Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 18 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 82 di 93 PrimaPrima ... 3272808182838492 ... UltimaUltima
Risultati da 811 a 820 di 921
  1. #811
    Junior Member L'avatar di George Weah
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    90
    Citazione Originariamente Scritto da Casnop Visualizza Messaggio
    I nomi degli investitori privati non escono probabilmente perché sono quotati in Borsa e per il rispetto dovuto alla parte statale del consorzio, che, nella logica descritta da Repubblica, deve apparire come la protagonista assoluta della operazione. Doveri istituzionali che in Cina, Paese non libero, sono tutto. Comunque scenario davvero stupefacente, il Milan viene descritto come il primo club al mondo a controllo statale, roba che a malapena nel campionato nazionale nordcoreano si trova. Una cosa è sicura: Xi starebbe attraendo su di sé i riflettori del mondo, non può permettersi di fallire, che per un cinese è non vincere. Glielo auguriamo senza alcun interesse specifico.
    Ahahah, assolutamente alcun interesse specifico. Secondo te, se la situazione societaria fosse proprio questa, a che profili di calciatori si potrebbe aspirare?

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #812
    Andrebbe bene pure la metà di quello che ha scritto La REpubblica stamattina.
    Saremo una squadra di diavoli. I nostri colori saranno il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari! Herbert Kilpin

  4. #813
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Incredibile Milan: secondo Repubblica (che inserisce la notizia a pagina 6, tra la cronaca economica e non sportiva...) afferma che la penale esiste ed è consistente: i 100M della caparra, infatti, qualora dovesse saltare tutto si trasformeranno in penale che rimarrà nelle casse Fininvest. Ma il vero scoop è nei retroscena: l'operazione è stata effettuata su input di Xi Jinping, presidente del partito comunista cinese. Parliamo di un affare istituzionale senza precedenti.
    Il comunicato ufficiale Fininvest cita l’Haixia Capital di Bo Lu, società di investimenti con sede a Fuzhou specializzata in autostrade e ferrovie ad alta velocità. I nomi chiave sono però quelli del fondo sovrano di Stato per lo sviluppo e per gli investimenti e la Sino-Europe Sports Investment Management Changxing, delegata a rappresentare almeno altri tre gruppi industriali e finanziari privati.
    Dietro il sorprendente mistero, mantenuto anche nel giorno della firma, gli ambienti economici cinesi suggeriscono la presenza di colossi come l’immobiliare Evergrande di Guizhou, proprietaria del plurivincente club guidato in passato da Marcello Lippi, il motore di ricerca Baidu di Robin Li e il gigante dei distillati tradizionali Kweichow Moutai.
    Pronto a partecipare all’operazione ci sarebbe anche Wang Jianlin, patron di Wanda, il miliardario più ricco della Cina, già azionista dell’Atletico Madrid. In sostanza dietro l'operazione si nasconderebbe lo Stato insieme alla crema della economia cinese, che su ordine del presidente Jinping è riuscita ad esportare il capitale necessario. Da Pechino sintetizzano che è stato proprio lui, il successore di Mao, a ordinare di conquistare il club dell'unico leader occidentale che da presidente del consiglio non gli ha mai fatto visita. E lo strumento scelto è il fondo di stato sovrano.

    Rispetto all'Inter, insomma, è un'altra galassia. I cugini infatti sono stati acquistati da una società privata. Il Milan invece, nonostante l'impegno della crema imprenditoriale cinese, sarà il volto del partito comunista cinese, una sua creatura che sarà utilizzata per proiettare l'immagine della Cina in Europa. L'imperatore Xi infatti ha deciso di conquistare l'enterteinement principale europeo e consegnarlo agli sponsor cines, trasformandolo nel grande show che assicurerà alla Cina eventi quali i mondiali e a CL.
    Il privato? Pochissimo e di facciata. Anche la finanziaria Haixia è partecipata dallo Stato, il fondo sovrano ne è il portafoglio estero, mentre Sino-Europe Investment, rappresentata dal fiduciario presidenziale Yonghong Li, è il contenitore operativo autorizzato ad esportare i miliardi di yuan dei grandi finanziatori dell’ala vincente del partito, che la propaganda definisce «riformista». Uno schema collaudato: sostegno dagli oligarchi al leader, in cambio di agibilità imprenditoriale interna e non belligeranza nella «guerra alla corruzione» scatenata dallo stesso Xi. Il Milan, con i suoi vecchi successi e i giovani debiti, diventa un pezzo dello Stato cinese in Italia e nella Ue per spostare sempre più a Oriente il baricentro del pallone. Da Berlusconi, via principi rossi, a Xi Jinping: i cinesi, non solo a Milano, da ieri ingaggiano campioni.
    Perfetto. In questo mercato no, ma dai prossimi mi aspetto, come tutti, i campioni, poche storie.

