Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33
  1. #1

    Milan, fine della grandeur. Le domande a Gazidis.

    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare dubbi sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Ultima modifica di Toby rosso nero; 29-05-2019 alle 20:11

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Underhill84
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Livorno
    Messaggi
    8,729
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Signor pagni, la fine della grandeur l'ha messa Berlusconi dopo il 2007, gestendo la società segna il minimo briciolo di lungimiranza. Le domande le dovresti fare a lui e galliani

  3. #3
    Senior Member L'avatar di iceman.
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    13,401
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Come se adesso fossimo dei giganti.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di Andreas89
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    24,244
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Beh vista la concorrenza, con un mercato oculato ed intelligente, non svendendo nessuno, sarà possibile nuovamente lottare per la champions (la Dea ne è l'esempio). Poi c'è da dire che bisognerebbe conoscere i reali obiettivi della proprietà. Cioè mi farebbe strano pensare che un fondo speculativo, il cui obiettivo primario è quello di lucrare, guadagnare non ceda la società una volta messo a lucido i conti.

  5. #5
    Bannato
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    4,489
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare dubbi sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Facendo un mercato e un player trading intelligente ed oculato non vedo perché non sia possibile arrivare in Champions, visto che tra l’altro abbiamo risorse decisamente superiori ad Atalanta, Lazio e Roma.

  6. #6
    Bannato
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    631
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega come.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.

    Please, spiegare a Pagni che tralasciando la prima stagione con Liedholm con mercato fatto frettolosamente,

    il primo vero Milan di Berlusconi è nato con un allenatore pescato in serie B e con questa formazione:

    Galli;
    Tassotti, F Galli, Baresi, Maldini;
    Donadoni, Colombo, Ancelotti, Evani;
    Gullit, Van Basten

    5 prodotti del vivaio
    un giocatore funzionale
    1 giocatore esperto non costosissimo
    3 allora giovani speranze, uno da bergamo e due dall'Olanda,

    I guai iniziarono ad arrivare quando qualche decade più tardi Galliani iniziò a fare collezione di figurine costosisime e un pò ingiallite.

  7. #7
    Member L'avatar di Konrad
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Verona
    Messaggi
    4,850
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare dubbi sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Ma ragazzi ma quale Grandeur? Ma obiettivamente qualcuno ancora pensa che il Milan sia una Grande? Ma di cosa? Perché? Abbiamo inanellato anni di piazzamenti (5°-10° posto) lottando alla pari di squadre come Torino, Sampdoria, Sassuolo (oltre alla sorpresa di turno). L'Atalanta ci è passata davanti perché ha saputo costruire più e meglio di noi. Abbiamo avuto rose imbarazzanti con la pesantissima aggravante di un monte ingaggi spropositato e assolutamente ingiustificabile. Scouting prossimo allo zero ma solo una serie di pachidermi P0 a gravare sulle casse (e sui maroni dei tifosi). Di grande ci è rimasto solo il nome Milan, che giustificava il polpettaro prima e il calabroleso dopo a partire da un minimo sindacale di 2 milioni di stipendio a salire.
    E sia mai che il peones di turno azzeccasse un paio di mesi....subito a battere cassa..."eh si il ritocco se lo merita".

    Perdonatemi ma incollo solo perché si aprano gli occhi su alcuni aspetti:
    Stipendi Atalanta 2018-2019: il monte ingaggi
    GOMEZ – 1.6 milioni a stagione fino al 2022
    ZAPATA – 1.5 milioni a stagione fino al 2023
    ILICIC – 1 milioni a stagione fino al 2020
    PASALIC – 1 milione a stagione fino al 2022
    RIGONI – 800 mila euro a stagione fino al 2022
    TOLOI – 800 mila euro a stagione fino al 2020
    BERISHA – 700 mila euro a stagione fino al 2021
    DE ROON – 700 mila euro a stagione fino al 2021
    FREULER – 500 mila euro a stagione fino al 2022
    MASIELLO – 500 mila euro a stagione fino al 2021
    PALOMINO – 450 mila euro a stagione fino al 2020
    CASTAGNE – 400 mila euro a stagione fino al 2021
    GOLLINI – 400 mila euro a stagione fino al 2022
    ALI ADNAN – 360 mila euro a stagione fino al 2022
    DJIMSITI – 300 mila euro a stagione fino al 2019
    GOSENS – 300 mila euro a stagione fino al 2020
    HATEBOER – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    RECA – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    TUMMINELLO – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    BARROW – 250 mila euro a stagione fino al 2023
    MANCINI – 250 mila euro a stagione fino al 2023
    PESSINA – 160 mila euro a stagione fino al 2021
    VALZANIA – 160 mila euro a stagione fino al 2023
    VARNIER – 160 mila euro a stagione fino al 2023
    BETTELLA – 100 mila euro a stagione fino al 2023
    ROSSI – 100 mila euro a stagione fino al 2020

