Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 7 di 7

  1. #1
    Senior Member L'avatar di corvorossonero
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    7,369

    Milan cinese o ItalMilan? il punto di vista dei servi

    Apro questa discussione, previa autorizzazione, per discutere tutti insieme riguardo il pensiero dei "giornalisti" che noi tutti ormai siamo abituati a conoscere, che navigano da decenni in orbita Milan.
    Abbiamo assistito da sempre ad una difesa ad oltranza della società da parte dei soliti noti, Pelegatti,Suma, Fedele, Ordine, Ruiu in prima battuta, Di Stefano e gli altri in seconda. Il dubbio che questi giornalisti, pensino più al Berlusconismo e al loro rendiconto piuttosto che al bene del Milan ci è sempre sorto. Anche questa volta, così come con Bee, all'alba delle prime notizie che uscivano come un fulmine a ciel sereno sulla cessione, i soliti difendevano la società ed elogiavano le nostre gesta passate, quasi come voler screditare i nuovi potenziali acquirenti, visti più come nemici che come ancora di salvezza. Però giorno dopo giorno, settimane dopo settimane, i toni cominciano a cambiare, si passa dalla negazione dell'esistenza (addirittura!!) di questi cinesi, al solito "Berlusconi vuol soltanto il bene del Milan". Cominciano quindi a mettere le mani avanti, il loro eroe, forse, con grande coraggio e cuore, per il bene supremo del mondo milan, decide di lasciare la sua più grande creatura in mani diverse, straniere, agli acerrimi nemici dell'Oriente. Il primo in ordine è stato Suma, incredibilmente, che comincia a parlare di questi cinesi, dandogli un'aurea quasi mistica : "Non sappiamo i nomi, ma il Presidente ci ha assicurato che hanno patrimoni stellari", quasi come voler vincere una gara ( che allo stato attuale non esiste) con i cugini, già cinesi. Ordine lo segue a ruota, ed entrambi però mettono sempre al primo posto Berlusconi e il suo amico fidato, Galliani, che guideranno questo Milan alle gesta di un tempo. Nel frattempo come ogni cosa che riguardi il mondo Berlusconi, poca luce e molte zone d'ombra. In tutto ciò una piccola, flebile, luce ci appare in nostro soccorso dal buon Campopiano, che però deve trovarsi a rivaleggiare incredibilmente in casa con il classico Fedele, grande amico "del più grande AD di Europa", che paventa la possibilità di Italmilan ( il peggior incubo dei tifosi milanisti) guidata da un altro amico (Brocchi). E si ricomincia con il solito giro di giostra, Pellegatti, Suma, Ordine e via dicendo, tutti ad inneggiare il grande ItalMilan, con i migliori giovani italiani, pronti a ricalcare le orme dello storico nucleo Italiano Milanista, che grandi vittorie ci portò. Peccato che di giovani italiani neanche l'ombra. In tutto questo Berlusconi come sempre, decide che è ora di ritornare in sella del Milan, guarda caso in periodo di campagna elettorale. Ed eccoci ad un nuovo giro della giostra signori, i nostri amici giornalisti del mondo Milan, tutti nuovamente a riparlare dei cinesi, di Berlusconi che fa un atto d'amore, tifosi poco riconoscenti (tempo fa eravamo non evoluti), e di presidenze onorarie ma con potere decisionale. Ovviamente, uno come Berlusconi, non sarà mai semplice presidente onorario, ma con i soldi degli altri gestirà la squadra, la società e ci riporterà alla vittoria. Sempre secondo i soliti. Ma il caso volle, che l'eroe dei nostri giornalisti, si è dovuto operare, allontanare nuovamente dal mondo Milan, e ripiombiamo nel solito giro di giostra di ItalMilan, con Brocchi Galliani e i grandi acquisti Pavoletti e Vazquez. Ci risiamo, Berlusconi e la valvola rossonera, "noi" tifosi lo aspettiamo a braccia aperte( ma noi chi? mi chiedo), o cinesi o rilancio con i suoi soldi, come sempre ha fatto secondo i "ben informati".
    E rieccoci però nuovamente nel periodo pro cessione, e il pensiero di noi tutti è sempre lo stesso: Ennesimo teatrino? cosa abbiamo fatto di male per meritarci questa società e questi servi? eppure, oggi, appare come un fulmine a ciel sereno una strana storia, raccontata dal servo per eccellenza, noto ai più come " i salmoni che risalgono i fiumi". Come ben sapete è vietato postare gli editoriali, oggi ci sarà un eccezione, un piccolo riassunto.

