Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 9 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 83

  1. #21
    Junior Member L'avatar di Jack14
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    542
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Clamorosa rivelazione della Gazzetta dello Sport che conferma quanto riportato in esclusiva da Milan World, che ancora una volta non ha ricevuto alcuna menzione. Il quotidiano riporta le immagini già pubblicate in questo forum, grazie alle quali avevamo scoperto (per merito di @-Lionard-) che la rappresentante del governo di Pechino non era nient'altro che una persona facente parte di APECF, ossia Wang Xingxian. Ma riepiloghiamo la notizia dall'inizio.
    Quando la prima volta, nel 2009, il presidente Xi Jinping chiese a Silvio se il Milan fosse in vendita, Berlusconi rispose con un sorriso e la promessa che se quel giorno fosse arrivato, lui sarebbe stata la prima persona che avrebbe avvisato. E quel giorno è arrivato. Da Arcore, quindi, hanno subito attivato un ponte comunicativo con Pechino.

    Xi Jinping, uno degli uomini più potenti del mondo, leader del partito comunista cinese, sta dialogando e ragionando direttamente con Silvio Berlusconi per costruire la nuova era rossonera. Se per qualcuno non è ancora chiaro, l'acquisto del Milan in Cina è diventato un affare di Stato. Ad altissimi livelli. Quando Berlusconi parlava di "due offerte cinesi che a breve si riveleranno", faceva riferimento proprio a queste: da una parte Bee, thailandese con alle spalle fondi cinesi, e dall'altra parte c'è il governo cinese. Con il quale si sta ragionando su uno scenario che supera i confini del Milan e arriva fino a Mediaset e della possibilità di garantire a Fininvest una fetta importante del mercato televisivo orientale. Non si tratta quindi di un appoggio esterno, ma di una trattativa in cui il governo cinese è direttamente coinvolto e protagonista. La svolta è arrivata quando è giunta a Milano la famigerata dama cinese. Questo forum, il primo in Italia, da ormai sei giorni ne aveva riportato l'identità (La cessione del Milan in Cina. Il riepilogo firmato Milan World.). Si tratta di Wang Xingxian, direttore «The power of dream, come with love» dell’organismo Apecf, una sorta di consorzio d’imprese creato dal governo cinese per incrementare gli investimenti in Europa. Dunque la ricostruzione e le notizie riportate da mesi in questo forum sono ancora vive, forti e in prima linea.
    Miss Wang si è vista per la prima volta il 30 aprile, quando la sua cordata ha concluso la due diligence. Nei due giorni successivi è stata ricevuta ad Arcore, dove il 2 e 3 maggio ha incontrato Silvio. L'offerta recapitata è quella già detta: 580M per il 51% del Milan.
    Mrs Wang è stata un’ambasciatrice di un governo che indirizza le scelte di tutte le grandi aziende cinesi attraverso la partecipazione con fondi pubblici al bilancio o con la politica.
    Silvio Berlusconi ha condotto personalmente da Villa San Martino la trattativa con il presidente Xi Jinping e con il primo ministro del Consiglio di Stato, Li Keqiang. Silvio ha parlato in conference call con Pechino, a conferma che l’interesse dell’apparato cinese è fortissimo: vuoi perché Xi è grande appassionato di calcio e simpatizzante del Milan, vuoi perché il calcio è stato individuato come la prossima frontiera da conquistare per affermare la leadership mondiale.

    Ma nel web vi era stata già una importante conferma il 7 maggio: una testata, infatti, ha pubblicato la foto di un membro del partito con alle spalle lo stemma del Milan e la scritta: «Il presidente Xi dà il via all’attacco: la forte Cina potrebbe comprare il Milan per 1
    miliardo e 190 milioni». Non solo. Poche ore dopo, ecco un’altra foto. Stavolta in primo piano c’era Wang Jianlin, il boss di Wanda Group e amico personale del presidente Xi, con alle spalle ancora il marchio rossonero: «Jianlin irrompe nei campionati europei e attacca ancora, stavolta la Serie A». Le foto sono però durate poco perché la censura governativa ha fatto il suo lavoro, eliminandole dal web. Ma il dado è tratto: il Milan sarà la nuova squadra del governo cinese.


