Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32

  1. #1

    Milan, bilancio 2014: l'analisi di Calcio&Finanza.

    Secondo il portale Calcio&Finanza, il Milan ha chiuso il bilancio consolidato 2014 con una perdita netta di 91,28M, addirittura la più alta nella storia del club. Il patrimonio netto consolidato è negativo per 94,2M.
    I debiti finanziari netti ammontano a 246,8 milioni, 10M in meno del 2013. Questa è la fotografia generale del bilancio che il Milan si appresterà ad approvare la settimana prossima.

    Nel 2013 il gruppo Milan aveva perso 15,7M, l’anno prima 6,86M, mentre la perdita più alta in un esercizio era stata toccata nel 2010: 69,75M. Negli ultimi 10 anni (2005-2014) il Milan ha accumulato perdite nette complessive per la bellezza di 361M.

    La perdita monstre di 91,28M nel bilancio 2014 è legata ad una flessione di 30,5 milioni nei ricavi, assestati su 223,9M, causati dalla mancata partecipazione alla Champions League 2014/15. Nel dettaglio il bilancio Milan 2014 sottolinea come il club abbia incassato 89,8M dai diritti tv, ben 20M in meno rispetto al 2013.

    Il costo del personale invece è aumentato di 3,4M, passando a 154,7M. Il costo dei soli tesserati è aumentato da 138,4 a 140,8M ed erode il 62,9% dei ricavi. In tutto ciò pesano anche 52M di ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e 60,4M per acquisto di beni e servizi, tra cui 8,76M per l’affitto di San Siro. Tra le nuove spese vanno registrati anche i 2,32M per la locazione della sede Casa Milan, che ricordiamo è di proprietà di Vittoria Assicurazioni.

    Purtroppo neppure la cessione di Balotelli al Liverpool ha dato sollievo ai conti. Nel bilancio 2014, infatti, il risultato del player trading (saldo tra plusvalenze e minusvalenze) è crollato da 23,28 a 5,77M. La cessione di Balotelli per 20M ha reso un guadagno di soli 4,33 milioni a causa del valore ancora alto iscritto nel bilancio. È stata invece realizzata una plusvalenza più alta, 4,84M, grazie alla vendita di Brian Cristante al Benfica. Ma va registrata anche una minusvalenza di 3,32M per la vendita di Kevin Constant al Trabzonspor, ceduto per 2,5M. Oltre alle minusvalenze, troviamo anche un onere di 333 mila euro perla svalutazione dei diritti relativi a Kakà, visto che "ha rescisso consensualmente il contratto".

    Alla maxi-perdita da 91,28M, contabilizzata nel bilancio 2014, si arriva però in virtù di un ulteriore onere di 21M per "sopravvenienze passive straordinarie". Il cda ha infatti "prudenzialmente" valutato che non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato fiscale della casa madre.

    Questo vuol dire che, in base all’imponibile fiscale del 2014 e ai risultati fiscali attesi per i successivi esercizi , Fininvest non avrebbe capienza sufficiente nei profitti per comprare dal Milan le perdite da utilizzare per pagare meno tasse. Ma è probabile che questo bilancio sia servito anche a fare pulizie contabili, in vista di una eventuale operazione straordinaria, come l’apertura di parte del capitale del club a un soggetto terzo.

    Alla luce della perdita a livello di gruppo, il club ha attualmente un patrimonio netto negativo per 94,2M. La capogruppo Ac Milan Spa, pur avendo chiuso il 2014 con una perdita di 99M, quindi superiore a quella del consolidato, ha invece un patrimonio netto negativo per soli 20,95M. Quindi la ricapitalizzazione necessaria dal punto di vista legale è limitata a poco più di 21M. Ma di fatto è già stata coperta dalla famiglia Berlusconi. Nel 2014 Fininvest ha infatti effettuato versamenti in conto capitale per 53M.

