Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

  1. #1
    Renegade
    Ospite

    Sacchi: ''Quando arrivai a Milanello...''

    La Gazzetta dello Sport intervista Arrigo Sacchi, che rivanga così il suo passato milanista: ''Arrivai a Milano e dissi: ''Vi saluto e vi ringrazio: avete avuto coraggio, e così io firmo in bianco. Mi date fiducia e io vi ripago in questo modo'' Il mio arrivo a Milano fu, come sempre, difficile. L’impatto con la squadra fu dirompente, c’era diffidenza ma non prevenzione, dicevo cose diverse sia sul calcio, sia sulla mentalità da tenere in campo, sia nella programmazione degli allenamenti. In Italia io ero visto come un eretico. L’ambiente del calcio e una parte dei giornalisti mi consideravano un eversore, un diverso, un avversario, perché mettevo in crisi la loro leadership e il loro ruolo di detentori di un sapere antiquato, vecchio, mentre i giovani e i meno conservatori mi guardavano con interesse. Una volta Galliani mi disse: ''Guarda, Arrigo, che puoi spendere quello che vuoi, non ci sono problemi!''. ''No'' risposi, ''dobbiamo comprare i giocatori che ci servono per la squadra e il gioco, e se costano poco tanto meglio, così avrete anche più pazienza: spesso chi spende molto pretende risultati subito''. Una volta mi trovavo ad Arcore, in casa di Berlusconi, quando lui ricevette una telefonata da Cesare Romiti, che allora era un importante manager della Fiat e molto vicino alla Juventus. Romiti gli disse: ''Mi ha detto l’Avvocato di riferirti di lasciar stare quel giocatore perché interessa a noi!''. Berlusconi era appena entrato nel mondo del calcio, gli Agnelli e la Juventus erano la storia del calcio italiano. Io mi ricordo che stuzzicai un po’ il presidente e lo toccai nel vivo: ''Dottore, se dobbiamo diventare la squadra più forte del mondo, non possiamo lasciare le prime scelte agli altri. Ci complicheremo la vita! Non possiamo subire pressioni da altre società per il nostro operato''. Il volto di Berlusconi si rabbuiò. Non l’avevo mai visto così arrabbiato. Prese il telefono e richiamò Romiti: ''Non permetterti più di fare una telefonata del genere!''. Ancelotti? Berlusconi si trovava a Saint Moritz. Gli telefonai. ''Mi compri Ancelotti, è un gran giocatore, un professionista esemplare, un ragazzo straordinario, un esempio per tutti.'' ''Ma come faccio a comprarle un giocatore che ha la funzionalità ridotta del 20 per cento?'' ''Ma dove sono queste funzionalità ridotte?'' chiesi al presidente. ''Nel ginocchio'' rispose lui. ''Il ginocchio non mi preoccupa, mi sarei preoccupato se le avesse avute in testa.'' Lo convinsi.''

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
     

  3. #2
    Junior Member L'avatar di Biss
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Località
    Verona
    Messaggi
    198
    Torna Arrigo torna..

  4. #3
    Senior Member L'avatar di Albijol
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    7,000
    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    . Il volto di Berlusconi si rabbuiò. Non l’avevo mai visto così arrabbiato. Prese il telefono e richiamò Romiti: ''Non permetterti più di fare una telefonata del genere!''.'
    Grande Silvio!
    Riccardo Montolivo :facepalm:

  5. #4
    Forza Mila L'avatar di diavolo
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    2,108
    Ci manca il presidente di quei tempi.
    Vogliamo Paolo Maldini nel nuovo Milan

  6. #5
    Citazione Originariamente Scritto da Albijol Visualizza Messaggio
    Grande Silvio!
    agnelli imparò la lezione e dopo chiese cortesemente a silvio di lasciargli baggio
     
    Alla presentazione del dvd della Gazzetta dello Sport dedicato a Roberto Baggio, l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, ha rivelato un curioso aneddoto sul passato del giocatore. Nel 1990 Baggio stava per trasferirsi dalla Fiorentina al Milan, l'accordo era già stato fatto, poi successe qualcosa. "L'avvocato Agnelli chiamò Berlusconi chiedendogli di lasciare alla Juventus almeno il giocatore - ha raccontato l'ad rossonero - visto che in quegli anni il Milan aveva raccolto un gran numero di trofei". Aneddoto confermato anche dallo stesso Baggio che ha aggiunto: "I passaggi dal Vicenza alla Fiorentina e da lì alla Juventus sono gli unici che ha deciso la società. Tutti gli altri li ho decisi in prima persona".
    Il fu frenguzzo

  7. #6
    Credo che in quell'occasione Romiti si riferisse a Donadoni..

  8. #7
    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    Una volta Galliani mi disse: ''Guarda, Arrigo, che puoi spendere quello che vuoi, non ci sono problemi!''. ''No'' risposi, ''dobbiamo comprare i giocatori che ci servono per la squadra e il gioco, e se costano poco tanto meglio, così avrete anche più pazienza: spesso chi spende molto pretende risultati subito''.
    Bei tempi... speriamo di riassaporarli con la nuova proprietà.

