Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456
Risultati da 51 a 58 di 58

Discussione: Imu-Bankitalia

  1. #51
    Citazione Originariamente Scritto da Morto che parla Visualizza Messaggio
    C'è però da dire, correggetemi se sbaglio perché come detto non sono competente in materia, che se tutto lo scenario si prospetta come deve, la banca d'italia torna ad essere pubblica. Nel bene e nel male.
    Occorre mettere un po' di ordine perché secondo me si sta facendo troppa confusione sulla questione Bankitalia pubblica/privata (non mi riferisco a te, ma in generale alla discussione sviluppatasi nel topic).
    Dunque, Bankitalia è qualificata dalle legge bancaria del 36 come "organismo di diritto pubblico". Il che significa che ha una disciplina sua propria, regolata dalla suddetta legge, con forti deroghe rispetto a quanto previsto per le comuni società (una su tutte l'assenza di potere dei soci in merito alla nomina dei membri di Governance). Le quote di Bankitalia DA SEMPRE possono essere detenute solo da Casse di risparmio, Istituti di credito di diritto pubblico e Banche di interesse nazionale, Istituti di previdenza, Istituti di assicurazione. Bankitalia non è MAI stata sotto il controllo STATALE, ma soltanto di istituti bancari ed assicurativi (il principio è quello di preservarne l'indipendenza dal potere politico). Con la differenza che fino alle privatizzazioni degli anni 90, i principali azionisti erano anch'essi Istituti di credito di diritto pubblico (tralasciamo altri aspetti che attengono al progressivo svuotamento di poteri e funzioni che ne hanno accentuato il distacco dal potere pubblico). Il Parlamento nel 2005 tentò di fatto di "nazionalizzare" Bankitalia (senza riuscirci), delegando il Governo a disciplinare con apposito regolamento le modalità di trasferimento delle quote in possesso di soggetti diversi dallo Stato o di altri enti pubblici. Ad oggi, con questa manovra che prevede l'acquisizione delle quote in eccedenza, effettivamente Bankitalia tornerebbe ad essere sostanzialmente controllata dal capitale pubblico. Dovrebbe tuttavia trattarsi di una situazione assolutamente transitoria: i dubbi vertono sulla successiva operazione di ricollocamento delle quote. Ad ogni modo mi pare evidente che lo scopo di tutta questa manfrina è di patrimonializzare le banche private, a fronte delle ulteriori strette provenienti dall'Unione Bancaria, senza gravare sul bilancio dello Stato. I dubbi riguardano la fase transitoria, per il resto non mi pare una roba così nefasta come viene dipinta.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #52
    Morto che parla
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da Kyle Broflovsky Visualizza Messaggio
    Occorre mettere un po' di ordine perché secondo me si sta facendo troppa confusione sulla questione Bankitalia pubblica/privata (non mi riferisco a te, ma in generale alla discussione sviluppatasi nel topic).
    Dunque, Bankitalia è qualificata dalle legge bancaria del 36 come "organismo di diritto pubblico". Il che significa che ha una disciplina sua propria, regolata dalla suddetta legge, con forti deroghe rispetto a quanto previsto per le comuni società (una su tutte l'assenza di potere dei soci in merito alla nomina dei membri di Governance). Le quote di Bankitalia DA SEMPRE possono essere detenute solo da Casse di risparmio, Istituti di credito di diritto pubblico e Banche di interesse nazionale, Istituti di previdenza, Istituti di assicurazione. Bankitalia non è MAI stata sotto il controllo STATALE, ma soltanto di istituti bancari ed assicurativi (il principio è quello di preservarne l'indipendenza dal potere politico). Con la differenza che fino alle privatizzazioni degli anni 90, i principali azionisti erano anch'essi Istituti di credito di diritto pubblico (tralasciamo altri aspetti che attengono al progressivo svuotamento di poteri e funzioni che ne hanno accentuato il distacco dal potere pubblico). Il Parlamento nel 2005 tentò di fatto di "nazionalizzare" Bankitalia (senza riuscirci), delegando il Governo a disciplinare con apposito regolamento le modalità di trasferimento delle quote in possesso di soggetti diversi dallo Stato o di altri enti pubblici. Ad oggi, con questa manovra che prevede l'acquisizione delle quote in eccedenza, effettivamente Bankitalia tornerebbe ad essere sostanzialmente controllata dal capitale pubblico. Dovrebbe tuttavia trattarsi di una situazione assolutamente transitoria: i dubbi vertono sulla successiva operazione di ricollocamento delle quote. Ad ogni modo mi pare evidente che lo scopo di tutta questa manfrina è di patrimonializzare le banche private, a fronte delle ulteriori strette provenienti dall'Unione Bancaria, senza gravare sul bilancio dello Stato. I dubbi riguardano la fase transitoria, per il resto non mi pare una roba così nefasta come viene dipinta.
    Grazie mi hai arricchito molto