    Un nuovo allenatore, una nuova società, nuovi giocatori! Inutile postare quello che ha scritto, suppongo che tutti più o meno lo abbiano letto, però qualcosa di strano c'è. Mai, Pelegatti, aveva criticato, seppur con sottile ironia la società, che lui tanto ha amato ed elogiato. Mai. Eppure questa volta c'è una sottile malinconia e tristezza nelle sue parole. Addirittura fa una formazione "europea" a suo dire competitiva ai massimi livelli ( meglio che non sia lui il nostro DS), con acquisti roboanti e costosi, con i cinesi e sempre però con il suo amato eroe, in sella a portarci verso nuovi trionfi.
    Tutto molto bello, peccato che era/è un sogno ad occhi aperti. Come lui stesso fa capire nell'ultima frase.
    "Buon divertimento! Che bello ! Volevo finalmente passare qualche minuto pensando alla grande, pensando da Milan..."

    Che dire. Se anche lui, molla la nave, un motivo ci sarà. Come interpretate queste sottili ma taglienti parole?

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Io lo vedo come qualcosa di clamoroso, strano che Admin abbia chiuso con tanta solerzia il treadh aperto da @__king george__

    Però non comprendo se sia un vero attacco alla società, nel caso nemmeno tanto velato, o a noi forumisti,

    parrebbe quasi che abbia letto le nostre aspre critiche, e abbia voluto scrivere un editoriale con quello che noi vorremmo sentire,

    come dire:

    "ma siete tonti? pensate che non sappia che scrivo sempre le solite ca..ate? però anch'io tengo famiglia

  4. #3
    Senior Member L'avatar di corvorossonero
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    7,369
    Gli editoriali sono vietati, ne stiamo parlando in un contesto generale riguardo i giornalisti servi che noi tutti conosciamo ormai. La cosa strana è che improvvisamente fa una critica velata alla società con una sottile malinconia. Segno che le cose potranno peggiorare ?

  5. #4
    L'unica cosa certa e' che oggi, quando ho letto "l'editoriale" di Pellegatti mi sono grattato. Questo tizio porta una sfiga... qualsiasi cosa dice si realizza sempre l'opposto.

  6. #5
    Senior Member L'avatar di corvorossonero
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    7,369
    Citazione Originariamente Scritto da Interista Diventi Pazzo Visualizza Messaggio
    L'unica cosa certa e' che oggi, quando ho letto "l'editoriale" di Pellegatti mi sono grattato. Questo tizio porta una sfiga... qualsiasi cosa dice si realizza sempre l'opposto.
    Ma guarda che lui ha fatto capire palesemente che quella era solo uno scenario che stava sognando. Ma non la realtà.

