Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

  1. #1
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    12,837

    Pippo Civati lascia il PD

    Pippo Civati ha annunciato che lascerà il gruppo PD alla camera, dopo mesi di scontri e divergenze con Matteo Renzi.
    Ha annunciato: "Esco dal gruppo per coerenza. Non mi sento più in condizione di sostenere un governo che fa quello che ha fatto senza considerare le minoranze"

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Dumbaghi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    20,600
    Ottimo, via via

  4. #3
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    1,197
    Giusto così, l'opposizione è il posto giusto per lui

  5. #4
    Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    3,449
    Finalmente uno specchio per le allodole in meno.

  6. #5
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Qui
    Messaggi
    9,029
    Apprezzabile e coraggioso.

  7. #6
    Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Pisa
    Messaggi
    606
    Vabbè finisci la legislatura e vai "fora" giusto che Renzi stia accentrando il partito. C'è bisogno di una forza che possa governare seriamente attorno ad un uomo ( non che sia il migliore Renzi eh ). Civati può fare l'opposizione "responsabile" oppure andare in qualche partitello un po più a sinistra.

  8. #7
    Finalmente uno specchio per le allodole in meno.
    infatti , era l'ultima ancora di salvezza a cui si attaccavano i sinistrorsi rimasti a votare PD
    Il fu frenguzzo

  9. #8
    Ho voluto lasciare passare un giorno, perché spesso la notte porta consiglio. L'abbando di Civati è una cosa su cui non si può avere un'opinione. Francamente, per chi come me crede che la discussione e il confronto rappresenti una risorsa per un partito e non un ostacolo, c'è ben poco da esultare. Per cui io non sono contento. Ho seguito la parabola di Pippo Civati fin dagli albori e oggi provo un profondo rammarico, rammarico e amarezza se penso a quello che "avrebbe potuto essere" e che, invece, spesso per "sua colpa" non è stato. Ho spesso condiviso alcune battaglie ma non ho mai apprezzato il suo modo di agire da sé e per sé e la sua totale mancanza dal territorio che lo ha eletto. Così è stato soprattutto in questi due ultimi anni e così è anche oggi che decide di uscire facendo prevalere le ragioni individuali a quelle di gruppo.
    Civati e Renzi erano due risorse straordinarie nella "gioventù del Pd". Avrebbero potuto davvero rappresentare le due colonne su cui fondare la nuova classe dirigente del partito. Il problema è che entrambi hanno la stessa ambizione, la necessità di essere leader. L'altro però è più bravo, più audace, più talentuoso. Civati non avrebbe mai accettato di fare il numero due, ma così facendo ha rinunciato a ruoli importanti per incidere e dimostrare cosa sa fare. E magari si sarebbe anche accorto che fare è sempre più difficile che criticare. Ma la sensazione è che abbia preferito fare il leader del nulla, novello Bertinotti, senza responsabilità vere, ma maggiore visibilità. Sono scelte personali, chiaro, ma non c'è nulla di politico in questo. Una sola cosa condivido di quanto ha scritto: i ceti popolari sono preda di Grillo e della Lega. Proprio per questo il PD è il solo argine di questo populismo. Coraggio non è abbandonare per cercare una leadership inutile, coraggio non è neanche criticare e sputare sul proprio partito (cosa che ha fatto da due anni a questa parte). Coraggio sarebbe stato accettare un incarico importante, cercando di incidere. Facendo e non criticando. L'Italia ha bisogno di azione, di cambiamento, non dell'ennesima anima bella.
    Dunque non sono contento ma la trovo una scelta naturale se guardiamo al suo costante essere contro di questi ultimi anni.
    Ora però davanti ad un malessere che cresce sarebbe auspicabile una riflessione: se chi ha preso 400.000 preferenze alle ultime primarie se ne va così è necessario farsi qualche domanda, mobilitarsi per segnalare che il pd ha per storia e definizione confini chiari e precisi che sono quelli del progressismo europeo.
    Tutto questo, naturalmente è solo il mio pensiero politico, la stima sulla persona (che ho il piacere di conoscere) resta immutata.

  10. #9
    Senior Member L'avatar di Dumbaghi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    20,600
    Citazione Originariamente Scritto da James Watson Visualizza Messaggio
    Ho voluto lasciare passare un giorno, perché spesso la notte porta consiglio. L'abbando di Civati è una cosa su cui non si può avere un'opinione. Francamente, per chi come me crede che la discussione e il confronto rappresenti una risorsa per un partito e non un ostacolo, c'è ben poco da esultare. Per cui io non sono contento. Ho seguito la parabola di Pippo Civati fin dagli albori e oggi provo un profondo rammarico, rammarico e amarezza se penso a quello che "avrebbe potuto essere" e che, invece, spesso per "sua colpa" non è stato. Ho spesso condiviso alcune battaglie ma non ho mai apprezzato il suo modo di agire da sé e per sé e la sua totale mancanza dal territorio che lo ha eletto. Così è stato soprattutto in questi due ultimi anni e così è anche oggi che decide di uscire facendo prevalere le ragioni individuali a quelle di gruppo.
    Civati e Renzi erano due risorse straordinarie nella "gioventù del Pd". Avrebbero potuto davvero rappresentare le due colonne su cui fondare la nuova classe dirigente del partito. Il problema è che entrambi hanno la stessa ambizione, la necessità di essere leader. L'altro però è più bravo, più audace, più talentuoso. Civati non avrebbe mai accettato di fare il numero due, ma così facendo ha rinunciato a ruoli importanti per incidere e dimostrare cosa sa fare. E magari si sarebbe anche accorto che fare è sempre più difficile che criticare. Ma la sensazione è che abbia preferito fare il leader del nulla, novello Bertinotti, senza responsabilità vere, ma maggiore visibilità. Sono scelte personali, chiaro, ma non c'è nulla di politico in questo. Una sola cosa condivido di quanto ha scritto: i ceti popolari sono preda di Grillo e della Lega. Proprio per questo il PD è il solo argine di questo populismo. Coraggio non è abbandonare per cercare una leadership inutile, coraggio non è neanche criticare e sputare sul proprio partito (cosa che ha fatto da due anni a questa parte). Coraggio sarebbe stato accettare un incarico importante, cercando di incidere. Facendo e non criticando. L'Italia ha bisogno di azione, di cambiamento, non dell'ennesima anima bella.
    Dunque non sono contento ma la trovo una scelta naturale se guardiamo al suo costante essere contro di questi ultimi anni.
    Ora però davanti ad un malessere che cresce sarebbe auspicabile una riflessione: se chi ha preso 400.000 preferenze alle ultime primarie se ne va così è necessario farsi qualche domanda, mobilitarsi per segnalare che il pd ha per storia e definizione confini chiari e precisi che sono quelli del progressismo europeo.
    Tutto questo, naturalmente è solo il mio pensiero politico, la stima sulla persona (che ho il piacere di conoscere) resta immutata.
    Bellissimo post

  11. #10
    Senior Member L'avatar di DMZtheRockBear
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Molfetta
    Messaggi
    5,378
    È normale,è l'unico onesto in quella marmaglia

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.