    Ecco le foto censurate:





    Il piano di Pechino è molto ambizioso: partire dalla base per arrivare all'eccellenza. Il progetto di sviluppo del calcio cinese prevede un piano di investimenti decennale pari a 12,5 miliardi di euro. L'obiettivo è costruire 20 mila campi, formare 6 mila insegnanti di calcio, perché nel 2017 il calcio diventerà materia obbligatoria in tutte le scuole. E' in questo contesto che il Milan è stato individuato dai vertici del governo cinese come uno dei modelli di riferimento (l'acquisto del Milan rientrerebbe in quei 12,5 miliardi già stanziati). Il calcio per molti anni, infatti, è stata fonte d'imbarazzo in tutta la Cina che quindi ha deciso di svoltare anche in questo campo. L'obiettivo è quello di trasformare la Cina in una potenza mondiale anche in questo sport, che diventerebbe un veicolo per affermare la supremazia cinese nell'economia mondiale.

    Il presidente Xi si è innamorato del Milan di Berlusconi che vinceva tutto. E non è solo un tifoso, ma un autentico fissato per il calcio. E il suo sogno era quello di diventare calciatore. Negli anni, tuttavia, è dovuto passare attraverso dolorosissime delusioni: il 15 giugno 2013, nel giorno del suo 60°
    compleanno, dopo aver già perso in amichevole contro Uzbekistan e Olanda, la Cina fu travolta a Hefei 5-1 da una selezione giovanile thailandese. Xi tuonò: «Inaccettabile: è uno dei giorni più brutti della storia del calcio cinese», obbligando alle dimissioni il c.t. José Antonio Camacho.
    Xi, inoltre, è amico personale di Silvio Berlusconi con il quale ha già avuto numerosi incontri in passato. E a Pechino lo stesso Silvio è considerato un amico.
    Io rimango scettico, anche perchè non vorrei illudermi. Qui vedo che è facile illudersi, sperare in campioni e tanti soldi, anche perchè gli ultimi anni per noi sono stati catastrofici. Il punto secondo me è che se i cinesi stanziano 12 miliardi non significa che vogliono buttarli via: rimane secondo me, il grosso ostacolo della sopravvalutazione del Berlusca del Milan. Siamo certi che i cinesi vogliano mettere oltre 1 milardo (per una società che vale su per giù 700-800 milioni) e stanziare ogni anno 100-200 milioni? A mio parere lo scoglio per questa valutazione è proprio questo.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #22
    Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    728
    magari fosse vero e si potrebbe tornare a sognare un grande Milan

  4. #23
    Member L'avatar di dyablo65
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    veneto
    Messaggi
    2,303
    non vedo l'ora che finiscano tutti questi teatrini e che si cominci EFFETTIVAMENTE a parlare di di rifondazione ( comunista ) di questa squadra.
    ma chi xeo Lu Boh...?

  5. #24
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,693
    Citazione Originariamente Scritto da Jack14 Visualizza Messaggio
    Io rimango scettico, anche perchè non vorrei illudermi. Qui vedo che è facile illudersi, sperare in campioni e tanti soldi, anche perchè gli ultimi anni per noi sono stati catastrofici. Il punto secondo me è che se i cinesi stanziano 12 miliardi non significa che vogliono buttarli via: rimane secondo me, il grosso ostacolo della sopravvalutazione del Berlusca del Milan. Siamo certi che i cinesi vogliano mettere oltre 1 milardo (per una società che vale su per giù 700-800 milioni) e stanziare ogni anno 100-200 milioni? A mio parere lo scoglio per questa valutazione è proprio questo.
    Semplice: perchè i cinesi sono abituati ad essere i primi ovunque si cimentino. E vorranno esserlo al Milan, specie se ne va del prestigio e dell'onore del suo Governo e del Partito. E per primi intendo primi in tutto: vittorie sportive, vittorie nel fatturato. Puoi esserne certo.

