Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21

  1. #1
    Junior Member L'avatar di Lo Gnu
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    769

    L'importanza della storia del Milan

    Caro Agnelli sai perché il Milan vale così tanto? Perché 5 anni di decisioni scellerate non potranno mai cancellare la nostra storia. La storia è lì, perfetta, inattaccabile.. giudice supremo della verità. Libri, Statistiche, Musei, non possono mentire. Lo può fare un gobbo, ma non la storia. La storia è ciclica, siam stati gloriosi, lo saremo per sempre.

    Due Coppe dei Campioni e 5 Champions League non si vincono per caso. 2+5=7. Sette. S-e-t-t-e. Mi viene il mal di testa solo a pensarci.
    La vostra prima Champions League fa parte di una triste pagina del Calcio. E l'ultima? Beh l'ultima vostra Champions League risale al 1996, ben 19 anni fa; cominciano a diventare tanti.

    E poi vogliamo barattare la storia? Voi 31 scudetti, 10 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane, 2 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 3 Coppe UEFA/Europa League, 2 Supercoppe UEFA, 1 Coppe Intertoto, 2 Coppe Intercontinentali..ma soprattutto:


    CARLOS DUNGA
    Dopo la finale di andata di coppa Uefa Rubentus--Fiorentina dichiarò "è come essere nella foresta e trovare il leone...ma almeno il leone ti mangia...non ti truffa

    MARTIN O'NEAL
    "I miei ragazzi sono stati semplicemente straordinari prima che l' arbitro rovinasse tutto", "Lippi, uno sguardo da mafioso!"


    YOURI DJORKAEFF
    Mondiali di Francia 1998 - Giornalista: "Vi sentite favoriti dagli arbitri per il fatto che giocate in casa?"
    Djorkaeff: "C'è una sola squadra in tutto il mondo che è favorita dagli arbitri e non è ai mondiali, ma gioca in Italia"


    MASSIMILIANO ALLEGRI

    Nel 2012 sul numero di campionati vinti dalla Juventus] Per me sono... 31! Perché? C'è compreso quello del campionato di serie B... L'ha vinto, no?


    HELENIO HERRERA

    Juventus uguale FIAT uguale potere.


    KARL HEINZ RUMMENIGGE
    "Alla Juve non sono dei gentlemen, è la mafia"






    Noi invece...

    Gunnar Gren era il “Professore”, Gunnar Nordahl il “Pompierone”, e Nils Liedholm la “Stella venuta dal nord”. I tre fuoriclasse svedesi formarono il fantastico trio Gre-No-Li, che nell’immediato dopoguerra portò il Milan ai più alti vertici di gioco e di risultati nel panorama calcistico italiano
    (Fabrizio Calzia a proposito di Gunnar Nordahl)

    Raccontano i giocatori del Real Madrid che i rivali del Milan non guardavano né loro né il pallone: guardavano solo Baresi. Così si rispetta un vero capo. Raccontano ancora che “ad ogni fuorigioco provocato gli scappava un sorriso”.
    (Jorge Valdano).

    Essere rossonero mi ha insegnato a essere uomo.
    (Josè Altafini)

    Scirea era più elegante. Non so se fosse, o sia, una qualità, ma non mi viene in mente una sua rudezza. Baresi, invece, di botte ne ha date. Ma come guida la difesa – e talvolta, addirittura la squadra – non la guida nessuno. Formidabile.
    (Gianni Agnelli)


    La più grande squadra di ogni tempo è stata il Milan di Sacchi, ma soprattutto dei tre olandesi, di Baresi e Maldini, di Tassotti ed Ancelotti. Non si vedrà mai più una squadra così, più grande del Brasile di Pelè, dell’Olanda di Cruyff.
    (Carmelo Bene)

    Sacchi rivoluzionò il calcio mentalmente, oltre che tatticamente. Quel suo Milan aveva un suo gioco che doveva provare a imporre sempre e comunque, addirittura nelle partitelle settimanali. Perciò il Milan di Sacchi destò scalpore ed emozione giocando partite d’attacco anche al Bernabeu contro il Real Madrid.
    (Roberto Donadoni)

    Con l’arrivo di Capello il Milan vinse così tanto da annoiare persino i milanisti.
    (Carmelo Bene)

    Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato.
    (L’equipe, dopo la vittoria per 4 a 0 sullo Steaua)

    “The best football team off all time”.
    (The World Soccer, sul Milan di Sacchi)

    Ho del tempo della dittatura milanista un ricordo visivo lancinante. E’ l’immagine televisiva di una palla giocata a centrocampo dove a un certo punto vennero a trovarsi di fronte il nostro Rui Barros e il milanista Frank Rijkaard e apparve per un attimo come se il minuscolo juventino Rui Barros passasse in mezzo alle gambe del monumentale centrocampista milanista, di tanto quello lo sovrastava tecnicamente e fisicamente.
    (Giampiero Mughini)

