (53-37 al riposo). Hairston domina anche l’inizio della ripresa, con triple, rimbalzi offensivi, assist per Bourousis pescato benissimo dai compagni per tutto il terzo quarto (9 punti). Ma Caserta ce la mette tutta, e cede solo al 30’ con due triple milanesi (Sticevic e Basile) quando in campo ha un quintetto di dimensioni fisiche da Dnc (77-56). Gara finita, con Hendrix che si scuote e segna 9 punti nell’ultimo quarto. (Luca Chiabotti)
    Milano: Hairston 17, Fotsis 14, Bourousis, Hendrix 11.
    Caserta: Chatfield 16, Akindele 14, Wise 10.

    Sassari-Biella 79-67
    Buona la prima al PalaSerradimigni. Sassari si conferma bestia nera per l'Angelico in Lega A e piazza il primo punto della sua stagione battendo per – i piemontesi. Biella senza Soragna e Laganà, Dinamo al completo. Ritmo alto, sulla tripla di Drake Diener è 8-2 Sassari, Biella si affida ai muscoli di Mavunga che con 8 in fila ribalta la situazione: 10-12. Cancellieri butta in mischia Jaramaz, pressione difensiva rossoblu, si fronteggiano due team che corrono e vogliono correre. Lampi di Travis Diener per il 21-16, time out Angelico e prima sirena a suonare sul 27-18. La penetrazione di Jaramaz a riavvicinare le parti (29-25), Vanuzzo scalda la mano e scrive +7, zona Cancellieri, Jaramaz mette in mostra il suo talento (32-28), la risposta in fotocopia è di Ignerski: la corsa ricomincia. Break da 5-0 firmato Moore e Biella a -2, minuto per Sacchetti, Dinamo avanti con i cugini Diener, Biella ad inseguire. A metà gara è 45-36. Dunk-show di Easley (49-38), buone difese, Vanuzzo scatenato con tripla e appoggio per il +14, Biella ha un positivo Brackins ma soffre. Break da 6-0 rossoblu, minuto per Sacchetti e zona sassarese, al 30’ è + 8 Dinamo. Quarto fallo per Ignerski, combattuta lotta da parquet, Pinton segna dai 6.75 e nella bolgia Cancelieri va al timeout (68-55). Difesa Dinamo, Biella in agguato a tentare la rimonta, Bootsy stoppa Jaramaz ma è Ignerski dalla lunetta a chiudere virtualmente la contesa. A fine gara è 79-67. (Giovanni Dessole)
    Sassari: Diener D. 18, Easley 15, Vanuzzo 13.
    Biella: Mavunga 16, Robinson 15, Brackins e Jurak 10

    Pesaro-Roma 71-75
    Roma espugna l’Adriatic Arena alla prima di campionato, grazie a due quarti vinti comodamente, il secondo e l’ultimo. La Scavolini tiene fin che può con Traini e il gioco in velocità, ma è visibilmente indietro. Pesaro apre con due triple (6-0 al 3’), Crosariol – ex di turno - ha già due falli dopo 3’: è pronto Sylvere Bryan, che il caso ha voluto si sia allenato tre settimane con Roma. La Scavolini avanza solo con i tiri pesanti (9-2 al 4’), continua a correre e si porta sul 21-15 all’8’, con un paio di accelerate di Traini (7 punti in 3’). I biancorossi guidano 27-20 al 9’, Datome (che ha superato i 1.000 punti in Serie A) e Goss tengono Roma in scia ma la squadra di Calvani ha già perso sei palloni nel primo quarto. Parità a quota 30 al 15’ e sorpasso (30-32), l’attacco di Pesaro si è inceppato (solo 7 punti nella seconda frazione). Crosariol commette il quarto fallo al 17’ (avendo giocato appena 5’), non è serata. Un super Lollo D'Ercole tiene avanti i suoi (34-39 al 19’), Pesaro si intestardisce con il tiro dall’arco (1/8 nel secondo quarto). La Virtus allunga: 34-41 al 21’, la Scavolini resiste (44-47 al 24’), con i lunghi Bryan e Mack. I numerosi errori da ambo le parti fanno sì che si mantenga l’equilibrio e Traini riporta Pesaro in avanti in chiusura di terzo periodo (53-52). D'Ercole è il migliore in campo e propizia il più 9 esterno (55-65) del 35’, con i padroni di casa che soffrono con gli esterni e infilano 2 punti in 5’ di ultimo periodo. Il margine resta in doppia cifra, i locali limano qualcosa ma non c’è più nulla da fare. (Camilla Cataldo)
    Pesaro: Traini 13, Amoroso 12, Mack e Bryan 10.
    Roma: D'Ercole 17, Datome 16, Lawal e Czyz 9.

