Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 32

Discussione: Salary cap e Superlega

  1. #21
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    27,784
    Citazione Originariamente Scritto da Mou Visualizza Messaggio
    Perfetto... questo volevo sapere. Grazie! Credo che comunque "culturalmente" e "sentimentalmente" il tifoso medio non sia pronto ad un calcio così, purtroppo. Vedremo...
    Secondo me dipende dal paese..di certo in Italia abituati al "Paron" e in Spagna abituati al Real e Barca che fanno cose folli sarebbe più dura..
    In premier la vedrei diversa..anche se non escluderei ad oggi che superlega e Premier potrebbero divenire due competizioni distinte..con le Inglesi che ne restano fuori..e ti dirò, potrebbe anche essere un fattore di spettacolo se alla fine si potesse fare una qualche forma di "finale" tra le due leghe
    2014-2019: Seedorf-Inzaghi-Mihajlovic-Brocchi-Montella-Gattuso-Giampaolo-Pioli

    #aveteuccisoilmilan

  2. #22
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    27,784
    Citazione Originariamente Scritto da Zosimo2410 Visualizza Messaggio
    Il problema della tassazione é il minimo.

    Non avete idea di cosa significa muoversi con il tetto degli ingaggi.

    Immagina.

    Tutte le squadre sono al limite... ti si rompe un giocatore. Non puoi sostituirlo. Oppure sbagli a dare un ingaggio alto a uno che si di ostra un mediocre. A quel punto non puoi rifilarlo piú a nessuno, ma lui ti occupa per 5 anni una parte grandissima del monte ingaggi. Per 5 anni devi stare a guardare le altre che giocano. Oppure tu hai Messi a cui scade il contratto, il tuo tetto ingaggi ti permette di offrirgli massimo 5 milioni, nel frattempo il Borussia DOrtmund hanliberato spazio salariale per 8 milioni e quindi ti porta via Messi senza che tu possa fare nulla.

    Questi sono alcuni dei centinaia di esempi del perché dopo un pó odiereste questo sistema.

    Voi adesso vedete i difetti del fpf senza apprezzarne i pregi. Questo sosprattutto perché delle proprietá miopi in Italia non hanno saputo per tempo trasformare le vecchie societá con padre-padrone in societá moderne.

    Se sei una grande squadra e sei gestita ee puoi vicere quello che vuoi.

    Se sei una piccola no. Ma questo sta nella normalitá delle cose.
    Il problema per me è la competitività del sistema..
    Tu fai l'esempio di Messi..ma sai bene che se vuoi rinnovare Messi devi semplicemente liberargli spazio salariale, magari rinunciando a Coutinho..il meccanismo è proprio questo, che un club non li può tenere tutti..e un calciatore non sceglierà un posto per far panchina pur di stare nel TOP club..Senza contare che poi questi club possono saccheggiare gli avversari rovinando i loro progetti sportivi magari togliendoli un fulcro della squadra per portarlo da loro in panchina..

    Oggi un club che fattura 700 milioni può permettersi un monte ingaggi triplo o quadruplo rispetto ad un club che fa la champions ma che magari ne fattura 150..
    Dove diavolo va a finire la competizione così?? E soprattutto il sistema attuale genera una sorta di blocco all'ingresso..
    Dobbiamo quindi accettare da qui ai prossimi 30 anni di vedere la champions giocarsela sempre e solo quelle 8 squadre?
    2014-2019: Seedorf-Inzaghi-Mihajlovic-Brocchi-Montella-Gattuso-Giampaolo-Pioli

    #aveteuccisoilmilan

  3. #23
    Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    11,293
    Citazione Originariamente Scritto da Milanforever26 Visualizza Messaggio
    Il problema per me è la competitività del sistema..
    Tu fai l'esempio di Messi..ma sai bene che se vuoi rinnovare Messi devi semplicemente liberargli spazio salariale, magari rinunciando a Coutinho..il meccanismo è proprio questo, che un club non li può tenere tutti..e un calciatore non sceglierà un posto per far panchina pur di stare nel TOP club..Senza contare che poi questi club possono saccheggiare gli avversari rovinando i loro progetti sportivi magari togliendoli un fulcro della squadra per portarlo da loro in panchina..

