Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    100,389

    Maldini:"Milan alti e bassi, da sempre":

    Paolo Maldini, intervistato da DAZN in occasione del suo compleanno di oggi 26 giugno:"In carriera ho perso una finale dell’Europeo all’ultimo secondo, ho perso tre finali di Champions League. Diciamo che di delusioni, anche grandi, ne ho avute. Istanbul? Pensavo fosse stata la mia ultima finale, condirla con un gol e riuscire a vincerla sarebbe stato bellissimo. Poi il destino mi ha dato la possibilità di rifarmi. Il Liverpool? Mi viene in mente la prima persa. Strano ma quando penso al Liverpool penso principalmente a Istanbul, vincevamo 3-0 e abbiamo dominato per 110 minuti su 120 eppure non riuscimmo a vincerla. Inoltre mi fa pensare a quanto il calcio sia strano. Giocare la finale di Atene è stato un azzardo per via del ginocchio ma volevo assolutamente esserci. Due giorni dopo i festeggiamenti andai ad operarmi. La identifico come la fine della mia carriera. Dopo la finale c’era una partita di campionato che nessuno voleva giocare. C’è stata una vacanza dove credo in pochi abbiano dormito bene. Credo che la forza di quel gruppo sia stata arrivare in finale in una stagione difficile come il 2007. Ho rivisto quella partita dopo un anno e mi resi conto di quanto giocammo bene dominando il Liverpool per il 90% di quella partita. Atene? C’è tanto di Ancelotti. Carlo è sempre stato un allenatore capace di trasmettere bene le emozioni positive e poco le preoccupazioni. Quell’anno facemmo fatica a qualificarci e preparammo la stagione per provare a vincerla. Nei mesi decisivi vedemmo che le gambe andavano meglio di prima e nei momenti difficili Seedorf c’era, Inzaghi segnava e Pirlo non perdeva mai la calma. Avevamo tanti valori in campo Io capitano? Nel 2007 intorno a gennaio iniziai a rompere un po’ le scatole, buttai l’idea che potessimo arrivare in Finale nonostante la stagione non stesse andando benissimo. L’autoconvincimento a volte funziona. Il Milan? E' sempre stata una squadra di alti e bassi. Siamo stati in B e abbiamo toccato vertici che le altre squadre non hanno mai toccato. Io credo che sia importante avere una mentalità del genere, dove si può sbagliare veramente ma poi balzare più in alto possibile".
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. #2
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    100,389
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Paolo Maldini, intervistato da DAZN in occasione del suo compleanno di oggi 26 giugno:"In carriera ho perso una finale dell’Europeo all’ultimo secondo, ho perso tre finali di Champions League. Diciamo che di delusioni, anche grandi, ne ho avute. Istanbul? Pensavo fosse stata la mia ultima finale, condirla con un gol e riuscire a vincerla sarebbe stato bellissimo. Poi il destino mi ha dato la possibilità di rifarmi. Il Liverpool? Mi viene in mente la prima persa. Strano ma quando penso al Liverpool penso principalmente a Istanbul, vincevamo 3-0 e abbiamo dominato per 110 minuti su 120 eppure non riuscimmo a vincerla. Inoltre mi fa pensare a quanto il calcio sia strano. Giocare la finale di Atene è stato un azzardo per via del ginocchio ma volevo assolutamente esserci. Due giorni dopo i festeggiamenti andai ad operarmi. La identifico come la fine della mia carriera. Dopo la finale c’era una partita di campionato che nessuno voleva giocare. C’è stata una vacanza dove credo in pochi abbiano dormito bene. Credo che la forza di quel gruppo sia stata arrivare in finale in una stagione difficile come il 2007. Ho rivisto quella partita dopo un anno e mi resi conto di quanto giocammo bene dominando il Liverpool per il 90% di quella partita. Atene? C’è tanto di Ancelotti. Carlo è sempre stato un allenatore capace di trasmettere bene le emozioni positive e poco le preoccupazioni. Quell’anno facemmo fatica a qualificarci e preparammo la stagione per provare a vincerla. Nei mesi decisivi vedemmo che le gambe andavano meglio di prima e nei momenti difficili Seedorf c’era, Inzaghi segnava e Pirlo non perdeva mai la calma. Avevamo tanti valori in campo Io capitano? Nel 2007 intorno a gennaio iniziai a rompere un po’ le scatole, buttai l’idea che potessimo arrivare in Finale nonostante la stagione non stesse andando benissimo. L’autoconvincimento a volte funziona. Il Milan? E' sempre stata una squadra di alti e bassi. Siamo stati in B e abbiamo toccato vertici che le altre squadre non hanno mai toccato. Io credo che sia importante avere una mentalità del genere, dove si può sbagliare veramente ma poi balzare più in alto possibile".
    .
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  3. #3
    Member L'avatar di Konrad
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Verona
    Messaggi
    4,846
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Paolo Maldini, intervistato da DAZN in occasione del suo compleanno di oggi 26 giugno:"In carriera ho perso una finale dell’Europeo all’ultimo secondo, ho perso tre finali di Champions League. Diciamo che di delusioni, anche grandi, ne ho avute. Istanbul? Pensavo fosse stata la mia ultima finale, condirla con un gol e riuscire a vincerla sarebbe stato bellissimo. Poi il destino mi ha dato la possibilità di rifarmi. Il Liverpool? Mi viene in mente la prima persa. Strano ma quando penso al Liverpool penso principalmente a Istanbul, vincevamo 3-0 e abbiamo dominato per 110 minuti su 120 eppure non riuscimmo a vincerla. Inoltre mi fa pensare a quanto il calcio sia strano. Giocare la finale di Atene è stato un azzardo per via del ginocchio ma volevo assolutamente esserci. Due giorni dopo i festeggiamenti andai ad operarmi. La identifico come la fine della mia carriera. Dopo la finale c’era una partita di campionato che nessuno voleva giocare. C’è stata una vacanza dove credo in pochi abbiano dormito bene. Credo che la forza di quel gruppo sia stata arrivare in finale in una stagione difficile come il 2007. Ho rivisto quella partita dopo un anno e mi resi conto di quanto giocammo bene dominando il Liverpool per il 90% di quella partita. Atene? C’è tanto di Ancelotti. Carlo è sempre stato un allenatore capace di trasmettere bene le emozioni positive e poco le preoccupazioni. Quell’anno facemmo fatica a qualificarci e preparammo la stagione per provare a vincerla. Nei mesi decisivi vedemmo che le gambe andavano meglio di prima e nei momenti difficili Seedorf c’era, Inzaghi segnava e Pirlo non perdeva mai la calma. Avevamo tanti valori in campo Io capitano? Nel 2007 intorno a gennaio iniziai a rompere un po’ le scatole, buttai l’idea che potessimo arrivare in Finale nonostante la stagione non stesse andando benissimo. L’autoconvincimento a volte funziona. Il Milan? E' sempre stata una squadra di alti e bassi. Siamo stati in B e abbiamo toccato vertici che le altre squadre non hanno mai toccato. Io credo che sia importante avere una mentalità del genere, dove si può sbagliare veramente ma poi balzare più in alto possibile".
    Questo era il Milan. Nelle parole di Paolo c'è quasi poesia.
    Non fu solo oro...ma il nostro oro risplendeva tanto da abbagliare gli occhi
    "Mi aspettavo una notte così, l'avevo detto che ero pronto e oggi ho fatto doppietta. È solo l'inizio." (cit. Krzysztof Piatek)