    Il gruppo Milan ha debiti complessivi per 334,5M (246,8M quelli finanziari), quasi il triplo dei crediti che si attestano a quota 114,8M. Il peggioramento dei risultati, tuttavia, non ha impedito un aumento del compenso degli organi sociali, salito da 2,2 a 2,55M (dovuti probabilmente alla nomina del secondo amministratore delegato, Barbara Berlusconi, accanto ad Adriano Galliani).
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 25-04-2015 alle 09:55
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Secondo il portale Calcio&Finanza, il Milan ha chiuso il bilancio consolidato 2014 con una perdita netta di 91,28M, addirittura la più alta nella storia del club. Il patrimonio netto consolidato è negativo per 94,2M.
    I debiti finanziari netti ammontano a 246,8 milioni, 10M in meno del 2013. Questa è la fotografia generale del bilancio che il Milan si appresterà ad approvare la settimana prossima.

    Nel 2013 il gruppo Milan aveva perso 15,7M, l’anno prima 6,86M, mentre la perdita più alta in un esercizio era stata toccata nel 2010: 69,75M. Negli ultimi 10 anni (2005-2014) il Milan ha accumulato perdite nette complessive per la bellezza di 361M.

    La perdita monstre di 91,28M nel bilancio 2014 è legata ad una flessione di 30,5 milioni nei ricavi, assestati su 223,9M, causati dalla mancata partecipazione alla Champions League 2014/15. Nel dettaglio il bilancio Milan 2014 sottolinea come il club abbia incassato 89,8M dai diritti tv, ben 20M in meno rispetto al 2013.

    Il costo del personale invece è aumentato di 3,4M, passando a 154,7M. Il costo dei soli tesserati è aumentato da 138,4 a 140,8M ed erode il 62,9% dei ricavi. In tutto ciò pesano anche 52M di ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e 60,4M per acquisto di beni e servizi, tra cui 8,76M per l’affitto di San Siro. Tra le nuove spese vanno registrati anche i 2,32M per la locazione della sede Casa Milan, che ricordiamo è di proprietà di Vittoria Assicurazioni.

    Purtroppo neppure la cessione di Balotelli al Liverpool ha dato sollievo ai conti. Nel bilancio 2014, infatti, il risultato del player trading (saldo tra plusvalenze e minusvalenze) è crollato da 23,28 a 5,77M. La cessione di Balotelli per 20M ha reso un guadagno di soli 4,33 milioni a causa del valore ancora alto iscritto nel bilancio. È stata invece realizzata una plusvalenza più alta, 4,84M, grazie alla vendita di Brian Cristante al Benfica. Ma va registrata anche una minusvalenza di 3,32M per la vendita di Kevin Constant al Trabzonspor, ceduto per 2,5M. Oltre alle minusvalenze, troviamo anche un onere di 333 mila euro perla svalutazione dei diritti relativi a Kakà, visto che "ha rescisso consensualmente il contratto".

    Alla maxi-perdita da 91,28M, contabilizzata nel bilancio 2014, si arriva però in virtù di un ulteriore onere di 21M per "sopravvenienze passive straordinarie". Il cda ha infatti "prudenzialmente" valutato che non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato fiscale della casa madre.

    Questo vuol dire che, in base all’imponibile fiscale del 2014 e ai risultati fiscali attesi per i successivi esercizi , Fininvest non avrebbe capienza sufficiente nei profitti per comprare dal Milan le perdite da utilizzare per pagare meno tasse. Ma è probabile che questo bilancio sia servito anche a fare pulizie contabili, in vista di una eventuale operazione straordinaria, come l’apertura di parte del capitale del club a un soggetto terzo.

    Alla luce della perdita a livello di gruppo, il club ha attualmente un patrimonio netto negativo per 94,2M. La capogruppo Ac Milan Spa, pur avendo chiuso il 2014 con una perdita di 99M, quindi superiore a quella del consolidato, ha invece un patrimonio netto negativo per soli 20,95M. Quindi la ricapitalizzazione necessaria dal punto di vista legale è limitata a poco più di 21M. Ma di fatto è già stata coperta dalla famiglia Berlusconi. Nel 2014 Fininvest ha infatti effettuato versamenti in conto capitale per 53M.