    Un giorno Van Basten mi chiese: “Mister, ma perché noi dobbiamo sempre convincere?”.
    “Perché se vuoi entrare nella storia non puoi soltanto vincere. Devi lasciare un segno diverso, devi farti ricordare a distanza di anni non solo per il risultato”.
    (Arrigo Sacchi)

    Il Milan di Sacchi era vertigine pura, che ti toglieva il respiro. Sono le cose che ti tolgono il respiro a restare sulla pelle. Equazione impossibile di estetica, grazia e armonia. Un miracolo anatomicamente perfetto, congiunzione di cuori, polmoni, fegato e fosforo. Non giocava contro le avversarie, giocava contro i propri limiti. Come Dio.
    (Giancarlo Dotto)

    Ho visto l’inter via via annichilire sotto le ventate cicloniche del Milan… dovevamo pur dire al sole giocondo e libero che non vedrà nessuna cosa al mondo maggiore del Milan.
    (Gianni Brera)



    Caro Andrea Agnelli..il Milan 1 miliardo? Faccio fatica a capire il contrario..

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Blu71
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    16,001
    Citazione Originariamente Scritto da Lo Gnu Visualizza Messaggio
    Caro Agnelli sai perché il Milan vale così tanto? Perché 5 anni di decisioni scellerate non potranno mai cancellare la nostra storia. La storia è lì, perfetta, inattaccabile.. giudice supremo della verità. Libri, Statistiche, Musei, non possono mentire. Lo può fare un gobbo, ma non la storia. La storia è ciclica, siam stati gloriosi, lo saremo per sempre.

    Due Coppe dei Campioni e 5 Champions League non si vincono per caso. 2+5=7. Sette. S-e-t-t-e. Mi viene il mal di testa solo a pensarci.
    La vostra prima Champions League fa parte di una triste pagina del Calcio. E l'ultima? Beh l'ultima vostra Champions League risale al 1996, ben 19 anni fa; cominciano a diventare tanti.

    E poi vogliamo barattare la storia? Voi 31 scudetti, 10 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane, 2 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 3 Coppe UEFA/Europa League, 2 Supercoppe UEFA, 1 Coppe Intertoto, 2 Coppe Intercontinentali..ma soprattutto:


    CARLOS DUNGA
    Dopo la finale di andata di coppa Uefa Rubentus--Fiorentina dichiarò "è come essere nella foresta e trovare il leone...ma almeno il leone ti mangia...non ti truffa

    MARTIN O'NEAL
    "I miei ragazzi sono stati semplicemente straordinari prima che l' arbitro rovinasse tutto", "Lippi, uno sguardo da mafioso!"


    YOURI DJORKAEFF
    Mondiali di Francia 1998 - Giornalista: "Vi sentite favoriti dagli arbitri per il fatto che giocate in casa?"
    Djorkaeff: "C'è una sola squadra in tutto il mondo che è favorita dagli arbitri e non è ai mondiali, ma gioca in Italia"


    MASSIMILIANO ALLEGRI

    Nel 2012 sul numero di campionati vinti dalla Juventus] Per me sono... 31! Perché? C'è compreso quello del campionato di serie B... L'ha vinto, no?


    HELENIO HERRERA

    Juventus uguale FIAT uguale potere.


    KARL HEINZ RUMMENIGGE
    "Alla Juve non sono dei gentlemen, è la mafia"






    Noi invece...

    Gunnar Gren era il “Professore”, Gunnar Nordahl il “Pompierone”, e Nils Liedholm la “Stella venuta dal nord”. I tre fuoriclasse svedesi formarono il fantastico trio Gre-No-Li, che nell’immediato dopoguerra portò il Milan ai più alti vertici di gioco e di risultati nel panorama calcistico italiano
    (Fabrizio Calzia a proposito di Gunnar Nordahl)

    Raccontano i giocatori del Real Madrid che i rivali del Milan non guardavano né loro né il pallone: guardavano solo Baresi. Così si rispetta un vero capo. Raccontano ancora che “ad ogni fuorigioco provocato gli scappava un sorriso”.
    (Jorge Valdano).

