Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33

  1. #1
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    12,837

    La Scala (piccolo azionista Milan) a Milan Channel. L'intervista.

    L'avvocato Giuseppe La Scala, che fa parte dei piccoli azionisti del Milan, è intervenuto oggi a Milan Channel, con un'intervista telefonica con Suma. Ecco qui in sintesi il suo intervento.

    Suma: Lei è intervenuto 2 anni fa all'assemblea degli azionisti?
    La Scala: No, sono intervenuto l'anno scorso per la prima volta, pur essendo azionista da 25 anni. Intervenni perché la situazione era già preoccupante.

    S: Lei dice che il presidente Berlusconi e Fininvest devono lasciare il Milan in condizioni migliori di come l'hanno rilevato. Io le dico: quasi 30 trofei in più, e senza debiti da macellaio... direi che queste sono condizioni migliori. O no?
    LS: Io spero che Berlusconi, Fininvest e Milan Channel la smettano di affermare che una società possa giustificare i suoi errori sul fatto che nei 20 anni precedenti ha operato bene. Fermarsi a riflettere sul passato, con questi errori che si vedono oggi, mi sembra un modo molto miope di operare e triste di lasciare. Per uscire di scena serve uno stile che Fininvest non mi pare abbia. E' retorica. Spero lascino a breve, perché così rischiano di farsi ricordare più per gli ultimi anni disastrosi che per i primi straordinari 20 anni. Berlusconi dice che non può competere con le grandi potenze del calcio internazionale. Allora questo è il momento di farsi da parte.

    S: Sì ma tutti nel calcio attuale, Juve eccetto, vogliono vendere. Il nostro campionato non ha molto appeal. A metterci in mani peggiori ci mettiamo un attimo...
    LS: Non condivido la quotazione che Fininvest fa del Milan, 1 miliardo. E' una quotazione del tutto fuori mercato. Che il Milan sia diverso dalle altre squadre italiane e che abbia più appeal, su questo non ci piove.
    Oggi la Juventus in borsa capitalizza 300-400 milioni, mi pare. Il 20% dell'Inter passa per 60 milioni, su una quotazione di 300 milioni. E per noi ora si parla di una trattativa seria, non come quella con Mr Bee, per 700 milioni.

    S: Ma a parte il caso del comunicato ufficiale con Bee, Fininvest non ha mai fatto quotazioni. Sono quotazioni mediatiche.
    LS: Eh sì, se stiamo ad aspettare i comunicati ufficiali... Le quotazioni a cui mi riferisco provengono da fonti plausibili e credibili. Chi ha interesse a forzare una trattativa ha anche interesse a far uscire notizie sulla trattativa. Poi magari quando la trattativa si farà serrata, ci sarà più riservatezza.
    Chi comprerà il Milan a cifre ragionevoli, che siano cinesi o meno, otterrà in cambio il potere di gestire il club. E' plausibile. E mi auguro sia vero. Era invece assurdo che qualcuno ci mettesse mezzo miliardo per lasciare la gestione all'attuale management. Era incredibile.

    S: Sono stati 3-4 anni duri, delicati. Però mi sembra che si peggiori la situazione. Lei oggi aveva affermato in radio che "il Milan è un club tecnicamente fallito". Ma l'Inter è in condizioni peggiori delle nostre, però nessuno nel loro ambiente, tifoseria compresa, parla così. La Juventus ha fatto campagne acquisti faraoniche prima di riuscire a vincere lo scudetto con Conte e nessuno ha detto niente, mentre da noi si critica il mercato troppo dispendioso. Perché noi tendiamo a peggiorare le cose, anche nei termini?
    LS: Io nego che ci sia disfattismo da parte mia o da parte di chi dice la verità, soprattutto alla luce della lettura del bilancio. La Juve ha approvato un bilancio che si chiude con un piccolo attivo. Per quanto riguarda il Milan, quando 25 anni fai mi presentai per la prima volta all'assemblea, ci fu un passivo mostruoso di 40 miliardi di lire, che fu tutto dovuto al fatto che quell'anno vincemmo Campionato e Coppa Campioni e si dovettero pagare i premi ai giocatori che ci avevano portato sul tetto del mondo. Ora, c'è una differenza radicale tra lo spendere un sacco di soldi e andare in passivo per finanziare un ciclo di vittorie e avere una squadra vincente, e lo spendere un sacco di soldi e avere passivi enormi per avere una squadra che ha risultati sportivi deprimenti. Quando accade questo, il problema non è il destino, ma i dirigenti che hanno fatto il loro tempo. E devono mettersi da parte. Quelli che in questo momento guidano il Milan non riescono a interpretare correttamente la realtà di un calcio che è molto diverso da quello di 20 o 30 anni fa. Allora ci si fa da parte. I tifosi milanisti sono anche molto pazienti. Sono stati in Serie B e hanno seguito la squadra nei momenti duri della sua storia. Non pretendono di vincere sempre. Pretendono dei progetti, pretendono una speranza, pretendono onestà di comportamenti e onestà intellettuale di intenti. E oggi i tifosi del Milan oltre ad aver perso la pazienza, hanno perso anche la speranza. Ed è questa la cosa più drammatica
    Filippo Inzaghi (proveniente da 5 partite, di cui 4 perse e 1 vinta): "Ho rivisto lo spirito giusto: una l'abbiamo vinta, le altre... le abbiamo giocate bene."