    Con il solo stipendio di Bertolacci, l'Atalanta si è pagata praticamente tutti i propri titolari in mediana, la stessa che ha triturato tante squadre. Per avere un giovane portiere che para (e ogni tanto qualche cappella la fa) bastano 400 mila euro e non servono per forza 6 milioni.

    Il discorso di Gazidis (adesso mi lincerete) non è solo un segno di rottura...è FINALMENTE il punto 0 che avremmo dovuto iniziare a percorrere quando Berlusconi si è accorto che il calcio magnatesco era finito. Professionisti, scouting, acquisti mirati, giovani da far crescere, VENDITE...SI VENDITE...non minusvalenze che sono VELENO...
    Non possiamo far finta che il FPF non esista, non possiamo fare gli struzzi, il Milan deve trovare una strada per sostenersi...le ricette? Le conoscono chi lavora nel proprio ambito...Gazidis in tal senso ne sa a pacchi su come aumentare gli introiti...siamo una società che negli ultimi 10 anni ha bruciato centinaia di milioni senza motivo e soprattutto senza risultati.4
    A me non fa paura una "purga" che porti finalmente il Milan in carreggiata....non sarà strada breve...ma gli emiri e i russi con i soldi veri stanno alla larga dal calcio italiano mafiosamente juvecentrico e povero di ritorni. Oggi conviene mille volte di più acquistare un Brighton piuttosto che un Milan...a prescindere da storia e passione dei tifosi. Prima ce ne rendiamo conto e meglio sarà.

    Siamo arrivati quinti...con una rosa decisamente migliorabile e un allenatore decisamente inesperto (non voglio dire altro)...con qualche innesto di gente "affamata" e un allenatore che appena riesca a cavare fuori l'80% del potenziale dei propri uomini possiamo ancora stare là. L'Atalanta nelle prime 4 per due anni di fila non ce la vedo. Per me a Roma, sponda Lazio, qualche bella cessione ci sarà (come sempre) e sulla Roma per me ci sarà un altro bel punto interrogativo.

    FIDUCIA...L'HO CONCESSA PER ANNI AL POLPETTARO...L'HO CONCESSA AL DUO DELLE ****AVIGLIE E VOGLIO CONCEDERLA ALLA NUOVA GESTIONE.

    A me pare ormai inevitabile voltare pagina...il vecchio MILAN è morto e sepolto...ma noi inguaribili romantici ancora parlavamo con il suo spettro. Adesso che si costruisca un nuovo MILAN...che torni competitivo e che sappia camminare con le proprie gambe.

    FORZA MILAN!!!
    "Mi aspettavo una notte così, l'avevo detto che ero pronto e oggi ho fatto doppietta. È solo l'inizio." (cit. Krzysztof Piatek)

  8. #8
    Citazione Originariamente Scritto da Konrad Visualizza Messaggio
    Ma ragazzi ma quale Grandeur? Ma obiettivamente qualcuno ancora pensa che il Milan sia una Grande? Ma di cosa? Perché? Abbiamo inanellato anni di piazzamenti (5°-10° posto) lottando alla pari di squadre come Torino, Sampdoria, Sassuolo (oltre alla sorpresa di turno). L'Atalanta ci è passata davanti perché ha saputo costruire più e meglio di noi. Abbiamo avuto rose imbarazzanti con la pesantissima aggravante di un monte ingaggi spropositato e assolutamente ingiustificabile. Scouting prossimo allo zero ma solo una serie di pachidermi P0 a gravare sulle casse (e sui maroni dei tifosi). Di grande ci è rimasto solo il nome Milan, che giustificava il polpettaro prima e il calabroleso dopo a partire da un minimo sindacale di 2 milioni di stipendio a salire.
    E sia mai che il peones di turno azzeccasse un paio di mesi....subito a battere cassa..."eh si il ritocco se lo merita".