    Essere rossonero mi ha insegnato a essere uomo.
    (Josè Altafini)

    Scirea era più elegante. Non so se fosse, o sia, una qualità, ma non mi viene in mente una sua rudezza. Baresi, invece, di botte ne ha date. Ma come guida la difesa – e talvolta, addirittura la squadra – non la guida nessuno. Formidabile.
    (Gianni Agnelli)


    La più grande squadra di ogni tempo è stata il Milan di Sacchi, ma soprattutto dei tre olandesi, di Baresi e Maldini, di Tassotti ed Ancelotti. Non si vedrà mai più una squadra così, più grande del Brasile di Pelè, dell’Olanda di Cruyff.
    (Carmelo Bene)

    Sacchi rivoluzionò il calcio mentalmente, oltre che tatticamente. Quel suo Milan aveva un suo gioco che doveva provare a imporre sempre e comunque, addirittura nelle partitelle settimanali. Perciò il Milan di Sacchi destò scalpore ed emozione giocando partite d’attacco anche al Bernabeu contro il Real Madrid.
    (Roberto Donadoni)

    Con l’arrivo di Capello il Milan vinse così tanto da annoiare persino i milanisti.
    (Carmelo Bene)

    Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato.
    (L’equipe, dopo la vittoria per 4 a 0 sullo Steaua)

    “The best football team off all time”.
    (The World Soccer, sul Milan di Sacchi)

    Ho del tempo della dittatura milanista un ricordo visivo lancinante. E’ l’immagine televisiva di una palla giocata a centrocampo dove a un certo punto vennero a trovarsi di fronte il nostro Rui Barros e il milanista Frank Rijkaard e apparve per un attimo come se il minuscolo juventino Rui Barros passasse in mezzo alle gambe del monumentale centrocampista milanista, di tanto quello lo sovrastava tecnicamente e fisicamente.
    (Giampiero Mughini)

    Un giorno Van Basten mi chiese: “Mister, ma perché noi dobbiamo sempre convincere?”.
    “Perché se vuoi entrare nella storia non puoi soltanto vincere. Devi lasciare un segno diverso, devi farti ricordare a distanza di anni non solo per il risultato”.
    (Arrigo Sacchi)

    Il Milan di Sacchi era vertigine pura, che ti toglieva il respiro. Sono le cose che ti tolgono il respiro a restare sulla pelle. Equazione impossibile di estetica, grazia e armonia. Un miracolo anatomicamente perfetto, congiunzione di cuori, polmoni, fegato e fosforo. Non giocava contro le avversarie, giocava contro i propri limiti. Come Dio.
    (Giancarlo Dotto)

    Ho visto l’inter via via annichilire sotto le ventate cicloniche del Milan… dovevamo pur dire al sole giocondo e libero che non vedrà nessuna cosa al mondo maggiore del Milan.
    (Gianni Brera)



    Caro Andrea Agnelli..il Milan 1 miliardo? Faccio fatica a capire il contrario..


  4. #3
    Citazione Originariamente Scritto da Lo Gnu Visualizza Messaggio
    Caro Agnelli sai perché il Milan vale così tanto? Perché 5 anni di decisioni scellerate non potranno mai cancellare la nostra storia. La storia è lì, perfetta, inattaccabile.. giudice supremo della verità. Libri, Statistiche, Musei, non possono mentire. Lo può fare un gobbo, ma non la storia. La storia è ciclica, siam stati gloriosi, lo saremo per sempre.

    Due Coppe dei Campioni e 5 Champions League non si vincono per caso. 2+5=7. Sette. S-e-t-t-e. Mi viene il mal di testa solo a pensarci.
    La vostra prima Champions League fa parte di una triste pagina del Calcio. E l'ultima? Beh l'ultima vostra Champions League risale al 1996, ben 19 anni fa; cominciano a diventare tanti.

    E poi vogliamo barattare la storia? Voi 31 scudetti, 10 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane, 2 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 3 Coppe UEFA/Europa League, 2 Supercoppe UEFA, 1 Coppe Intertoto, 2 Coppe Intercontinentali..ma soprattutto:


    CARLOS DUNGA
    Dopo la finale di andata di coppa Uefa Rubentus--Fiorentina dichiarò "è come essere nella foresta e trovare il leone...ma almeno il leone ti mangia...non ti truffa

    MARTIN O'NEAL
    "I miei ragazzi sono stati semplicemente straordinari prima che l' arbitro rovinasse tutto", "Lippi, uno sguardo da mafioso!"


    YOURI DJORKAEFF
    Mondiali di Francia 1998 - Giornalista: "Vi sentite favoriti dagli arbitri per il fatto che giocate in casa?"
    Djorkaeff: "C'è una sola squadra in tutto il mondo che è favorita dagli arbitri e non è ai mondiali, ma gioca in Italia"


    MASSIMILIANO ALLEGRI

    Nel 2012 sul numero di campionati vinti dalla Juventus] Per me sono... 31! Perché? C'è compreso quello del campionato di serie B... L'ha vinto, no?


    HELENIO HERRERA

    Juventus uguale FIAT uguale potere.


