Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 8 di 8

  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    62,151

    Ibra Milan: licenza di tornare a sognare. Editoriale MW.

    Il possibile ritorno di Ibrahimovic al Milan è un tormentone che, probabilmente, ci accompagnerà almeno fino alla prima settimana di Agosto. Se tutto andrà per il verso giusto (mai sottovalutare gli sceicchi, però. Il caso Yaya Tourè insegna) il Milan potrà riabbracciare l’unico giocatore in grado di stravolgere ambiente e squadra. Quando si acquista un giocatore, nella quasi totalità dei casi, si conosce il prezzo ma non il valore reale dello stesso. Ibra è una straordinaria eccezione. Anzi. Spesso e volentieri, in varie fasi della carriera, il prezzo del cartellino è stato addirittura più basso rispetto al valore mostrato in campo. In merito alla fenomenologia dei campioni e dei fuoriclasse, si possono scrivere libri e trattati. Ma la definizione è abbastanza semplice: un fuoriclasse è colui che, da solo, decide competizioni e migliora il rendimento dei compagni che gli giocano di fianco. Ibra, in questa speciale disciplina, è da medaglia di platino. Chiedere, in particolare, ai vari Nocerino e Boateng. Finiti nel dimenticatoio nel post Ibra.


    Partendo dal presupposto che il mondo è bello perché è vario, c’è da sottolineare un fatto: la maggior parte dei tifosi rossoneri è a favore del ritorno di Ibra. Qualcun altro, invece, è scettico. I motivi? L’età e, soprattutto, l’accusa di essere poco decisivo in Europa. L’età non è un punto a favore. Vero. Ma Ibrahimovic è un grande atleta ed uno straordinario professionista che, in carriera, non ha mai subìto infortuni invalidanti per lunghi periodi. Il fatto di essere poco decisivo in Europa è una critica che può anche starci, ma non è la verità assoluta ed incontrovertibile. Nel calcio di oggi è difficile trovare giocatori a tre dimensioni. Ovvero, che facciano la differenza in campionato, nelle coppe europee ed in nazionale. Gli stessi Messi e Ronaldo, in nazionale, fanno molta fatica. Ibra è uno che decide, quasi da solo, i tornei nazionali. Con la Svezia, il rendimento è più che buono. Ed in Champions? E’ colui che ha segnato più gol, nella competizione, in tutta la storia del Psg. Sembra soffrire le partite da dentro o fuori, vero. E’ un limite. Ma i giocatori a tre dimensioni, come detto, oggi, non esistono.




    Da qualsiasi prospettiva la si guardi, il Milan deve preoccuparsi di tutto tranne che della poca vena realizzativa di Ibra in determinate partite di Champions. I rossoneri sono fuori dal grande giro da anni, ormai. E la grande dimensione europea di un tempo sembra essere appannata. Se non del tutto smarrita. Se non si ritrova, innanzitutto, una dimensione nazionale (anche quella sembra andata in letargo) pensare alla Champions, all’Europa ed alle finali vinte diventa solo un mero esercizio che ha l’unico scopo di proiettare, continuamente, immagini al cronovisore collegato al passato.




    Quando il Milan, a Maggio, trattava Ancelotti sottolineavo sia la grandezza del tecnico (con qualche limite, in particolare nelle competizioni lunghe) sia il fatto che Ancelotti fosse uno straordinario normalizzatore. Uno che, normalizzando ambienti governati un po' sopra le righe da imperatori turchi e portoghesi, è riuscito a vincere tutto. In questo Milan, però, c’era davvero poco da normalizzare. C’era bisogno di rivoluzionare e ribaltare lo status quo. L’ingaggio di Mihajlovic sotto questo aspetto, è stato molto saggio. Il serbo segna una linea di demarcazione col passato mai vista in quel di Milanello: ex interista, sergente di ferro (poca confidenza con i giocatori), che fa del durissimo lavoro l’unica religione calcistica. Da solo, però, non basta. Le rivoluzioni si completano con le scariche di adrenalina derivanti dal ritrovato entusiasmo di chi le supporta. Ovvero, dei tifosi. E l’arrivo di Ibra rappresenterebbe, per tutto l’ambiente, quell’immensa scarica di adrenalina in grado di completarsi pienamente con la rivoluzione serba. Se poi, insieme ad Ibra, arrivassero anche altri giocatori di livello il tutto diventerebbe più semplice ed in discesa.




