Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22

  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    62,096

    Pirateria sul web: multe fino a 250mila euro per i provider.

    L’obiettivo è combattere il download illegale di musica, libri, software. Ma incombono già due ricorsi sulla normativa antipirateria che l’Agcom, il garante per le comunicazioni, ha varato proprio ieri. Come funziona? Chiunque sia autore o proprietario di un’opera, può segnalare l’abuso all’Agcom, sul sito ddaonline.it: l’autorità, che ha 35 giorni (12nei casi più gravi) per intervenire, contatta il provider che dà accesso al web e quello che ospita il sito su cui appaiono il brano o il film «illeciti», ma pure l’utente che lo ha pubblicato e il gestore della pagina. Se il contenuto scompare, il caso si chiude. Altrimenti, i soggetti coinvolti possono difendersi entro 5 giorni: comincia un confronto di ragioni, online, al termine del quale, se la violazione è accertata, il contenuto va rimosso in 3 giorni. L’Agcom agisce anche se il provider è all’estero, ponendo un filtro. La multa per chi non obbedisce può arrivare a 250mila euro. Diventa insomma più pericoloso scaricare una foto o un album? «Lo scopo è colpire fenomeni di pirateria di massa», spiega l’Agcom: il regolamento non interessa gli utenti che aggirano il diritto d’autore con download o streaming. Ma chi contesta il provvedimento osserva che non sarà facile per il garante gestire il flusso di segnalazioni, in un oceano, il web, che muta di continuo e nel quale il delicato tema del diritto d’autore coinvolge anche quello della libertà di informazione e critica. Di più: l’Agcom assume poteri che prima erano solo della magistratura. Pure su questo vertono i ricorsi al Tar. L’autorità replica: c’è una direttiva Ue e lo scopo è promuovere la fruizione legale.
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    opendns e passa la paura

  4. #3
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Come al solito chi ruba una mela paga, i grandi abusi non vengono nemmeno presi in considerazione,
    come se vedere un film in streaming fosse come vederlo al cinema
    peccato che oggi poche famiglie si possano permettere di spendere 36 euro per andarci.

    in più la maggior parte della gente è stimolata a pagare un abbonamento internet proprio per vedere dello streaming gratuito, se si nega la possibilità gli abbonamenti caleranno favorendo l'ignoranza informatica e senza veri benefici per i diritti d'autore.

    Per anni si è combattuta una battaglia contro il download abusivi dei giochi, oggi stanno aumentando sempre più i giochi gratuiti on line, anche di qualità,
    ergo qualcosa vorrà pur dire

  5. #4
    Con tutto il rispetto e specificando che io non sono un santo, la pirateria è un reato. Se per te è cara una cosa questo non giustifica il rubarla. Se no andiamo tutti a rubare un iphone o una ferrari.

    Se tu, noi, non ci possiamo permettere una ferrari, una golf, un film, pazienza. Se nessuno la compra scendera il prezzo. Dietro un film, un gioco, un mp3, ci sono soldi.

  6. #5
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Citazione Originariamente Scritto da carlocarlo Visualizza Messaggio
    Con tutto il rispetto e specificando che io non sono un santo, la pirateria è un reato. Se per te è cara una cosa questo non giustifica il rubarla. Se no andiamo tutti a rubare un iphone o una ferrari.

    Se tu, noi, non ci possiamo permettere una ferrari, una golf, un film, pazienza. Se nessuno la compra scendera il prezzo. Dietro un film, un gioco, un mp3, ci sono soldi.
    Discorso molto complesso, non rubi un bene materiale, non privi un altra persona di una sua proprietà, non commetti nessun atto di violenza e non metti in pericolo neanche involontariamente l'incolumità fisica di altre persone, non si può assolutamente paragonare a un furto

    Il problema morale di compiere un reato non può sussistere dal momento che trattasi di provvedimenti emanati sotto un governo non eletto composto per oltre metà da pregiudicati

    In realtà sfrutti indebitamente una proprietà intelletuale, ma anche questo è opinabile
    Se io leggo la Gazzetta gratuitamente nella biblioteca sotto casa non compio reato, se la leggo on line rubo?
    idem per film libri ecc.. Aboliamo le bibliotece perchè ormai tutto è businnes?

  7. #6
    Member L'avatar di Mou
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,447
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Discorso molto complesso, non rubi un bene materiale, non privi un altra persona di una sua proprietà, non commetti nessun atto di violenza e non metti in pericolo neanche involontariamente l'incolumità fisica di altre persone, non si può assolutamente paragonare a un furto

    Il problema morale di compiere un reato non può sussistere dal momento che trattasi di provvedimenti emanati sotto un governo non eletto composto per oltre metà da pregiudicati

    In realtà sfrutti indebitamente una proprietà intelletuale, ma anche questo è opinabile
    Se io leggo la Gazzetta gratuitamente nella biblioteca sotto casa non compio reato, se la leggo on line rubo?
    idem per film libri ecc.. Aboliamo le bibliotece perchè ormai tutto è businnes?
    Le biblioteche pagano la Gazzetta e poi ne permettono l'uso a chiunque voglia. Diverso il discorso per i siti che permettono di guardare il film online senza rispettare minimamente una proprietà altrui. Perché di questo si parla: proprietà. Anche se il film è un bene immateriale, sempre bene altrui è. Il concetto di proprietà non si attenua solo perché non puoi toccare.
    Secondo il tuo ragionamento il concetto di "brevetto" per esempio è inutile.
    Tenacemente gobbo!

