Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 5 di 6 PrimaPrima ... 3456 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 56

  1. #41
    Citazione Originariamente Scritto da The P Visualizza Messaggio
    Innanzitutto stai mettendo dentro Ibra + Witzel. Poi guardiamo solo noi. Ma dai, Bonaventura come trequartista non giocherebbe mai alla roma, all'inter e alla juve.
    Il centrocampo è anni luce dietro le altre, la difesa è dietro pure. In quella formazione la differenza la fa Ibra, che ancora non è nostro!!!
    Poi le riserve, ma Honda è forte per voi? Ma dai è na pippa acclarata. Non è da top club dai.
    Honda come trequartista per me sarà ottimo.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #42
    Selezione naturale

  4. #43
    Member L'avatar di The P
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    4,634
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Mihajlovic, com’è il primo bilancio di questa sua avventura al Milan?
    "È positivo perché stiamo lavorando bene. Siamo ripartiti da zero cambiando giocatori, modulo, sistema di lavoro. Stiamo mettendo i tasselli giusti al posto giusto sia per quanto riguarda i concetti di gioco sia per quanto riguarda i comportamenti. Abbiamo preso la strada ideale e saremo pronti quando inizieranno le partite che contano".

    C’è grande entusiasmo attorno al Milan. Questo aggiunge pressione?
    "A me no. Piuttosto mi responsabilizza, ma io sono fatto così: più mi sento responsabilizzato e più tiro fuori il meglio da me stesso. Non ho paura di prendere rischi e affrontare certe sfide: io vivo per affrontarle e per vincerle".

    Qual è l’obiettivo da non fallire?
    "Arrivare tra i primi tre. Ma, con la squadra che abbiamo, se riusciamo a prendere ancora qualcuno possiamo fare il salto di qualità".

    Qualcuno? Quanti e chi?
    "Uno o due giocatori al massimo. Niente nomi...".

    Contro il Real si è visto un Milan con una chiara identità. Lei spesso lascia che a gestire il lavoro tattico sia il suo collaboratore Emilio De Leo. Come mai?
    "Io non ho la presunzione di saper fare ogni cosa meglio di tutti. Avere un grande staff migliora me e la squadra. Certe cose le ho imparate da c.t. e quando sono andato in giro a studiare Mourinho, Guardiola, Klopp, Wenger. Ci sono allenamenti in cui l’head coach deve essere presente e altri in cui, se ha fiducia nei collaboratori, deve lasciare spazio. Klopp aveva un vice molto bravo e mi disse: “È l’allenatore migliore del mondo, ma non potrebbe mai fare il mio lavoro”. Io voglio dare soddisfazione al mio staff e così, ad esempio, lascio tutto il lavoro atletico in mano a Bovenzi. Nel nostro gruppo ognuno sa che cosa fare e si prende le proprie responsabilità" .

    A proposito di tattica, parliamo del suo Milan. Il martellamento su alcuni concetti-base in allenamento è evidente. Vuole che tutto sia meccanizzato?
    "Deve esserlo. In ogni situazione i giocatori devono sapere che cosa fare. Non mi arrabbierò mai per un gol sbagliato, ma mi arrabbierò tantissimo se non faranno ciò che è concordato. Quando scendono in campo, all’80% sanno già che cosa fare, il restante 20% è adattamento all’avversario. Nei momenti di difficoltà non bisogna perdere la testa, ma seguire i propri principi di gioco. Quindi dobbiamo essere organizzati e sapere quello che vogliamo".

    Ci sono alcuni principi fondamentali: i terzini alti, le rotazioni sulla trequarti con il coinvolgimento delle mezzali, una copertura equilibrata, la ricerca della profondità. È difficile mettere insieme tutto in poco tempo?
    "Quando noi abbiamo la palla, i movimenti sono chiari e semplici: uno viene in appoggio al portatore, uno dà ampiezza, uno si muove tra le linee, due o tre cercano la profondità sfruttando gli spazi aperti dai movimenti dei compagni. E poi noi analizziamo la partita per vedere se tutte queste consegne sono state rispettate".

    Le caratteristiche del trequartista (più o meno offensivo) saranno decise partita per partita?
    "Sì, la scelta dipenderà anche dal momento di forma e dal tipo di avversari. In alcuni incontri avremo bisogno di chi può garantirci più copertura, in altri saremo più offensivi. Senza trascurare mai un altro concetto-base: i primi difensori devono essere gli attaccanti. E non è un modo di dire. Fino a metà campo le punte devono seguire gli avversari e sacrificarsi, dopo la metà campo ci pensano gli altri".

