Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 2 di 2

  1. #1
    Senior Member L'avatar di Blu71
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    16,001

    Precari, salari sotto i mille euro....

    ECONOMIA 30/09/2012 - ILCASO Precari, salario sotto i mille euro: 28% in meno rispetto al posto fisso

    I dati dell’Isfol: 945 euro al mese rispetto ai 1.313 euro degli occupati a tempo indeterminato

    ROMA In Italia essere precario significa anche avere uno stipendio più basso. La conferma arriva dall’Isfol che registra per i dipendenti a termine un salario medio inferiore ai mille euro, pari nel 2011 a 945 euro, appena un euro in più rispetto all’anno precedente. Ecco che la differenza con la retribuzione tipo del lavoratore fisso si fa sentire, risultando del 28% inferiore. Infatti il reddito da lavoro netto che un dipendente a tempo indeterminato prende al mese è di 1.313 euro. Non passa inosservato anche come al variare dell’età il guadagno di un precario resti al palo: si va dagli 834 euro dei 15-24enni ai 996 euro dei 35-44enni. Per le posizioni permanenti, invece, il gap è evidente: si parte dai 926 euro dei giovanissimi per arrivare a sfiorare i 1.500 euro. L’aggiornamento dei dati sui redditi mensili da lavoro dipendente, già contenuti nel Rapporto Isfol 2012, fa così luce sul valore del lavoro precario, oggi in espansione proprio a causa della crisi. Il direttore generale dell’Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, Aviana Bulgarelli, sottolinea come il divario tra i salari medi di chi ha un posto fisso e quello di chi è a tempo «risulti in crescita rispetto all’anno precedente», quando era al 27,2%. Per Bulgarelli alla base dello `sconto´ applicato ai dipendenti a termine ci sono diverse ragioni: «In primo luogo il lavoro a termine evita, con la scadenza dei contratti, l’applicazione delle fasce di anzianità previste dai contratti collettivi; inoltre i dipendenti temporanei usufruiscono in misura minore della componente retributiva legata a straordinari e ad altri emolumenti; tra i contratti a termine infine il lavoro a tempo parziale incide in misura decisamente maggiore (25,5% a fronte del 14,9% del lavoro a tempo indeterminato), contribuendo a ridurre il salario medio». Insomma i motivi sono vari e sicuramente a subire la penalizzazione maggiore sono i più giovani, con gli under-35 che rappresentano oltre il 50% del lavoro precario. Anche se ormai i rapporti a tempo si fanno strada anche tra i più adulti, con circa un milione di dipendenti senza posto fisso over-34, pure loro con guadagni medi sempre al di sotto dei mille euro. Certo è che per i più giovani, 15-24enni, non c’è scampo: siano fissi o precari, lo stipendio medio risulta sempre sotto i mille euro, risultando in media pari a 880 euro.

    Fonte: La Stampa

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Socio Milan World L'avatar di tequilad
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,299
    Triste realtà

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.