    Avellino-Montegranaro 74-82
    Una Sidigas deludente ed ancor priva della giusta chimica incassa i fischi di un Pala Del Mauro incredulo e stizzito. Montegranaro si cala nel ruolo perfetto di alter ego degli irpini. Il fisicato Burns è la foto perfetta della concretezza del gioco degli uomini di Recalcati. L’americano segna (17 punti), lotta (6 recuperi) e principia una vittoria comunque corale che fa emergere il ritardo del gruppo di Valli. Avellino palesa evidenti lacune in cabina di regia dove aleggia, più che mai, il fantasma di Marques Green. Nell’avvio i presagi della debacle biancoverde. Montegranaro è reattiva, pronta a leggere la farraginosità della manovra dei padroni di casa. Cinciarini e Burns fanno valere reattività e concretezza firmando il primo allungo in chiusura di frazione (10-20 al 9’). Avellino è a dir poco spuntata in attacco con il solo Richardson a salvarsi dal grigiore generale. Spinelli ed Ebi dalla panca portano quel pizzico di energia che consente alla Sidigas di essere meno prevedibile e giocare qualche pallone in più in transizione (22-27). La rimonta non si completa perché la Sutor è calda da oltre l’arco (7/13 nei primi 20’) con Burns, Campani e Di Bella (37-43 all’intervallo lungo. Nella ripresa le fiammate occasionali di Avellino (44-47 con una tripla di Richardson) non distraggono la Sutor che seppur non capitalizzando al massimo in attacco tiene saldamente le mani sul match e riallarga la forbice con la classe operaia: Mazzola, Freimanis e Cinciarini propiziano un break di 13-2 che indirizza il match già al 30’ (45-60 al 30’). Il vantaggio esterno tocca anche il +19 (53-72) ed allunga l’agonia del pubblico di casa. (Massimo Roca)
    Avellino: Richardson 23, Spinelli 13, Dragovic 11.
    Montegranaro: Burns 17, Cinciarini 15, Slay 15.

    Brindisi-Varese 110-118 d.t.s.
    A Varese è servito un tempo supplementare per battere a domicilio con grande merito la matricola Brindisi, dopo una gara sostanzialmente equilibrata e decisa dal finale stratosferico di Adrian Banks, 27 punti di cui 15 (4/4 da due e 2/2 da tre) nel supplementare. I varesini alla sirena finale sorridono anche grazie alla faccia tosta del giovane Andrea De Nicolao (7 punti, 1/1 da due, 1/1 da tre, 2/2 nei tiri liberi) chirurgico dalla distanza e freddissimo dalla lunetta nel momento in cui ha posto il sigillo alla dodicesima vittoria consecutiva degli uomini di coach Vitucci dall’inizio del precampionato. Di contro l’Enel di Piero Bucchi ha accarezzato il sogno della prima vittoria davanti al proprio pubblico fino a trenta secondi dal 40' con il +7 (90-83) firmato dalla lunetta da Robert Fultz, dopo il quinto fallo sanzionato al generosissimo Mike Green (15 punti, 6/8 da due e 6 assist). Un sogno trasformatosi subito in illusione per colpa dei 5 punti consecutivi di Ebi Ere (32 il suo totale), che in coppia con Bryant Duston (22, 8/12 da due) ha rappresentato la vera spina nel fianco della difesa biancazzurra. Ai padroni di casa non sono bastati i 34 punti realizzati da Jonathan Gibson (7/11 da due, 2/8 da tre, 14/18 tiri liberi) l’energia di Jeff Viggiano (18) e la vitalità ritrovata nella seconda parte della gara di Antywane Robinson, in sostanza anonimo nei primi due quarti. (Giuseppe Mazzone)
    Brindisi: Gibson 34, Robinson 19, Viggiano 18.
    Varese: Ere 32, Banks, 27, Dunston 22, Green 15

    Reggio Emilia-Siena 56-61
    Ci mette 38 minuti Siena a domare una Trenkwalder che butta in campo orgoglio, cuore e tanta buona volontà alla ricerca dell'impresa al debutto in Serie A dopo cinque stagioni in LegaDue. I campioni d’Italia sono ancora in ritardo e contro la difesa dei reggiani faticano enormemente, tanto che si ritrovano a dover inseguire per lunghi tratti del match e solo nel finale riescono a mettere la freccia e a conquistare il successo. Il 61-56 finale è frutto di difese durissime e di un'aspra battaglia. Reggio conduce a lungo, arriva sul +7 (43-36) grazie a una tripla di Jeremic, poi però comincia a pagare lo sforzo e, a poco a poco, la Montepaschi fa la differenza con la sua fisicità, stritolando i padroni di casa e costringendoli alla resa. La Trenkwalder arriva sul rettilineo finale con la lingua a penzoloni, tanto che nell’ultimo quarto realizza solo 8 punti ma è comunque brava a non farsi travolgere e a difendere con orgoglio il proprio fortino evitando una sconfitta pesante e restando in partita fino a 40" dalla fine, quando l’ennesimo pallone gettato al vento da James sancisce la sconfitta reggiana.
    Reggio Emilia: Brunner 13, Kangur 10, Ress 9
    Siena: Brown 13, Taylor 10, Jeremic 10

  5. #24
    più di 20 punti di distacco,peròòò


    o milano è stratosferica o caserta fa pena


    cmq ottimo esordio complimenti.

  6. #25
    Senior Member L'avatar di Jaqen
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Nella campagna Veneziana
    Messaggi
    9,307
    Domani big match.
    Bradipismo is the way

  7. #26
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    4,449
    Citazione Originariamente Scritto da tamba84 Visualizza Messaggio
    più di 20 punti di distacco,peròòò


    o milano è stratosferica o caserta fa pena


    cmq ottimo esordio complimenti.
    Caserta è una banda di scappati di casa, con tutto il rispetto. Però ieri abbiamo giocato molto bene ugualmente.

  8. #27
    avellino di *****, mi ha fatto perdere la schedina

  9. #28
    Vinto ieri sera. 81-61 contro Venezia... come inizio direi che non c'è male!

  10. #29
    Senior Member L'avatar di Jaqen
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Nella campagna Veneziana
    Messaggi
    9,307
    C'è tempo, c'è tempo...
    Bradipismo is the way

  11. #30
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    4,449
    Citazione Originariamente Scritto da Lollo7zar Visualizza Messaggio
    avellino di *****, mi ha fatto perdere la schedina
    Lollo occhio con le parolacce

Pagina 3 di 39 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.