Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 25 di 25

  1. #21
    Citazione Originariamente Scritto da bmb Visualizza Messaggio
    I zingari che ci entrano in casa a rubare saranno italiani come noi. Esultiamo.
    GLI zingari. Gli zingari in questione, molto spesso, o sono clandestini (e quindi non hanno diritto ad accedere a questa norma) o sono ROM/SINTI quindi sono già cittadini europei (in qualche caso addirittura italiani).

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #22
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,075
    Citazione Originariamente Scritto da Kyle Broflovsky Visualizza Messaggio
    La cittadinanza come istituto vacuo e meramente giuridico, sganciato dal senso di appartenenza e coscienza storica e culturale è un concetto che trovo riprovevole. È fantastico vedere il capitale e i sedicenti antagonisti dello stesso andare a braccetto in questo esecrabile processo di livellamento culturale, funzionale al livellamento a ribasso dei diritti economici e sociali.
    Perché il vero potere sa vestirsi con gli abiti buoni e allora questo processo che tu descrivi lo si inizia a chiamare "integrazione"..senti che bella parola?.. E allora spegnendo il cervello si arriva al concetto che l'integrazione "arricchisce l'uomo" "le diversità ci fanno crescere"...Questo magari valeva secoli o decenni fa, ma oggi invece cosa vediamo se apriamo bene gli occhi? Le identità culturali spariscono sotto i colpi prepotenti di un unico stile di vita, mode globali, usanze locali che spariscono e via dicendo..
    In pratica si va verso il processo di unificazione del pensiero e del modo di vivere..
    E poi ovviamente come sottolinei tu ben venga un po' di manodopera a basso prezzo...possibilmente nei paesi "evoluti" che sono più strutturati e in cui è più facile fare impresa
    Si torna a giocare e a tifare davvero

  4. #23
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Condivido pienamente il tuo primo post

    nel secondo post, come spesso accade a chi parla del M5S, commetti il solito errore di pressapochismo,
    la posizione dei cinquestelle è molto semplice e razionale, le frontiere devono restare chiuse, ma chi entra regolarmente deve godere degli stessi diritti, non può essere un non cittadino.
    poi comprendo che si possa condividere o meno, io personalmente sarei per non far entrare più nessuno e rispedire a casa tutti quelli che non dimostrano di essersi interamente integrati e creati un nucleo famigliare stabile in Italia,
    partendo da tutti quelli che inviano lo stipendio alle famiglie nel paese d'origine, cosa che deprime pesantemente la nostra già debole economia.
    Penso che si faccia troppa confusione tra immigrazione regolare e cittadinanza, che sono cose diverse. il mio pensiero è molto semplice: quanti ne servono ogni anno in rapporto alla popolazione ed al volume della forza lavoro? Ne servono 300 (numero a caso)? Bene, entrano 300. Tutti gli altri a casa. Considerato il periodo storico di forte recessione economica e di crescente disoccupazione, in questo momento il fenomeno migratorio andrebbe fortemente limitato, anche per evitare il lievllamento dei salari verso il basso perseguito dalle elites liberiste. L'irregolarità va repressa severamente.
    L'immigrato regolarizzato, come da Costituzione, ha diritto a godere del medesimo livello di prestazioni civili e sociali dei cittadini, eccetto che per il diritto al lavoro, da riservare ai cittadini a norma dell'art. 4. La cittadinanza deve tornare ad essere un istituto fondato sul desiderio di appartenenza alla comunità, e sull'accettazione e la condivisione dei principi e dei valori costituzionali e culturali (una decina d'anni di residenza sul territorio a seguito di regolare permesso+superamento di esame di lingua e di educazione civica e fondamenti della Costituzione+assenza di condanne penali e carichi pendenti). E' necessario, ovviamente, uscire dall'area Schengen. Discorso a parte per i profughi di guerra, il cui status è regolato da norme internazionali che rendono difficilmente aggirabile il diritto di asilo. Questo è il mio pensiero.

  5. #24
    Citazione Originariamente Scritto da Milanforever26 Visualizza Messaggio
    Perché il vero potere sa vestirsi con gli abiti buoni e allora questo processo che tu descrivi lo si inizia a chiamare "integrazione"..senti che bella parola?.. E allora spegnendo il cervello si arriva al concetto che l'integrazione "arricchisce l'uomo" "le diversità ci fanno crescere"...Questo magari valeva secoli o decenni fa, ma oggi invece cosa vediamo se apriamo bene gli occhi? Le identità culturali spariscono sotto i colpi prepotenti di un unico stile di vita, mode globali, usanze locali che spariscono e via dicendo..
    In pratica si va verso il processo di unificazione del pensiero e del modo di vivere..
    E poi ovviamente come sottolinei tu ben venga un po' di manodopera a basso prezzo...possibilmente nei paesi "evoluti" che sono più strutturati e in cui è più facile fare impresa
    E' buonismo da radical chic sessantottini e da travaglisti antiitaliani, un fenomeno ORRIDO che va avanti ormai da anni. L'idea dell'immigrazione illimitata è un'idea balzana ed intrinsecamente liberista. Basta andare a vedere come Engels analizzava gli effetti dell'immigrazione irlandese in Inghilterra. L'immigrazione è un fenomeno che va analizzato con EQUILIBRIO e RAZIOCINIO e conseguentemente REGOLATO, al riparo da estremismi di segno opposto (Savini da un lato, Sellini dall'altro) Questo a prescindere dalla volontà di alcuni di annichilire la nostra identità culturale nazionale per trasformarci in anglofoni consumatori senza arte né parte. Ma poi, non ci vuole il QI di Hawking per capire che se ne facciamo entrare a frotte senza alcun presidio, nel giro di 10 anni facciamo la fine della ex - Jugoslavia. Con buona pace del multiculturalismo.

  6. #25
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Citazione Originariamente Scritto da Kyle Broflovsky Visualizza Messaggio
    Penso che si faccia troppa confusione tra immigrazione regolare e cittadinanza, che sono cose diverse. il mio pensiero è molto semplice: quanti ne servono ogni anno in rapporto alla popolazione ed al volume della forza lavoro? Ne servono 300 (numero a caso)? Bene, entrano 300. Tutti gli altri a casa. Considerato il periodo storico di forte recessione economica e di crescente disoccupazione, in questo momento il fenomeno migratorio andrebbe fortemente limitato, anche per evitare il lievllamento dei salari verso il basso perseguito dalle elites liberiste. L'irregolarità va repressa severamente.
    L'immigrato regolarizzato, come da Costituzione, ha diritto a godere del medesimo livello di prestazioni civili e sociali dei cittadini, eccetto che per il diritto al lavoro, da riservare ai cittadini a norma dell'art. 4. La cittadinanza deve tornare ad essere un istituto fondato sul desiderio di appartenenza alla comunità, e sull'accettazione e la condivisione dei principi e dei valori costituzionali e culturali (una decina d'anni di residenza sul territorio a seguito di regolare permesso+superamento di esame di lingua e di educazione civica e fondamenti della Costituzione+assenza di condanne penali e carichi pendenti). E' necessario, ovviamente, uscire dall'area Schengen. Discorso a parte per i profughi di guerra, il cui status è regolato da norme internazionali che rendono difficilmente aggirabile il diritto di asilo. Questo è il mio pensiero.
    Concordo in pieno, è una posizione del tutto razionale a cui bene o male convergono tutti,
    poi la realtà e che i vari governi destra/sinistra hanno permesso lo schifo attuale, soprattutto i governi di FI e Lega, a parole i più contrari all'immigrazione incontrollata e nei fatti i più responsabili della medesima.

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.