    Visto che parliamo di attaccanti, il problema della coesistenza tra Bacca e Luiz Adriano non la preoccupa?
    "I giocatori forti parlano la stessa lingua e si capiscono. Il problema c’è se uno è forte e l’altro è scarso, ma non è il nostro caso. E poi loro hanno compiti precisi in fase difensiva, sanno i movimenti da eseguire in avanti, ma sono anche liberi di esprimere il talento e la fantasia cercando soluzioni alternative".

    Con questo sistema di incroci e rotazioni, spesso i giocatori si trovano in un ruolo diverso da quello di partenza.
    "Abbiamo interscambi tra terzini e interni, le rotazioni a centrocampo, movimenti che coinvolgono tutta la squadra. I giocatori non si devono limitare a fare un ruolo, ma devono essere in grado di ricoprirli tutti se in base allo sviluppo dell’azione vengono portati lontano dalla zona abituale. E poi devono leggere le situazioni: ad esempio, se giochiamo contro una squadra che ha una punta sola, non voglio che il regista si abbassi troppo perché andremmo in inferiorità numerica in mezzo e ci allungheremmo troppo. In quel caso i centrali difensivi devono avere la personalità di uscire con la palla e avviare l’azione".

    È più difficile allenare il fisico o la testa?
    "Allenare la testa. Se sistemi quella, vai bene. Altrimenti no. La cosa fondamentale è stata far tornare ai giocatori la voglia di lavorare. Chi è al Milan deve dare il massimo e uscire dal campo a testa alta: è un obbligo. Ed è facile dirlo, molto meno farlo. Quando giocavo, la mia nazionale era piena di talento ma non vincemmo nulla perché ognuno faceva quello che voleva. Poi ho capito che sbagliavamo".

    È più facile capirlo dopo.
    "Vero. Ma io sono qui per questo: per aiutare i giocatori a capirlo prima... Il talento non batterà mai le regole. I giusti comportamenti ti portano alla vittoria, quelli sbagliati ti portano alla sconfitta. E attenzione: questo vale prima di tutto per me. Se io pretendo rispetto e lealtà, devo essere io a darli per primo".

    Senza le coppe potrà lavorare bene in settimana e individuare una formazione titolare.
    "Sì. Però i giocatori devono capire che si può essere determinanti anche in dieci minuti. E naturalmente si devono allenare bene, altrimenti non giocano di sicuro. Ma questo l’hanno già capito... Finora non posso lamentarmi di nulla. Scegliere la formazione è sempre la cosa più difficile se i giocatori si allenano bene. Nessuno si deve sentire titolare e chi non gioca deve mettermi in difficoltà in allenamento o nello spezzone che gli concedo. E se vogliono parlarmi, la mia porta sarà sempre aperta per loro. Io non ho problemi, ma non guardo in faccia a nessuno".

    Ha visto il calendario? Debutta a Firenze...
    "Forse è meglio: di sicuro non sottovaluteremo la partita, anche se questo non accadrà mai e contro nessuno. Non faccio mai caso al calendario. Mi è successo di pensare “è un buon inizio” e poi non facevo un punto. Le prime partite sono sempre un’incognita: meglio concentrarsi sul lavoro" .



    Intervista esclusiva della Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 1 Agosto 2015, al tecnico del Milan Sinisa Mihajlovic. Ecco la prima pagina, con un estratto delle parole dell'allenatore:

    "Siamo già da Champions. E con due colpi... Decisivo ridare ai giocatori la voglia di lavorare. Bacca e Luiz Adriano possono coesistere".
    bella intervista comunque. A parte la frase su "uno o due acquisti massimo" per avere una squadra fortissima. Follia.

  5. #44
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    38,303
    Bella intervista, se arriveranno pure i risultati il mio scetticismo svanirà. Lui parla di due acquisti, io continuo a ribadirne tre: Romagnoli, Witsel ed Ibra. Tre acquisti che renderebbero ottima ed intelligente la campagna acquisti.

  6. #45
    Senior Member
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    10,129
    I due colpi a cui si riferisce Mihajlovic sono il difensore e il centrocampista.
    Ibra è un bonus. Pure se avesse parlato di quattro-cinque colpi, Ibra non sarebbe nella lista essendo una cosa a parte.
    Oltre a ciò, ha fatto bene a limitarsi a "due colpi", perchè al PSG arriva ogni notizia dal fronte Milan, ed è bene non infastidirli ed evitare ogni equivoco. Da Parigi sanno bene che Witsel e Romagnoli sono gli obiettivi principali assieme a Ibra, ma parlando di due colpi, al PSG hanno il dubbio che si riferisca solo a Witsel e Romagnoli; con tre colpi, il riferimento a Ibra diventa palese.
    Sono sottigliezze (sottigliezze a cui Mihajlovic è comunque attento), ma è bene non irritare minimamente il PSG, che volendo potrebbe decidere di mettere fuori rosa Ibra e tenerselo un altro anno solo per dispetto.