  7. #6
    Citazione Originariamente Scritto da corvorossonero Visualizza Messaggio
    Apro questa discussione, previa autorizzazione, per discutere tutti insieme riguardo il pensiero dei "giornalisti" che noi tutti ormai siamo abituati a conoscere, che navigano da decenni in orbita Milan.
    Abbiamo assistito da sempre ad una difesa ad oltranza della società da parte dei soliti noti, Pelegatti,Suma, Fedele, Ordine, Ruiu in prima battuta, Di Stefano e gli altri in seconda. Il dubbio che questi giornalisti, pensino più al Berlusconismo e al loro rendiconto piuttosto che al bene del Milan ci è sempre sorto. Anche questa volta, così come con Bee, all'alba delle prime notizie che uscivano come un fulmine a ciel sereno sulla cessione, i soliti difendevano la società ed elogiavano le nostre gesta passate, quasi come voler screditare i nuovi potenziali acquirenti, visti più come nemici che come ancora di salvezza. Però giorno dopo giorno, settimane dopo settimane, i toni cominciano a cambiare, si passa dalla negazione dell'esistenza (addirittura!!) di questi cinesi, al solito "Berlusconi vuol soltanto il bene del Milan". Cominciano quindi a mettere le mani avanti, il loro eroe, forse, con grande coraggio e cuore, per il bene supremo del mondo milan, decide di lasciare la sua più grande creatura in mani diverse, straniere, agli acerrimi nemici dell'Oriente. Il primo in ordine è stato Suma, incredibilmente, che comincia a parlare di questi cinesi, dandogli un'aurea quasi mistica : "Non sappiamo i nomi, ma il Presidente ci ha assicurato che hanno patrimoni stellari", quasi come voler vincere una gara ( che allo stato attuale non esiste) con i cugini, già cinesi. Ordine lo segue a ruota, ed entrambi però mettono sempre al primo posto Berlusconi e il suo amico fidato, Galliani, che guideranno questo Milan alle gesta di un tempo. Nel frattempo come ogni cosa che riguardi il mondo Berlusconi, poca luce e molte zone d'ombra. In tutto ciò una piccola, flebile, luce ci appare in nostro soccorso dal buon Campopiano, che però deve trovarsi a rivaleggiare incredibilmente in casa con il classico Fedele, grande amico "del più grande AD di Europa", che paventa la possibilità di Italmilan ( il peggior incubo dei tifosi milanisti) guidata da un altro amico (Brocchi). E si ricomincia con il solito giro di giostra, Pellegatti, Suma, Ordine e via dicendo, tutti ad inneggiare il grande ItalMilan, con i migliori giovani italiani, pronti a ricalcare le orme dello storico nucleo Italiano Milanista, che grandi vittorie ci portò. Peccato che di giovani italiani neanche l'ombra. In tutto questo Berlusconi come sempre, decide che è ora di ritornare in sella del Milan, guarda caso in periodo di campagna elettorale. Ed eccoci ad un nuovo giro della giostra signori, i nostri amici giornalisti del mondo Milan, tutti nuovamente a riparlare dei cinesi, di Berlusconi che fa un atto d'amore, tifosi poco riconoscenti (tempo fa eravamo non evoluti), e di presidenze onorarie ma con potere decisionale. Ovviamente, uno come Berlusconi, non sarà mai semplice presidente onorario, ma con i soldi degli altri gestirà la squadra, la società e ci riporterà alla vittoria. Sempre secondo i soliti. Ma il caso volle, che l'eroe dei nostri giornalisti, si è dovuto operare, allontanare nuovamente dal mondo Milan, e ripiombiamo nel solito giro di giostra di ItalMilan, con Brocchi Galliani e i grandi acquisti Pavoletti e Vazquez. Ci risiamo, Berlusconi e la valvola rossonera, "noi" tifosi lo aspettiamo a braccia aperte( ma noi chi? mi chiedo), o cinesi o rilancio con i suoi soldi, come sempre ha fatto secondo i "ben informati".
    E rieccoci però nuovamente nel periodo pro cessione, e il pensiero di noi tutti è sempre lo stesso: Ennesimo teatrino? cosa abbiamo fatto di male per meritarci questa società e questi servi? eppure, oggi, appare come un fulmine a ciel sereno una strana storia, raccontata dal servo per eccellenza, noto ai più come " i salmoni che risalgono i fiumi". Come ben sapete è vietato postare gli editoriali, oggi ci sarà un eccezione, un piccolo riassunto.

    Un nuovo allenatore, una nuova società, nuovi giocatori! Inutile postare quello che ha scritto, suppongo che tutti più o meno lo abbiano letto, però qualcosa di strano c'è. Mai, Pelegatti, aveva criticato, seppur con sottile ironia la società, che lui tanto ha amato ed elogiato. Mai. Eppure questa volta c'è una sottile malinconia e tristezza nelle sue parole. Addirittura fa una formazione "europea" a suo dire competitiva ai massimi livelli ( meglio che non sia lui il nostro DS), con acquisti roboanti e costosi, con i cinesi e sempre però con il suo amato eroe, in sella a portarci verso nuovi trionfi.
    Tutto molto bello, peccato che era/è un sogno ad occhi aperti. Come lui stesso fa capire nell'ultima frase.
    "Buon divertimento! Che bello ! Volevo finalmente passare qualche minuto pensando alla grande, pensando da Milan..."

    Che dire. Se anche lui, molla la nave, un motivo ci sarà. Come interpretate queste sottili ma taglienti parole?
    Sinceramente ultimamente sto rimanendo sconcertato...innanzitutto dalla mole di giornalisti che sono più o meno a busta paga "dell'orbita Milan" a differenza di tutte le altre squadre Juve ed Inter in primis...seconda cosa è il dare un colpo al cerchio ed uno alla botte soprattutto per quanto riguarda il Fido Fedele che fino a 3 giorni fa parlava di una non cessione e poi si sveglia e parla del contrario...per non parlare dell'editoriale di prima mattina...appena ho aperto gli occhi leggo...leggo...e quasi inizio a crederci...poi arrivo alle fine e: " ah ecco...mi pareva strano"...ma non saprei interpretarlo...forse è solo malinconia dei tempi che furono...come la mia, penso e ripenso a quando guardavo il Milan giocare con Papin Desailly Savicevic Bonan ed altri campioni veri ma usati come figurine per riscaldare la panchina...caro Pellegatti, la vera malinconia è la nostra nel vedere che i servi esistono tutt'oggi...

  8. #7
    Citazione Originariamente Scritto da corvorossonero Visualizza Messaggio
    Ma guarda che lui ha fatto capire palesemente che quella era solo uno scenario che stava sognando. Ma non la realtà.
    Si lo so. Ma sogno o realta', il risultato non cambia

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.