    Perdonatemi ma incollo solo perché si aprano gli occhi su alcuni aspetti:
    Stipendi Atalanta 2018-2019: il monte ingaggi
    GOMEZ – 1.6 milioni a stagione fino al 2022
    ZAPATA – 1.5 milioni a stagione fino al 2023
    ILICIC – 1 milioni a stagione fino al 2020
    PASALIC – 1 milione a stagione fino al 2022
    RIGONI – 800 mila euro a stagione fino al 2022
    TOLOI – 800 mila euro a stagione fino al 2020
    BERISHA – 700 mila euro a stagione fino al 2021
    DE ROON – 700 mila euro a stagione fino al 2021
    FREULER – 500 mila euro a stagione fino al 2022
    MASIELLO – 500 mila euro a stagione fino al 2021
    PALOMINO – 450 mila euro a stagione fino al 2020
    CASTAGNE – 400 mila euro a stagione fino al 2021
    GOLLINI – 400 mila euro a stagione fino al 2022
    ALI ADNAN – 360 mila euro a stagione fino al 2022
    DJIMSITI – 300 mila euro a stagione fino al 2019
    GOSENS – 300 mila euro a stagione fino al 2020
    HATEBOER – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    RECA – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    TUMMINELLO – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    BARROW – 250 mila euro a stagione fino al 2023
    MANCINI – 250 mila euro a stagione fino al 2023
    PESSINA – 160 mila euro a stagione fino al 2021
    VALZANIA – 160 mila euro a stagione fino al 2023
    VARNIER – 160 mila euro a stagione fino al 2023
    BETTELLA – 100 mila euro a stagione fino al 2023
    ROSSI – 100 mila euro a stagione fino al 2020

    Con il solo stipendio di Bertolacci, l'Atalanta si è pagata praticamente tutti i propri titolari in mediana, la stessa che ha triturato tante squadre. Per avere un giovane portiere che para (e ogni tanto qualche cappella la fa) bastano 400 mila euro e non servono per forza 6 milioni.

    Il discorso di Gazidis (adesso mi lincerete) non è solo un segno di rottura...è FINALMENTE il punto 0 che avremmo dovuto iniziare a percorrere quando Berlusconi si è accorto che il calcio magnatesco era finito. Professionisti, scouting, acquisti mirati, giovani da far crescere, VENDITE...SI VENDITE...non minusvalenze che sono VELENO...
    Non possiamo far finta che il FPF non esista, non possiamo fare gli struzzi, il Milan deve trovare una strada per sostenersi...le ricette? Le conoscono chi lavora nel proprio ambito...Gazidis in tal senso ne sa a pacchi su come aumentare gli introiti...siamo una società che negli ultimi 10 anni ha bruciato centinaia di milioni senza motivo e soprattutto senza risultati.4
    A me non fa paura una "purga" che porti finalmente il Milan in carreggiata....non sarà strada breve...ma gli emiri e i russi con i soldi veri stanno alla larga dal calcio italiano mafiosamente juvecentrico e povero di ritorni. Oggi conviene mille volte di più acquistare un Brighton piuttosto che un Milan...a prescindere da storia e passione dei tifosi. Prima ce ne rendiamo conto e meglio sarà.

    Siamo arrivati quinti...con una rosa decisamente migliorabile e un allenatore decisamente inesperto (non voglio dire altro)...con qualche innesto di gente "affamata" e un allenatore che appena riesca a cavare fuori l'80% del potenziale dei propri uomini possiamo ancora stare là. L'Atalanta nelle prime 4 per due anni di fila non ce la vedo. Per me a Roma, sponda Lazio, qualche bella cessione ci sarà (come sempre) e sulla Roma per me ci sarà un altro bel punto interrogativo.

    FIDUCIA...L'HO CONCESSA PER ANNI AL POLPETTARO...L'HO CONCESSA AL DUO DELLE ****AVIGLIE E VOGLIO CONCEDERLA ALLA NUOVA GESTIONE.

    A me pare ormai inevitabile voltare pagina...il vecchio MILAN è morto e sepolto...ma noi inguaribili romantici ancora parlavamo con il suo spettro. Adesso che si costruisca un nuovo MILAN...che torni competitivo e che sappia camminare con le proprie gambe.