  7. #46
    Senior Member
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    10,129
    Citazione Originariamente Scritto da yohann Visualizza Messaggio
    Se non guarda in faccia nessuno allora Montolivo non deve vedere il campo.
    Prendiamo Witsel al suo posto.
    Uno come Witsel (o chi per lui) viene a prescindere.
    Al posto di Montolivo arriverebbe qualcun altro, nell'eventualità che si convincano che non si può andare avanti con lui.

  8. #47
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Nei giudizi sulla squadra non si tiene mai conto di una cosa essenziale,
    non abbiamo avuto una guida tecnica e atletica per alcuni anni.

    Molti giocatori potrebbero essere le pippe che si sono rivelate nelle ultime stagioni, ma potrebbero anche sorprendere

    A mio parere in attacco e difesa potremmo anche essere a posto per la serie A nonostante non vi siano top player, il centrocampo è ancora molto deficitario anche recuperando il miglior Montolivo, cosa di cui dubito.

    comunque un Ibra sarebbe senz'altro importante.

  9. #48
    Junior Member L'avatar di Superpippo9
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    341
    Citazione Originariamente Scritto da Aron Visualizza Messaggio
    I due colpi a cui si riferisce Mihajlovic sono il difensore e il centrocampista.
    Ibra è un bonus. Pure se avesse parlato di quattro-cinque colpi, Ibra non sarebbe nella lista essendo una cosa a parte.
    Oltre a ciò, ha fatto bene a limitarsi a "due colpi", perchè al PSG arriva ogni notizia dal fronte Milan, ed è bene non infastidirli ed evitare ogni equivoco. Da Parigi sanno bene che Witsel e Romagnoli sono gli obiettivi principali assieme a Ibra, ma parlando di due colpi, al PSG hanno il dubbio che si riferisca solo a Witsel e Romagnoli; con tre colpi, il riferimento a Ibra diventa palese.
    Sono sottigliezze (sottigliezze a cui Mihajlovic è comunque attento), ma è bene non irritare minimamente il PSG, che volendo potrebbe decidere di mettere fuori rosa Ibra e tenerselo un altro anno solo per dispetto.
    Secondo me i due sono romagnoli e Ibra! Col primo metti a posto i centrali col secondo metti a posto tutto!!! Perché Ibra mette a posto centrocampo e attacco in fase di possesso e la difesa sulle palle inattive ( a zona sul primo palo è sempre stato determinante)!!! Qui si parla di Ibra come la ciliegina sulla torta.... Ibra è la torta!!! Il regista a cc con lui non serve perché lo farebbe lui il regista offensivo oltre a garantire goal sia su azione che, dettaglio non da poco, su palle inattive ( non abbiamo uno che calci le punizioni)

  10. #49
    ma volete che continui a distruggere i giocatori come ha fato inzaghi ?
    x vincere prima devi essere vincente nella testa , allenare la testa x ottenere + del 100%

  11. #50
    Senior Member L'avatar di Roten1896
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Brisbane
    Messaggi
    18,261
    Citazione Originariamente Scritto da Superpippo9 Visualizza Messaggio
    Secondo me i due sono romagnoli e Ibra! Col primo metti a posto i centrali col secondo metti a posto tutto!!! Perché Ibra mette a posto centrocampo e attacco in fase di possesso e la difesa sulle palle inattive ( a zona sul primo palo è sempre stato determinante)!!! Qui si parla di Ibra come la ciliegina sulla torta.... Ibra è la torta!!! Il regista a cc con lui non serve perché lo farebbe lui il regista offensivo oltre a garantire goal sia su azione che, dettaglio non da poco, su palle inattive ( non abbiamo uno che calci le punizioni)
    .
    Il Mio Milan!
    #GD99 #AD90 #MS30 #LB19 #AR13 #MM22 #GG15 #CZ17 #RR68 #LA31 #AC12 #IA20 #DC2 #LB21 #FK79 #ML73 #RM18 #GB5 #HC10 #FB11 #JFS8 #AS9 #PC63 #NK7

Pagina 5 di 6 PrimaPrima ... 3456 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.