    Oggi un club che fattura 700 milioni può permettersi un monte ingaggi triplo o quadruplo rispetto ad un club che fa la champions ma che magari ne fattura 150..
    Dove diavolo va a finire la competizione così?? E soprattutto il sistema attuale genera una sorta di blocco all'ingresso..
    Dobbiamo quindi accettare da qui ai prossimi 30 anni di vedere la champions giocarsela sempre e solo quelle 8 squadre?
    Ma per liberare spazio per Messi vendendo Coutinho devintrovare qualcuno che si accolli il contrattone di Coutinho, che avendo dimostrato di non valere quella cifra, nessuno si vuole accollare. Ergo sei costretto a tenerti Coutinho e a mollare Messi, questo perché la struttura salariale ingessa le tue opzioni.

    Per me chi non acccetta i limiti del fpf, tantopiú non accetterebbe quelli del SC.

  4. #24
    Bannato
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    4,489
    Citazione Originariamente Scritto da Zosimo2410 Visualizza Messaggio
    Ma per liberare spazio per Messi vendendo Coutinho devintrovare qualcuno che si accolli il contrattone di Coutinho, che avendo dimostrato di non valere quella cifra, nessuno si vuole accollare. Ergo sei costretto a tenerti Coutinho e a mollare Messi, questo perché la struttura salariale ingessa le tue opzioni.

    Per me chi non acccetta i limiti del fpf, tantopiú non accetterebbe quelli del SC.

    Insomma, in pratica il calcio per club è entrato in una situazione senza uscita, giusto?

  5. #25
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    27,784
    Citazione Originariamente Scritto da Zosimo2410 Visualizza Messaggio
    Ma per liberare spazio per Messi vendendo Coutinho devintrovare qualcuno che si accolli il contrattone di Coutinho, che avendo dimostrato di non valere quella cifra, nessuno si vuole accollare. Ergo sei costretto a tenerti Coutinho e a mollare Messi, questo perché la struttura salariale ingessa le tue opzioni.

    Per me chi non acccetta i limiti del fpf, tantopiú non accetterebbe quelli del SC.
    faccio l'esempio di coutinho, ma ci sono altri..poi attenzione, questo potrebbe anche diventare un sistema per ridurre i vergognosi aumenti si stipendio continuamente chiesti dai calciatori..
    Tu hai messi che prende 20 milioni, non è che per rinnovarlo a 28 devi liberare 28 milioni..20 già li impegna lui..ne devi liberare "solo" 8..
    Se poi invece Messi pretende 40 milioni allora il discorso cambia..ma ricordiamo sempre che per lo stesso motivo, senza accordo, tu finché hai con me il contratto non vai da nessuna parte senza il mio consenso..

    Poi certo, ci saranno anche dei contro, non lo nego..sarebbe un sistema nuovo da digerire..ma oggi sennò la via è tracciata e chi non fa parte del gruppo dei nobili oggi resterà per sempre indietro salvo miracoli sportivi (se poi non arriva il chelsea di turno a offrire il triplo di ingaggio al tuo talento scovato a pochi milioni)
    2014-2019: Seedorf-Inzaghi-Mihajlovic-Brocchi-Montella-Gattuso-Giampaolo-Pioli

    #aveteuccisoilmilan

  6. #26
    Senior Member L'avatar di diavoloINme
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    18,793
    Citazione Originariamente Scritto da Zosimo2410 Visualizza Messaggio
    Il problema della tassazione é il minimo.

    Non avete idea di cosa significa muoversi con il tetto degli ingaggi.

    Immagina.