    KARL HEINZ RUMMENIGGE
    "Alla Juve non sono dei gentlemen, è la mafia"






    Noi invece...

    Gunnar Gren era il “Professore”, Gunnar Nordahl il “Pompierone”, e Nils Liedholm la “Stella venuta dal nord”. I tre fuoriclasse svedesi formarono il fantastico trio Gre-No-Li, che nell’immediato dopoguerra portò il Milan ai più alti vertici di gioco e di risultati nel panorama calcistico italiano
    (Fabrizio Calzia a proposito di Gunnar Nordahl)

    Raccontano i giocatori del Real Madrid che i rivali del Milan non guardavano né loro né il pallone: guardavano solo Baresi. Così si rispetta un vero capo. Raccontano ancora che “ad ogni fuorigioco provocato gli scappava un sorriso”.
    (Jorge Valdano).

    Essere rossonero mi ha insegnato a essere uomo.
    (Josè Altafini)

    Scirea era più elegante. Non so se fosse, o sia, una qualità, ma non mi viene in mente una sua rudezza. Baresi, invece, di botte ne ha date. Ma come guida la difesa – e talvolta, addirittura la squadra – non la guida nessuno. Formidabile.
    (Gianni Agnelli)


    La più grande squadra di ogni tempo è stata il Milan di Sacchi, ma soprattutto dei tre olandesi, di Baresi e Maldini, di Tassotti ed Ancelotti. Non si vedrà mai più una squadra così, più grande del Brasile di Pelè, dell’Olanda di Cruyff.
    (Carmelo Bene)

    Sacchi rivoluzionò il calcio mentalmente, oltre che tatticamente. Quel suo Milan aveva un suo gioco che doveva provare a imporre sempre e comunque, addirittura nelle partitelle settimanali. Perciò il Milan di Sacchi destò scalpore ed emozione giocando partite d’attacco anche al Bernabeu contro il Real Madrid.
    (Roberto Donadoni)

    Con l’arrivo di Capello il Milan vinse così tanto da annoiare persino i milanisti.
    (Carmelo Bene)

    Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato.
    (L’equipe, dopo la vittoria per 4 a 0 sullo Steaua)

    “The best football team off all time”.
    (The World Soccer, sul Milan di Sacchi)

    Ho del tempo della dittatura milanista un ricordo visivo lancinante. E’ l’immagine televisiva di una palla giocata a centrocampo dove a un certo punto vennero a trovarsi di fronte il nostro Rui Barros e il milanista Frank Rijkaard e apparve per un attimo come se il minuscolo juventino Rui Barros passasse in mezzo alle gambe del monumentale centrocampista milanista, di tanto quello lo sovrastava tecnicamente e fisicamente.
    (Giampiero Mughini)

    Un giorno Van Basten mi chiese: “Mister, ma perché noi dobbiamo sempre convincere?”.
    “Perché se vuoi entrare nella storia non puoi soltanto vincere. Devi lasciare un segno diverso, devi farti ricordare a distanza di anni non solo per il risultato”.
    (Arrigo Sacchi)

    Il Milan di Sacchi era vertigine pura, che ti toglieva il respiro. Sono le cose che ti tolgono il respiro a restare sulla pelle. Equazione impossibile di estetica, grazia e armonia. Un miracolo anatomicamente perfetto, congiunzione di cuori, polmoni, fegato e fosforo. Non giocava contro le avversarie, giocava contro i propri limiti. Come Dio.
    (Giancarlo Dotto)

    Ho visto l’inter via via annichilire sotto le ventate cicloniche del Milan… dovevamo pur dire al sole giocondo e libero che non vedrà nessuna cosa al mondo maggiore del Milan.
    (Gianni Brera)



    Caro Andrea Agnelli..il Milan 1 miliardo? Faccio fatica a capire il contrario..
    Applausi a scena aperta

  5. #4
    Bannato
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    2,759
    Citazione Originariamente Scritto da Lo Gnu Visualizza Messaggio
    Caro Agnelli sai perché il Milan vale così tanto? Perché 5 anni di decisioni scellerate non potranno mai cancellare la nostra storia. La storia è lì, perfetta, inattaccabile.. giudice supremo della verità. Libri, Statistiche, Musei, non possono mentire. Lo può fare un gobbo, ma non la storia. La storia è ciclica, siam stati gloriosi, lo saremo per sempre.

    Due Coppe dei Campioni e 5 Champions League non si vincono per caso. 2+5=7. Sette. S-e-t-t-e. Mi viene il mal di testa solo a pensarci.
    La vostra prima Champions League fa parte di una triste pagina del Calcio. E l'ultima? Beh l'ultima vostra Champions League risale al 1996, ben 19 anni fa; cominciano a diventare tanti.