    P.S.: I cinesi hanno valutato il club proprio 800 milioni. 580 milioni per il 51% del capitale significa una valutazione di 1.137 milioni di euro per il 100%, che è la somma esatta della stima del valore del club (800 milioni, il valore riportato in quel famoso articolo di Next Magazine), della sua esposizione debitoria complessiva (245 milioni, ultimo bilancio) e dello sbilancio (92 milioni, ultimo bilancio), che rileveranno in quota.

  6. #25
    Iblahimovic
    Ospite
    magari sbaglio, ma finchè i compratori pensano di prendere un risicato 51% per comandare con il minimo sforzo, berlusconi sarà sempre restio a lasciare.

  7. #26
    Junior Member L'avatar di -Lionard-
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    451
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Clamorosa rivelazione della Gazzetta dello Sport che conferma quanto riportato in esclusiva da Milan World, che ancora una volta non ha ricevuto alcuna menzione. Il quotidiano riporta le immagini già pubblicate in questo forum, grazie alle quali avevamo scoperto (per merito di @-Lionard-) che la rappresentante del governo di Pechino non era nient'altro che una persona facente parte di APECF, ossia Wang Xingxian. Ma riepiloghiamo la notizia dall'inizio.
    Quando la prima volta, nel 2009, il presidente Xi Jinping chiese a Silvio se il Milan fosse in vendita, Berlusconi rispose con un sorriso e la promessa che se quel giorno fosse arrivato, lui sarebbe stata la prima persona che avrebbe avvisato. E quel giorno è arrivato. Da Arcore, quindi, hanno subito attivato un ponte comunicativo con Pechino.

    Xi Jinping, uno degli uomini più potenti del mondo, leader del partito comunista cinese, sta dialogando e ragionando direttamente con Silvio Berlusconi per costruire la nuova era rossonera. Se per qualcuno non è ancora chiaro, l'acquisto del Milan in Cina è diventato un affare di Stato. Ad altissimi livelli. Quando Berlusconi parlava di "due offerte cinesi che a breve si riveleranno", faceva riferimento proprio a queste: da una parte Bee, thailandese con alle spalle fondi cinesi, e dall'altra parte c'è il governo cinese. Con il quale si sta ragionando su uno scenario che supera i confini del Milan e arriva fino a Mediaset e della possibilità di garantire a Fininvest una fetta importante del mercato televisivo orientale. Non si tratta quindi di un appoggio esterno, ma di una trattativa in cui il governo cinese è direttamente coinvolto e protagonista. La svolta è arrivata quando è giunta a Milano la famigerata dama cinese. Questo forum, il primo in Italia, da ormai sei giorni ne aveva riportato l'identità (La cessione del Milan in Cina. Il riepilogo firmato Milan World.). Si tratta di Wang Xingxian, direttore «The power of dream, come with love» dell’organismo Apecf, una sorta di consorzio d’imprese creato dal governo cinese per incrementare gli investimenti in Europa. Dunque la ricostruzione e le notizie riportate da mesi in questo forum sono ancora vive, forti e in prima linea.
    Miss Wang si è vista per la prima volta il 30 aprile, quando la sua cordata ha concluso la due diligence. Nei due giorni successivi è stata ricevuta ad Arcore, dove il 2 e 3 maggio ha incontrato Silvio. L'offerta recapitata è quella già detta: 580M per il 51% del Milan.
    Mrs Wang è stata un’ambasciatrice di un governo che indirizza le scelte di tutte le grandi aziende cinesi attraverso la partecipazione con fondi pubblici al bilancio o con la politica.
    Silvio Berlusconi ha condotto personalmente da Villa San Martino la trattativa con il presidente Xi Jinping e con il primo ministro del Consiglio di Stato, Li Keqiang. Silvio ha parlato in conference call con Pechino, a conferma che l’interesse dell’apparato cinese è fortissimo: vuoi perché Xi è grande appassionato di calcio e simpatizzante del Milan, vuoi perché il calcio è stato individuato come la prossima frontiera da conquistare per affermare la leadership mondiale.