    Tutte le squadre sono al limite... ti si rompe un giocatore. Non puoi sostituirlo. Oppure sbagli a dare un ingaggio alto a uno che si di ostra un mediocre. A quel punto non puoi rifilarlo piú a nessuno, ma lui ti occupa per 5 anni una parte grandissima del monte ingaggi. Per 5 anni devi stare a guardare le altre che giocano. Oppure tu hai Messi a cui scade il contratto, il tuo tetto ingaggi ti permette di offrirgli massimo 5 milioni, nel frattempo il Borussia DOrtmund hanliberato spazio salariale per 8 milioni e quindi ti porta via Messi senza che tu possa fare nulla.

    Questi sono alcuni dei centinaia di esempi del perché dopo un pó odiereste questo sistema.

    Voi adesso vedete i difetti del fpf senza apprezzarne i pregi. Questo sosprattutto perché delle proprietá miopi in Italia non hanno saputo per tempo trasformare le vecchie societá con padre-padrone in societá moderne.

    Se sei una grande squadra e sei gestita ee puoi vicere quello che vuoi.

    Se sei una piccola no. Ma questo sta nella normalitá delle cose.
    E' un discorso molto complesso.
    Sono tutti bravi a riempirsi la bocca di belle parole ( non parlo dei tifosi ovviamente ma dei parrucconi della uefa) ma il fair play io lo vedo solo nel nome : fpf.
    Per il resto c'è troppa approssimazione.
    Quel che dici tu circa la miopia di alcuni dirigenti è vero, anzi verissimo, però è anche doveroso sottolineare che il movimento calcistico non si sposta mai da solo ma coinvolge altri fattori del paese, non per ultime la burocrazia e le amministrazioni comunali.
    Insomma, ti faccio un banale esempio, come potrebbero essere i nostri clubs al passo coi tempi e sullo stesso livello delle inglesi di turno se non hanno nemmeno lo stadio di proprietà?
    La uefa ha tracciato il futuro ma poi , inevitabilmente, sono venute a galle le difficoltà vere che i diversi paesi stanno affrontando.
    Non ci potrà mai essere vero fair play se i fatturati dei clubs sono diversi e se i valori dei campionati sono cosi diversi.
    Ti inviterei a notare una cosa : bayern, juve e paris saint germain oggi sono delle eccellenze. Lo sono anche perchè nei rispettivi campionati hanno cannibalizzato il sistema non solo nel campionato e nei risultati ma anche nel controllo stesso del sistema per ciò che concerne il mercato interno e tutto il resto.
    In europa però stentano a fare, ultimamente, quell'ulteriore salto di qualità e si sono assestate tra le migliori 8.
    Pare invece che il fpf abbia consacrato il modello inglese. E' un caso ?
    Per me non lo è.
    Parliamo del miglior campionato del continente, una lega che le tv si scannano per accaparrarsi e che vale molto molto di più della serie A in termini di soldoni.
    La premier è gestita in modo totalmente diverso dagli altri campionati, la spartizione proventi derivanti dai diritti tv mira alla crescita del sistema e non all'arricchimento dei soliti noti.
    Ecco, questo è un modus operandi che rispecchia i valori del fair play.
    Se tutti i campionati fossero come la premier forse potremmo parlare di fpf ma, visto come stanno le cose, il fair play per me oggi è una chimera.
    Se non vengono uniformati i campionati, se non si sono le stesse condizioni, se non ci sono campionati simili per valori non ci sarà mai fpf nella massima manifestazione continentale per club.
    Il tetto salariale invece e un sistema in stile nba metterebbero dei paletti alle spese.
    Spendere compatibilmente al fatturato non accorcia le distanze ma anzi le allarga, mettere un tetto alle spese, agli ingaggi invece garantirebbe ancora la competizione.
    Senza competitività non vi sarà mai sport.
    La gente davanti la tv e negli stadi vuole assistere a gare equilibrate.
    I got guns in my head and they won’t go....

