Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 10 di 10

  1. #1
    Member L'avatar di mistergao
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    Rho
    Messaggi
    1,324

    La Coppa Intercontinentale vinta nel 1989...

    Visto che a tanti è piaciuto il mio thread su Milan-Barcellona, mi è venuta voglia di scriverne un altro, per parlarvi di una partita di 25 anni fa. Spero vi piaccia.

    PROLOGO

    La coppa Intercontinentale è stata, dal 1960 al 2004, la manifestazione che ha messo di fronte le vincitrici della Coppa dei Campioni e della sua omologa sudamericana, la Coppa Libertadores. Sgomberiamo subito il campo da un errore che spesso viene commesso: se è vero che il Mondiale per Club è la sua naturale evoluzione, le due competizioni non si possono mettere sullo stesso piano.
    La Coppa Intercontinentale era molto più bella. Più viva, più avvincente. Le sudamericane all’epoca spesso erano squadre forti quanto le europee, ben allenate, ricche di talento. Non c’era ancora l’acquisto di talenti giovanissimi dai parte dei club europei e si poteva competere allo stesso livello.

    PRIMA

    Nel 1989 si incontrano il Milan e l’Atletico Nacional de Medellin: I colombiani sono tosti, hanno un allenatore, Maturana, che è il Sacchi sudamericano e in porte il pittoresco Higuita, portiere tanto bravo quanto imprevedibile.
    Ma il vero problema è che l’Atletico è la squadra della città in cui vive Pablo Escobar, boss della droga che controllava buona parte del mercato di cocaina degli anni ’80, oltre che discreto trafficante di armi. All’epoca i rapporti tra Escobar e la squadra erano chiacchieratissimi, come quelli della sua amicizia con i giocatori,
    Come al solito, spesso erano solo voci, di certo è provato che parte della strategia di Escobar per ingraziarsi “El Pueblo” stava anche nel finanziare attività sportive local; inoltre l’ex presidente del club, Hernan Botero, era in carcere negli USA, per una serie di reati. Sui media italiani scoppiò il putiferio: secondo tanti il Milan non doveva scendere in campo. Quella partita non si doveva giocare, se il Milan avesse giocato avrebbe (secondo una tesi all’epoca in voga) legittimato il traffico di droga e di armi e, più in generale, i comportamenti di Escobar. Non sta a me scrivere se quella partita era da giocare o no, ma rendervi conto del clima che accompagnò quella spedizione: nessuno parlava di calcio, solo di droga, armi, criminalità. Che poi, a ben vedere, sorge il forte sospetto che dietro a tanti di quelli che parlavano c’era un’invidia spropositata per quella squadra così bella e così vincente…

    LA PARTITA

    Ah, sì, la partita: una noia mostruosa. Alzarsi alle 4 del mattino per vedere una partita a scacchi è deludente. Sacchi e Maturana si annullano, le uniche emozioni (diciamo un paio in 120 minuti) le regala van Basten, ma è proprio poco. Poi, al 119°, ecco che Higuita mette un uomo in meno in barriera ed Evani tira fuori un tiro furbo, che lo batte. E’ finita, il Milan ha vinto una guerra di nervi contro l’avversario colombiano e i polemisti italiani.

    DOPO

    La squadra torna in Italia, sollevando la coppa. Le polemiche si spengono nel giro di 5-6 giorni anche perché, si sa, sotto Natale siamo tutti più buoni. E un’altra coppa fa bella mostra di sé nella bacheca rossonera.
    Ultima modifica di Tifo'o; 29-05-2015 alle 19:59

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Serginho
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    West Sussex
    Messaggi
    6,056
    Citazione Originariamente Scritto da mistergao Visualizza Messaggio
    Sui media italiani scoppiò il putiferio: secondo tanti il Milan non doveva scendere in campo. Quella partita non si doveva giocare, se il Milan avesse giocato avrebbe (secondo una tesi all’epoca in voga) legittimato il traffico di droga e di armi e, più in generale, i comportamenti di Escobar.
    Cosa non si inventano gli italioti quando rosicano

  4. #3
    Membro e rettile
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    6,172
    Bel racconto.

    Il mondiale per club è una competizione farlocca e soprattutto senz'anima, che secondo me non durerà molto. Basta citare il Mazembe....

    L'Intercontinentale era tutt'altra cosa, quando poi si svolgeva andata e ritorno, e si andava in Sud America, specie in Argentina, era praticamente una battaglia senza esclusione di colpi.

  5. #4
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Ho un bel ricordo di quella partita,
    tornai a casa mia dalla discoteca con un mio amico (non fraintendete )interista all'inizio della partita,
    lui la vide tutta, io mi addormentai quasi subito ma casualmente mi risvegliai in occasione della punizione,
    grande Bubu!!!

  6. #5
    Moderatore L'avatar di mefisto94
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    23,305
    @mistergao togli i link. Ti crediamo sulla fiducia.