  4. #53
    Citazione Originariamente Scritto da Kyle Broflovsky Visualizza Messaggio
    Occorre mettere un po' di ordine perché secondo me si sta facendo troppa confusione sulla questione Bankitalia pubblica/privata (non mi riferisco a te, ma in generale alla discussione sviluppatasi nel topic).
    Dunque, Bankitalia è qualificata dalle legge bancaria del 36 come "organismo di diritto pubblico". Il che significa che ha una disciplina sua propria, regolata dalla suddetta legge, con forti deroghe rispetto a quanto previsto per le comuni società (una su tutte l'assenza di potere dei soci in merito alla nomina dei membri di Governance). Le quote di Bankitalia DA SEMPRE possono essere detenute solo da Casse di risparmio, Istituti di credito di diritto pubblico e Banche di interesse nazionale, Istituti di previdenza, Istituti di assicurazione. Bankitalia non è MAI stata sotto il controllo STATALE, ma soltanto di istituti bancari ed assicurativi (il principio è quello di preservarne l'indipendenza dal potere politico). Con la differenza che fino alle privatizzazioni degli anni 90, i principali azionisti erano anch'essi Istituti di credito di diritto pubblico (tralasciamo altri aspetti che attengono al progressivo svuotamento di poteri e funzioni che ne hanno accentuato il distacco dal potere pubblico). Il Parlamento nel 2005 tentò di fatto di "nazionalizzare" Bankitalia (senza riuscirci), delegando il Governo a disciplinare con apposito regolamento le modalità di trasferimento delle quote in possesso di soggetti diversi dallo Stato o di altri enti pubblici. Ad oggi, con questa manovra che prevede l'acquisizione delle quote in eccedenza, effettivamente Bankitalia tornerebbe ad essere sostanzialmente controllata dal capitale pubblico. Dovrebbe tuttavia trattarsi di una situazione assolutamente transitoria: i dubbi vertono sulla successiva operazione di ricollocamento delle quote. Ad ogni modo mi pare evidente che lo scopo di tutta questa manfrina è di patrimonializzare le banche private, a fronte delle ulteriori strette provenienti dall'Unione Bancaria, senza gravare sul bilancio dello Stato. I dubbi riguardano la fase transitoria, per il resto non mi pare una roba così nefasta come viene dipinta.
    No, hanno regalato 7.5 miliardi alle banche (cit. di oggi di una deputata 5 stelle con laurea in scienze agrarie!)

    Comunque non credo che ci possano essere grossi problemi a piazzare le quote di Banca d'Italia

  5. #54
    Citazione Originariamente Scritto da #Dodo90# Visualizza Messaggio
    No, hanno regalato 7.5 miliardi alle banche (cit. di oggi di una deputata 5 stelle con laurea in scienze agrarie!)

    Comunque non credo che ci possano essere grossi problemi a piazzare le quote di Banca d'Italia
    Credo anch'io, visto che si tratta di un investimento a rischio praticamente zero.

  6. #55
    Citazione Originariamente Scritto da Morto che parla Visualizza Messaggio
    Grazie mi hai arricchito molto
    Figurati, spero solo di non aver detto sciocchezze

  7. #56
    Member L'avatar di Solo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,729
    Bankitalia ha pubblicato un documento dove si fa un po' di chiarezza, anche se la parte sul riacquisto delle quote a me non convince ancora.

  8. #57
    Senior Member L'avatar di runner
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    7,206
    Citazione Originariamente Scritto da Kyle Broflovsky Visualizza Messaggio
    Credo anch'io, visto che si tratta di un investimento a rischio praticamente zero.
    si però io non ho capito una cosa (o meglio ho una mia idea) se tu "attualizzi" il valore di una quota patrimoniale di banche che non sono solo Italiane, nel senso che i grossi gruppi bancari sono esposti anche all' estero non vai a contaminare quello che garantisce il valore patrimoniale stesso?

  9. #58
    Member L'avatar di Solo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,729
    Visco il 3 febbraio ha affermato che "l'oro dal punto di vista civilistico e' di proprieta' della banca". "L'utilizzo che Bankitalia ne puo' fare - ha precisato - non e' libero ma in funzione dei suoi doveri istituzionali".

    Non mi piace molto come cosa.

Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.