    E poi vogliamo barattare la storia? Voi 31 scudetti, 10 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane, 2 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 3 Coppe UEFA/Europa League, 2 Supercoppe UEFA, 1 Coppe Intertoto, 2 Coppe Intercontinentali..ma soprattutto:


    CARLOS DUNGA
    Dopo la finale di andata di coppa Uefa Rubentus--Fiorentina dichiarò "è come essere nella foresta e trovare il leone...ma almeno il leone ti mangia...non ti truffa

    MARTIN O'NEAL
    "I miei ragazzi sono stati semplicemente straordinari prima che l' arbitro rovinasse tutto", "Lippi, uno sguardo da mafioso!"


    YOURI DJORKAEFF
    Mondiali di Francia 1998 - Giornalista: "Vi sentite favoriti dagli arbitri per il fatto che giocate in casa?"
    Djorkaeff: "C'è una sola squadra in tutto il mondo che è favorita dagli arbitri e non è ai mondiali, ma gioca in Italia"


    MASSIMILIANO ALLEGRI

    Nel 2012 sul numero di campionati vinti dalla Juventus] Per me sono... 31! Perché? C'è compreso quello del campionato di serie B... L'ha vinto, no?


    HELENIO HERRERA

    Juventus uguale FIAT uguale potere.


    KARL HEINZ RUMMENIGGE
    "Alla Juve non sono dei gentlemen, è la mafia"






    Noi invece...

    Gunnar Gren era il “Professore”, Gunnar Nordahl il “Pompierone”, e Nils Liedholm la “Stella venuta dal nord”. I tre fuoriclasse svedesi formarono il fantastico trio Gre-No-Li, che nell’immediato dopoguerra portò il Milan ai più alti vertici di gioco e di risultati nel panorama calcistico italiano
    (Fabrizio Calzia a proposito di Gunnar Nordahl)

    Raccontano i giocatori del Real Madrid che i rivali del Milan non guardavano né loro né il pallone: guardavano solo Baresi. Così si rispetta un vero capo. Raccontano ancora che “ad ogni fuorigioco provocato gli scappava un sorriso”.
    (Jorge Valdano).

    Essere rossonero mi ha insegnato a essere uomo.
    (Josè Altafini)

    Scirea era più elegante. Non so se fosse, o sia, una qualità, ma non mi viene in mente una sua rudezza. Baresi, invece, di botte ne ha date. Ma come guida la difesa – e talvolta, addirittura la squadra – non la guida nessuno. Formidabile.
    (Gianni Agnelli)


    La più grande squadra di ogni tempo è stata il Milan di Sacchi, ma soprattutto dei tre olandesi, di Baresi e Maldini, di Tassotti ed Ancelotti. Non si vedrà mai più una squadra così, più grande del Brasile di Pelè, dell’Olanda di Cruyff.
    (Carmelo Bene)

    Sacchi rivoluzionò il calcio mentalmente, oltre che tatticamente. Quel suo Milan aveva un suo gioco che doveva provare a imporre sempre e comunque, addirittura nelle partitelle settimanali. Perciò il Milan di Sacchi destò scalpore ed emozione giocando partite d’attacco anche al Bernabeu contro il Real Madrid.
    (Roberto Donadoni)

    Con l’arrivo di Capello il Milan vinse così tanto da annoiare persino i milanisti.
    (Carmelo Bene)

    Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato.
    (L’equipe, dopo la vittoria per 4 a 0 sullo Steaua)

    “The best football team off all time”.
    (The World Soccer, sul Milan di Sacchi)

    Ho del tempo della dittatura milanista un ricordo visivo lancinante. E’ l’immagine televisiva di una palla giocata a centrocampo dove a un certo punto vennero a trovarsi di fronte il nostro Rui Barros e il milanista Frank Rijkaard e apparve per un attimo come se il minuscolo juventino Rui Barros passasse in mezzo alle gambe del monumentale centrocampista milanista, di tanto quello lo sovrastava tecnicamente e fisicamente.
    (Giampiero Mughini)

    Un giorno Van Basten mi chiese: “Mister, ma perché noi dobbiamo sempre convincere?”.
    “Perché se vuoi entrare nella storia non puoi soltanto vincere. Devi lasciare un segno diverso, devi farti ricordare a distanza di anni non solo per il risultato”.
    (Arrigo Sacchi)

    Il Milan di Sacchi era vertigine pura, che ti toglieva il respiro. Sono le cose che ti tolgono il respiro a restare sulla pelle. Equazione impossibile di estetica, grazia e armonia. Un miracolo anatomicamente perfetto, congiunzione di cuori, polmoni, fegato e fosforo. Non giocava contro le avversarie, giocava contro i propri limiti. Come Dio.
    (Giancarlo Dotto)

    Ho visto l’inter via via annichilire sotto le ventate cicloniche del Milan… dovevamo pur dire al sole giocondo e libero che non vedrà nessuna cosa al mondo maggiore del Milan.
    (Gianni Brera)



    Caro Andrea Agnelli..il Milan 1 miliardo? Faccio fatica a capire il contrario..
    Complimenti!Noi siamo il Milan e lo saremo per sempre.Questi anni di buio non intaccheranno minimamente la nostra unica (come noi nessuno mai) e gloriosa storia!

