Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567
Risultati da 61 a 66 di 66

  1. #61
    Napoli chiama Arcore obbedisce

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #62
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio

    Volete sapere che allenatori internazionali e vincenti prese il Milan?
    Tabarez e Terim, ricordate com'è finita?

    Sono d' accordo, con allenatori stranieri non abbiamo mai vinto nulla,
    anzi coincidono propio i periodi peggiori con quei due..

  4. #63
    questa storia della personalità scarsa di montella in base a come risponde in conferenza stampa o a come si agita (o meno) in panchina mi sembra un po sciocca sinceramente....

    sono toscano mio padre è tifoso viola (e inter ahimè) e spesso ho sentito/seguito via radio locali o giornali locali di montella periodo viola...vi assicuro che è tutto meno che uno senza personalità...è stato spesso in rotta con la società (non solo nell ultimo periodo) e a volte ha fatto anche discorsi "crudi" alla tifoseria....tipo "questo è il massimo che si può fare con questi giocatori" e simili....alla seedorf per intenderci....

    con la differenza che seedorf lo ha fatto negli spogliatoi con gli ultras mentre montella in pubblico...

  5. #64
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,744
    Dunque, proviamo ad analizzare le idee di Montella.

    1) Per quanto riguarda la fase difensiva, Montella predilige giocare con la difesa alta e attuare un pressing ultraoffensivo per tentare di recuperare subito il pallone, con l'intenzione di mantenere la squadra corta, più o meno nel giro di 30 metri.
    2) Recuperare subito il pallone è funzionale, poi, alla fase di costruzione della manovra; infatti, Montella vuole recuperare subito il pallone per poterlo controllare e costruire con pazienza, con una trama di passaggi corti palla a terra; nel caso, poi, la costruzione debba partire dal portiere, allora la scelta preferita è partire sempre palla a terra attraverso una costruzione bassa.
    3) In fase di costruzione, dunque, Montella preferisce optare per le vie centrali del campo e, di conseguenza, anche la fase offensiva tende fortemente al palleggio e al fraseggio; di fatto le squadre del tecnico prediligono triangoli, uno-due e scambi rapidi nei pressi dell’area di rigore, piuttosto che ricercare la profondità, che viceversa, viene garantita dalle corsie esterne, le quali, a loro volta, garantiscono anche ampiezza, dal momento che la costruzione si scioglie lungo le vie centrali; nella fase offensiva, quindi, Montella è molto barceloniano, con la ricerca di una punta di manovra, se non di un vero falso nueve, che a Firenze trovò, anche soltanto per 6 mesi, in Pepito Rossi.

    Ora, quest idee le possono avere tutti, anche noi sul forum, ma la differenza fra un utente appassionato e un allenatore la fanno i risultati sul campo; e Montella li ha ottenuti questi risultati? Direi proprio di sì; infatti, ripeto: il Catania di Montella, soprannominato "il piccolo Barcellona", seguendo questi principi di gioco, con giocatori di tecnica come Almiron, Lodi, Barrientos e Gomez, arrivò all'undicesimo posto in campionato; quindi il turno della Fiorentina, con la quale Montella ottiene tre quarti posto di fila, oltre ad un ottavo di Europa League (eliminato dalla Juventus di Conte) e una semifinale di Europa League (eliminato dal Siviglia di Emery).
    Adesso, obiettivamente, vi pare che Montella potesse ottenere di più con il Catania o con la Fiorentina? È questo il punto su cui io premo, cioè sulle potenzialità delle sue società.
    Io sono fermamente convinto dei limiti della Fiorentina e non dei limiti di Montella; infatti in cosa peccava la viola? Innanzitutto veniva spesso a mancare la compattezza in fase di pressing alto e venivano spesso a mancare le coperture preventive per la difesa della profondità, che rendevano più pericolose del dovuto le ripartenze avversarie; e questo perché secondo voi? Perché i giocatori erano quello che erano. Rodriguez, Tomovic e Savic, ok, buoni giocatori ma niente di più.
    Il centrocampo dei Valero, dei Pizarro e degli Aquilani, invece, era troppo leggerino; infatti con questa filosofia di gioco due sono le cose: o controlli il pallone per il 60% ed oltre, schiacciando letteralmente l'avversario (cosa impossibile se non ti chiami Bayern o Barcellona), oppure, nelle fasi di non possesso hai i giocatori adeguati per reggere l'urto avversario, recuperare di nuovo palla e ricominciare; e anche qui io vedo limiti dei giocatori, perché Pizarro, Aquilani e Valero, ok, erano buoni giocatori, tecnici, ma non erano Iniesta e Xavi tecnicamente e, soprattutto, erano dei pesi piuma; infatti proviamo a guardare ad altri tecnici italiani che sono orientati ad una filosofia di possesso, come Sarri e Spalletti ad esempio: Sarri può vantare un giocatore come Allan, ma anche un giocatore come Hamsik, mentre Spalletti c'ha Nainggolan e De Rossi.
    Bene, io alla luce di tutto ciò ho immensa fiducia in Montella, purché gli venga data una rosa competitiva, altrimenti faremo la fine della sua Fiorentina, se non una fine peggiore: garantito.

  6. #65
    Senior Member L'avatar di diavoloINme
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    7,793
    Citazione Originariamente Scritto da Splendidi Incisivi Visualizza Messaggio
    Dunque, proviamo ad analizzare le idee di Montella.