  7. #27
    Senior Member L'avatar di willcoyote85
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    9,312
    Citazione Originariamente Scritto da Zosimo2410 Visualizza Messaggio
    Il problema della tassazione é il minimo.

    Non avete idea di cosa significa muoversi con il tetto degli ingaggi.

    Immagina.

    Tutte le squadre sono al limite... ti si rompe un giocatore. Non puoi sostituirlo. Oppure sbagli a dare un ingaggio alto a uno che si di ostra un mediocre. A quel punto non puoi rifilarlo piú a nessuno, ma lui ti occupa per 5 anni una parte grandissima del monte ingaggi. Per 5 anni devi stare a guardare le altre che giocano. Oppure tu hai Messi a cui scade il contratto, il tuo tetto ingaggi ti permette di offrirgli massimo 5 milioni, nel frattempo il Borussia DOrtmund hanliberato spazio salariale per 8 milioni e quindi ti porta via Messi senza che tu possa fare nulla.

    Questi sono alcuni dei centinaia di esempi del perché dopo un pó odiereste questo sistema.

    Voi adesso vedete i difetti del fpf senza apprezzarne i pregi. Questo sosprattutto perché delle proprietá miopi in Italia non hanno saputo per tempo trasformare le vecchie societá con padre-padrone in societá moderne.

    Se sei una grande squadra e sei gestita ee puoi vicere quello che vuoi.

    Se sei una piccola no. Ma questo sta nella normalitá delle cose.
    non stiamo giocando a basket. le rose sono ampie e i giocatori più intercambiabili. se una società è così pollastra da riempire tutto il monte ingaggi con gente unica in rosa, e questa si spacca, cavoli suoi. ti tieni quel milione di margine per prendere un sostituto. così è lavorare bene.
    messi va anche ora dove lo pagano di più, con la differenza che ora son sempre gli stessi.

    e per quanto riguarda i tifosi principali insoddisfatti, puoi mettere un salary cap non perfettamente uguale per tutti, ma dipendente in minima parte da risultati storici, numero tifosi o boiate così... anche la F1 è una cosa simile, anche se fatta male.

  8. #28
    Member L'avatar di Mou
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,848
    Citazione Originariamente Scritto da Zosimo2410 Visualizza Messaggio
    Il problema della tassazione é il minimo.

    Non avete idea di cosa significa muoversi con il tetto degli ingaggi.

    Immagina.

    Tutte le squadre sono al limite... ti si rompe un giocatore. Non puoi sostituirlo. Oppure sbagli a dare un ingaggio alto a uno che si di ostra un mediocre. A quel punto non puoi rifilarlo piú a nessuno, ma lui ti occupa per 5 anni una parte grandissima del monte ingaggi. Per 5 anni devi stare a guardare le altre che giocano. Oppure tu hai Messi a cui scade il contratto, il tuo tetto ingaggi ti permette di offrirgli massimo 5 milioni, nel frattempo il Borussia DOrtmund hanliberato spazio salariale per 8 milioni e quindi ti porta via Messi senza che tu possa fare nulla.

    Questi sono alcuni dei centinaia di esempi del perché dopo un pó odiereste questo sistema.

    Voi adesso vedete i difetti del fpf senza apprezzarne i pregi. Questo sosprattutto perché delle proprietá miopi in Italia non hanno saputo per tempo trasformare le vecchie societá con padre-padrone in societá moderne.

    Se sei una grande squadra e sei gestita ee puoi vicere quello che vuoi.