    Ma nel web vi era stata già una importante conferma il 7 maggio: una testata, infatti, ha pubblicato la foto di un membro del partito con alle spalle lo stemma del Milan e la scritta: «Il presidente Xi dà il via all’attacco: la forte Cina potrebbe comprare il Milan per 1
    miliardo e 190 milioni». Non solo. Poche ore dopo, ecco un’altra foto. Stavolta in primo piano c’era Wang Jianlin, il boss di Wanda Group e amico personale del presidente Xi, con alle spalle ancora il marchio rossonero: «Jianlin irrompe nei campionati europei e attacca ancora, stavolta la Serie A». Le foto sono però durate poco perché la censura governativa ha fatto il suo lavoro, eliminandole dal web. Ma il dado è tratto: il Milan sarà la nuova squadra del governo cinese.


    Ecco le foto censurate:





    Il piano di Pechino è molto ambizioso: partire dalla base per arrivare all'eccellenza. Il progetto di sviluppo del calcio cinese prevede un piano di investimenti decennale pari a 12,5 miliardi di euro. L'obiettivo è costruire 20 mila campi, formare 6 mila insegnanti di calcio, perché nel 2017 il calcio diventerà materia obbligatoria in tutte le scuole. E' in questo contesto che il Milan è stato individuato dai vertici del governo cinese come uno dei modelli di riferimento (l'acquisto del Milan rientrerebbe in quei 12,5 miliardi già stanziati). Il calcio per molti anni, infatti, è stata fonte d'imbarazzo in tutta la Cina che quindi ha deciso di svoltare anche in questo campo. L'obiettivo è quello di trasformare la Cina in una potenza mondiale anche in questo sport, che diventerebbe un veicolo per affermare la supremazia cinese nell'economia mondiale.

    Il presidente Xi si è innamorato del Milan di Berlusconi che vinceva tutto. E non è solo un tifoso, ma un autentico fissato per il calcio. E il suo sogno era quello di diventare calciatore. Negli anni, tuttavia, è dovuto passare attraverso dolorosissime delusioni: il 15 giugno 2013, nel giorno del suo 60°
    compleanno, dopo aver già perso in amichevole contro Uzbekistan e Olanda, la Cina fu travolta a Hefei 5-1 da una selezione giovanile thailandese. Xi tuonò: «Inaccettabile: è uno dei giorni più brutti della storia del calcio cinese», obbligando alle dimissioni il c.t. José Antonio Camacho.
    Xi, inoltre, è amico personale di Silvio Berlusconi con il quale ha già avuto numerosi incontri in passato. E a Pechino lo stesso Silvio è considerato un amico.
    Ringrazio @-Il Re dell'Est- per la citazione. Che ci abbia davvero azzeccato? Sono curioso di sapere se il nome della Wang è saltato fuori perchè le fonti dei due giornalisti della Gazzetta glielo hanno suggerito o perchè magari sbirciando sul forum, visto che lo avevano fatto pure per l'articolo di Next Magazine, hanno notato il mio post. Le foto che riportano sul quotidiano sono proprio quelle che avevo inserito io... Comunque speriamo sia tutto vero anche se il dubbio sul ruolo della banca CITIC rimane. Come già sottolineato da altri, perchè alzare il prezzo con un'asta tra due cordate sostenute direttamente o indirettamente dal governo cinese?

  8. #27
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    62,099
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Clamorosa rivelazione della Gazzetta dello Sport che conferma quanto riportato in esclusiva da Milan World, che ancora una volta non ha ricevuto alcuna menzione. Il quotidiano riporta le immagini già pubblicate in questo forum, grazie alle quali avevamo scoperto (per merito di @-Lionard-) che la rappresentante del governo di Pechino non era nient'altro che una persona facente parte di APECF, ossia Wang Xingxian. Ma riepiloghiamo la notizia dall'inizio.
    Quando la prima volta, nel 2009, il presidente Xi Jinping chiese a Silvio se il Milan fosse in vendita, Berlusconi rispose con un sorriso e la promessa che se quel giorno fosse arrivato, lui sarebbe stata la prima persona che avrebbe avvisato. E quel giorno è arrivato. Da Arcore, quindi, hanno subito attivato un ponte comunicativo con Pechino.

