Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345
Risultati da 41 a 42 di 42

  1. #41
    parto dal titolo:
    quella dell'ItalJuve è un mantra che sta tanto a cuore ai tifosi bianconeri. personalmente, e come me tanti altri tifosi di qualsiasi altra squadra, in azzurro mai hanno fatto la differenza sull'appartenenza tra club.
    che poi, è vero che nell'82 il blocco Juve era predominante, e che così pure nel 2006 c'era molto bianconero (ma nel 2006 c'era molto rossonero, molto giallorosso e anche molto rosanero, ma nessuno va a parlare di ItalPalermo)...
    però è quantomeno fazioso e pretestuoso dire che quando in Nazionale c'è il blocco Juve si vince, quando non c'è si fanno figuracce...
    Nel 2014 la mattina della decisiva Italia-Uruguay i bianconeri tutti a parlare di ItalJuve pronta a trascinare la Nazionale verso la gloria: finalmente, dopo alti e bassi, titolari insieme Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Pirlo e Marchisio e si va a volare. Poi a volare ci si è andati per davvero, ma col charter che ti ha riportato nel Vecchio Continente, e ovviamente i bianconeri che la mattina parlavano di ItalJuve il pomeriggio tutti a dire "Balotelli m...a".
    Così come nel '94 con la Juve azzurra ai minimi termini (il solo Baggio, con Conte ad animare lo spogliatoio) non è che si sia fatto così schifo come si vorrebbe far apparire...

    Di sicuro sono vere due cose:
    - se in Nazionale ci sono uno o più gruppi provenienti dallo stesso club l'amalgama è facilitata.
    - se i giocatori della Nazionale giocano per grandi club con grandi obiettivi e grandi pressioni, è più facile fare risultati.

    Questa Nazionale (il cui "blocco Juve" l'ha fatta da padrona ancora, anche se si è perso) ha tanti problemi:
    - l'età media troppo alta
    - alcuni giocatori non hanno mai visto partite in Europa se non in TV
    - alcuni giocatori che possono essere importanti, nei grandi club non sono spesso titolari (Barzagli e De Rossi, ormai a fine carriera, ma anche i Bernardeschi, fino a qualche mese fa anche Insigne non era titolarissimo, i Marchisio, gli El Sharaawi... se poi Conte e Ventura si innamorano anche dei panchinari Eder, Montolivo e Giaccherini...)
    - se nelle varie competizioni scorse c'erano, oltre al "blocco Juve" anche altri gruppi dello stesso club (nel 2006 6 Juve, 5 Milan, 3 Palermo, 3 Roma, ecc.), ora il frazionamento è davvero esagerato (uno della Fiorentina, due del Torino, uno della Lazio, uno dell'Inter, manciate da Roma, Milan, Juve, alcuni "stranieri")...
    - il talento, soprattutto in alcuni ruoli chiave, non è quello degli ultimi vent'anni. I Baggio, Del Piero, Totti non ci sono (Insigne se ne faccia una ragione)

    Sicuramente ci sono state anche due questioni non da poco:
    - di fatto, Prandelli a parte, dal post 2006, i CT hanno avuto come obiettivo la competizione successiva, che fossero Europei o Mondiali. Con questa visione "limitata" a due anni, è chiaro che non si crea un gruppo importante, e che si faccia affidamento su giocatori affermati, in blocco, e non sulla crescita di un gruppo più giovane. Lippi 2010, Conte 2016 e Ventura più di tutti lo hanno dimostrato
    - c'è una generazione, quella tra l'89 e il '92, che non ha quasi mai fatto il salto di qualità, e ne ha influito la Nazionale. Oggi si fa affidamento nel blocco Under degli ultimi Europei, che non sarà talentuoso come la Spagna, ma è molto interessante. Pecca però di poca esperienza internazionale, al contrario degli iberici. Quindi abbiamo avuto finora una Nazionale fatta da giocatori troppo esperti abituati a grandi palcoscenici, e talenti troppo giovani, spesso panchinati a causa del dover inseguire gli obiettivi. Nel mezzo i soli Darmian, Verratti, Immobile e Insigne: che sicuramente con un altro CT sarebbero bastati per i Mondiali, ma che francamente sono troppo poco per sperare chissà che...
    Non è Lupus!

    Saluti da RolandBarthes

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #42
    Senior Member L'avatar di 7AlePato7
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    5,510
    Citazione Originariamente Scritto da Stanis La Rochelle Visualizza Messaggio
    Eh lo so, però farà rabbia pensare che una nazionale tipo quella di USA 94 con baggio baresi maldini, tassotti, donadoni , albertini signori zola, massaro ecc... non abbia vinto na ceppa

    Cioè, la nazionale del 2006 era una squadra di scarpari a confronto. Gli unici a tenere il confronto sono nesta e cannavaro. Totti e Del Piero sono un'unghia di baggio

    Ma che squadre abbiamo avuto???

    Ma soprattutto che razza di difensori avevamo???
    Nel '94 avevamo un attacco e una difesa sulla carta molto forte. Quella nazionale però aveva un centrocampo non così forte e viveva molto delle invenzioni di Roberto Baggio. Mi spiace che Sacchi non sia riuscito a valorizzare Signori, con cui Baggio avrebbe potuto formare una coppia d'attacco molto temibile, come lo erano Romario e Bebeto nel Brasile.
    [B]10 Giugno 2013[/B] ----> Galliani: "Carlitos non mi tradisce"

    [B]26 Giugno 2013[/B] ----> Tevez è un giocatore della Juventus

Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.