Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 30 di 30

  1. #21
    Senior Member L'avatar di Angstgegner
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    9,922
    Io abito in Lombardia, nel Varesotto. La mia zona era nota per essere il più importante (o uno dei più importanti) distretto tessile italiano. Questo settore ormai praticamente non esiste più. In provincia c'erano tantissime PMI, alcune famose in tutto il mondo, ora sono sul lastrico o sono comunque in estrema sofferenza. La situazione lavorativa non è così drammatica come da altre parti del Paese, ma risulta comunque grave. Mio padre una volta fallita l'azienda nella quale ha lavorato per 20 anni ci ha impiegato 2 anni per trovare lavoro, nonostante avesse una grandissima esperienza sul campo come manutentore meccanico. "Lei ha quasi 55 anni, è troppo vecchio". Se l'è sentito dire parecchie volte, ma poi per fortuna ha trovato lavoro in una realtà consolidata. Io stesso nonostante stia per concludere gli studi per trovare uno stage ci ho messo più di 6 mesi. In conclusione, nella zona in cui abito resistono le imprese che fanno parte di una multinazionale che non risente particolarmente della crisi o che sia leader di mercato nel proprio settore. Un'azienda storica come l'Agusta Westland non se la sta passando bene, la situazione di Malpensa non è ancora chiara (se davvero si vuole trasformare l'aeroporto in un hub per i soli voli internazionali il lavoro diminuirà certamente), per fare 2 esempi. In controtendenza la Whirlpool vuole fare del Varesotto il più grande polo produttivo in Europa e nel giro di un paio di anni dovrebbe spostare la produzione dei forni dalla Svezia all'Italia. Questa è una grossa opportunità lavorativa, in quanto dovrebbero prima reintegrare i dipendenti lasciati a casa e poi dovrebbero assumere nuovo personale (si vocifera circa 500 persone).
    Per i giovani non è affatto facile trovare lavoro, a prescindere dal titolo di studio: se hai studiato richiedono l'esperienza, se hai maturato un minimo di esperienza per una determinata mansione richiedono il titolo di studio. Attualmente è impossibile programmare alcun tipo di futuro. Io sono pronto ad andare all'estero nel caso la situazione fosse davvero drammatica ma rimarrò in Italia finché avrò anche solamente un briciolo di speranza affinché le cose possano cambiare.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #22
    Member L'avatar di Brain84
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Venezia
    Messaggi
    3,233
    Io sono libero professionista e abito nel Veneto orientale. Con il mio lavoro giro molte piccole e medie imprese, ci lavoro a stretto contatto tutti i giorni e vedo una moria totale, tant'è che sempre di più si affidano a me come collaboratore esterno.
    Il problema non è solo uno, sono tanti e in mezzo ci metto una cultura del lavoro che si è persa con il progredire delle generazioni.
    www.uaitstudio.it

  4. #23
    Senior Member L'avatar di Albijol
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    6,997
    Qua nelle Marche le grosse aziende o hanno chiuso, o vogliono delocalizzare o hanno già delocalizzato. Solo lo scarparo Della Valle e pochi altri se la passano stra-bene
    Riccardo Montolivo :facepalm:

  5. #24
    Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    3,449
    Io ho difficoltà a contattare le imprese, quelle che trovo andando in giro non vogliono nemmeno parlare, quelle di cui non conosco la sede non fanno nessuna pubblicità dato che le interinali hanno intasato tutti i mezzi mediatici per la ricerca del lavoro con i loro annunci falsi.

    Citazione Originariamente Scritto da Colle Der Fomento Visualizza Messaggio
    Le uniche soluzioni soluzioni sono due:
    non votare tutta la popolazione = impossibile (ricordo che un politico senza voto non vale nulla)
    andare all'estero = possibile
    Il politico ha il proprio voto personale e non c'è nessuna legge sul quorum per essere eletti. Se abbandoni l'Italia è come se ti amputi il pene per fare un dispetto alla moglie: il tuo destino rimane ignoto e il destino del politico nel caso peggiore cioè la "desertificazione" dell'Italia è cuccarsi la zona con il più importante patrimonio artistico del mondo.