    Se sei una piccola no. Ma questo sta nella normalitá delle cose.
    Quelli che per te sono svantaggi, per me invece sarebbero proprio il sale dell'intrattenimento se tu dai un contrattone a un giocatore mediocre, è giusto che poi te lo tieni nel monte salari perché la scelta sbagliata l'hai fatta tu, la colpa è la tua. Si vede continuamente in NBA. Assisteremmo a dirigenze capaci e previdenti e a dirigenze "scarse" che strapagano giocatori flop: succede anche adesso. E se a Pogba dai 30mln e poi Pogba non rendere, quel giocatore, qualora tradisca le aspettative, te lo devi tenere a quelle cifre già adesso.
    E se si rompesse? Beh, tu mi insegni che in quel caso si potrebbe fare un'eccezione al monte salari. Per esempio: un giocatore fuori da 6 mesi in su pesa sulla somma totale di 1/4 del suo stipendio. Cose così.
    Per non parlare del sistema di player trading: basta alle plusvalenze gonfiate, basta alle cifre da capogiro per i cartellini. Un giocatore vale quanto vale il suo contratto, e stop. Per me sarebbe tutto assolutamente positivo.
    Poi beh, stiamo parlando di una rivoluzione culturale e su questo hai totalmente ragione. Prima di digerire il nuovo sistema ci vorrebbero almeno 10/15 anni.
    Quanti anni avevo quando la Juve ha vinto l'ultima Champions: 3
    Quanti anni avevo quando la Juve ha vinto l'ultimo scudetto: 26

  9. #29
    Bannato
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    4,489
    Citazione Originariamente Scritto da willcoyote85 Visualizza Messaggio
    non stiamo giocando a basket. le rose sono ampie e i giocatori più intercambiabili. se una società è così pollastra da riempire tutto il monte ingaggi con gente unica in rosa, e questa si spacca, cavoli suoi. ti tieni quel milione di margine per prendere un sostituto. così è lavorare bene.
    messi va anche ora dove lo pagano di più, con la differenza che ora son sempre gli stessi.

    e per quanto riguarda i tifosi principali insoddisfatti, puoi mettere un salary cap non perfettamente uguale per tutti, ma dipendente in minima parte da risultati storici, numero tifosi o boiate così... anche la F1 è una cosa simile, anche se fatta male.
    Perfetto.


    Citazione Originariamente Scritto da diavoloINme Visualizza Messaggio
    E' un discorso molto complesso.
    Sono tutti bravi a riempirsi la bocca di belle parole ( non parlo dei tifosi ovviamente ma dei parrucconi della uefa) ma il fair play io lo vedo solo nel nome : fpf.
    Per il resto c'è troppa approssimazione.
    Quel che dici tu circa la miopia di alcuni dirigenti è vero, anzi verissimo, però è anche doveroso sottolineare che il movimento calcistico non si sposta mai da solo ma coinvolge altri fattori del paese, non per ultime la burocrazia e le amministrazioni comunali.
    Insomma, ti faccio un banale esempio, come potrebbero essere i nostri clubs al passo coi tempi e sullo stesso livello delle inglesi di turno se non hanno nemmeno lo stadio di proprietà?
    La uefa ha tracciato il futuro ma poi , inevitabilmente, sono venute a galle le difficoltà vere che i diversi paesi stanno affrontando.
    Non ci potrà mai essere vero fair play se i fatturati dei clubs sono diversi e se i valori dei campionati sono cosi diversi.
    Ti inviterei a notare una cosa : bayern, juve e paris saint germain oggi sono delle eccellenze. Lo sono anche perchè nei rispettivi campionati hanno cannibalizzato il sistema non solo nel campionato e nei risultati ma anche nel controllo stesso del sistema per ciò che concerne il mercato interno e tutto il resto.
    In europa però stentano a fare, ultimamente, quell'ulteriore salto di qualità e si sono assestate tra le migliori 8.
    Pare invece che il fpf abbia consacrato il modello inglese. E' un caso ?
    Per me non lo è.
    Parliamo del miglior campionato del continente, una lega che le tv si scannano per accaparrarsi e che vale molto molto di più della serie A in termini di soldoni.
    La premier è gestita in modo totalmente diverso dagli altri campionati, la spartizione proventi derivanti dai diritti tv mira alla crescita del sistema e non all'arricchimento dei soliti noti.
    Ecco, questo è un modus operandi che rispecchia i valori del fair play.
    Se tutti i campionati fossero come la premier forse potremmo parlare di fpf ma, visto come stanno le cose, il fair play per me oggi è una chimera.
    Se non vengono uniformati i campionati, se non si sono le stesse condizioni, se non ci sono campionati simili per valori non ci sarà mai fpf nella massima manifestazione continentale per club.
    Il tetto salariale invece e un sistema in stile nba metterebbero dei paletti alle spese.
    Spendere compatibilmente al fatturato non accorcia le distanze ma anzi le allarga, mettere un tetto alle spese, agli ingaggi invece garantirebbe ancora la competizione.
    Senza competitività non vi sarà mai sport.
    La gente davanti la tv e negli stadi vuole assistere a gare equilibrate.
    Assolutamente d’accordo con te, specie riguardo al fatto che “Spendere compatibilmente al fatturato non accorcia le distanze ma anzi le allarga, mettere un tetto alle spese, agli ingaggi invece garantirebbe ancora la competizione“.