  7. #6
    io sta' storia della droga non la ricordo
    feci il dritto al bar , massacrato da uno scotch and scotch (detto il trombatedesche) trascorsi il primo tempo in semi coma domandando di continuo "ma Baresi gioca?" era forse in dubbio o io troppo out
    poi lucidita' totale , notte indimenticabile

  8. #7
    Senior Member L'avatar di Black
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    5,163
    che tempi quelli! alzarsi alle 3 di mattina per vedere l'intercontinentale! sia quell'anno che il successivo e il fischio fastidioso di sottofondo...
    non lo dico solo per invidia verso il "mondiale per club" attuale, ma l'intercontinentale in gara unica aveva un fascino superiore. Poi a quell'orario notturno

  9. #8
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    23,204
    L ho vista con mio papà è molto amici ... Bei tempi , bellissimi ricordi
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

  10. #9
    Member L'avatar di gabuz
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    3,402
    Citazione Originariamente Scritto da Super_Lollo Visualizza Messaggio
    L ho vista con mio papà è molto amici ... Bei tempi , bellissimi ricordi
    Nostalgia canaglia

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,764
    Citazione Originariamente Scritto da mistergao Visualizza Messaggio
    Visto che a tanti è piaciuto il mio thread su Milan-Barcellona, mi è venuta voglia di scriverne un altro, per parlarvi di una partita di 25 anni fa. Spero vi piaccia.

    PROLOGO

    La coppa Intercontinentale è stata, dal 1960 al 2004, la manifestazione che ha messo di fronte le vincitrici della Coppa dei Campioni e della sua omologa sudamericana, la Coppa Libertadores. Sgomberiamo subito il campo da un errore che spesso viene commesso: se è vero che il Mondiale per Club è la sua naturale evoluzione, le due competizioni non si possono mettere sullo stesso piano.
    La Coppa Intercontinentale era molto più bella. Più viva, più avvincente. Le sudamericane all’epoca spesso erano squadre forti quanto le europee, ben allenate, ricche di talento. Non c’era ancora l’acquisto di talenti giovanissimi dai parte dei club europei e si poteva competere allo stesso livello.

    PRIMA

    Nel 1989 si incontrano il Milan e l’Atletico Nacional de Medellin: I colombiani sono tosti, hanno un allenatore, Maturana, che è il Sacchi sudamericano e in porte il pittoresco Higuita, portiere tanto bravo quanto imprevedibile.
    Ma il vero problema è che l’Atletico è la squadra della città in cui vive Pablo Escobar, boss della droga che controllava buona parte del mercato di cocaina degli anni ’80, oltre che discreto trafficante di armi. All’epoca i rapporti tra Escobar e la squadra erano chiacchieratissimi, come quelli della sua amicizia con i giocatori,
    Come al solito, spesso erano solo voci, di certo è provato che parte della strategia di Escobar per ingraziarsi “El Pueblo” stava anche nel finanziare attività sportive local; inoltre l’ex presidente del club, Hernan Botero, era in carcere negli USA, per una serie di reati. Sui media italiani scoppiò il putiferio: secondo tanti il Milan non doveva scendere in campo. Quella partita non si doveva giocare, se il Milan avesse giocato avrebbe (secondo una tesi all’epoca in voga) legittimato il traffico di droga e di armi e, più in generale, i comportamenti di Escobar. Non sta a me scrivere se quella partita era da giocare o no, ma rendervi conto del clima che accompagnò quella spedizione: nessuno parlava di calcio, solo di droga, armi, criminalità. Che poi, a ben vedere, sorge il forte sospetto che dietro a tanti di quelli che parlavano c’era un’invidia spropositata per quella squadra così bella e così vincente…

    LA PARTITA

    Ah, sì, la partita: una noia mostruosa. Alzarsi alle 4 del mattino per vedere una partita a scacchi è deludente. Sacchi e Maturana si annullano, le uniche emozioni (diciamo un paio in 120 minuti) le regala van Basten, ma è proprio poco. Poi, al 119°, ecco che Higuita mette un uomo in meno in barriera ed Evani tira fuori un tiro furbo, che lo batte. E’ finita, il Milan ha vinto una guerra di nervi contro l’avversario colombiano e i polemisti italiani.

    DOPO

    La squadra torna in Italia, sollevando la coppa. Le polemiche si spengono nel giro di 5-6 giorni anche perché, si sa, sotto Natale siamo tutti più buoni. E un’altra coppa fa bella mostra di sé nella bacheca rossonera.
    A casa, con il mio povero papà. I caffè per svegliarci ma in fondo non si era mai dormito, le trombe elettroniche del National Stadium di Tokyo, il mio grande Milan (quello di Sacchi, non quello di Ancelotti) la maglia fuori dai calzoncini di Franco, il testone di Carletto, la guerra tattica tra Rijkaard e Leonel Alvarez, Higuita che giocava solo con i piedi al limite dell'area, Chicco e quella carambola, Galliani, il vero Galliani che entra ad esultare fino a centrocampo a partita in corso, le coppe della Uefa-Conmebol e dello sponsor alzate da Franco e Tassotti. La felicità, i miei diciannove anni...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.