Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 8 di 9 PrimaPrima ... 6789 UltimaUltima
Risultati da 71 a 80 di 84

  1. #71
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Citazione Originariamente Scritto da Efferosso Visualizza Messaggio
    No ma scusa, respirone profondo.
    Io mica sto a dire che il sistema funziona o che non c'è stata speculazione finanziaria.
    Io dico che le crisi hanno avuto molteplici facce e, si, la responsabilità è di tutti.
    La crisi dei subprime è un esempio di speculazione da parte del privato cittadino. Cioè, per quanto mi sforzi, non è che posso metterla giù diversamente se chiedo prestiti a nastro ad una banca puntando sul fatto che tanto i prezzi delle case si alzeranno e comunque glieli darò in trent'anni perché forse un domani troverò un lavoro migliore, non sto speculando su soldi che mi danno ora?

    Cioè non ho proprio capito cosa volevi che rispondessi, che i mali del mondo derivano dalla speculazione? Ci sta anche, come possibile punto di partenza (ci sta anche, mi ripeto), ma non è che la facciano "solo le banche". Il "prestito" è il problema. il "debito" è il problema. Se uno usa le sue risorse, le rischia, le perde, finisce sotto ad un ponte, è lui l'artefice del suo destino. Se invece prende le risorse degli altri, la macchia d'olio si allarga.

    Solo che il debito lo contrae chiunque:

    - Il dipendente che chiede il mutuo per allargare la casetta di periferia, e poi magari perde il lavoro.
    - L'imprenditore che apre un'impresa.
    - Lo stato che vuole fare un oleodotto.

    Chiunque fa parte di questo sistema, non è che io voglio coprire qualcuno o qualcosa, anche perché non è conosco i nomi e i cognomi degli operatori finanziari delle banche d'affari che hanno speculato coi soldi degli altri (per trovare un esempio che magari ti piace di più)

    E' una generalizzazione enorme vedere il sistema bancario come qualcosa di malvagio, ma semplicemente perché non è così. Non voglio mica fare l'avvocato del diavolo, solo che è così, davvero, non so come mettertela giù in maniera diversa da come abbia fatto fino ad ora.

    Ho come l'impressione che tu voglia farne una questione sociale, di classe, o qualcosa del genere.
    Perché mi parli di "privato investitore" e non cittadino? Uno che chiede 500k alla banca per prendersi la casa in montagna e poi non glieli ridà è un privato investitore?

    Non so. Mi sembra tanto una lotta ai colletti bianchi
    Cerco di mettertela in maniera più costruttiva e ampia,
    prima di tutto non è una questione di classe ma sicuramente si, è una questione sociale, intesa come civiltà.

    La società è un istituzione, che non scegliamo, ci viene imposta sin dalla nascita, e ha delle regole implicite.

    Il cittadino compie i suoi doveri, accettandone le regole, e la "società" in cambio gli assicura alcuni "privilegi" essenziali.

    I privilegi essenziali sono i soliti, per me scontati:

    Il diritto alla sicurezza, il diritto/dovere al lavoro, il diritto alla sanità, all'istruzione, libertà nelle scelte individuali e a tutti i beni di prima necessità:
    casa, vestiti, cibo.

    La società per fare questo si munisce delle adatte istituzioni: governo, sistema sanitario, sistema previdenziale, sistema bancario ecc. ecc.

    A mio parere il resto è tutta fuffa,
    per citare una frase fatta,
    i problemi non esistono, esistono le soluzioni.

    Oggi si sorvola troppo sulle soluzioni soffermandosi sui problemi,
    praticamente sempre dovuti a comportamenti umani errati (di istituzioni o di singoli cittadini)
    e mai a situazioni irrisolvibili.
    oggi più che mai grazie alla scienza e alla tecnologia.

    L'umanità è imperfetta, ma non è una motivazione valida per non pretendere la perfezione
    lo sforzo per raggiungerla si chiama civilizzazione e progresso.

    Se vogliamo aggiungere anche un discorso di classe, io te l'ho già detto sono favorevole a un sistema meritocratico che dia privilegi "sociali" a persone più capaci o anche, perchè no, più fortunate.
    contesto però la "forbice"
    va ristretta, per una questione di "civiltà" non può andare dal "padre di famiglia disoccupato sbattuto per strada" al Berlusconi di turno.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #72
    Efferosso
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Cerco di mettertela in maniera più costruttiva e ampia,
    prima di tutto non è una questione di classe ma sicuramente si, è una questione sociale, intesa come civiltà.

