Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 22

  1. #11
    Citazione Originariamente Scritto da Kaladin85 Visualizza Messaggio
    Voi come vedete questa italianizzazione della rosa?
    Una tragedia.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #12
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    908
    sarà lapalissiano, ma la differenza la fa sempre la qualità..

  4. #13
    Moderatore L'avatar di mefisto94
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    23,308
    Dipende, gli italiani forti vanno benone, i cessi che abbiamo ora...ma anche no.

  5. #14
    Junior Member L'avatar di DavidGoffin
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    751
    Ok è più bello avere campioni in casa che fuori casa ma.........il vantaggio di averli italiani quale sarebbe???? Basta averli!

  6. #15
    Citazione Originariamente Scritto da sballotello Visualizza Messaggio
    secondo me l'italianità non aggiunge nulla, anzi. L'inter del triplete di mourinho aveva solo materazzi come giocatore italiano.. e faceva la riserva di lucio e samuel
    Quell' Inter aveva un'identità italo-argentina, nello spogliatoio si parlava italiano anche se Mou poteva parlare spagnolo o portoghese ogni tanto ai clan argentini e brasiliani. Poi ricordo il Catania che giocava con una maggioranza di Argentini.
    Ci vuole il giusto amalgama e un'identità, che ovviamente in Italia sarà basata su Italiani, così come il Barca è basato su spagnoli e il Bayern su tedeschi. Poi gli stranieri non sono tutti uguali, di solito sono i latini ad integrarsi meglio, in certe situazioni si integrano anche i nordici (il Milan svedese del Gre-No-Li, il Milan orange di Marco-Ruud-Frank, l'inter tedesca con Mattheus, Brehme, Klinsmann). Le ultime cattive annate del Milan sono anche frutto di italiani scarsi, per me è giusto sostituirli con italiani, come un Calabria al posto di Abate e un Romagnoli al posto di un centrale straniero. Anche i Bonaventuras si stanno rivelando buoni (compreso Baselli) e per ora non fanno rimpiangere un Kondogbia preso per 40milioni.

  7. #16
    Gli italiani vanno bene se sono forti. E di italiani forti purtroppo ce ne sono pochi. Quindi dovremmo avere pochi italiani in rosa. Se ne abbiamo tanti è perché evidentemente seguiamo uno sciocco diktat di Berlusconi fine a sé stesso.

    I giocatori se parlano la stessa lingua non diventano improvvisamente Iniesta e Messi. Nel calcio si parla un linguaggio universale, e non è quello della bocca ma quello dei piedi. Per cui è ovvio che se metti Poli e Bacca nella stessa squadra, è come far parlare un arabo con un eschimese. Ma lo sarebbe anche se mettessi a giocare Verratti con Nocerino.

    Al Milan servono prima di tutto giocatori forti. La nazionalità non conta assolutamente nulla. Se in passato noi e la Juve abbiamo vinto con tanti italiani è soltanto perché c'erano moltissimi italiani forti.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  8. #17
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,785
    Un limite ma perché sono scarsi, se fossero forti non sarebbe un limite ma un pregio. Insomma, la nazionalità non conta nulla, conta la qualità.

  9. #18
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    1,186
    Citazione Originariamente Scritto da Splendidi Incisivi Visualizza Messaggio
    Un limite ma perché sono scarsi, se fossero forti non sarebbe un limite ma un pregio. Insomma, la nazionalità non conta nulla, conta la qualità.
    Insomma: un giocatore italiano, cresciuto in italia e magari nel tuo settore giovanile, mediamente tende a considerare l'attaccamento alla maglia anche di fronte ad offerte economiche importanti, non ha bisogno di adattarsi ai ritmi del calcio italiano ed alla vita in Italia.
    E in più una rosa con un gruppo forte di italiani può integrare meglio gli stranieri, soprattutto se questi sono in netta minoranza, evitando che si creino dei gruppetti.
    Una rosa composta solo di stranieri, di tante nazionalità diverse ed abituati a campionati diversi, magari vince per una-due stagioni, poi è destinata a sfaldarsi, una rosa con fondamenta italiane e innesto di pochi stranieri validi è destinata a durare di più nel tempo.

  10. #19
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,785
    Citazione Originariamente Scritto da Kaladin85 Visualizza Messaggio
    Insomma: un giocatore italiano, cresciuto in italia e magari nel tuo settore giovanile, mediamente tende a considerare l'attaccamento alla maglia anche di fronte ad offerte economiche importanti, non ha bisogno di adattarsi ai ritmi del calcio italiano ed alla vita in Italia.
    E in più una rosa con un gruppo forte di italiani può integrare meglio gli stranieri, soprattutto se questi sono in netta minoranza, evitando che si creino dei gruppetti.
    Una rosa composta solo di stranieri, di tante nazionalità diverse ed abituati a campionati diversi, magari vince per una-due stagioni, poi è destinata a sfaldarsi, una rosa con fondamenta italiane e innesto di pochi stranieri validi è destinata a durare di più nel tempo.
    Tutto giusto ma pur sempre subordinato alla qualità del giocatore, la quale prescinde dalla nazionalità.

  11. #20
    Senior Member L'avatar di 666psycho
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Messaggi
    10,500
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Gli italiani vanno bene se sono forti. E di italiani forti purtroppo ce ne sono pochi. Quindi dovremmo avere pochi italiani in rosa. Se ne abbiamo tanti è perché evidentemente seguiamo uno sciocco diktat di Berlusconi fine a sé stesso.

    I giocatori se parlano la stessa lingua non diventano improvvisamente Iniesta e Messi. Nel calcio si parla un linguaggio universale, e non è quello della bocca ma quello dei piedi. Per cui è ovvio che se metti Poli e Bacca nella stessa squadra, è come far parlare un arabo con un eschimese. Ma lo sarebbe anche se mettessi a giocare Verratti con Nocerino.

    Al Milan servono prima di tutto giocatori forti. La nazionalità non conta assolutamente nulla. Se in passato noi e la Juve abbiamo vinto con tanti italiani è soltanto perché c'erano moltissimi italiani forti.
    Citazione Originariamente Scritto da Splendidi Incisivi Visualizza Messaggio
    Un limite ma perché sono scarsi, se fossero forti non sarebbe un limite ma un pregio. Insomma, la nazionalità non conta nulla, conta la qualità.

    .
    #GallianiVia #MAIUNAGIOIA!
    Inutile discutere con gli ignoranti, meglio ignorarli...

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.