  5. #814
    martinmilan
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da George Weah Visualizza Messaggio
    Ahahah, assolutamente alcun interesse specifico. Secondo te, se la situazione societaria fosse proprio questa, a che profili di calciatori si potrebbe aspirare?
    Non illuderti...giaccherini è già andato al Napoli

  6. #815
    Member L'avatar di Solo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,500
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Incredibile Milan: secondo Repubblica (che inserisce la notizia a pagina 6, tra la cronaca economica e non sportiva...) afferma che la penale esiste ed è consistente: i 100M della caparra, infatti, qualora dovesse saltare tutto si trasformeranno in penale che rimarrà nelle casse Fininvest. Ma il vero scoop è nei retroscena: l'operazione è stata effettuata su input di Xi Jinping, presidente del partito comunista cinese. Parliamo di un affare istituzionale senza precedenti.
    Il comunicato ufficiale Fininvest cita l’Haixia Capital di Bo Lu, società di investimenti con sede a Fuzhou specializzata in autostrade e ferrovie ad alta velocità. I nomi chiave sono però quelli del fondo sovrano di Stato per lo sviluppo e per gli investimenti e la Sino-Europe Sports Investment Management Changxing, delegata a rappresentare almeno altri tre gruppi industriali e finanziari privati.
    Dietro il sorprendente mistero, mantenuto anche nel giorno della firma, gli ambienti economici cinesi suggeriscono la presenza di colossi come l’immobiliare Evergrande di Guizhou, proprietaria del plurivincente club guidato in passato da Marcello Lippi, il motore di ricerca Baidu di Robin Li e il gigante dei distillati tradizionali Kweichow Moutai.
    Pronto a partecipare all’operazione ci sarebbe anche Wang Jianlin, patron di Wanda, il miliardario più ricco della Cina, già azionista dell’Atletico Madrid. In sostanza dietro l'operazione si nasconderebbe lo Stato insieme alla crema della economia cinese, che su ordine del presidente Jinping è riuscita ad esportare il capitale necessario. Da Pechino sintetizzano che è stato proprio lui, il successore di Mao, a ordinare di conquistare il club dell'unico leader occidentale che da presidente del consiglio non gli ha mai fatto visita. E lo strumento scelto è il fondo di stato sovrano.

    Rispetto all'Inter, insomma, è un'altra galassia. I cugini infatti sono stati acquistati da una società privata. Il Milan invece, nonostante l'impegno della crema imprenditoriale cinese, sarà il volto del partito comunista cinese, una sua creatura che sarà utilizzata per proiettare l'immagine della Cina in Europa. L'imperatore Xi infatti ha deciso di conquistare l'enterteinement principale europeo e consegnarlo agli sponsor cines, trasformandolo nel grande show che assicurerà alla Cina eventi quali i mondiali e a CL.
    Il privato? Pochissimo e di facciata. Anche la finanziaria Haixia è partecipata dallo Stato, il fondo sovrano ne è il portafoglio estero, mentre Sino-Europe Investment, rappresentata dal fiduciario presidenziale Yonghong Li, è il contenitore operativo autorizzato ad esportare i miliardi di yuan dei grandi finanziatori dell’ala vincente del partito, che la propaganda definisce «riformista». Uno schema collaudato: sostegno dagli oligarchi al leader, in cambio di agibilità imprenditoriale interna e non belligeranza nella «guerra alla corruzione» scatenata dallo stesso Xi. Il Milan, con i suoi vecchi successi e i giovani debiti, diventa un pezzo dello Stato cinese in Italia e nella Ue per spostare sempre più a Oriente il baricentro del pallone. Da Berlusconi, via principi rossi, a Xi Jinping: i cinesi, non solo a Milano, da ieri ingaggiano campioni.
    Pazzesco. Fosse vero anche solo la metà di quello che hanno scritto sarebbe roba da orgasmo.