    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    Una volta mi trovavo ad Arcore, in casa di Berlusconi, quando lui ricevette una telefonata da Cesare Romiti, che allora era un importante manager della Fiat e molto vicino alla Juventus. Romiti gli disse: ''Mi ha detto l’Avvocato di riferirti di lasciar stare quel giocatore perché interessa a noi!''. Berlusconi era appena entrato nel mondo del calcio, gli Agnelli e la Juventus erano la storia del calcio italiano. Io mi ricordo che stuzzicai un po’ il presidente e lo toccai nel vivo: ''Dottore, se dobbiamo diventare la squadra più forte del mondo, non possiamo lasciare le prime scelte agli altri. Ci complicheremo la vita! Non possiamo subire pressioni da altre società per il nostro operato''. Il volto di Berlusconi si rabbuiò. Non l’avevo mai visto così arrabbiato. Prese il telefono e richiamò Romiti: ''Non permetterti più di fare una telefonata del genere!''.
    Donadoni.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  9. #8
    Member L'avatar di AndrasWave
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    prov. di Cuneo
    Messaggi
    1,053
    Questo Berlusconi non tornerà mai più. Gran peccato, da quel lato era un osso duro e pieno di entusiasmo. Anche se tutto ciò aveva un secondo fine.

    Quanto vorrei di nuovo una proprietà solida alle spalle del Milan, ma soprattutto gente competente (un DS su tutti) che opera con un minimo di coscienza calcistica. Un Milan senza teatrini.

    Eravamo davvero abituati bene, troppo bene..

  10. #9
    Senior Member L'avatar di pennyhill
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Capo Boeo
    Messaggi
    5,310
    Donadoni arrivò prima di Sacchi.

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Fabry_cekko
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    21,791
    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    La Gazzetta dello Sport intervista Arrigo Sacchi, che rivanga così il suo passato milanista: ''Arrivai a Milano e dissi: ''Vi saluto e vi ringrazio: avete avuto coraggio, e così io firmo in bianco. Mi date fiducia e io vi ripago in questo modo'' Il mio arrivo a Milano fu, come sempre, difficile. L’impatto con la squadra fu dirompente, c’era diffidenza ma non prevenzione, dicevo cose diverse sia sul calcio, sia sulla mentalità da tenere in campo, sia nella programmazione degli allenamenti. In Italia io ero visto come un eretico. L’ambiente del calcio e una parte dei giornalisti mi consideravano un eversore, un diverso, un avversario, perché mettevo in crisi la loro leadership e il loro ruolo di detentori di un sapere antiquato, vecchio, mentre i giovani e i meno conservatori mi guardavano con interesse. Una volta Galliani mi disse: ''Guarda, Arrigo, che puoi spendere quello che vuoi, non ci sono problemi!''. ''No'' risposi, ''dobbiamo comprare i giocatori che ci servono per la squadra e il gioco, e se costano poco tanto meglio, così avrete anche più pazienza: spesso chi spende molto pretende risultati subito''. Una volta mi trovavo ad Arcore, in casa di Berlusconi, quando lui ricevette una telefonata da Cesare Romiti, che allora era un importante manager della Fiat e molto vicino alla Juventus. Romiti gli disse: ''Mi ha detto l’Avvocato di riferirti di lasciar stare quel giocatore perché interessa a noi!''. Berlusconi era appena entrato nel mondo del calcio, gli Agnelli e la Juventus erano la storia del calcio italiano. Io mi ricordo che stuzzicai un po’ il presidente e lo toccai nel vivo: ''Dottore, se dobbiamo diventare la squadra più forte del mondo, non possiamo lasciare le prime scelte agli altri. Ci complicheremo la vita! Non possiamo subire pressioni da altre società per il nostro operato''. Il volto di Berlusconi si rabbuiò. Non l’avevo mai visto così arrabbiato. Prese il telefono e richiamò Romiti: ''Non permetterti più di fare una telefonata del genere!''. Ancelotti? Berlusconi si trovava a Saint Moritz. Gli telefonai. ''Mi compri Ancelotti, è un gran giocatore, un professionista esemplare, un ragazzo straordinario, un esempio per tutti.'' ''Ma come faccio a comprarle un giocatore che ha la funzionalità ridotta del 20 per cento?'' ''Ma dove sono queste funzionalità ridotte?'' chiesi al presidente. ''Nel ginocchio'' rispose lui. ''Il ginocchio non mi preoccupa, mi sarei preoccupato se le avesse avute in testa.'' Lo convinsi.''
    Quanto mi piacciono questi racconti!!!

    Grandissimo Arrigo che firma in bianco, fa risparmiare il presidente, e soprattutto, gli fa cambiare idea!

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.