    L’accordo con Mr Bee è in dirittura d’arrivo. O almeno così sembra. Una volta concluso del tutto, il Milan lancerà il proprio brand sui mercati asiatici. Per entrare con forza, però, occorre vendere un prodotto che sia appetibile e soprattutto vendibile. E’ la legge del mercato, del marketing e del merchandising. Ad oggi, in questo preciso momento, un tifoso del Milan (in qualsiasi latitudine del mondo si trovi) quale maglia, con nome e numero, comprerebbe? Un tempo c’era l’imbarazzato della scelta. I calciatori preferiti, ed amati, erano tantissimi. Oggi, invece, non c’è nessuno in grado di far sentire il tifoso medio orgoglioso di mostrare in giro, sulla schiena, il nome del proprio campione preferito. Ibra, anche in questo caso, sarebbe il deus ex machina della situazione. E si pagherebbe quasi da solo grazie alla vendita delle maglie e dei prodotti che portano il suo nome. Se poi, sotto il nome Ibrahimovic ci fosse il numero 10 e, di lato, sulla manica, la fascia da capitano, la casacca acquisirebbe maggior fascino. Ed Ibra, oltre alla licenza di uccidere, acquisirebbe anche quella ricercatissima, e speciale, licenza che permetta ai tifosi di tornare, finalmente, a sognare.
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Member L'avatar di TheZio
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Udine
    Messaggi
    1,739
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Il possibile ritorno di Ibrahimovic al Milan è un tormentone che, probabilmente, ci accompagnerà almeno fino alla prima settimana di Agosto. Se tutto andrà per il verso giusto (mai sottovalutare gli sceicchi, però. Il caso Yaya Tourè insegna) il Milan potrà riabbracciare l’unico giocatore in grado di stravolgere ambiente e squadra. Quando si acquista un giocatore, nella quasi totalità dei casi, si conosce il prezzo ma non il valore reale dello stesso. Ibra è una straordinaria eccezione. Anzi. Spesso e volentieri, in varie fasi della carriera, il prezzo del cartellino è stato addirittura più basso rispetto al valore mostrato in campo. In merito alla fenomenologia dei campioni e dei fuoriclasse, si possono scrivere libri e trattati. Ma la definizione è abbastanza semplice: un fuoriclasse è colui che, da solo, decide competizioni e migliora il rendimento dei compagni che gli giocano di fianco. Ibra, in questa speciale disciplina, è da medaglia di platino. Chiedere, in particolare, ai vari Nocerino e Boateng. Finiti nel dimenticatoio nel post Ibra.


    Partendo dal presupposto che il mondo è bello perché è vario, c’è da sottolineare un fatto: la maggior parte dei tifosi rossoneri è a favore del ritorno di Ibra. Qualcun altro, invece, è scettico. I motivi? L’età e, soprattutto, l’accusa di essere poco decisivo in Europa. L’età non è un punto a favore. Vero. Ma Ibrahimovic è un grande atleta ed uno straordinario professionista che, in carriera, non ha mai subìto infortuni invalidanti per lunghi periodi. Il fatto di essere poco decisivo in Europa è una critica che può anche starci, ma non è la verità assoluta ed incontrovertibile. Nel calcio di oggi è difficile trovare giocatori a tre dimensioni. Ovvero, che facciano la differenza in campionato, nelle coppe europee ed in nazionale. Gli stessi Messi e Ronaldo, in nazionale, fanno molta fatica. Ibra è uno che decide, quasi da solo, i tornei nazionali. Con la Svezia, il rendimento è più che buono. Ed in Champions? E’ colui che ha segnato più gol, nella competizione, in tutta la storia del Psg. Sembra soffrire le partite da dentro o fuori, vero. E’ un limite. Ma i giocatori a tre dimensioni, come detto, oggi, non esistono.