    1) Per quanto riguarda la fase difensiva, Montella predilige giocare con la difesa alta e attuare un pressing ultraoffensivo per tentare di recuperare subito il pallone, con l'intenzione di mantenere la squadra corta, più o meno nel giro di 30 metri.
    2) Recuperare subito il pallone è funzionale, poi, alla fase di costruzione della manovra; infatti, Montella vuole recuperare subito il pallone per poterlo controllare e costruire con pazienza, con una trama di passaggi corti palla a terra; nel caso, poi, la costruzione debba partire dal portiere, allora la scelta preferita è partire sempre palla a terra attraverso una costruzione bassa.
    3) In fase di costruzione, dunque, Montella preferisce optare per le vie centrali del campo e, di conseguenza, anche la fase offensiva tende fortemente al palleggio e al fraseggio; di fatto le squadre del tecnico prediligono triangoli, uno-due e scambi rapidi nei pressi dell’area di rigore, piuttosto che ricercare la profondità, che viceversa, viene garantita dalle corsie esterne, le quali, a loro volta, garantiscono anche ampiezza, dal momento che la costruzione si scioglie lungo le vie centrali; nella fase offensiva, quindi, Montella è molto barceloniano, con la ricerca di una punta di manovra, se non di un vero falso nueve, che a Firenze trovò, anche soltanto per 6 mesi, in Pepito Rossi.

    Ora, quest idee le possono avere tutti, anche noi sul forum, ma la differenza fra un utente appassionato e un allenatore la fanno i risultati sul campo; e Montella li ha ottenuti questi risultati? Direi proprio di sì; infatti, ripeto: il Catania di Montella, soprannominato "il piccolo Barcellona", seguendo questi principi di gioco, con giocatori di tecnica come Almiron, Lodi, Barrientos e Gomez, arrivò all'undicesimo posto in campionato; quindi il turno della Fiorentina, con la quale Montella ottiene tre quarti posto di fila, oltre ad un ottavo di Europa League (eliminato dalla Juventus di Conte) e una semifinale di Europa League (eliminato dal Siviglia di Emery).
    Adesso, obiettivamente, vi pare che Montella potesse ottenere di più con il Catania o con la Fiorentina? È questo il punto su cui io premo, cioè sulle potenzialità delle sue società.
    Io sono fermamente convinto dei limiti della Fiorentina e non dei limiti di Montella; infatti in cosa peccava la viola? Innanzitutto veniva spesso a mancare la compattezza in fase di pressing alto e venivano spesso a mancare le coperture preventive per la difesa della profondità, che rendevano più pericolose del dovuto le ripartenze avversarie; e questo perché secondo voi? Perché i giocatori erano quello che erano. Rodriguez, Tomovic e Savic, ok, buoni giocatori ma niente di più.
    Il centrocampo dei Valero, dei Pizarro e degli Aquilani, invece, era troppo leggerino; infatti con questa filosofia di gioco due sono le cose: o controlli il pallone per il 60% ed oltre, schiacciando letteralmente l'avversario (cosa impossibile se non ti chiami Bayern o Barcellona), oppure, nelle fasi di non possesso hai i giocatori adeguati per reggere l'urto avversario, recuperare di nuovo palla e ricominciare; e anche qui io vedo limiti dei giocatori, perché Pizarro, Aquilani e Valero, ok, erano buoni giocatori, tecnici, ma non erano Iniesta e Xavi tecnicamente e, soprattutto, erano dei pesi piuma; infatti proviamo a guardare ad altri tecnici italiani che sono orientati ad una filosofia di possesso, come Sarri e Spalletti ad esempio: Sarri può vantare un giocatore come Allan, ma anche un giocatore come Hamsik, mentre Spalletti c'ha Nainggolan e De Rossi.
    Bene, io alla luce di tutto ciò ho immensa fiducia in Montella, purché gli venga data una rosa competitiva, altrimenti faremo la fine della sua Fiorentina, se non una fine peggiore: garantito.
    Splendida analisi!!!! Dare un giudizio sul montella allenatore vuol dire parlare del 'suo' calcio. E a me le sue idee piacciono da matti. Qua sembra che alcuni giudichino un allenatore dal ciuffo !!!
    Affermare poi che non abbia personalità?? Ma in base a quale presupposto poi? A me piace il modo pacato e lucido col quale si pone davanti le telecamere. Si intuisce che ha sempre le idee chiare. Finalmente abbiamo messo sotto contratto un tecnico che fa del gioco il suo credo.
    Un anno fa dopo aver preso mihajlovic cosa ci si aspettava?? Qualcuno lo ricorda? Molti non considerano un elemento fondamentale : la scelta dell'allenatore è la chiave di tutto. Prendere un allenatore che fa del gioco la sua filosofia implica poi prendere giocatori tecnici. Di certo non mi aspettavo lo scorso anno fini palleggiatori visto che il serbo non conosce e non applica questo tipo di calcio.
    Ora passiamo alle cose formali...

  7. #66
    Senior Member L'avatar di diavoloINme
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    7,793
    Per applicare alla perfezione il gioco di montella servono due tipologie di giocatori : i fini palleggiatori che gli possano garantire possesso palla ma poi servono anche i calciatori che 'spaccano' questo ritmo basso con accelerazioni e dribbling. Quindi servono i 'borja valero' e anche i 'cuadrado ' della situazione , tanto per intenderci. A ciò si aggiunga che aeroplanino gioca molto sugli esterni con terzini altissimi in fase di uscita quindi si richiede al terzino di turno grande padronanza tecnica.
    Infine, ma da non sottovalutare, montella chiede ai suoi attaccanti aggressione alta per un recupero palla immediato appena viene persa quindi gli interpreti offensivi devono avere passo, grinta e abnegazione tattica. Alla zaza , giusto per fare un esempio. L'attaccante che pascola non è utile.
    Ora passiamo alle cose formali...

Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.