  7. #816
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    18,988
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Incredibile Milan: secondo Repubblica (che inserisce la notizia a pagina 6, tra la cronaca economica e non sportiva...) afferma che la penale esiste ed è consistente: i 100M della caparra, infatti, qualora dovesse saltare tutto si trasformeranno in penale che rimarrà nelle casse Fininvest. Ma il vero scoop è nei retroscena: l'operazione è stata effettuata su input di Xi Jinping, presidente del partito comunista cinese. Parliamo di un affare istituzionale senza precedenti.
    Il comunicato ufficiale Fininvest cita l’Haixia Capital di Bo Lu, società di investimenti con sede a Fuzhou specializzata in autostrade e ferrovie ad alta velocità. I nomi chiave sono però quelli del fondo sovrano di Stato per lo sviluppo e per gli investimenti e la Sino-Europe Sports Investment Management Changxing, delegata a rappresentare almeno altri tre gruppi industriali e finanziari privati.
    Dietro il sorprendente mistero, mantenuto anche nel giorno della firma, gli ambienti economici cinesi suggeriscono la presenza di colossi come l’immobiliare Evergrande di Guizhou, proprietaria del plurivincente club guidato in passato da Marcello Lippi, il motore di ricerca Baidu di Robin Li e il gigante dei distillati tradizionali Kweichow Moutai.
    Pronto a partecipare all’operazione ci sarebbe anche Wang Jianlin, patron di Wanda, il miliardario più ricco della Cina, già azionista dell’Atletico Madrid. In sostanza dietro l'operazione si nasconderebbe lo Stato insieme alla crema della economia cinese, che su ordine del presidente Jinping è riuscita ad esportare il capitale necessario. Da Pechino sintetizzano che è stato proprio lui, il successore di Mao, a ordinare di conquistare il club dell'unico leader occidentale che da presidente del consiglio non gli ha mai fatto visita. E lo strumento scelto è il fondo di stato sovrano.

    Rispetto all'Inter, insomma, è un'altra galassia. I cugini infatti sono stati acquistati da una società privata. Il Milan invece, nonostante l'impegno della crema imprenditoriale cinese, sarà il volto del partito comunista cinese, una sua creatura che sarà utilizzata per proiettare l'immagine della Cina in Europa. L'imperatore Xi infatti ha deciso di conquistare l'enterteinement principale europeo e consegnarlo agli sponsor cines, trasformandolo nel grande show che assicurerà alla Cina eventi quali i mondiali e a CL.
    Il privato? Pochissimo e di facciata. Anche la finanziaria Haixia è partecipata dallo Stato, il fondo sovrano ne è il portafoglio estero, mentre Sino-Europe Investment, rappresentata dal fiduciario presidenziale Yonghong Li, è il contenitore operativo autorizzato ad esportare i miliardi di yuan dei grandi finanziatori dell’ala vincente del partito, che la propaganda definisce «riformista». Uno schema collaudato: sostegno dagli oligarchi al leader, in cambio di agibilità imprenditoriale interna e non belligeranza nella «guerra alla corruzione» scatenata dallo stesso Xi. Il Milan, con i suoi vecchi successi e i giovani debiti, diventa un pezzo dello Stato cinese in Italia e nella Ue per spostare sempre più a Oriente il baricentro del pallone. Da Berlusconi, via principi rossi, a Xi Jinping: i cinesi, non solo a Milano, da ieri ingaggiano campioni.
    Madonna , se tutto fosse vero saremmo una potenza economica e non calcistica .
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

  8. #817
    Junior Member L'avatar di George Weah
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    90
    Citazione Originariamente Scritto da martinmilan Visualizza Messaggio
    Non illuderti...giaccherini è già andato al Napoli
    Ahahah peccato, sarebbe comunque meglio di quelli che abbiamo adesso.
    Se la notizia fosse vera al 100%, andrebbe oltre ogni più rosea aspettativa, io comunque mi aspetto qualcosa di buono anche da questo mercato sinceramente.