    Da qualsiasi prospettiva la si guardi, il Milan deve preoccuparsi di tutto tranne che della poca vena realizzativa di Ibra in determinate partite di Champions. I rossoneri sono fuori dal grande giro da anni, ormai. E la grande dimensione europea di un tempo sembra essere appannata. Se non del tutto smarrita. Se non si ritrova, innanzitutto, una dimensione nazionale (anche quella sembra andata in letargo) pensare alla Champions, all’Europa ed alle finali vinte diventa solo un mero esercizio che ha l’unico scopo di proiettare, continuamente, immagini al cronovisore collegato al passato.




    Quando il Milan, a Maggio, trattava Ancelotti sottolineavo sia la grandezza del tecnico (con qualche limite, in particolare nelle competizioni lunghe) sia il fatto che Ancelotti fosse uno straordinario normalizzatore. Uno che, normalizzando ambienti governati un po' sopra le righe da imperatori turchi e portoghesi, è riuscito a vincere tutto. In questo Milan, però, c’era davvero poco da normalizzare. C’era bisogno di rivoluzionare e ribaltare lo status quo. L’ingaggio di Mihajlovic sotto questo aspetto, è stato molto saggio. Il serbo segna una linea di demarcazione col passato mai vista in quel di Milanello: ex interista, sergente di ferro (poca confidenza con i giocatori), che fa del durissimo lavoro l’unica religione calcistica. Da solo, però, non basta. Le rivoluzioni si completano con le scariche di adrenalina derivanti dal ritrovato entusiasmo di chi le supporta. Ovvero, dei tifosi. E l’arrivo di Ibra rappresenterebbe, per tutto l’ambiente, quell’immensa scarica di adrenalina in grado di completarsi pienamente con la rivoluzione serba. Se poi, insieme ad Ibra, arrivassero anche altri giocatori di livello il tutto diventerebbe più semplice ed in discesa.




    L’accordo con Mr Bee è in dirittura d’arrivo. O almeno così sembra. Una volta concluso del tutto, il Milan lancerà il proprio brand sui mercati asiatici. Per entrare con forza, però, occorre vendere un prodotto che sia appetibile e soprattutto vendibile. E’ la legge del mercato, del marketing e del merchandising. Ad oggi, in questo preciso momento, un tifoso del Milan (in qualsiasi latitudine del mondo si trovi) quale maglia, con nome e numero, comprerebbe? Un tempo c’era l’imbarazzato della scelta. I calciatori preferiti, ed amati, erano tantissimi. Oggi, invece, non c’è nessuno in grado di far sentire il tifoso medio orgoglioso di mostrare in giro, sulla schiena, il nome del proprio campione preferito. Ibra, anche in questo caso, sarebbe il deus ex machina della situazione. E si pagherebbe quasi da solo grazie alla vendita delle maglie e dei prodotti che portano il suo nome. Se poi, sotto il nome Ibrahimovic ci fosse il numero 10 e, di lato, sulla manica, la fascia da capitano, la casacca acquisirebbe maggior fascino. Ed Ibra, oltre alla licenza di uccidere, acquisirebbe anche quella ricercatissima, e speciale, licenza che permetta ai tifosi di tornare, finalmente, a sognare.
    Ottima analisi. Quoto in toto
    E' la vera unica verità del perché adesso ci serva Zlatan.. In futuro si vedrà il da farsi...

  4. #3
    Senior Member L'avatar di Dumbaghi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    20,613
    Non c'è veramente niente da aggiungere, ti aspettiamo Zlatan, torna a casa.

  5. #4
    Senior Member L'avatar di Roten1896
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Brisbane
    Messaggi
    18,259
    Non ci resta che sperare.
    Il Mio Milan!
    #GD99 #AD90 #MS30 #LB19 #AR13 #MM22 #GG15 #CZ17 #RR68 #LA31 #AC12 #IA20 #DC2 #LB21 #FK79 #ML73 #RM18 #GB5 #HC10 #FB11 #JFS8 #AS9 #PC63 #NK7

  6. #5
    Io non sono certo contro il ritorno di Ibrahimovic, che è indubbiamente il meglio che possiamo auspicare in attacco, ma di sicuro non è lui ciò che ci serve per tornare a sognare "da grandi".