  6. #25
    Junior Member L'avatar di Colle Der Fomento
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    641
    Citazione Originariamente Scritto da vota DC Visualizza Messaggio
    Io ho difficoltà a contattare le imprese, quelle che trovo andando in giro non vogliono nemmeno parlare, quelle di cui non conosco la sede non fanno nessuna pubblicità dato che le interinali hanno intasato tutti i mezzi mediatici per la ricerca del lavoro con i loro annunci falsi.



    Il politico ha il proprio voto personale e non c'è nessuna legge sul quorum per essere eletti. Se abbandoni l'Italia è come se ti amputi il pene per fare un dispetto alla moglie: il tuo destino rimane ignoto e il destino del politico nel caso peggiore cioè la "desertificazione" dell'Italia è cuccarsi la zona con il più importante patrimonio artistico del mondo.
    Vabbè, tu resta qui a ''marcire''. Io me ne andrò, non voglio passare la vita in un paese arretrato pieno di problemi.

  7. #26
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Qui
    Messaggi
    9,029
    Citazione Originariamente Scritto da Colle Der Fomento Visualizza Messaggio
    Vabbè, tu resta qui a ''marcire''. Io me ne andrò, non voglio passare la vita in un paese arretrato pieno di problemi.
    la realtà all estero se non hai conoscenze(intendo in loco)non è cosi semplice...Ti auguro il meglio e se incontri difficolta non abbatterti perche se cerchi un lavoro all estero partendo dal basso è davvero durissima.

  8. #27
    Junior Member L'avatar di madeinitaly
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    144
    E' un paese dove non se ne esce "vivi" l'Italia, ormai è la cruda verità. Il 44% dei giovani è disoccupato (1 su 2 non lavora), le aziende hanno debiti fino al collo e la maggior parte stanno chiudendo o hanno già chiuso. La tassazione è esagerata in qualsiasi cosa ci si giri, qualsiasi prodotto o qualsiasi cosa vogliate, è un paese invivibile ormai. La gente non sa più dove sbatter la testa, e ormai l'unica soluzione è andarsene e provare un avventura all'estero. Non ha più senso neanche fare il discorso "eh se te ne vai sei un coniglio, devi rimanere a lottare per il paese" perchè non ha più un senso, quindi tanto vale provarci. In bocca al lupo a tutti quelli che lo faranno, io ci sto pensando e penso che ci proverò.
    Non c'è sconfitta nel cuore di chi lotta.

  9. #28
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,741
    Citazione Originariamente Scritto da Doctore Visualizza Messaggio
    la realtà all estero se non hai conoscenze(intendo in loco)non è cosi semplice...Ti auguro il meglio e se incontri difficolta non abbatterti perche se cerchi un lavoro all estero partendo dal basso è davvero durissima.
    Esatto, quella dell'estero sta diventando una favoletta. Se si è qualificati e dall'estero ti offrono un lavoro allora è giusto accettare, cioè: lascio l'Italia per andare a lavorare certamente altrove ma se devo andare all'estero per iniziare da 0, tanto vale iniziare da 0 qui, dove sai muoverti, volente o nolente, meglio che in un altro paese, perché qui ci sei nato e cresciuto.

  10. #29
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Qui
    Messaggi
    9,029
    Citazione Originariamente Scritto da Splendidi Incisivi Visualizza Messaggio
    Esatto, quella dell'estero sta diventando una favoletta. Se si è qualificati e dall'estero ti offrono un lavoro allora è giusto accettare, cioè: lascio l'Italia per andare a lavorare certamente altrove ma se devo andare all'estero per iniziare da 0, tanto vale iniziare da 0 qui, dove sai muoverti, volente o nolente, meglio che in un altro paese, perché qui ci sei nato e cresciuto.
    Ma guarda puoi iniziare anche da zero ma è necessario avere un supporto tipo un amico,un parente un contatto che ti indirizza...altrimenti fai la fine dei lava vetri che ci sono qua in italia.

  11. #30
    Senior Member L'avatar di runner
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    7,206
    ormai sono mesi che sento panzanate e motivazioni allucinati sulla "crisi" italiana (non in questo forum ma in giro)

    come si fa a pensare che le persone debbano cambiare attitudini e che di colpo si possano fare le riforme che sono 30 anni che nessuno le fa?
    L' Italia è un paese che non ha liquidità. Le idee, i laureati e la voglia di fare le cose ci sono ancora, mancano solo i mezzi per metterle in atto....

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.