    Xi Jinping, uno degli uomini più potenti del mondo, leader del partito comunista cinese, sta dialogando e ragionando direttamente con Silvio Berlusconi per costruire la nuova era rossonera. Se per qualcuno non è ancora chiaro, l'acquisto del Milan in Cina è diventato un affare di Stato. Ad altissimi livelli. Quando Berlusconi parlava di "due offerte cinesi che a breve si riveleranno", faceva riferimento proprio a queste: da una parte Bee, thailandese con alle spalle fondi cinesi, e dall'altra parte c'è il governo cinese. Con il quale si sta ragionando su uno scenario che supera i confini del Milan e arriva fino a Mediaset e della possibilità di garantire a Fininvest una fetta importante del mercato televisivo orientale. Non si tratta quindi di un appoggio esterno, ma di una trattativa in cui il governo cinese è direttamente coinvolto e protagonista. La svolta è arrivata quando è giunta a Milano la famigerata dama cinese. Questo forum, il primo in Italia, da ormai sei giorni ne aveva riportato l'identità (La cessione del Milan in Cina. Il riepilogo firmato Milan World.). Si tratta di Wang Xingxian, direttore «The power of dream, come with love» dell’organismo Apecf, una sorta di consorzio d’imprese creato dal governo cinese per incrementare gli investimenti in Europa. Dunque la ricostruzione e le notizie riportate da mesi in questo forum sono ancora vive, forti e in prima linea.
    Miss Wang si è vista per la prima volta il 30 aprile, quando la sua cordata ha concluso la due diligence. Nei due giorni successivi è stata ricevuta ad Arcore, dove il 2 e 3 maggio ha incontrato Silvio. L'offerta recapitata è quella già detta: 580M per il 51% del Milan.
    Mrs Wang è stata un’ambasciatrice di un governo che indirizza le scelte di tutte le grandi aziende cinesi attraverso la partecipazione con fondi pubblici al bilancio o con la politica.
    Silvio Berlusconi ha condotto personalmente da Villa San Martino la trattativa con il presidente Xi Jinping e con il primo ministro del Consiglio di Stato, Li Keqiang. Silvio ha parlato in conference call con Pechino, a conferma che l’interesse dell’apparato cinese è fortissimo: vuoi perché Xi è grande appassionato di calcio e simpatizzante del Milan, vuoi perché il calcio è stato individuato come la prossima frontiera da conquistare per affermare la leadership mondiale.

    Ma nel web vi era stata già una importante conferma il 7 maggio: una testata, infatti, ha pubblicato la foto di un membro del partito con alle spalle lo stemma del Milan e la scritta: «Il presidente Xi dà il via all’attacco: la forte Cina potrebbe comprare il Milan per 1
    miliardo e 190 milioni». Non solo. Poche ore dopo, ecco un’altra foto. Stavolta in primo piano c’era Wang Jianlin, il boss di Wanda Group e amico personale del presidente Xi, con alle spalle ancora il marchio rossonero: «Jianlin irrompe nei campionati europei e attacca ancora, stavolta la Serie A». Le foto sono però durate poco perché la censura governativa ha fatto il suo lavoro, eliminandole dal web. Ma il dado è tratto: il Milan sarà la nuova squadra del governo cinese.


    Ecco le foto censurate:





    Il piano di Pechino è molto ambizioso: partire dalla base per arrivare all'eccellenza. Il progetto di sviluppo del calcio cinese prevede un piano di investimenti decennale pari a 12,5 miliardi di euro. L'obiettivo è costruire 20 mila campi, formare 6 mila insegnanti di calcio, perché nel 2017 il calcio diventerà materia obbligatoria in tutte le scuole. E' in questo contesto che il Milan è stato individuato dai vertici del governo cinese come uno dei modelli di riferimento (l'acquisto del Milan rientrerebbe in quei 12,5 miliardi già stanziati). Il calcio per molti anni, infatti, è stata fonte d'imbarazzo in tutta la Cina che quindi ha deciso di svoltare anche in questo campo. L'obiettivo è quello di trasformare la Cina in una potenza mondiale anche in questo sport, che diventerebbe un veicolo per affermare la supremazia cinese nell'economia mondiale.