    La società è un istituzione, che non scegliamo, ci viene imposta sin dalla nascita, e ha delle regole implicite.

    Il cittadino compie i suoi doveri, accettandone le regole, e la "società" in cambio gli assicura alcuni "privilegi" essenziali.

    I privilegi essenziali sono i soliti, per me scontati:

    Il diritto alla sicurezza, il diritto/dovere al lavoro, il diritto alla sanità, all'istruzione, libertà nelle scelte individuali e a tutti i beni di prima necessità:
    casa, vestiti, cibo.

    La società per fare questo si munisce delle adatte istituzioni: governo, sistema sanitario, sistema previdenziale, sistema bancario ecc. ecc.

    A mio parere il resto è tutta fuffa,
    per citare una frase fatta,
    i problemi non esistono, esistono le soluzioni.

    Oggi si sorvola troppo sulle soluzioni soffermandosi sui problemi,
    praticamente sempre dovuti a comportamenti umani errati (di istituzioni o di singoli cittadini)
    e mai a situazioni irrisolvibili.
    oggi più che mai grazie alla scienza e alla tecnologia.

    L'umanità è imperfetta, ma non è una motivazione valida per non pretendere la perfezione
    lo sforzo per raggiungerla si chiama civilizzazione e progresso.

    Se vogliamo aggiungere anche un discorso di classe, io te l'ho già detto sono favorevole a un sistema meritocratico che dia privilegi "sociali" a persone più capaci o anche, perchè no, più fortunate.
    contesto però la "forbice"
    va ristretta, per una questione di "civiltà" non può andare dal "padre di famiglia disoccupato sbattuto per strada" al Berlusconi di turno.
    E' un discorso che condivido, e sulla redistribuzione ti seguo a braccetto, la forbice è troppo ampia.
    Solo che non vedo perché le banche dovrebbero far parte per loro modo d'essere nel sistema dalla parte "dei cattivi", dei "ricchi immeritatamente", e perché i danni li facciano i "ricchi immeritatamente" e non "i poveri lavoratori".
    Cioè, dico sul serio, la crisi dei subprime (che è stata l'apertura del vaso di pandora) l'han generata i dipendenti americani medi che si volevano comprare la casa senza poterselo permettere, non i cravattoni che fumano i cubani al circolo del golf.
    Il buco delle pensioni al "5%" lo hanno fatto i politici coi vitalizi, al "95%" i dipendenti statali da 2.000 euro al mese che hanno versato meno contributi di quelli che hanno preso.

    C'è questo immaginifico mostro, composto da banche, finanzieri, politici, Euro, Merkel, e poi c'è il popolo che viene schiacciato, indifeso, vittima. Non è il quadro reale della situazione.

    Solo che fa comodo a tutti. Ci si è creati un mostro a cui dare la colpa anche degli errori fatti da noi stessi, così da poter alzare le braccia, non fare niente, e sostenere di "non poter fare niente".

  4. #73
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Citazione Originariamente Scritto da Efferosso Visualizza Messaggio
    E' un discorso che condivido, e sulla redistribuzione ti seguo a braccetto, la forbice è troppo ampia.
    Solo che non vedo perché le banche dovrebbero far parte per loro modo d'essere nel sistema dalla parte "dei cattivi", dei "ricchi immeritatamente", e perché i danni li facciano i "ricchi immeritatamente" e non "i poveri lavoratori".
    Cioè, dico sul serio, la crisi dei subprime (che è stata l'apertura del vaso di pandora) l'han generata i dipendenti americani medi che si volevano comprare la casa senza poterselo permettere, non i cravattoni che fumano i cubani al circolo del golf.
    Il buco delle pensioni al "5%" lo hanno fatto i politici coi vitalizi, al "95%" i dipendenti statali da 2.000 euro al mese che hanno versato meno contributi di quelli che hanno preso.