    Basta confrontare la rosa del 2011-2012 e la rosa attuale (includendoci Ibrahimovic) per rendersi conto della situazione in cui siamo.

  7. #6
    Discorso che condivido in pieno!

    La rinascita del Milan passa inevitabilmente dal Dio svedese. L'unico in grado di riportarci subito ad alti livelli. Se infatti, per esempio, venissero Romagnoli e Gundogan ma non Ibra, la squadra non avrebbe le stesse capacità di successo che invece avrebbe con Ibra.

    Come detto, Ibra rappresenta la ciliegina che rende invitante tutta la torta. Un dolce che va ancora rifinito in due settori, con altrettanti innesti importanti, ma che per far tornare l'acquolina in bocca ai suoi tifosi deve avere quel tocco magico a suggello dell'opera. Zlatan rappresenterebbe il nostro marchio di fabbrica, il simbolo da esportare in tutto il mondo per dire: "Gente, stiamo tornando..."
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  8. #7
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    8,927
    Ibra deve essere la ciliegina sulla torta. Dobbiamo prima di tutto acquistare giocatori forti in ciascun reparto, specie in difesa e centrocampo. Per dire nell'ultima stagione di Ibrahimovic, abbiamo perso il campionato contro la Juve di Matri, Vucinic e Quagliarella.

  9. #8
    Renegade
    Ospite
    Totale sorpresa. Mai mi sarei aspettato un editoriale da parte tua! Anche noi altri ne abbiamo in serbo qualcuno, ma si aspetta la fine del mercato...

    Comunque...

    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    L’accordo con Mr Bee è in dirittura d’arrivo. O almeno così sembra. Una volta concluso del tutto, il Milan lancerà il proprio brand sui mercati asiatici. Per entrare con forza, però, occorre vendere un prodotto che sia appetibile e soprattutto vendibile. E’ la legge del mercato, del marketing e del merchandising. Ad oggi, in questo preciso momento, un tifoso del Milan (in qualsiasi latitudine del mondo si trovi) quale maglia, con nome e numero, comprerebbe? Un tempo c’era l’imbarazzato della scelta. I calciatori preferiti, ed amati, erano tantissimi. Oggi, invece, non c’è nessuno in grado di far sentire il tifoso medio orgoglioso di mostrare in giro, sulla schiena, il nome del proprio campione preferito. Ibra, anche in questo caso, sarebbe il deus ex machina della situazione. E si pagherebbe quasi da solo grazie alla vendita delle maglie e dei prodotti che portano il suo nome. Se poi, sotto il nome Ibrahimovic ci fosse il numero 10 e, di lato, sulla manica, la fascia da capitano, la casacca acquisirebbe maggior fascino. Ed Ibra, oltre alla licenza di uccidere, acquisirebbe anche quella ricercatissima, e speciale, licenza che permetta ai tifosi di tornare, finalmente, a sognare.
    Ecco il paragrafo chiave. Logica allo stato puro. Attorno a cui ruota tutto ma che in troppi dimenticano. Il progetto di Mr.Bee parla in primis di rilancio di brand, valorizzazione del marchio e tanto tanto marketing in Asia. Come si svolge questo processo? Solo e unicamente attraverso ciò che hai scritto. Per adempiere a questi propositi servono per forza nomi già famosi e grandi calciatori. I fan all'esterno non comprano di certo le maglie di Bertolacci, che non sanno neanche chi è. E ormai nel mondo nessuno è più come Galliani che conosce solo i calciatori della Serie A. Quindi non arrivasse Ibrahimovic né un calciatore di caratura internazionale rimarrei davvero sbigottito perché tale calciomercato cozzerebbe completamente con i propositi prefissati.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.