Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 2 di 14 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 133

  1. #11
    Moderatore L'avatar di Tifo'o
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    20,486
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Intervista integrale (@admin)



    Signor Fu, come mai la Cina ha scelto proprio il Milan?

    "Perché è un grande club. C'è stata una grande riforma delle scuole calcio da parte del governo: c'è la volontà di portare il nostro movimento al livello più alto possibile in breve tempo".

    Fa impressione che quattro dei più grandi imprenditori del Paese si vogliano impegnare nell' acquisto della società. Che cosa c' è dietro?

    "Sono tutti collegati al mondo del calcio: il gruppo Wanda ha comprato Infront; Jack Ma di Alibaba ha il 50% del Guangzhou, la squadra di Marcello Lippi prima e Fabio Cannavaro poi; il gruppo Huawei è un brand molto attivo nelle sponsorizzazioni ed è già partner del Milan... Tutti avrebbero la possibilità direttamente di acquistare il club, ma non hanno la determinazione a condurre l' operazione da soli".

    E poi c’è il signor Zong che sembra il capofila...

    "Si tratta del re della bevande in Cina, per quattro anni è stato l’uomo più ricco del Paese vendendo solo acqua in bottiglia. Avrebbe le disponibilità economica per fare tutto da solo, ma è un uomo che si è sudato la sua fortuna accumulando un centesimo alla volta. Potrà fare molto per il suo popolo ma non gli si può chiedere un simile sacrificio".

    Ma quindi si tratta di un’operazione patriottica?

    "Definirla così è esagerato. I cinesi vogliono acquisire il know-how per avvicinare al più presto il livello dilettantistico del loro calcio a quello professionistico di un grande club come il Milan".

    Nessuno però è pronto a investire direttamente un miliardo di euro...

    "Questa cifra si può spendere solo con la formula dell’azionariato popolare, che è quello che farà la differenza. Un Milan “popolare” in Italia non si potrà mai fare, non ci sarebbero tifosi a sufficienza disposti a pagare. Ma un Milan popolare in Cina è possibile. Sui numeri nel nostro Paese si vince sempre:non sarebbe difficile trovare 500 mila tifosi disponibili a investire".

    Un thailandese, Erick Thohir, possiede l’Inter e non sta avendo molta fortuna. È una situazione che spaventa?

    "Dico sempre che una grande squadra deve essere sostenuta da tutti, un singolo imprenditore non può farcela da solo. Ecco perché il Milan costruito dal popolo cinese può diventare stella intramontabile"

    Quello rossonero è il club più amato nel vostro Paese?

    "È sicuramente quello più conosciuto. Gli ultimi dati del club dicono che sarebbero quattro milioni i tifosi del Diavolo, ma non so se tutti sarebbero disponibili anche a fare da soci (ride,ndr)".

    C’entra anche Expo in questo interesse?

    "La promozione dell’evento è partita in ritardo, forse un’agenzia di viaggi su dieci ha dei pacchetti dedicati. Però la nostra compagnia di bandiera porta già in Europa 8 milioni di turisti all’anno: non sarà difficile raggiungere la quota stimata di un milione di visitatori cinesi a Expo"

    Torniamo al calcio. Qual è il milanista più conosciuto?

    "L’ultima apparizione della squadra a Pechino è stata per il derby milanese di Supercoppa (2-1 peri rossoneri nel 2011,ndr). E tutti ricordano il gol di Ibrahimovic...".

    In quanti anni il Milan cinese potrebbe tornare grande?

    "Il Diavolo è una vecchia gloria che ha bisogno di grandi giocatori, ma anche di un’azione di marketing basata sulla sua storia per rinascere. Il club rossonero potrebbe portare l’Italia in giro per il mondo con un po’ di soldi veri spesi bene. Per tornare competitivi serve continuità negli uomini simbolo e l’inserimento di pochi giocatori, ma di alto livello, ogni anno".

    È ancora forte il fascino tricolore sui suoi connazionali?

    "L’Italia è il Paese europeo che più assomiglia al nostro: abbiamo lo stesso senso della famiglia, siamo entrambi molto affezionati alle nostre origini. E poi è identica la struttura della società,molto legata alle relazioni, alle conoscenze. Funziona così da voi e da noi"

    Test pallonaro finale per capire se ci si può fidare dei cinesi. La Serie A per voi ha il volto di...?