  4. #4
    Senior Member L'avatar di luigi61
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    5,121
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    .
    Caro Paolo adesso che abbiamo quasi toccato il fondo tocca a te riportarci in alto nel più breve tempo possibile

  5. #5
    BFMI-class member L'avatar di gabri65
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    4,006
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Paolo Maldini, intervistato da DAZN in occasione del suo compleanno di oggi 26 giugno:"In carriera ho perso una finale dell’Europeo all’ultimo secondo, ho perso tre finali di Champions League. Diciamo che di delusioni, anche grandi, ne ho avute. Istanbul? Pensavo fosse stata la mia ultima finale, condirla con un gol e riuscire a vincerla sarebbe stato bellissimo. Poi il destino mi ha dato la possibilità di rifarmi. Il Liverpool? Mi viene in mente la prima persa. Strano ma quando penso al Liverpool penso principalmente a Istanbul, vincevamo 3-0 e abbiamo dominato per 110 minuti su 120 eppure non riuscimmo a vincerla. Inoltre mi fa pensare a quanto il calcio sia strano. Giocare la finale di Atene è stato un azzardo per via del ginocchio ma volevo assolutamente esserci. Due giorni dopo i festeggiamenti andai ad operarmi. La identifico come la fine della mia carriera. Dopo la finale c’era una partita di campionato che nessuno voleva giocare. C’è stata una vacanza dove credo in pochi abbiano dormito bene. Credo che la forza di quel gruppo sia stata arrivare in finale in una stagione difficile come il 2007. Ho rivisto quella partita dopo un anno e mi resi conto di quanto giocammo bene dominando il Liverpool per il 90% di quella partita. Atene? C’è tanto di Ancelotti. Carlo è sempre stato un allenatore capace di trasmettere bene le emozioni positive e poco le preoccupazioni. Quell’anno facemmo fatica a qualificarci e preparammo la stagione per provare a vincerla. Nei mesi decisivi vedemmo che le gambe andavano meglio di prima e nei momenti difficili Seedorf c’era, Inzaghi segnava e Pirlo non perdeva mai la calma. Avevamo tanti valori in campo Io capitano? Nel 2007 intorno a gennaio iniziai a rompere un po’ le scatole, buttai l’idea che potessimo arrivare in Finale nonostante la stagione non stesse andando benissimo. L’autoconvincimento a volte funziona. Il Milan? E' sempre stata una squadra di alti e bassi. Siamo stati in B e abbiamo toccato vertici che le altre squadre non hanno mai toccato. Io credo che sia importante avere una mentalità del genere, dove si può sbagliare veramente ma poi balzare più in alto possibile".
    Da rileggere tutte le sere prima di addormentarsi.
    "Tutto quello che si muove sull'erba, colpiscilo. Se è la palla, pazienza." -- Nereo Rocco ai suoi difensori