    FORZA MILAN!!!
    Complimenti a te. Ti pregherei di girare a Pagni queste sagge, saggissime parole
    " ...but what's puzzling you is the nature of my game! "

  9. #9
    Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    11,309
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Come riporta Luca Pagni, il comunicato di Gazidis è stato molto onesto, opera di un abile comunicatore, e ha messo dei paletti epocali nella storia milanista.
    Gazidis mette una pietra tombale sulla grandeur inizata con l'era berlusconiana, fa capire che siamo all’anno zero e che si riparte dai giovani.

    Tuttavia nella sua intervista ci sono grosse lacune, diversi punti andavano chiariti e Gazidis ha preferito dribblarli.
    A che punto è lo stadio? Gazidis dice solo che vanno trovate soluzioni ma non spiega quali.
    Con la Uefa sarà battaglia legale o diplomazia? La Champions è ancora rinviata? Il fatto che si riparta da zero rimanda ancora una volta (per il sesto anno) il ritorno in Champions? Quali sono gli obiettivi del piano industriale (se ne è stato redatto uno) per aumentare i ricavi tanto importanti?
    Maldini sceglierà l’allenatore? A oggi si possono avanzare dubbi sull’offerta di Gazidis a Maldini come capo del progetto tecnico, come ha fatto capire lo stesso Paolo.
    Dire che é un articolo prevenuto é dir poco.

    Innanzitutto la grandezza di un club la danno quantitá e attaccamento dei tifosi. E li il Milan é e rimarrá una grande squadra come hanno dimostrato le presnze a San Siro quest anno. Quando, dopo il transitorio, torneremo a competere i tifosi ci riporteranno dove meritiamo.

    Sui punti aperti..... non so veramente che dire....
    La soluzione sullo stadio va trovata con Inter e Comune, quindi chiaramente non presenta una soluzione, ma dice che sará trovata una soluzione, quale dipende anche da altri soggetti.
    Con la UEFA é chiarissimo, il Milan vuole rispettare le regole, si cercherá possibilmente un percorso condiviso per farlo, altrimenti il Milan si adeguerá a quanto stabilito dagli organi giudicanti, tra cui eventualmente anche il TAS. Ma questo non é fare la guerra, é seguire il normale iter.

    La champions non sará piú un obbiettivo per raggiungere l'equilibrio economico. Quello sará cercato indipendente dalla champions, che tornerá ad essere un obbiettivo sportivo, piú difficile all’inizio e piú semplice man mano che il piano si sviluppa.
    Piano industriale..... ma a Suning, Pallotta &C hanno chiesto di dettagliare il piano industriale? Volevamo una pagina aggiuntiva della Gazzetta per l’illustrazione del piano?

    Maldini sceglierá l’allenatore? Sarebbe il direttore tecnico! Quindi certamente, di concerto con i collaboratori ed il CEO.

    Si possono avanzare dubbi sull’offerta...... anche che la terra sia piatta, ma ció non vuol dire che ció sia sensato.

  10. #10
    Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    11,309
    Citazione Originariamente Scritto da Konrad Visualizza Messaggio
    Ma ragazzi ma quale Grandeur? Ma obiettivamente qualcuno ancora pensa che il Milan sia una Grande? Ma di cosa? Perché? Abbiamo inanellato anni di piazzamenti (5°-10° posto) lottando alla pari di squadre come Torino, Sampdoria, Sassuolo (oltre alla sorpresa di turno). L'Atalanta ci è passata davanti perché ha saputo costruire più e meglio di noi. Abbiamo avuto rose imbarazzanti con la pesantissima aggravante di un monte ingaggi spropositato e assolutamente ingiustificabile. Scouting prossimo allo zero ma solo una serie di pachidermi P0 a gravare sulle casse (e sui maroni dei tifosi). Di grande ci è rimasto solo il nome Milan, che giustificava il polpettaro prima e il calabroleso dopo a partire da un minimo sindacale di 2 milioni di stipendio a salire.
    E sia mai che il peones di turno azzeccasse un paio di mesi....subito a battere cassa..."eh si il ritocco se lo merita".