  8. #7
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Citazione Originariamente Scritto da mourinhomifottotuamoglie Visualizza Messaggio
    Le biblioteche pagano la Gazzetta e poi ne permettono l'uso a chiunque voglia. Diverso il discorso per i siti che permettono di guardare il film online senza rispettare minimamente una proprietà altrui. Perché di questo si parla: proprietà. Anche se il film è un bene immateriale, sempre bene altrui è. Il concetto di proprietà non si attenua solo perché non puoi toccare.
    Secondo il tuo ragionamento il concetto di "brevetto" per esempio è inutile.
    Argomenti deboli, le biblioteche pagano una stupidata i giornali e li fanno leggere a centinaia di persone, non parliamo dei bar
    senza contare che libri e film sono donati, in pratica è lo stesso identico gesto che compie una persona che rende lo stesso libro accessibile per il download
    Il "brevetto" ha indubbiamente una sua logica funzione, ma permette anche il perverso meccanismo delle industrie farmaceutiche che creano farmaci e non li rendono disponibili a cercte fasce di popolazione disagiate,
    il businnes non può sempre essere l'unico parametro di riferimento.

    In linea di massima è logico che un artista trovi profitto dalle sue creazioni, molto meno logico, sopratutto nell'era digitale che lo trovino le multinazionali del settore,
    Nel pratico è ora di trovare altri meccanismi, come per esempio una specie di Siae da applicare direttamente nel costo degli abbonamenti o roba simile

  9. #8
    Member L'avatar di Mou
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    2,447
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Argomenti deboli, le biblioteche pagano una stupidata i giornali e li fanno leggere a centinaia di persone, non parliamo dei bar
    senza contare che libri e film sono donati, in pratica è lo stesso identico gesto che compie una persona che rende lo stesso libro accessibile per il download
    Il "brevetto" ha indubbiamente una sua logica funzione, ma permette anche il perverso meccanismo delle industrie farmaceutiche che creano farmaci e non li rendono disponibili a cercte fasce di popolazione disagiate,
    il businnes non può sempre essere l'unico parametro di riferimento.

    In linea di massima è logico che un artista trovi profitto dalle sue creazioni, molto meno logico, sopratutto nell'era digitale che lo trovino le multinazionali del settore,
    Nel pratico è ora di trovare altri meccanismi, come per esempio una specie di Siae da applicare direttamente nel costo degli abbonamenti o roba simile
    Sui brevetti il dibattito è apertissimo, con una posizione "progressista" che afferma la "ingiustizia" dell'istituto in materia di salute, per esempio. Su ciò la nostra posizione è vicina
    Diverso il discorso per i film o la musica. Qui non c'è nessun interesse di benessere sociale nella loro diffusione. Essi sono una proprietà intellettuale e non un bene liberamente disponibile in internet, soprattutto gratuitamente. Potenzialmente non potrei nemmeno proiettare un film in una scuola: acquistandolo posso usufruirne privatamente, non in un luogo pubblico o aperto al pubblico. Gli audiovisivi hanno una disciplina diversa rispetto al quotidiano, che comunque pago. E pagare la SIAE non piace neppure a me eh
    Io per primo guardo film su internet, ma se parliamo di ciò che è legale e ciò che non lo è, siamo in un altro discorso.
    Tenacemente gobbo!

  10. #9
    Senior Member L'avatar di juventino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Latina
    Messaggi
    9,783
    Scaricare illegalmente è ingiusto, ma ritengo ipocrita girare attorno al fatto che il 90% dei "pirati" lo faccia perché i prezzi sono vergognosi. Non tanto i film, ma la musica è inutile lamentarsi dell'alto tasso di pirateria se tu la vendi a cifre ridicole.
    Vincere non è importante, la plusvalenza è l'unica cosa che conta
    La carta igienica usata è un quotidiano migliore di Tuttosport
    Gli unici tifosi che merita la Juventus sono i membri del suo CDA

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    23,069
    attenzione , la musica AVEVA costi assurdi.. oramai io non ricordo neanche l'ultima volta che ho comprato un CD ed è il mio lavoro !!! .. oramai se vuoi sentire un pezzo o lo ascolti su youtube oppure se proprio non vuoi sbatti spendi 90 cent e lo compri su itunes ... oramai è cambiato totalmente il mondo della musica... oramai i grossi astisti i soldoni li fanno sui live non più sulla vendita dei cd ...

    ergo.. nel cinema però è diverso.. non c'è un post vendita prodotto quindi li capisco.. dietro ad un film come dietro ad un cd ci sono soldoni che vengono spesi ..e a volte è abbastanza frustrante sapere che il tuo cd ha fatto 30 mila copie pirata sul torrent...

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.