  9. #818
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Incredibile Milan: secondo Repubblica (che inserisce la notizia a pagina 6, tra la cronaca economica e non sportiva...) afferma che la penale esiste ed è consistente: i 100M della caparra, infatti, qualora dovesse saltare tutto si trasformeranno in penale che rimarrà nelle casse Fininvest. Ma il vero scoop è nei retroscena: l'operazione è stata effettuata su input di Xi Jinping, presidente del partito comunista cinese. Parliamo di un affare istituzionale senza precedenti.
    Il comunicato ufficiale Fininvest cita l’Haixia Capital di Bo Lu, società di investimenti con sede a Fuzhou specializzata in autostrade e ferrovie ad alta velocità. I nomi chiave sono però quelli del fondo sovrano di Stato per lo sviluppo e per gli investimenti e la Sino-Europe Sports Investment Management Changxing, delegata a rappresentare almeno altri tre gruppi industriali e finanziari privati.
    Dietro il sorprendente mistero, mantenuto anche nel giorno della firma, gli ambienti economici cinesi suggeriscono la presenza di colossi come l’immobiliare Evergrande di Guizhou, proprietaria del plurivincente club guidato in passato da Marcello Lippi, il motore di ricerca Baidu di Robin Li e il gigante dei distillati tradizionali Kweichow Moutai.
    Pronto a partecipare all’operazione ci sarebbe anche Wang Jianlin, patron di Wanda, il miliardario più ricco della Cina, già azionista dell’Atletico Madrid. In sostanza dietro l'operazione si nasconderebbe lo Stato insieme alla crema della economia cinese, che su ordine del presidente Jinping è riuscita ad esportare il capitale necessario. Da Pechino sintetizzano che è stato proprio lui, il successore di Mao, a ordinare di conquistare il club dell'unico leader occidentale che da presidente del consiglio non gli ha mai fatto visita. E lo strumento scelto è il fondo di stato sovrano.

    Rispetto all'Inter, insomma, è un'altra galassia. I cugini infatti sono stati acquistati da una società privata. Il Milan invece, nonostante l'impegno della crema imprenditoriale cinese, sarà il volto del partito comunista cinese, una sua creatura che sarà utilizzata per proiettare l'immagine della Cina in Europa. L'imperatore Xi infatti ha deciso di conquistare l'enterteinement principale europeo e consegnarlo agli sponsor cines, trasformandolo nel grande show che assicurerà alla Cina eventi quali i mondiali e a CL.
    Il privato? Pochissimo e di facciata. Anche la finanziaria Haixia è partecipata dallo Stato, il fondo sovrano ne è il portafoglio estero, mentre Sino-Europe Investment, rappresentata dal fiduciario presidenziale Yonghong Li, è il contenitore operativo autorizzato ad esportare i miliardi di yuan dei grandi finanziatori dell’ala vincente del partito, che la propaganda definisce «riformista». Uno schema collaudato: sostegno dagli oligarchi al leader, in cambio di agibilità imprenditoriale interna e non belligeranza nella «guerra alla corruzione» scatenata dallo stesso Xi. Il Milan, con i suoi vecchi successi e i giovani debiti, diventa un pezzo dello Stato cinese in Italia e nella Ue per spostare sempre più a Oriente il baricentro del pallone. Da Berlusconi, via principi rossi, a Xi Jinping: i cinesi, non solo a Milano, da ieri ingaggiano campioni.
    Fosse vero probabilmente saremmo la squadra più potente sulla terra, roba da mettere gli sceicchi del City o PSG a lavare i gabinetti di Milanello.

  10. #819
    Senior Member L'avatar di diavoloINme
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    5,273
    Citazione Originariamente Scritto da Super_Lollo Visualizza Messaggio
    Madonna , se tutto fosse vero saremmo una potenza economica e non calcistica .
    Oltretutto è una roba 'troppo avanti' da comprendere per molti........
    Talmente complicata che ancora preferiscono pensare che i cinesi non esistono hahhahahahahhahah
    L'imprenditore che divenne salvatore.
    Il salvatore che divenne un dio.
    Il dio che divenne nessuno.
    Il tempo degli onori sta per finire.
    C'era un sogno.... chiamato milan!!

  11. #820
    Tutto molto bello, ma ora servono i primi fatti

Pagina 82 di 93 PrimaPrima ... 3272808182838492 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.