  6. #5
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,142
    Citazione Originariamente Scritto da Lo Gnu Visualizza Messaggio
    Caro Agnelli sai perché il Milan vale così tanto? Perché 5 anni di decisioni scellerate non potranno mai cancellare la nostra storia. La storia è lì, perfetta, inattaccabile.. giudice supremo della verità. Libri, Statistiche, Musei, non possono mentire. Lo può fare un gobbo, ma non la storia. La storia è ciclica, siam stati gloriosi, lo saremo per sempre.

    Due Coppe dei Campioni e 5 Champions League non si vincono per caso. 2+5=7. Sette. S-e-t-t-e. Mi viene il mal di testa solo a pensarci.
    La vostra prima Champions League fa parte di una triste pagina del Calcio. E l'ultima? Beh l'ultima vostra Champions League risale al 1996, ben 19 anni fa; cominciano a diventare tanti.

    E poi vogliamo barattare la storia? Voi 31 scudetti, 10 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane, 2 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 3 Coppe UEFA/Europa League, 2 Supercoppe UEFA, 1 Coppe Intertoto, 2 Coppe Intercontinentali..ma soprattutto:


    CARLOS DUNGA
    Dopo la finale di andata di coppa Uefa Rubentus--Fiorentina dichiarò "è come essere nella foresta e trovare il leone...ma almeno il leone ti mangia...non ti truffa

    MARTIN O'NEAL
    "I miei ragazzi sono stati semplicemente straordinari prima che l' arbitro rovinasse tutto", "Lippi, uno sguardo da mafioso!"


    YOURI DJORKAEFF
    Mondiali di Francia 1998 - Giornalista: "Vi sentite favoriti dagli arbitri per il fatto che giocate in casa?"
    Djorkaeff: "C'è una sola squadra in tutto il mondo che è favorita dagli arbitri e non è ai mondiali, ma gioca in Italia"


    MASSIMILIANO ALLEGRI

    Nel 2012 sul numero di campionati vinti dalla Juventus] Per me sono... 31! Perché? C'è compreso quello del campionato di serie B... L'ha vinto, no?


    HELENIO HERRERA

    Juventus uguale FIAT uguale potere.


    KARL HEINZ RUMMENIGGE
    "Alla Juve non sono dei gentlemen, è la mafia"






    Noi invece...

    Gunnar Gren era il “Professore”, Gunnar Nordahl il “Pompierone”, e Nils Liedholm la “Stella venuta dal nord”. I tre fuoriclasse svedesi formarono il fantastico trio Gre-No-Li, che nell’immediato dopoguerra portò il Milan ai più alti vertici di gioco e di risultati nel panorama calcistico italiano
    (Fabrizio Calzia a proposito di Gunnar Nordahl)

    Raccontano i giocatori del Real Madrid che i rivali del Milan non guardavano né loro né il pallone: guardavano solo Baresi. Così si rispetta un vero capo. Raccontano ancora che “ad ogni fuorigioco provocato gli scappava un sorriso”.
    (Jorge Valdano).

    Essere rossonero mi ha insegnato a essere uomo.
    (Josè Altafini)

    Scirea era più elegante. Non so se fosse, o sia, una qualità, ma non mi viene in mente una sua rudezza. Baresi, invece, di botte ne ha date. Ma come guida la difesa – e talvolta, addirittura la squadra – non la guida nessuno. Formidabile.
    (Gianni Agnelli)


    La più grande squadra di ogni tempo è stata il Milan di Sacchi, ma soprattutto dei tre olandesi, di Baresi e Maldini, di Tassotti ed Ancelotti. Non si vedrà mai più una squadra così, più grande del Brasile di Pelè, dell’Olanda di Cruyff.
    (Carmelo Bene)

    Sacchi rivoluzionò il calcio mentalmente, oltre che tatticamente. Quel suo Milan aveva un suo gioco che doveva provare a imporre sempre e comunque, addirittura nelle partitelle settimanali. Perciò il Milan di Sacchi destò scalpore ed emozione giocando partite d’attacco anche al Bernabeu contro il Real Madrid.
    (Roberto Donadoni)

