Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19

  1. #1
    Renegade
    Ospite

    Milan, Seedorf vs Inzaghi. Il Corriere li mette a confronto.

    Il Corriere della Sera decide di rispondere a quelli che vengono definiti ''Tifosi rossoneri del Web'', compiendo un vero e proprio confronto tra Clarence Seedorf e Filippo Inzaghi sulla base di numeri e statistiche, per rendere l'idea del fatto che l'olandese non abbia affatto fatto meglio del tecnico piacentino. Di seguito tutti i numeri e il confronto integrale:

    Dopo il triste pareggio del Milan a Verona contro il Chievo, sembra che nell’irritabile galassia chiamata popolo del web si sia scatenata la nostalgia per Clarence Seedorf, allenatore rossonero licenziato per far posto a Filippo Inzaghi. Nella logica elementare della lite sul web (e del tifoso italiano molto risultatista), poiché Seedorf in 19 partite ha realizzato 35 punti (media 1,84 a partita) e Inzaghi 34 in 25 (1,36), allora l’olandese ha fatto meglio e tanto valeva tenersi lui.
    Ebbene, secondo quanto emerge dai dati forniti da Opta, il Milan dell’anno scorso e quello di quest’anno sono due squadre praticamente identiche. Che ci fosse in panchina Seedorf o Inzaghi, che ci fossero in campo Balotelli, Kaká, Taarabt e Pazzini o Ménez, Honda, Bonaventura e Destro, mediamente i palloni giocati erano 653,2 o 654, con una percentuale di utilità del 79% contro l’80%.
    Minime anche le differenze sul posizionamento in campo. Il Milan di Seedorf aveva un baricentro medio di 50,4 metri, una lunghezza di squadra di 37,4 e una larghezza di 48,1. Quello di Inzaghi ha un baricentro di 48,7 metri, è leggermente più corta (34,3 metri: teoricamente un dato migliore) ed è larga 48,4. Se invece la si mette sul piano dell’atteggiamento mentale in campo, le cose non cambiano di molto. E comunque cambiano a favore di Inzaghi: il numero di palle recuperate è identico quasi al decimale (57,47 la scorsa stagione, 57,52 in questa), mentre i dati sui contrasti vinti e sui palloni intercettati sono migliorati con l’arrivo di Pippo sulla panchina rossonera (da 12,84 e 13,74 a 14,36 e 18,68).
    Stesso discorso per l’unica differenza rilevante in attacco: il Milan di Inzaghi effettua meno tiri dall’interno dell’area avversaria (6,32 contro 7,05). Ma ha una percentuale di realizzazione molto più alta: 16% contro il 12 del Milan di Seedorf (e infatti la media gol, per quanto di pochissimo, è superiore: 1,4 contro 1,37).

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
     

  3. #2
    Bannato
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    2,759
    Che problemi mentali hanno questi qui?Li ha sguinzagliati Galliani per difendere il suo pupillo Inzaghi?

    La media punti di Seedorf è migliore e pure di molto,non c'è nient'altro da aggiungere.

  4. #3
    Una sola parola li descrive perfettamente: servi.

  5. #4
    Senior Member L'avatar di Angstgegner
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    9,922
    I numeri servono ma non dicono tutto.
    Basta avere gli occhi per vedere che il Milan targato Inzaghi non ha senso di esistere, mentre quello di Seedorf quantomeno provava a giocare a calcio.

  6. #5
    Efferosso
    Ospite
    L'anno prossimo lo scudetto viene assegnato a chi ha il baricentro più alto?

  7. #6
    Senior Member L'avatar di Albijol
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    7,005
    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    Il Corriere della Sera decide di rispondere a quelli che vengono definiti ''Tifosi rossoneri del Web'', compiendo un vero e proprio confronto tra Clarence Seedorf e Filippo Inzaghi sulla base di numeri e statistiche, per rendere l'idea del fatto che l'olandese non abbia affatto fatto meglio del tecnico piacentino. Di seguito tutti i numeri e il confronto integrale:

    Dopo il triste pareggio del Milan a Verona contro il Chievo, sembra che nell’irritabile galassia chiamata popolo del web si sia scatenata la nostalgia per Clarence Seedorf, allenatore rossonero licenziato per far posto a Filippo Inzaghi. Nella logica elementare della lite sul web (e del tifoso italiano molto risultatista), poiché Seedorf in 19 partite ha realizzato 35 punti (media 1,84 a partita) e Inzaghi 34 in 25 (1,36), allora l’olandese ha fatto meglio e tanto valeva tenersi lui.
    Ebbene, secondo quanto emerge dai dati forniti da Opta, il Milan dell’anno scorso e quello di quest’anno sono due squadre praticamente identiche. Che ci fosse in panchina Seedorf o Inzaghi, che ci fossero in campo Balotelli, Kaká, Taarabt e Pazzini o Ménez, Honda, Bonaventura e Destro, mediamente i palloni giocati erano 653,2 o 654, con una percentuale di utilità del 79% contro l’80%.
    Minime anche le differenze sul posizionamento in campo. Il Milan di Seedorf aveva un baricentro medio di 50,4 metri, una lunghezza di squadra di 37,4 e una larghezza di 48,1. Quello di Inzaghi ha un baricentro di 48,7 metri, è leggermente più corta (34,3 metri: teoricamente un dato migliore) ed è larga 48,4. Se invece la si mette sul piano dell’atteggiamento mentale in campo, le cose non cambiano di molto. E comunque cambiano a favore di Inzaghi: il numero di palle recuperate è identico quasi al decimale (57,47 la scorsa stagione, 57,52 in questa), mentre i dati sui contrasti vinti e sui palloni intercettati sono migliorati con l’arrivo di Pippo sulla panchina rossonera (da 12,84 e 13,74 a 14,36 e 18,68).
    Stesso discorso per l’unica differenza rilevante in attacco: il Milan di Inzaghi effettua meno tiri dall’interno dell’area avversaria (6,32 contro 7,05). Ma ha una percentuale di realizzazione molto più alta: 16% contro il 12 del Milan di Seedorf (e infatti la media gol, per quanto di pochissimo, è superiore: 1,4 contro 1,37).
    Neanche Pellegatti sarebbe riuscito a fare un articolo del genere, neanche Suma!!! Segnatevi questo nome, Tommaso Pellizzari, l'autore dell'articolo
    Caro Tommaso, ci dici perché posti solo le statistiche che avvalorerebbero la tua tesi? Perché non pubblichi dati importanti come differenza reti, gol subiti, possesso palla? Forse perché sono a favore di Clarence?
    Il Milan di Inzaghi intercetta più palloni, ok: ma tutto ciò non sarà forse dovuto al fatto che, visto che Pippo pratica un supercatenaccio ripugnante, essendo la palla maggiormente tra i piedi degli avversari, ci siano molti più palloni da intercettare rispetto al Milan di Seedorf che optava per il possesso palla?
    Riccardo Montolivo :facepalm:

  8. #7
    Articolo vergognoso.
    Mammamia...la schiavitù esiste ancora

  9. #8
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    8,927
    Che schifo. Questi articoli sono da bruciare davanti alle redazioni che ne sono gli autori. Ovviamente, non è affatto da escludere che non ci sia messa di mezzo la società.

  10. #9
    Moderatore L'avatar di mefisto94
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    23,305
    @O Animal è passato al corriere.

  11. #10
    MISTER L'avatar di 13-33
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Parigi
    Messaggi
    787
    Ci vuole corragio per scrivere articolo del genere sopratutto quando la verita e SOTTO LE OCCHIE DI TUTTI !!!!!

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.