    Il gruppo Milan ha debiti complessivi per 334,5M (246,8M quelli finanziari), quasi il triplo dei crediti che si attestano a quota 114,8M. Il peggioramento dei risultati, tuttavia, non ha impedito un aumento del compenso degli organi sociali, salito da 2,2 a 2,55M (dovuti probabilmente alla nomina del secondo amministratore delegato, Barbara Berlusconi, accanto ad Adriano Galliani).

    Bene, bravissimo Il Re dell'Est!!!
    La pulizia contabile è un ulteriore indice della volontà della proprietà di cedere il Milan.
    Purtroppo non è possibile entrare nei dettagli delle singole transazioni per poter valutare a fondo come si è mosso il Milan per generare queste magnifiche perdite.
    Inutile addossare responsabilità a destra e a manca: la gestione è stata semplicemente demenziale.
    Che ci vendano alla svelt, ma mettendoci anche un pò di cervello...

  4. #3
    Member L'avatar di Tobi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    3,634
    Con questa dirigenza saremmo capaci di essere in perdita anche con uno stadio di proprietà

  5. #4
    Senior Member L'avatar di BossKilla7
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    6,255
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Secondo il portale Calcio&Finanza, il Milan ha chiuso il bilancio consolidato 2014 con una perdita netta di 91,28M, addirittura la più alta nella storia del club. Il patrimonio netto consolidato è negativo per 94,2M.
    I debiti finanziari netti ammontano a 246,8 milioni, 10M in meno del 2013. Questa è la fotografia generale del bilancio che il Milan si appresterà ad approvare la settimana prossima.

    Nel 2013 il gruppo Milan aveva perso 15,7M, l’anno prima 6,86M, mentre la perdita più alta in un esercizio era stata toccata nel 2010: 69,75M. Negli ultimi 10 anni (2005-2014) il Milan ha accumulato perdite nette complessive per la bellezza di 361M.

    La perdita monstre di 91,28M nel bilancio 2014 è legata ad una flessione di 30,5 milioni nei ricavi, assestati su 223,9M, causati dalla mancata partecipazione alla Champions League 2014/15. Nel dettaglio il bilancio Milan 2014 sottolinea come il club abbia incassato 89,8M dai diritti tv, ben 20M in meno rispetto al 2013.

    Il costo del personale invece è aumentato di 3,4M, passando a 154,7M. Il costo dei soli tesserati è aumentato da 138,4 a 140,8M ed erode il 62,9% dei ricavi. In tutto ciò pesano anche 52M di ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e 60,4M per acquisto di beni e servizi, tra cui 8,76M per l’affitto di San Siro. Tra le nuove spese vanno registrati anche i 2,32M per la locazione della sede Casa Milan, che ricordiamo è di proprietà di Vittoria Assicurazioni.

    Purtroppo neppure la cessione di Balotelli al Liverpool ha dato sollievo ai conti. Nel bilancio 2014, infatti, il risultato del player trading (saldo tra plusvalenze e minusvalenze) è crollato da 23,28 a 5,77M. La cessione di Balotelli per 20M ha reso un guadagno di soli 4,33 milioni a causa del valore ancora alto iscritto nel bilancio. È stata invece realizzata una plusvalenza più alta, 4,84M, grazie alla vendita di Brian Cristante al Benfica. Ma va registrata anche una minusvalenza di 3,32M per la vendita di Kevin Constant al Trabzonspor, ceduto per 2,5M. Oltre alle minusvalenze, troviamo anche un onere di 333 mila euro perla svalutazione dei diritti relativi a Kakà, visto che "ha rescisso consensualmente il contratto".

    Alla maxi-perdita da 91,28M, contabilizzata nel bilancio 2014, si arriva però in virtù di un ulteriore onere di 21M per "sopravvenienze passive straordinarie". Il cda ha infatti "prudenzialmente" valutato che non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato fiscale della casa madre.