    Con l’arrivo di Capello il Milan vinse così tanto da annoiare persino i milanisti.
    (Carmelo Bene)

    Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato.
    (L’equipe, dopo la vittoria per 4 a 0 sullo Steaua)

    “The best football team off all time”.
    (The World Soccer, sul Milan di Sacchi)

    Ho del tempo della dittatura milanista un ricordo visivo lancinante. E’ l’immagine televisiva di una palla giocata a centrocampo dove a un certo punto vennero a trovarsi di fronte il nostro Rui Barros e il milanista Frank Rijkaard e apparve per un attimo come se il minuscolo juventino Rui Barros passasse in mezzo alle gambe del monumentale centrocampista milanista, di tanto quello lo sovrastava tecnicamente e fisicamente.
    (Giampiero Mughini)

    Un giorno Van Basten mi chiese: “Mister, ma perché noi dobbiamo sempre convincere?”.
    “Perché se vuoi entrare nella storia non puoi soltanto vincere. Devi lasciare un segno diverso, devi farti ricordare a distanza di anni non solo per il risultato”.
    (Arrigo Sacchi)

    Il Milan di Sacchi era vertigine pura, che ti toglieva il respiro. Sono le cose che ti tolgono il respiro a restare sulla pelle. Equazione impossibile di estetica, grazia e armonia. Un miracolo anatomicamente perfetto, congiunzione di cuori, polmoni, fegato e fosforo. Non giocava contro le avversarie, giocava contro i propri limiti. Come Dio.
    (Giancarlo Dotto)

    Ho visto l’inter via via annichilire sotto le ventate cicloniche del Milan… dovevamo pur dire al sole giocondo e libero che non vedrà nessuna cosa al mondo maggiore del Milan.
    (Gianni Brera)



    Caro Andrea Agnelli..il Milan 1 miliardo? Faccio fatica a capire il contrario..


    #weareacmilan

  7. #6
    Il blasone e l'onore te lo costruisci sul campo.
    La loro storia è sbagliata a partire dal loro motto "...vincere è l'unica cosa che conta".
    Non si sono fermati davanti a nulla pur di vincere.
    Hanno morti sulla coscienza, scandali di doping, condizionamento di campionati.
    Potranno vincere scudetti a raffica, ma certe cose ti macchiano per la vita.

  8. #7
    Junior Member L'avatar di Tic
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    576
    La Juve è l'esempio di come avere una buona reputazione all'estero
    I nostri colori saranno il rosso come il bilancio e il nero come l'umore dei tifosi!

  9. #8
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,773
    Citazione Originariamente Scritto da Dapone Visualizza Messaggio
    Il blasone e l'onore te lo costruisci sul campo.
    La loro storia è sbagliata a partire dal loro motto "...vincere è l'unica cosa che conta".
    Non si sono fermati davanti a nulla pur di vincere.
    Hanno morti sulla coscienza, scandali di doping, condizionamento di campionati.
    Potranno vincere scudetti a raffica, ma certe cose ti macchiano per la vita.
    Ma che significa? Li hanno ammazzati loro?

  10. #9
    Citazione Originariamente Scritto da Splendidi Incisivi Visualizza Messaggio
    Ma che significa? Li hanno ammazzati loro?
    no ma pur di vincere non hanno smesso di giocare anche se a pochi metri da loro c'era gente agonizzante.

  11. #10
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    2,596
    Citazione Originariamente Scritto da Lo Gnu Visualizza Messaggio
    Caro Agnelli sai perché il Milan vale così tanto? Perché 5 anni di decisioni scellerate non potranno mai cancellare la nostra storia. La storia è lì, perfetta, inattaccabile.. giudice supremo della verità. Libri, Statistiche, Musei, non possono mentire. Lo può fare un gobbo, ma non la storia. La storia è ciclica, siam stati gloriosi, lo saremo per sempre.

    Due Coppe dei Campioni e 5 Champions League non si vincono per caso. 2+5=7. Sette. S-e-t-t-e. Mi viene il mal di testa solo a pensarci.
    La vostra prima Champions League fa parte di una triste pagina del Calcio. E l'ultima? Beh l'ultima vostra Champions League risale al 1996, ben 19 anni fa; cominciano a diventare tanti.

    E poi vogliamo barattare la storia? Voi 31 scudetti, 10 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane, 2 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 3 Coppe UEFA/Europa League, 2 Supercoppe UEFA, 1 Coppe Intertoto, 2 Coppe Intercontinentali..ma soprattutto:


    CARLOS DUNGA
    Dopo la finale di andata di coppa Uefa Rubentus--Fiorentina dichiarò "è come essere nella foresta e trovare il leone...ma almeno il leone ti mangia...non ti truffa

    MARTIN O'NEAL
    "I miei ragazzi sono stati semplicemente straordinari prima che l' arbitro rovinasse tutto", "Lippi, uno sguardo da mafioso!"