    Il presidente Xi si è innamorato del Milan di Berlusconi che vinceva tutto. E non è solo un tifoso, ma un autentico fissato per il calcio. E il suo sogno era quello di diventare calciatore. Negli anni, tuttavia, è dovuto passare attraverso dolorosissime delusioni: il 15 giugno 2013, nel giorno del suo 60°
    compleanno, dopo aver già perso in amichevole contro Uzbekistan e Olanda, la Cina fu travolta a Hefei 5-1 da una selezione giovanile thailandese. Xi tuonò: «Inaccettabile: è uno dei giorni più brutti della storia del calcio cinese», obbligando alle dimissioni il c.t. José Antonio Camacho.
    Xi, inoltre, è amico personale di Silvio Berlusconi con il quale ha già avuto numerosi incontri in passato. E a Pechino lo stesso Silvio è considerato un amico.

    Speriamo che vada tutto in porto. La Cina è e deve essere sempre la prima scelta.

    PS Come al solito, si "lavora" col lavoro degli altri...
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  9. #28
    Moderatore L'avatar di mefisto94
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    23,266
    Citazione Originariamente Scritto da pazzomania Visualizza Messaggio
    Forse dico una stupidaggine: Ma non è vietato nel calcio ricevere aiuti "statali" et simila?

    Se davvero avessimo la Cina alle spalle, non vorrei che gli avversari intimoriti si mettana a far casino...
    Basta che non sia esplicito secondo me.

    Citazione Originariamente Scritto da Dumbaghi Visualizza Messaggio
    teoricamente bisognerebbe aspettare ancora 3-4 settimane e mettersi il cuore in pace, ma come si fa ?

     

    e Dudù è un pechinese e dudù è un pechineseeeeeee
    No 3-4 settimane no.

    Dai dai dai.

  10. #29
    Iblahimovic
    Ospite
    magari è il Milan che passa le info alla Gazzetta, piu che il governo cinese o mr lee. Altrimenti non avrebbero applicato la censura a quelle foto.

  11. #30
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Lucca
    Messaggi
    5,942
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Clamorosa rivelazione della Gazzetta dello Sport che conferma quanto riportato in esclusiva da Milan World, che ancora una volta non ha ricevuto alcuna menzione. Il quotidiano riporta le immagini già pubblicate in questo forum, grazie alle quali avevamo scoperto (per merito di @-Lionard-) che la rappresentante del governo di Pechino non era nient'altro che una persona facente parte di APECF, ossia Wang Xingxian. Ma riepiloghiamo la notizia dall'inizio.
    Quando la prima volta, nel 2009, il presidente Xi Jinping chiese a Silvio se il Milan fosse in vendita, Berlusconi rispose con un sorriso e la promessa che se quel giorno fosse arrivato, lui sarebbe stata la prima persona che avrebbe avvisato. E quel giorno è arrivato. Da Arcore, quindi, hanno subito attivato un ponte comunicativo con Pechino.