    #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT #433OUT

  6. #6
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Paolo Maldini, intervistato da DAZN in occasione del suo compleanno di oggi 26 giugno:"In carriera ho perso una finale dell’Europeo all’ultimo secondo, ho perso tre finali di Champions League. Diciamo che di delusioni, anche grandi, ne ho avute. Istanbul? Pensavo fosse stata la mia ultima finale, condirla con un gol e riuscire a vincerla sarebbe stato bellissimo. Poi il destino mi ha dato la possibilità di rifarmi. Il Liverpool? Mi viene in mente la prima persa. Strano ma quando penso al Liverpool penso principalmente a Istanbul, vincevamo 3-0 e abbiamo dominato per 110 minuti su 120 eppure non riuscimmo a vincerla. Inoltre mi fa pensare a quanto il calcio sia strano. Giocare la finale di Atene è stato un azzardo per via del ginocchio ma volevo assolutamente esserci. Due giorni dopo i festeggiamenti andai ad operarmi. La identifico come la fine della mia carriera. Dopo la finale c’era una partita di campionato che nessuno voleva giocare. C’è stata una vacanza dove credo in pochi abbiano dormito bene. Credo che la forza di quel gruppo sia stata arrivare in finale in una stagione difficile come il 2007. Ho rivisto quella partita dopo un anno e mi resi conto di quanto giocammo bene dominando il Liverpool per il 90% di quella partita. Atene? C’è tanto di Ancelotti. Carlo è sempre stato un allenatore capace di trasmettere bene le emozioni positive e poco le preoccupazioni. Quell’anno facemmo fatica a qualificarci e preparammo la stagione per provare a vincerla. Nei mesi decisivi vedemmo che le gambe andavano meglio di prima e nei momenti difficili Seedorf c’era, Inzaghi segnava e Pirlo non perdeva mai la calma. Avevamo tanti valori in campo Io capitano? Nel 2007 intorno a gennaio iniziai a rompere un po’ le scatole, buttai l’idea che potessimo arrivare in Finale nonostante la stagione non stesse andando benissimo. L’autoconvincimento a volte funziona. Il Milan? E' sempre stata una squadra di alti e bassi. Siamo stati in B e abbiamo toccato vertici che le altre squadre non hanno mai toccato. Io credo che sia importante avere una mentalità del genere, dove si può sbagliare veramente ma poi balzare più in alto possibile".
    Mi viene quasi da piangere.
    Il rosso e il nero,due colori comuni,una passione unica!
    #WeAreACMilan

    "Ricordiamoglielo al mondo chi eravamo e che potremmo ritornare!" (Tiziano Ferro ai milanisti)

    #Vivalesocietànormali

    "Digo lo que pienso,tómame como soy. No intentes amarrarme, ni dominarme, yo soy quien elige como equivocarme."
    (Shakira)

  7. #7
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    44,709
    ...e qui di spiega l'azzardo Giampaolo...io lo considero un grosso rischio, uno senza vie di mezzo, con Giampaolo o parte un nuovo grande ciclo oppure a novembre viene cacciato.

    E' evidente che Maldini preferisca rischiare tanto per avere qualcosa di bello piuttosto di galleggiare per niente...portando un esempio pratico, sarebbe stato meglio non arrivare quarti rischiando qualcosa di più piuttosto di una stagione aggrappati con le unghie come abbiamo fatto e non arrivarci comunque.

  8. #8
    Citazione Originariamente Scritto da luigi61 Visualizza Messaggio
    Caro Paolo adesso che abbiamo quasi toccato il fondo tocca a te riportarci in alto nel più breve tempo possibile
    Maldini è il Milan sono una cosa sola, se ci fosse un altro Maldini in questo Milan sarebbe perfetto darebbe un senso di appartenenza impagabile

  9. #9
    Ma parla di mercato!!!

  10. #10
    Citazione Originariamente Scritto da zamp2010 Visualizza Messaggio
    Ma parla di mercato!!!
    Inizierei col portare rispetto a chi ha dato a questa maglia più di qualsiasi altro calciatore abbia mai dato per una qualsiasi altra squadra. Se pretendiamo rispetto dai giocatori, è un nostro dovere fare altrettanto supportando il Capitano.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600