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Serginho
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    West Sussex
    Messaggi
    5,986
    Perfetto La Scala, ha zittito con nonchalance quel servo inetto.

    Analizzando il Suma pensiero poi ci si pone vari quesiti del tipo:
    1)Ma solo Berlusconi e' affidabile? Giudicando i risultati recenti sportivi ed economici direi di no
    2)Quando Berlusconi non esistera' piu' che si fa? Cancelliamo pure il Milan?

    Prima di tutto bisogna cambiare, poi si vedra' se i nuovi proprietari sono buoni o meno, ma senza il cambio non lo potremo mai sapere. E inoltre se le cose dovessero andare male i nuovi proprietari venderanno in fretta, non sono mica tutti come Berlusconi...prima di lui il nostro presidente piu' longevo era Pirelli negli anni 20-30, dopo di lui sono tutti durati massimo 5-6 anni

  4. #3
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,739
    Suma mostra la stessa mentalità di squadrette provinciali come Napoli e Roma che guardano la Juve vincere lo scudetto: queste ultime, invece di migliorarsi e guardare il proprio orticello, si preoccupano di sottolineare che la Juve ruba e soltanto per questo vince, intanto i bianconeri ne fanno 5 di fila e loro festeggiano o le doppiette d'er pupone oppure il titolo di campioni d'inverno; Suma, analogamente, invece di guardare il nostro orticello, fatto di polvere, cenere e catrame, pensa a dire che anche gli altri non se la passano bene e che noi abbiamo vinto tutto, anche se più di dieci anni fa.

  5. #4
    Vabbè ma cosa stiamo a sentire Suma che è la versione antropomorfa della carta igienica.

  6. #5
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    23,059
    Ma Suoma quanto fa schifo ?quanto è prostrato a 90 ? Ma che è sto schifo ??

    La Scala numero 1 , ha dimostrato che se ci fossero dei VERI giornalisti a fare delle domande a Galliani al posto dei vari SOUMA , RUJU , Skincats avremmo molte più risposte alle nostre frustrazioni .
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

  7. #6
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Lucca
    Messaggi
    5,942
    Date una medaglia a quest'uomo!

  8. #7
    Zio bello L'avatar di addox
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    992
    Per scardinare questa finta società di calcio, basterebbe fare le domande giuste, che La Scala ha fatto, anzi è stato anche troppo buono.
    Nano malefico, zio fester veniamo con i bastoni

  9. #8
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    698
    Citazione Originariamente Scritto da Louis Gara Visualizza Messaggio
    L'avvocato Giuseppe La Scala, che fa parte dei piccoli azionisti del Milan, è intervenuto oggi a Milan Channel, con un'intervista telefonica con Suma. Ecco qui in sintesi il suo intervento.

    Suma: Lei è intervenuto 2 anni fa all'assemblea degli azionisti?
    La Scala: No, sono intervenuto l'anno scorso per la prima volta, pur essendo azionista da 25 anni. Intervenni perché la situazione era già preoccupante.

    S: Lei dice che il presidente Berlusconi e Fininvest devono lasciare il Milan in condizioni migliori di come l'hanno rilevato. Io le dico: quasi 30 trofei in più, e senza debiti da macellaio... direi che queste sono condizioni migliori. O no?
    LS: Io spero che Berlusconi, Fininvest e Milan Channel la smettano di affermare che una società possa giustificare i suoi errori sul fatto che nei 20 anni precedenti ha operato bene. Fermarsi a riflettere sul passato, con questi errori che si vedono oggi, mi sembra un modo molto miope di operare e triste di lasciare. Per uscire di scena serve uno stile che Fininvest non mi pare abbia. E' retorica. Spero lascino a breve, perché così rischiano di farsi ricordare più per gli ultimi anni disastrosi che per i primi straordinari 20 anni. Berlusconi dice che non può competere con le grandi potenze del calcio internazionale. Allora questo è il momento di farsi da parte.