    Questo vuol dire che, in base all’imponibile fiscale del 2014 e ai risultati fiscali attesi per i successivi esercizi , Fininvest non avrebbe capienza sufficiente nei profitti per comprare dal Milan le perdite da utilizzare per pagare meno tasse. Ma è probabile che questo bilancio sia servito anche a fare pulizie contabili, in vista di una eventuale operazione straordinaria, come l’apertura di parte del capitale del club a un soggetto terzo.

    Alla luce della perdita a livello di gruppo, il club ha attualmente un patrimonio netto negativo per 94,2M. La capogruppo Ac Milan Spa, pur avendo chiuso il 2014 con una perdita di 99M, quindi superiore a quella del consolidato, ha invece un patrimonio netto negativo per soli 20,95M. Quindi la ricapitalizzazione necessaria dal punto di vista legale è limitata a poco più di 21M. Ma di fatto è già stata coperta dalla famiglia Berlusconi. Nel 2014 Fininvest ha infatti effettuato versamenti in conto capitale per 53M.

    Il gruppo Milan ha debiti complessivi per 334,5M (246,8M quelli finanziari), quasi il triplo dei crediti che si attestano a quota 114,8M. Il peggioramento dei risultati, tuttavia, non ha impedito un aumento del compenso degli organi sociali, salito da 2,2 a 2,55M (dovuti probabilmente alla nomina del secondo amministratore delegato, Barbara Berlusconi, accanto ad Adriano Galliani).
    Galliani

  6. #5
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    23,192
    Che vi dicevo ???

    " non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato "

    Boooooom baby ... Così si fa

    Quando alzeranno bene i tappetini di casa milan ... Apriranno il vaso di Pandora e sarà il finimondo ... Meglio a questo punto che vendano tutto e si chiuda un periodo ( ultimi 10 anni ) osceni per questa squadra .

    Comunque il nano ha ragione anche Quest anno ha speso 50 milioni di euro e manco andiamo in EL dovrebbe fustigare cravatta gialla
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

  7. #6
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    62,362
    Il geometra ha fatto disastri incalcolabili.

    Il miglior dirigente del mondo. Sì, per la concorrenza.
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  8. #7
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Secondo il portale Calcio&Finanza, il Milan ha chiuso il bilancio consolidato 2014 con una perdita netta di 91,28M, addirittura la più alta nella storia del club. Il patrimonio netto consolidato è negativo per 94,2M.
    I debiti finanziari netti ammontano a 246,8 milioni, 10M in meno del 2013. Questa è la fotografia generale del bilancio che il Milan si appresterà ad approvare la settimana prossima.

    Nel 2013 il gruppo Milan aveva perso 15,7M, l’anno prima 6,86M, mentre la perdita più alta in un esercizio era stata toccata nel 2010: 69,75M. Negli ultimi 10 anni (2005-2014) il Milan ha accumulato perdite nette complessive per la bellezza di 361M.

    La perdita monstre di 91,28M nel bilancio 2014 è legata ad una flessione di 30,5 milioni nei ricavi, assestati su 223,9M, causati dalla mancata partecipazione alla Champions League 2014/15. Nel dettaglio il bilancio Milan 2014 sottolinea come il club abbia incassato 89,8M dai diritti tv, ben 20M in meno rispetto al 2013.

    Il costo del personale invece è aumentato di 3,4M, passando a 154,7M. Il costo dei soli tesserati è aumentato da 138,4 a 140,8M ed erode il 62,9% dei ricavi. In tutto ciò pesano anche 52M di ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e 60,4M per acquisto di beni e servizi, tra cui 8,76M per l’affitto di San Siro. Tra le nuove spese vanno registrati anche i 2,32M per la locazione della sede Casa Milan, che ricordiamo è di proprietà di Vittoria Assicurazioni.

    Purtroppo neppure la cessione di Balotelli al Liverpool ha dato sollievo ai conti. Nel bilancio 2014, infatti, il risultato del player trading (saldo tra plusvalenze e minusvalenze) è crollato da 23,28 a 5,77M. La cessione di Balotelli per 20M ha reso un guadagno di soli 4,33 milioni a causa del valore ancora alto iscritto nel bilancio. È stata invece realizzata una plusvalenza più alta, 4,84M, grazie alla vendita di Brian Cristante al Benfica. Ma va registrata anche una minusvalenza di 3,32M per la vendita di Kevin Constant al Trabzonspor, ceduto per 2,5M. Oltre alle minusvalenze, troviamo anche un onere di 333 mila euro perla svalutazione dei diritti relativi a Kakà, visto che "ha rescisso consensualmente il contratto".