    Anche nel calcio per nazionali competono relativamente in pochi (basta guardare l’albo d’oro dei mondiali), ma li almeno si sa che ciò che conta è solo la capacità. La capacità delle varie nazioni di produrre talenti calcistici. Ovvio che nella capacità di produrre detti talenti entrano in gioco anche la dimensione della nazione e la tradizione calcistica, ma lo strapotere del denaro li non esiste. Se l’Italia fa pena uscendo due mondiali ai gironi e non qualificandosi per il terzo sappiamo che non è per la crisi economica del 2008 che ha fatto si che altre nazionali potessero fregarci i migliori giocatori con la forza del denaro, ma solo perché non siamo stati in grado di produrli.

    Se hai una nazionale che, ipotesi, ha un giocatore che vale Shevchenko in attacco e una difesa dove il massimo che hai sono giocatori del valore di Musacchio, così te la tieni. Cavoli tuoi se non sei stato in grado di produrre giocatori competitivi per ogni ruolo, non puoi smiliardare per fare una nazionale di top players stranieri.

    Competenza, dunque. E infatti adesso le cose, per quanto riguarda la nazionale, stanno cambiando, perché difficilmente una nazione come l’Italia può non produrre talenti calcistici degni di questo nome per eoni.

    Se invece contasse la potenza economica probabilmente oggi dovremmo già prepararci a dire addio ai nostri talenti e andremmo agli europei e ai mondiali con una nazionale che varrebbe la Svezia, se va bene.

    E guardiamo l’Inghilterra: come hai detto, nel calcio per club fanno sfracelli grazie ai soldi che riescono a generare e agli stranieri che riescono a comprare ma la loro nazionale ha sempre fatto pena per l’incapacità di produrre squadre fatte solo di inglesi che fossero forti davvero.

    Col sistema attuale nel calcio di club invece puoi avere tutta la competenza che vuoi che fai ciao ciao a qualunque velleità sportiva se non sei tra i pochi sbombati di denaro.

    Nessuna nazionale può venirti a fregare il tuo Roberto Baggio o il tuo Messi, invece se oggi il Milan avesse la fortuna di produrre un Messi nel suo settore giovanile tempo zero secondi e i grandi club attuali glielo strapperebbero grazie alla loro potenza economica.

    Pensate se oggi la nostra primavera avesse prodotto un altro Baresi, un altro Paolo Maldini, un altro Filippo Galli. Quanto tempo credete che riusciremmo a trattenerli?

    Gente come Baresi o Maldini potrebbe anche voler restare con tutto il cuore, ma quando arriva il PSG, il. Barca, il Real, che gli offre un ingaggio da 25 milioni di euro all’anno che fai? Anche li riesci a trattenerli?