    S: Sì ma tutti nel calcio attuale, Juve eccetto, vogliono vendere. Il nostro campionato non ha molto appeal. A metterci in mani peggiori ci mettiamo un attimo...
    LS: Non condivido la quotazione che Fininvest fa del Milan, 1 miliardo. E' una quotazione del tutto fuori mercato. Che il Milan sia diverso dalle altre squadre italiane e che abbia più appeal, su questo non ci piove.
    Oggi la Juventus in borsa capitalizza 300-400 milioni, mi pare. Il 20% dell'Inter passa per 60 milioni, su una quotazione di 300 milioni. E per noi ora si parla di una trattativa seria, non come quella con Mr Bee, per 700 milioni.

    S: Ma a parte il caso del comunicato ufficiale con Bee, Fininvest non ha mai fatto quotazioni. Sono quotazioni mediatiche.
    LS: Eh sì, se stiamo ad aspettare i comunicati ufficiali... Le quotazioni a cui mi riferisco provengono da fonti plausibili e credibili. Chi ha interesse a forzare una trattativa ha anche interesse a far uscire notizie sulla trattativa. Poi magari quando la trattativa si farà serrata, ci sarà più riservatezza.
    Chi comprerà il Milan a cifre ragionevoli, che siano cinesi o meno, otterrà in cambio il potere di gestire il club. E' plausibile. E mi auguro sia vero. Era invece assurdo che qualcuno ci mettesse mezzo miliardo per lasciare la gestione all'attuale management. Era incredibile.

    S: Sono stati 3-4 anni duri, delicati. Però mi sembra che si peggiori la situazione. Lei oggi aveva affermato in radio che "il Milan è un club tecnicamente fallito". Ma l'Inter è in condizioni peggiori delle nostre, però nessuno nel loro ambiente, tifoseria compresa, parla così. La Juventus ha fatto campagne acquisti faraoniche prima di riuscire a vincere lo scudetto con Conte e nessuno ha detto niente, mentre da noi si critica il mercato troppo dispendioso. Perché noi tendiamo a peggiorare le cose, anche nei termini?
    LS: Io nego che ci sia disfattismo da parte mia o da parte di chi dice la verità, soprattutto alla luce della lettura del bilancio. La Juve ha approvato un bilancio che si chiude con un piccolo attivo. Per quanto riguarda il Milan, quando 25 anni fai mi presentai per la prima volta all'assemblea, ci fu un passivo mostruoso di 40 miliardi di lire, che fu tutto dovuto al fatto che quell'anno vincemmo Campionato e Coppa Campioni e si dovettero pagare i premi ai giocatori che ci avevano portato sul tetto del mondo. Ora, c'è una differenza radicale tra lo spendere un sacco di soldi e andare in passivo per finanziare un ciclo di vittorie e avere una squadra vincente, e lo spendere un sacco di soldi e avere passivi enormi per avere una squadra che ha risultati sportivi deprimenti. Quando accade questo, il problema non è il destino, ma i dirigenti che hanno fatto il loro tempo. E devono mettersi da parte. Quelli che in questo momento guidano il Milan non riescono a interpretare correttamente la realtà di un calcio che è molto diverso da quello di 20 o 30 anni fa. Allora ci si fa da parte. I tifosi milanisti sono anche molto pazienti. Sono stati in Serie B e hanno seguito la squadra nei momenti duri della sua storia. Non pretendono di vincere sempre. Pretendono dei progetti, pretendono una speranza, pretendono onestà di comportamenti e onestà intellettuale di intenti. E oggi i tifosi del Milan oltre ad aver perso la pazienza, hanno perso anche la speranza. Ed è questa la cosa più drammatica
    Beh signori peggio di così non so come potrebbe andare francamente.

  10. #9
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    10,968
    La Scala
    Brocchi per brocchi

  11. #10
    Citazione Originariamente Scritto da Louis Gara Visualizza Messaggio
    L'avvocato Giuseppe La Scala, che fa parte dei piccoli azionisti del Milan, è intervenuto oggi a Milan Channel, con un'intervista telefonica con Suma. Ecco qui in sintesi il suo intervento.

    Suma: Lei è intervenuto 2 anni fa all'assemblea degli azionisti?
    La Scala: No, sono intervenuto l'anno scorso per la prima volta, pur essendo azionista da 25 anni. Intervenni perché la situazione era già preoccupante.