    "Roberto Baggio, un simbolo intramontabile,è amatissimo. È sempre stato un grande giocatore, ma i cinesi lo ricordano soprattutto per il lato umano che mostrò quando sbagliò il rigore decisivo ai Mondiali di Usa ’94"
    I Cinesi stanno diventando "ricchi". Nel senso che c'è sempre di più una classe media/alta. Tra 15 anni, noi in Europa saremo poveri loro i ricchi. I più ricchi imprenditori + i tifosi cinesi. Se davvero ci sarà questa combinazione, non solo avremo un fatturato pazzesco ma anche un mercato stellare.

    O ora o mai più
    "Abbiamo la coppia di giovani punte più giovane del mondo"
    "Non arriva nessuno se non parte nessuno"
    "Siamo la squadra che nel 2013 ha fatto più punti di tutti"
    "Negli ultimi 5 anni siamo sempre saliti sul podio"

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #12
    Senior Member L'avatar di Hammer
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    8,872
    Sindrome di Stendhal
    "Il calcio italiano ad alto livello sta perdendo la Juventus. La squadra bianconera è arrivata settima l’anno scorso e rischia di fare il bis quest’anno. [...] Credo che la Juventus vada aiutata. [...] E’ un Club con il maggior numero di Scudetti e di tifosi in Italia, merita un piano Marshall per il suo futuro. Aiutare la Juventus significherebbe aiutare il calcio italiano. Senza dubbi e senza riserve." Mauro Suma, 02/04/2011

  4. #13
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    38,313
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Intervista che chiarisce tantissimi aspetti e fa aumentare la voglia di Cina... ragazzi, se l'operazione va in porto torniamo ad essere una super potenza mondiale. Questi sono ambiziosissimi.
    Non ci resta che incrociare dita di mani e piedi

  5. #14
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Intervista integrale (@admin)



    Signor Fu, come mai la Cina ha scelto proprio il Milan?

    "Perché è un grande club. C'è stata una grande riforma delle scuole calcio da parte del governo: c'è la volontà di portare il nostro movimento al livello più alto possibile in breve tempo".

    Fa impressione che quattro dei più grandi imprenditori del Paese si vogliano impegnare nell' acquisto della società. Che cosa c' è dietro?

    "Sono tutti collegati al mondo del calcio: il gruppo Wanda ha comprato Infront; Jack Ma di Alibaba ha il 50% del Guangzhou, la squadra di Marcello Lippi prima e Fabio Cannavaro poi; il gruppo Huawei è un brand molto attivo nelle sponsorizzazioni ed è già partner del Milan... Tutti avrebbero la possibilità direttamente di acquistare il club, ma non hanno la determinazione a condurre l' operazione da soli".

    E poi c’è il signor Zong che sembra il capofila...

    "Si tratta del re della bevande in Cina, per quattro anni è stato l’uomo più ricco del Paese vendendo solo acqua in bottiglia. Avrebbe le disponibilità economica per fare tutto da solo, ma è un uomo che si è sudato la sua fortuna accumulando un centesimo alla volta. Potrà fare molto per il suo popolo ma non gli si può chiedere un simile sacrificio".

    Ma quindi si tratta di un’operazione patriottica?

    "Definirla così è esagerato. I cinesi vogliono acquisire il know-how per avvicinare al più presto il livello dilettantistico del loro calcio a quello professionistico di un grande club come il Milan".

    Nessuno però è pronto a investire direttamente un miliardo di euro...

    "Questa cifra si può spendere solo con la formula dell’azionariato popolare, che è quello che farà la differenza. Un Milan “popolare” in Italia non si potrà mai fare, non ci sarebbero tifosi a sufficienza disposti a pagare. Ma un Milan popolare in Cina è possibile. Sui numeri nel nostro Paese si vince sempre:non sarebbe difficile trovare 500 mila tifosi disponibili a investire".

    Un thailandese, Erick Thohir, possiede l’Inter e non sta avendo molta fortuna. È una situazione che spaventa?

    "Dico sempre che una grande squadra deve essere sostenuta da tutti, un singolo imprenditore non può farcela da solo. Ecco perché il Milan costruito dal popolo cinese può diventare stella intramontabile"

    Quello rossonero è il club più amato nel vostro Paese?

    "È sicuramente quello più conosciuto. Gli ultimi dati del club dicono che sarebbero quattro milioni i tifosi del Diavolo, ma non so se tutti sarebbero disponibili anche a fare da soci (ride,ndr)".

    C’entra anche Expo in questo interesse?