    L’esempio di Cristiano Ronaldo è emblematico: gioca in una nazionale come il Portogallo (nonostante sia una nazionale storicamente perdente, che probabilmente mai vincerà un mondiale e chissà quando rivincerà un europeo, proprio perché la qualità media dei giocatori che il Portogallo riesce a produrre è sempre stata modesta) quando non esiste nessuna squadra di club portoghese che potrebbe anche solo lontanamente permettersi di averlo.

    Lo stesso vale per Brasile e Argentina: sono tantissimi anni ormai che l’Intercontinentale prima e il mondiale per club poi è diventato una farsa, perché le loro squadre di club non possono permettersi di trattenere nessun giocatore forte davvero. Una volta le cose erano ben diverse, e le intercontinentali negli anni 60/70/80/90 erano spesso molto equilibrate, al punto che Pelè si considerava cinque volte campione del mondo, perché oltre ai tre mondiali vinti da lui con la nazionale ci aggiungeva pure le due intercontinentali vinte col Santos. E a proposito, oggi un club brasiliano quante possibilità avrebbe di trattenere uno come Pelè? Zero.

    Poi ai mondiali magari ti trovi con delle nazionali brasiliane e argentine fortissime, ma pensiamo a cosa sarebbero se i soldi la facessero da padrone anche nel calcio per nazionali: accadrebbe la stessa cosa che accade con i club, e sarebbero costrette ad andare ai mondiali con delle nazionali di scappati di casa, visto che la situazione economica di Brasile e Argentina è quella che è, e quindi i giocatori brasiliani e argentini più forti giocherebbero tutti per altre nazionali.

    I soldi hanno rovinato tutto, non è un luogo comune, è la realtà.

    Non a caso il calcio per club era molto migliore prima della sentenza Bosman, che limitando a tre il numero di stranieri per squadra aveva il duplice effetto di valorizzare la competenza dei vari paesi di produrre talenti calcistici (visto che otto undicesimi dovevano essere autoctoni) e di far sì che anche squadre non sbombate di denaro potessero essere protagoniste, visto che non poteva arrivare il Real di turno a saccheggiare la stella rossa di turno appena produce un top player, e il talento era molto più diffuso e “sparso” per le varie squadre.

  10. #30
    Senior Member L'avatar di willcoyote85
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    9,312
    il FPF fatto così, da un mafioso arrestato ieri, è palesemente il contrario della libertà e della giustizia. quindi ben venga qualsiasi cosa diversa da tutto ciò. i risultati a cui sta conducendo sono sotto gli occhi di tutti.

    bisogna partire da un campionato europeo dove 12-14 squadre sono fisse ed altre 6-8 a qualificazione.
    per qualificarti giochi i campionati nazionali che vanno riformati in toto.

    le squadre fisse hanno un salary cap metti da 140 a 160.
    le qualificate da 120 a 140.

    così possono vincere tutti, ma per le più amate è un tantino più facile.

    le prime fanno i playoff tipo CL. come adesso.

    come detto da altri per la tassazione, chi spende meno in tasse da all'organizzazione la parte rimanente di tasse.


    i campionati nazionali vanno ridotti ed uniformati per quelli che ambiscono a partecipare alla superlega, metti 14 squadre. quelle in superlega non partecipano. le prime dei campionati fanno un torneo per far venir fuori le mancanti 8 squadre. le ultime retrocedono coi playoff. quelle di mezzo si giocano una coppa secondaria che magari può dare 1-2 accessi alla superlega.

    dalla B in poi ogni nazione fa come gli pare.

    così TUTTI, se gestiti bene, possono vincere ma allo stesso tempo hanno più probabilità le squadre col blasone.

    non è una cosa difficile, ma certe realtà come juve, psg, bayern perderebbero il loro status di protette... per questo non lo faranno mai. è più comodo vincere tutti gli anni lo scudettino.

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600