    S: Lei dice che il presidente Berlusconi e Fininvest devono lasciare il Milan in condizioni migliori di come l'hanno rilevato. Io le dico: quasi 30 trofei in più, e senza debiti da macellaio... direi che queste sono condizioni migliori. O no?
    LS: Io spero che Berlusconi, Fininvest e Milan Channel la smettano di affermare che una società possa giustificare i suoi errori sul fatto che nei 20 anni precedenti ha operato bene. Fermarsi a riflettere sul passato, con questi errori che si vedono oggi, mi sembra un modo molto miope di operare e triste di lasciare. Per uscire di scena serve uno stile che Fininvest non mi pare abbia. E' retorica. Spero lascino a breve, perché così rischiano di farsi ricordare più per gli ultimi anni disastrosi che per i primi straordinari 20 anni. Berlusconi dice che non può competere con le grandi potenze del calcio internazionale. Allora questo è il momento di farsi da parte.

    S: Sì ma tutti nel calcio attuale, Juve eccetto, vogliono vendere. Il nostro campionato non ha molto appeal. A metterci in mani peggiori ci mettiamo un attimo...
    LS: Non condivido la quotazione che Fininvest fa del Milan, 1 miliardo. E' una quotazione del tutto fuori mercato. Che il Milan sia diverso dalle altre squadre italiane e che abbia più appeal, su questo non ci piove.
    Oggi la Juventus in borsa capitalizza 300-400 milioni, mi pare. Il 20% dell'Inter passa per 60 milioni, su una quotazione di 300 milioni. E per noi ora si parla di una trattativa seria, non come quella con Mr Bee, per 700 milioni.

    S: Ma a parte il caso del comunicato ufficiale con Bee, Fininvest non ha mai fatto quotazioni. Sono quotazioni mediatiche.
    LS: Eh sì, se stiamo ad aspettare i comunicati ufficiali... Le quotazioni a cui mi riferisco provengono da fonti plausibili e credibili. Chi ha interesse a forzare una trattativa ha anche interesse a far uscire notizie sulla trattativa. Poi magari quando la trattativa si farà serrata, ci sarà più riservatezza.
    Chi comprerà il Milan a cifre ragionevoli, che siano cinesi o meno, otterrà in cambio il potere di gestire il club. E' plausibile. E mi auguro sia vero. Era invece assurdo che qualcuno ci mettesse mezzo miliardo per lasciare la gestione all'attuale management. Era incredibile.

    S: Sono stati 3-4 anni duri, delicati. Però mi sembra che si peggiori la situazione. Lei oggi aveva affermato in radio che "il Milan è un club tecnicamente fallito". Ma l'Inter è in condizioni peggiori delle nostre, però nessuno nel loro ambiente, tifoseria compresa, parla così. La Juventus ha fatto campagne acquisti faraoniche prima di riuscire a vincere lo scudetto con Conte e nessuno ha detto niente, mentre da noi si critica il mercato troppo dispendioso. Perché noi tendiamo a peggiorare le cose, anche nei termini?
    LS: Io nego che ci sia disfattismo da parte mia o da parte di chi dice la verità, soprattutto alla luce della lettura del bilancio. La Juve ha approvato un bilancio che si chiude con un piccolo attivo. Per quanto riguarda il Milan, quando 25 anni fai mi presentai per la prima volta all'assemblea, ci fu un passivo mostruoso di 40 miliardi di lire, che fu tutto dovuto al fatto che quell'anno vincemmo Campionato e Coppa Campioni e si dovettero pagare i premi ai giocatori che ci avevano portato sul tetto del mondo. Ora, c'è una differenza radicale tra lo spendere un sacco di soldi e andare in passivo per finanziare un ciclo di vittorie e avere una squadra vincente, e lo spendere un sacco di soldi e avere passivi enormi per avere una squadra che ha risultati sportivi deprimenti. Quando accade questo, il problema non è il destino, ma i dirigenti che hanno fatto il loro tempo. E devono mettersi da parte. Quelli che in questo momento guidano il Milan non riescono a interpretare correttamente la realtà di un calcio che è molto diverso da quello di 20 o 30 anni fa. Allora ci si fa da parte. I tifosi milanisti sono anche molto pazienti. Sono stati in Serie B e hanno seguito la squadra nei momenti duri della sua storia. Non pretendono di vincere sempre. Pretendono dei progetti, pretendono una speranza, pretendono onestà di comportamenti e onestà intellettuale di intenti. E oggi i tifosi del Milan oltre ad aver perso la pazienza, hanno perso anche la speranza. Ed è questa la cosa più drammatica
    Benissimo, grande La Scala.
    Peccato che a nessuno fregherà niente di Lui, Galliani dirà le solite fregnacce in assemblea e siamo a posto così.
    Però voglio sentire un Gatti infuriato ahahah

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.