    C'è questo immaginifico mostro, composto da banche, finanzieri, politici, Euro, Merkel, e poi c'è il popolo che viene schiacciato, indifeso, vittima. Non è il quadro reale della situazione.

    Solo che fa comodo a tutti. Ci si è creati un mostro a cui dare la colpa anche degli errori fatti da noi stessi, così da poter alzare le braccia, non fare niente, e sostenere di "non poter fare niente".
    Non ti seguo, forse perchè non ho una vera cultura economica,
    Mi parli di crisi nata dai dipendenti americani che volevano una casa probabilmente al di la delle proprie reali possibilità,
    questo eventuale misfatto lo stiamo pagando con una crisi globale, è evidente che qualcosa non quadra a livello istituzionale (intendo istituzioni mondiali) tra l'altro a me risultava che il "vaso di Pandora" sia stato l'uragano Katrina in america.

    Poi mi parli dei vitalizi e dei dipendenti statali, e anche qui mi sembrano chiare di chi siano le colpe e di chi andare eventualmente a penalizzare.

    A me non sembra difficile.

    Ti faccio un altro esempio, tempo fà vidi nella trasmissione di Piero Angela "quark" un servizio in cui si parlava dell'inelutabilità di un terremoto a Los Angeles di proporzioni catastrofiche, la famosa questione della falda di S. Andrea
    l'evento potrebbe verificarsi fra mille anni così come domani, il servizio mostrava uno scenario devastante per l'economia americana e di conseguenza mondiale, con quasi tutte le banche e le assicurazioni fallite per il costo dei risarcimenti del danno coperti dalle assicurazioni.
    ti sembra normale? pensi che il problema sarebbe generato dal terremoto? o forse è il sistema a non funzionare.
    nel caso accadesse ci sarebbero mille esperti a spiegarti il perchè o il per come è successo, fino a quasi renderti credibile la storia,
    ma sappiamo tutti che è una grande truffa, ora guadagnano tutti sulle assicurazioni sapendo che nel caso di un evento catastrofico, ma probabile, non pagherebbero, in compenso pagheremmo persino noi dall'altra parte del mondo.
    Credo che la crisi economica mondiale sia nata per ragioni molto simili.

  5. #74
    Efferosso
    Ospite
    Io ho una mia idea su questo, ma è lunga. Lunga e un po' contorta, che molti economisti non accolgono, quindi semplicemente penso di non voler uscire ulteriormente dal seminato, ma ti ringrazio per la conversazione.

    Bye


  6. #75
    13/04/2017 FREEDOM L'avatar di 28Maggio2003
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Messaggi
    2,590
    Ma se la Grecia esce dall'europa ci va l'inter al suo posto?

  7. #76
    Moderatore L'avatar di mefisto94
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    23,272
    Citazione Originariamente Scritto da 28Maggio2003 Visualizza Messaggio
    Ma se la Grecia esce dall'europa ci va l'inter al suo posto?
    Boh, prima ho visto Mancini che faceva la ricarica dal tabaccaio, vediamo se chiama la Merkel.

  8. #77
    Efferosso
    Ospite
    .
    Ultima modifica di Tifo'o; 08-07-2015 alle 23:54

  9. #78
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Concordo,
    ti contesto solo quando parli di colpe dei cittadini, i sindacati non sono altro che una delle innumerevoli lobby che si procurano privilegi illegittimi per poi far pagare il conto ai semplici cittadini senza particolari agganci.
    Ultima modifica di Tifo'o; 08-07-2015 alle 23:54

  10. #79
    Efferosso
    Ospite
    Scusate ma mi è proprio passata la voglia.

    Saluti.

  11. #80
    Riuppo il topic, alla fine Tsipras si sta rivelando veramente un imbecille... Tutta sta manfrina per cosa? Cioè adesso gli scenari sono decisamente peggiori rispetto a prima. A sto punto non capisco perché non ha accettato l'accordo iniziale. Cosa fai tutto sto casino se poi non hai la minima intenzione di proseguire quello che hai iniziato?

    Spero venga preso a calci. Che pagliaccio. Quelli di alba dorata ci avevan preso in pieno, toccherà a Tsipras e fallirà, al prossimo giro (non si sa quando) se la giocheranno per davvero la vittoria.

Pagina 8 di 9 PrimaPrima ... 6789 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.