    Perdonatemi ma incollo solo perché si aprano gli occhi su alcuni aspetti:
    Stipendi Atalanta 2018-2019: il monte ingaggi
    GOMEZ – 1.6 milioni a stagione fino al 2022
    ZAPATA – 1.5 milioni a stagione fino al 2023
    ILICIC – 1 milioni a stagione fino al 2020
    PASALIC – 1 milione a stagione fino al 2022
    RIGONI – 800 mila euro a stagione fino al 2022
    TOLOI – 800 mila euro a stagione fino al 2020
    BERISHA – 700 mila euro a stagione fino al 2021
    DE ROON – 700 mila euro a stagione fino al 2021
    FREULER – 500 mila euro a stagione fino al 2022
    MASIELLO – 500 mila euro a stagione fino al 2021
    PALOMINO – 450 mila euro a stagione fino al 2020
    CASTAGNE – 400 mila euro a stagione fino al 2021
    GOLLINI – 400 mila euro a stagione fino al 2022
    ALI ADNAN – 360 mila euro a stagione fino al 2022
    DJIMSITI – 300 mila euro a stagione fino al 2019
    GOSENS – 300 mila euro a stagione fino al 2020
    HATEBOER – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    RECA – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    TUMMINELLO – 300 mila euro a stagione fino al 2022
    BARROW – 250 mila euro a stagione fino al 2023
    MANCINI – 250 mila euro a stagione fino al 2023
    PESSINA – 160 mila euro a stagione fino al 2021
    VALZANIA – 160 mila euro a stagione fino al 2023
    VARNIER – 160 mila euro a stagione fino al 2023
    BETTELLA – 100 mila euro a stagione fino al 2023
    ROSSI – 100 mila euro a stagione fino al 2020

    Con il solo stipendio di Bertolacci, l'Atalanta si è pagata praticamente tutti i propri titolari in mediana, la stessa che ha triturato tante squadre. Per avere un giovane portiere che para (e ogni tanto qualche cappella la fa) bastano 400 mila euro e non servono per forza 6 milioni.

    Il discorso di Gazidis (adesso mi lincerete) non è solo un segno di rottura...è FINALMENTE il punto 0 che avremmo dovuto iniziare a percorrere quando Berlusconi si è accorto che il calcio magnatesco era finito. Professionisti, scouting, acquisti mirati, giovani da far crescere, VENDITE...SI VENDITE...non minusvalenze che sono VELENO...
    Non possiamo far finta che il FPF non esista, non possiamo fare gli struzzi, il Milan deve trovare una strada per sostenersi...le ricette? Le conoscono chi lavora nel proprio ambito...Gazidis in tal senso ne sa a pacchi su come aumentare gli introiti...siamo una società che negli ultimi 10 anni ha bruciato centinaia di milioni senza motivo e soprattutto senza risultati.4
    A me non fa paura una "purga" che porti finalmente il Milan in carreggiata....non sarà strada breve...ma gli emiri e i russi con i soldi veri stanno alla larga dal calcio italiano mafiosamente juvecentrico e povero di ritorni. Oggi conviene mille volte di più acquistare un Brighton piuttosto che un Milan...a prescindere da storia e passione dei tifosi. Prima ce ne rendiamo conto e meglio sarà.

    Siamo arrivati quinti...con una rosa decisamente migliorabile e un allenatore decisamente inesperto (non voglio dire altro)...con qualche innesto di gente "affamata" e un allenatore che appena riesca a cavare fuori l'80% del potenziale dei propri uomini possiamo ancora stare là. L'Atalanta nelle prime 4 per due anni di fila non ce la vedo. Per me a Roma, sponda Lazio, qualche bella cessione ci sarà (come sempre) e sulla Roma per me ci sarà un altro bel punto interrogativo.

    FIDUCIA...L'HO CONCESSA PER ANNI AL POLPETTARO...L'HO CONCESSA AL DUO DELLE ****AVIGLIE E VOGLIO CONCEDERLA ALLA NUOVA GESTIONE.

    A me pare ormai inevitabile voltare pagina...il vecchio MILAN è morto e sepolto...ma noi inguaribili romantici ancora parlavamo con il suo spettro. Adesso che si costruisca un nuovo MILAN...che torni competitivo e che sappia camminare con le proprie gambe.

    FORZA MILAN!!!
    Un abbraccio fratello.

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600