    YOURI DJORKAEFF
    Mondiali di Francia 1998 - Giornalista: "Vi sentite favoriti dagli arbitri per il fatto che giocate in casa?"
    Djorkaeff: "C'è una sola squadra in tutto il mondo che è favorita dagli arbitri e non è ai mondiali, ma gioca in Italia"


    MASSIMILIANO ALLEGRI

    Nel 2012 sul numero di campionati vinti dalla Juventus] Per me sono... 31! Perché? C'è compreso quello del campionato di serie B... L'ha vinto, no?


    HELENIO HERRERA

    Juventus uguale FIAT uguale potere.


    KARL HEINZ RUMMENIGGE
    "Alla Juve non sono dei gentlemen, è la mafia"






    Noi invece...

    Gunnar Gren era il “Professore”, Gunnar Nordahl il “Pompierone”, e Nils Liedholm la “Stella venuta dal nord”. I tre fuoriclasse svedesi formarono il fantastico trio Gre-No-Li, che nell’immediato dopoguerra portò il Milan ai più alti vertici di gioco e di risultati nel panorama calcistico italiano
    (Fabrizio Calzia a proposito di Gunnar Nordahl)

    Raccontano i giocatori del Real Madrid che i rivali del Milan non guardavano né loro né il pallone: guardavano solo Baresi. Così si rispetta un vero capo. Raccontano ancora che “ad ogni fuorigioco provocato gli scappava un sorriso”.
    (Jorge Valdano).

    Essere rossonero mi ha insegnato a essere uomo.
    (Josè Altafini)

    Scirea era più elegante. Non so se fosse, o sia, una qualità, ma non mi viene in mente una sua rudezza. Baresi, invece, di botte ne ha date. Ma come guida la difesa – e talvolta, addirittura la squadra – non la guida nessuno. Formidabile.
    (Gianni Agnelli)


    La più grande squadra di ogni tempo è stata il Milan di Sacchi, ma soprattutto dei tre olandesi, di Baresi e Maldini, di Tassotti ed Ancelotti. Non si vedrà mai più una squadra così, più grande del Brasile di Pelè, dell’Olanda di Cruyff.
    (Carmelo Bene)

    Sacchi rivoluzionò il calcio mentalmente, oltre che tatticamente. Quel suo Milan aveva un suo gioco che doveva provare a imporre sempre e comunque, addirittura nelle partitelle settimanali. Perciò il Milan di Sacchi destò scalpore ed emozione giocando partite d’attacco anche al Bernabeu contro il Real Madrid.
    (Roberto Donadoni)

    Con l’arrivo di Capello il Milan vinse così tanto da annoiare persino i milanisti.
    (Carmelo Bene)

    Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato.
    (L’equipe, dopo la vittoria per 4 a 0 sullo Steaua)

    “The best football team off all time”.
    (The World Soccer, sul Milan di Sacchi)

    Ho del tempo della dittatura milanista un ricordo visivo lancinante. E’ l’immagine televisiva di una palla giocata a centrocampo dove a un certo punto vennero a trovarsi di fronte il nostro Rui Barros e il milanista Frank Rijkaard e apparve per un attimo come se il minuscolo juventino Rui Barros passasse in mezzo alle gambe del monumentale centrocampista milanista, di tanto quello lo sovrastava tecnicamente e fisicamente.
    (Giampiero Mughini)

    Un giorno Van Basten mi chiese: “Mister, ma perché noi dobbiamo sempre convincere?”.
    “Perché se vuoi entrare nella storia non puoi soltanto vincere. Devi lasciare un segno diverso, devi farti ricordare a distanza di anni non solo per il risultato”.
    (Arrigo Sacchi)

    Il Milan di Sacchi era vertigine pura, che ti toglieva il respiro. Sono le cose che ti tolgono il respiro a restare sulla pelle. Equazione impossibile di estetica, grazia e armonia. Un miracolo anatomicamente perfetto, congiunzione di cuori, polmoni, fegato e fosforo. Non giocava contro le avversarie, giocava contro i propri limiti. Come Dio.
    (Giancarlo Dotto)

    Ho visto l’inter via via annichilire sotto le ventate cicloniche del Milan… dovevamo pur dire al sole giocondo e libero che non vedrà nessuna cosa al mondo maggiore del Milan.
    (Gianni Brera)



    Caro Andrea Agnelli..il Milan 1 miliardo? Faccio fatica a capire il contrario..
    Mi hai commosso.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.