    "La promozione dell’evento è partita in ritardo, forse un’agenzia di viaggi su dieci ha dei pacchetti dedicati. Però la nostra compagnia di bandiera porta già in Europa 8 milioni di turisti all’anno: non sarà difficile raggiungere la quota stimata di un milione di visitatori cinesi a Expo"

    Torniamo al calcio. Qual è il milanista più conosciuto?

    "L’ultima apparizione della squadra a Pechino è stata per il derby milanese di Supercoppa (2-1 peri rossoneri nel 2011,ndr). E tutti ricordano il gol di Ibrahimovic...".

    In quanti anni il Milan cinese potrebbe tornare grande?

    "Il Diavolo è una vecchia gloria che ha bisogno di grandi giocatori, ma anche di un’azione di marketing basata sulla sua storia per rinascere. Il club rossonero potrebbe portare l’Italia in giro per il mondo con un po’ di soldi veri spesi bene. Per tornare competitivi serve continuità negli uomini simbolo e l’inserimento di pochi giocatori, ma di alto livello, ogni anno".

    È ancora forte il fascino tricolore sui suoi connazionali?

    "L’Italia è il Paese europeo che più assomiglia al nostro: abbiamo lo stesso senso della famiglia, siamo entrambi molto affezionati alle nostre origini. E poi è identica la struttura della società,molto legata alle relazioni, alle conoscenze. Funziona così da voi e da noi"

    Test pallonaro finale per capire se ci si può fidare dei cinesi. La Serie A per voi ha il volto di...?

    "Roberto Baggio, un simbolo intramontabile,è amatissimo. È sempre stato un grande giocatore, ma i cinesi lo ricordano soprattutto per il lato umano che mostrò quando sbagliò il rigore decisivo ai Mondiali di Usa ’94"
    Che belle parole, erano proprio quelle che io e penso tutti voi volevamo sentire! Tra l'altro riflettendoci sull'azionariato popolare ha ragione, e fatto dai cinesi (dato che qui è irrealizzabile) sarebbe una grande marcia in più. Incrocio tutto l'incrociabile affinché tutto ciò avvenga presto.
    Il rosso e il nero,due colori comuni,una passione unica!
    #WeAreACMilan

    "Ricordiamoglielo al mondo chi eravamo e che potremmo ritornare!" (Tiziano Ferro ai milanisti)

    #Lanuovaeraèqui #Vivalesocietànormali

    "Digo lo que pienso,tómame como soy. No intentes amarrarme, ni dominarme, yo soy quien elige como equivocarme."
    (Shakira)

  6. #15
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,769
    L'azionariato popolare è il futuro del calcio, non è un caso che tutti i più grandi club europei lo facciano, dal Bayern Monaco a Barcellona e Real Madrid. È finita l'epoca dell'imprenditore padrone che sborsa milioni e milioni di euro ogni anno, perché prima o dopo si stancherà o comunque non potrà reggere grossi investimenti all'infinito, invece con una nuova struttura societaria di questo tipo puoi restare al top, potenzialmente, per sempre.

  7. #16
    Dico solo, liberateci il prima possibile da questa ossessione

  8. #17
    Citazione Originariamente Scritto da Splendidi Incisivi Visualizza Messaggio
    L'azionariato popolare è il futuro del calcio, non è un caso che tutti i più grandi club europei lo facciano, dal Bayern Monaco a Barcellona e Real Madrid. È finita l'epoca dell'imprenditore padrone che sborsa milioni e milioni di euro ogni anno, perché prima o dopo si stancherà o comunque non potrà reggere grossi investimenti all'infinito, invece con una nuova struttura societaria di questo tipo puoi restare al top, potenzialmente, per sempre.
    ...concordo e un azionariato popolare cinese ha delle potenzialità clamorose, sebbene i soliti disfattisti predichino il contrario. Speriamo bene, se le condizioni sono queste avremo un futuro radioso.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  9. #18
    Member L'avatar di malos
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    2,905
    E' fatta. Ormai penso lo si possa dire tranquillamente.

  10. #19
    Iblahimovic
    Ospite
    La cordata non convince ma soprattutto non esiste

  11. #20
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,769
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    ...concordo e un azionariato popolare cinese ha delle potenzialità clamorose, sebbene i soliti disfattisti predichino il contrario. Speriamo bene, se le condizioni sono queste avremo un futuro radioso.
    Io voglio vedere l'ufficialità di tutto questo però.

Pagina 2 di 14 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.