    Xi Jinping, uno degli uomini più potenti del mondo, leader del partito comunista cinese, sta dialogando e ragionando direttamente con Silvio Berlusconi per costruire la nuova era rossonera. Se per qualcuno non è ancora chiaro, l'acquisto del Milan in Cina è diventato un affare di Stato. Ad altissimi livelli. Quando Berlusconi parlava di "due offerte cinesi che a breve si riveleranno", faceva riferimento proprio a queste: da una parte Bee, thailandese con alle spalle fondi cinesi, e dall'altra parte c'è il governo cinese. Con il quale si sta ragionando su uno scenario che supera i confini del Milan e arriva fino a Mediaset e della possibilità di garantire a Fininvest una fetta importante del mercato televisivo orientale. Non si tratta quindi di un appoggio esterno, ma di una trattativa in cui il governo cinese è direttamente coinvolto e protagonista. La svolta è arrivata quando è giunta a Milano la famigerata dama cinese. Questo forum, il primo in Italia, da ormai sei giorni ne aveva riportato l'identità (La cessione del Milan in Cina. Il riepilogo firmato Milan World.). Si tratta di Wang Xingxian, direttore «The power of dream, come with love» dell’organismo Apecf, una sorta di consorzio d’imprese creato dal governo cinese per incrementare gli investimenti in Europa. Dunque la ricostruzione e le notizie riportate da mesi in questo forum sono ancora vive, forti e in prima linea.
    Miss Wang si è vista per la prima volta il 30 aprile, quando la sua cordata ha concluso la due diligence. Nei due giorni successivi è stata ricevuta ad Arcore, dove il 2 e 3 maggio ha incontrato Silvio. L'offerta recapitata è quella già detta: 580M per il 51% del Milan.
    Mrs Wang è stata un’ambasciatrice di un governo che indirizza le scelte di tutte le grandi aziende cinesi attraverso la partecipazione con fondi pubblici al bilancio o con la politica.
    Silvio Berlusconi ha condotto personalmente da Villa San Martino la trattativa con il presidente Xi Jinping e con il primo ministro del Consiglio di Stato, Li Keqiang. Silvio ha parlato in conference call con Pechino, a conferma che l’interesse dell’apparato cinese è fortissimo: vuoi perché Xi è grande appassionato di calcio e simpatizzante del Milan, vuoi perché il calcio è stato individuato come la prossima frontiera da conquistare per affermare la leadership mondiale.

    Ma nel web vi era stata già una importante conferma il 7 maggio: una testata, infatti, ha pubblicato la foto di un membro del partito con alle spalle lo stemma del Milan e la scritta: «Il presidente Xi dà il via all’attacco: la forte Cina potrebbe comprare il Milan per 1
    miliardo e 190 milioni». Non solo. Poche ore dopo, ecco un’altra foto. Stavolta in primo piano c’era Wang Jianlin, il boss di Wanda Group e amico personale del presidente Xi, con alle spalle ancora il marchio rossonero: «Jianlin irrompe nei campionati europei e attacca ancora, stavolta la Serie A». Le foto sono però durate poco perché la censura governativa ha fatto il suo lavoro, eliminandole dal web. Ma il dado è tratto: il Milan sarà la nuova squadra del governo cinese.


    Ecco le foto censurate:





    Il piano di Pechino è molto ambizioso: partire dalla base per arrivare all'eccellenza. Il progetto di sviluppo del calcio cinese prevede un piano di investimenti decennale pari a 12,5 miliardi di euro. L'obiettivo è costruire 20 mila campi, formare 6 mila insegnanti di calcio, perché nel 2017 il calcio diventerà materia obbligatoria in tutte le scuole. E' in questo contesto che il Milan è stato individuato dai vertici del governo cinese come uno dei modelli di riferimento (l'acquisto del Milan rientrerebbe in quei 12,5 miliardi già stanziati). Il calcio per molti anni, infatti, è stata fonte d'imbarazzo in tutta la Cina che quindi ha deciso di svoltare anche in questo campo. L'obiettivo è quello di trasformare la Cina in una potenza mondiale anche in questo sport, che diventerebbe un veicolo per affermare la supremazia cinese nell'economia mondiale.

    Il presidente Xi si è innamorato del Milan di Berlusconi che vinceva tutto. E non è solo un tifoso, ma un autentico fissato per il calcio. E il suo sogno era quello di diventare calciatore. Negli anni, tuttavia, è dovuto passare attraverso dolorosissime delusioni: il 15 giugno 2013, nel giorno del suo 60°
    compleanno, dopo aver già perso in amichevole contro Uzbekistan e Olanda, la Cina fu travolta a Hefei 5-1 da una selezione giovanile thailandese. Xi tuonò: «Inaccettabile: è uno dei giorni più brutti della storia del calcio cinese», obbligando alle dimissioni il c.t. José Antonio Camacho.
    Xi, inoltre, è amico personale di Silvio Berlusconi con il quale ha già avuto numerosi incontri in passato. E a Pechino lo stesso Silvio è considerato un amico.
    Grande Milanworld, e grande notizia. La Cina è la maggiore potenza economica mondiale, tiene per le palle tutti (USA compresi).

Pagina 3 di 9 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.