    Alla maxi-perdita da 91,28M, contabilizzata nel bilancio 2014, si arriva però in virtù di un ulteriore onere di 21M per "sopravvenienze passive straordinarie". Il cda ha infatti "prudenzialmente" valutato che non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato fiscale della casa madre.

    Questo vuol dire che, in base all’imponibile fiscale del 2014 e ai risultati fiscali attesi per i successivi esercizi , Fininvest non avrebbe capienza sufficiente nei profitti per comprare dal Milan le perdite da utilizzare per pagare meno tasse. Ma è probabile che questo bilancio sia servito anche a fare pulizie contabili, in vista di una eventuale operazione straordinaria, come l’apertura di parte del capitale del club a un soggetto terzo.

    Alla luce della perdita a livello di gruppo, il club ha attualmente un patrimonio netto negativo per 94,2M. La capogruppo Ac Milan Spa, pur avendo chiuso il 2014 con una perdita di 99M, quindi superiore a quella del consolidato, ha invece un patrimonio netto negativo per soli 20,95M. Quindi la ricapitalizzazione necessaria dal punto di vista legale è limitata a poco più di 21M. Ma di fatto è già stata coperta dalla famiglia Berlusconi. Nel 2014 Fininvest ha infatti effettuato versamenti in conto capitale per 53M.

    Il gruppo Milan ha debiti complessivi per 334,5M (246,8M quelli finanziari), quasi il triplo dei crediti che si attestano a quota 114,8M. Il peggioramento dei risultati, tuttavia, non ha impedito un aumento del compenso degli organi sociali, salito da 2,2 a 2,55M (dovuti probabilmente alla nomina del secondo amministratore delegato, Barbara Berlusconi, accanto ad Adriano Galliani).
    In risposta ad un utente che, commentando l'articolo, chiedeva come mai il costo dei tesserati sia schizzato così alle stelle rispetto alla loro stima di qualche mese fa (sui 110M), magari nell'ottica di "pulizia contabile" (inserendo anche contratti onerosi del 2015, es. Seedorf), la redazione di C&F si è espressa in questo modo: "Il dato sul costo dei tesserati è stranamente in crescita rispetto alle nostre stime. Sicuramente in quella voce saranno stati inseriti costi ulteriori (Seedorf, incentivi all’esodo, ecc.) che non siamo in grado di specificare fino a quando non avremo a disposizione il bilancio completo. Nei prossimi giorni potremmo essere più precisi."
    Dunque quello che molti pensavano è realmente accaduto: il bilancio 2014 è stato "aggiustato" in previsione di una imminente cessione.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 25-04-2015 alle 14:40
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  9. #8
    Senior Member L'avatar di Toby rosso nero
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    11,734
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Secondo il portale Calcio&Finanza, il Milan ha chiuso il bilancio consolidato 2014 con una perdita netta di 91,28M, addirittura la più alta nella storia del club. Il patrimonio netto consolidato è negativo per 94,2M.
    I debiti finanziari netti ammontano a 246,8 milioni, 10M in meno del 2013. Questa è la fotografia generale del bilancio che il Milan si appresterà ad approvare la settimana prossima.

    Nel 2013 il gruppo Milan aveva perso 15,7M, l’anno prima 6,86M, mentre la perdita più alta in un esercizio era stata toccata nel 2010: 69,75M. Negli ultimi 10 anni (2005-2014) il Milan ha accumulato perdite nette complessive per la bellezza di 361M.

    La perdita monstre di 91,28M nel bilancio 2014 è legata ad una flessione di 30,5 milioni nei ricavi, assestati su 223,9M, causati dalla mancata partecipazione alla Champions League 2014/15. Nel dettaglio il bilancio Milan 2014 sottolinea come il club abbia incassato 89,8M dai diritti tv, ben 20M in meno rispetto al 2013.

    Il costo del personale invece è aumentato di 3,4M, passando a 154,7M. Il costo dei soli tesserati è aumentato da 138,4 a 140,8M ed erode il 62,9% dei ricavi. In tutto ciò pesano anche 52M di ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e 60,4M per acquisto di beni e servizi, tra cui 8,76M per l’affitto di San Siro. Tra le nuove spese vanno registrati anche i 2,32M per la locazione della sede Casa Milan, che ricordiamo è di proprietà di Vittoria Assicurazioni.

    Purtroppo neppure la cessione di Balotelli al Liverpool ha dato sollievo ai conti. Nel bilancio 2014, infatti, il risultato del player trading (saldo tra plusvalenze e minusvalenze) è crollato da 23,28 a 5,77M. La cessione di Balotelli per 20M ha reso un guadagno di soli 4,33 milioni a causa del valore ancora alto iscritto nel bilancio. È stata invece realizzata una plusvalenza più alta, 4,84M, grazie alla vendita di Brian Cristante al Benfica. Ma va registrata anche una minusvalenza di 3,32M per la vendita di Kevin Constant al Trabzonspor, ceduto per 2,5M. Oltre alle minusvalenze, troviamo anche un onere di 333 mila euro perla svalutazione dei diritti relativi a Kakà, visto che "ha rescisso consensualmente il contratto".

    Alla maxi-perdita da 91,28M, contabilizzata nel bilancio 2014, si arriva però in virtù di un ulteriore onere di 21M per "sopravvenienze passive straordinarie". Il cda ha infatti "prudenzialmente" valutato che non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato fiscale della casa madre.

    Questo vuol dire che, in base all’imponibile fiscale del 2014 e ai risultati fiscali attesi per i successivi esercizi , Fininvest non avrebbe capienza sufficiente nei profitti per comprare dal Milan le perdite da utilizzare per pagare meno tasse. Ma è probabile che questo bilancio sia servito anche a fare pulizie contabili, in vista di una eventuale operazione straordinaria, come l’apertura di parte del capitale del club a un soggetto terzo.

    Alla luce della perdita a livello di gruppo, il club ha attualmente un patrimonio netto negativo per 94,2M. La capogruppo Ac Milan Spa, pur avendo chiuso il 2014 con una perdita di 99M, quindi superiore a quella del consolidato, ha invece un patrimonio netto negativo per soli 20,95M. Quindi la ricapitalizzazione necessaria dal punto di vista legale è limitata a poco più di 21M. Ma di fatto è già stata coperta dalla famiglia Berlusconi. Nel 2014 Fininvest ha infatti effettuato versamenti in conto capitale per 53M.

    Il gruppo Milan ha debiti complessivi per 334,5M (246,8M quelli finanziari), quasi il triplo dei crediti che si attestano a quota 114,8M. Il peggioramento dei risultati, tuttavia, non ha impedito un aumento del compenso degli organi sociali, salito da 2,2 a 2,55M (dovuti probabilmente alla nomina del secondo amministratore delegato, Barbara Berlusconi, accanto ad Adriano Galliani).
    Leggendo certe cose (non i numeri, che sono gonfiati per la cessione, ma i dettagli) a volte sembra proprio che la gestione finanziaria sia stata in mano a un Manenti qualunque...

  10. #9
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    10,995
    Citazione Originariamente Scritto da Super_Lollo Visualizza Messaggio
    Che vi dicevo ???

    " non sussistano i crediti vantati alla fine del 2013 verso l’azionista Fininvest per l’utilizzo delle perdite del club allo scopo di ridurre le tasse nel bilancio consolidato "

    Boooooom baby ... Così si fa
    Mi puoi spiegare cosa significa ?
    Non sono proprio un esperto in economia e nemmeno in italiano

  11. #10
    Efferosso
    Ospite
    Mi auguro sia un abbaglio.
    Si rischia la galera per falsi del genere.

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.