Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22

  1. #1
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    12,837

    I retroscena del fallimento di Balotelli al Liverpool

    Un anno dopo il suo arrivo al Liverpool, Mario Balotelli torna in prestito gratuito al Milan. Un'operazione economicamente non favorevole ai Reds che a quanto pare non ci hanno pensato due volte prima di liberarsi dell'attaccante italiano.

    Il Liverpool Echo ha pubblicato ieri i retroscena della frattura creatasi tra l'attaccante e l'ambiente del Liverpool. Un insieme di considerazioni ed aneddoti che hanno allontanato Balotelli dall'Anfield.

    Un giorno, negli spogliatoi, Balotelli viene incuriosito da uno smartphone di un compagno. E' il nuovo iPhone6, che Mario ancora non possiede. E si irrita della cosa.
    Entrato poi in campo per il riscaldamento, Balotelli dice di accusare dolori al ginocchio. Lo staff del Liverpool allora gli permette di ritornare nello spogliatoio.
    Un'ora e mezza dopo la sessione di allenamento, la squadra torna negli spogliatoi e trova Mario Balotelli seduto in un angolo, col nuovo iPhone 6 tra le mani, con varie scatole di ricambi e pezzi aggiuntivi. Uno dei suoi assistenti era praticamente stato mandato a fare shopping... e il dolore al ginocchio sembrava passato.

    Il fallimento di Balotelli al Liverpool è solo colpa sua. Non ha mai raggiunto un livello di professionalità accettabile.
    A parte il suo atteggiamento svogliato negli allenamenti, Balotelli era sempre il primo ad andarsene. Quando gli altri facevano una seduta aggiuntiva di allenamento, o studiavano le analisi video, o semplicemente pranzavano insieme, Balotelli non c'era mai e coglieva ogni occasione per andarsene alla svelta.

    Ma non era impopolare nello spogliatoio, anzi. Era quello che metteva il sorriso ai compagni, con i suoi atteggiamenti. Si era auto-nominato il buffone di corte.
    Per esempio, i compagni non credettero ai loro occhi quando lo trovarono a fumare sul campo di Melwood, dove il Liverpool si allena, mentre loro erano impegnati proprio ad allenarsi. O quando disse di non sapere chi fosse Joe Allen, nonostante il gallese fosse suo compagno di squadra ormai da mesi.

    Lo staff e l'allenatore, Rodgers, erano poi furibondi per la mole di persona che Balotelli si portava dietro come suo staff. Come quando, la sera prima dello scontro in Champions contro il Basilea, Mario portò in albergo un numero considerevole di persone che rimasero fino alle prime ore del mattino. Il Liverpool poi perse contro il Basilea e Balotelli non toccò palla in area di rigore per tutta la partita, e Rodgers andò su tutte le furie quando Mario si rifiutò anche di andare ad applaudire i tifosi.

    Aveva contro anche il resto dello staff. In un incontro di FA Cup, Mario si rifiutò di fare delle corse richieste dal preparatore atletico Ryland Morgans.

    Inizialmente Balotelli non era voluto da Rodgers. L'allenatore, dopo la partenza di Luis Suarez, voleva Bony. Ma l'affare non andò in porto e i Reds non avevano altra scelta all'infuori di Balotelli. L'altra alternativa era l'ormai vecchio Eto'o.
    20 milioni sembravano un'azzardo, ma non molto rischioso poichè considerano di poterlo rivendere. Mario aveva anche firmato della clausole relative al comportamento.
    Un anno dopo, il Liverpool pur di liberarsene avrebbe accettato anche la metà di quanto speso. Ma non c'era nessun club disposto a pagarglielo.

    Rodgers però ci credeva in Balotelli. Ma gli aveva detto che il Liverpool non poteva adeguarsi a lui, ma era lui che doveva adeguarsi. Nel senso che non poteva chiedere semplicemente la palla sui piedi, doveva correre e muoversi. Essere più mobile. Rodgers si accorse presto che stava sprecando fiato.

    Ora Mario è tornato a Milano, dove ha accettato un codice di condotta, dicendo di volersi concentrare sul calcio. Tutte cose che abbiamo già sentito.

    Balotelli è stata una costosa scommessa persa. Non cambierà mai i suoi atteggiamenti. Gli unici che rimapngeranno Balotelli, saranno quelli del ristorante italiano Sorrento, a Formby.
    Ultima modifica di Louis Gara; 27-08-2015 alle 12:53
    Filippo Inzaghi (proveniente da 5 partite, di cui 4 perse e 1 vinta): "Ho rivisto lo spirito giusto: una l'abbiamo vinta, le altre... le abbiamo giocate bene."

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Hammer
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    8,872
    È ben più di un indizio il fatto che i fallimenti siano dovuti alla mancanza assoluta di professionalità. Il talento c'è (o c'era?).
    "Il calcio italiano ad alto livello sta perdendo la Juventus. La squadra bianconera è arrivata settima l’anno scorso e rischia di fare il bis quest’anno. [...] Credo che la Juventus vada aiutata. [...] E’ un Club con il maggior numero di Scudetti e di tifosi in Italia, merita un piano Marshall per il suo futuro. Aiutare la Juventus significherebbe aiutare il calcio italiano. Senza dubbi e senza riserve." Mauro Suma, 02/04/2011

  4. #3
    Senior Member L'avatar di corvorossonero
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    7,369
    è cambiato...sisi.

  5. #4
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    12,837
    Ora Mario è tornato a Milano, dove ha accettato un codice di condotta, dicendo di volersi concentrare sul calcio. Tutte cose che abbiamo già sentito.
    E hanno detto tutto.
    Filippo Inzaghi (proveniente da 5 partite, di cui 4 perse e 1 vinta): "Ho rivisto lo spirito giusto: una l'abbiamo vinta, le altre... le abbiamo giocate bene."

  6. #5
    tifoso distaccato L'avatar di wildfrank
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    1,737
    Citazione Originariamente Scritto da Louis Gara Visualizza Messaggio
    Un anno dopo il suo arrivo al Liverpool, Mario Balotelli torna in prestito gratuito al Milan. Un'operazione economicamente non favorevole ai Reds che a quanto pare non ci hanno pensato due volte prima di liberarsi dell'attaccante italiano.

    Il Liverpool Echo ha pubblicato ieri i retroscena della frattura creatasi tra l'attaccante e l'ambiente del Liverpool. Un insieme di considerazioni ed aneddoti che hanno allontanato Balotelli dall'Anfield.

    Un giorno, negli spogliatoi, Balotelli viene incuriosito da uno smartphone di un compagno. E' il nuovo iPhone6, che Mario ancora non possiede. E si irrita della cosa.
    Entrato poi in campo per il riscaldamento, Balotelli dice di accusare dolori al ginocchio. Lo staff del Liverpool allora gli permette di ritornare nello spogliatoio.
    Un'ora e mezza dopo la sessione di allenamento, la squadra torna negli spogliatoi e trova Mario Balotelli seduto in un angolo, col nuovo iPhone 6 tra le mani, con varie scatole di ricambi e pezzi aggiuntivi. Uno dei suoi assistenti era praticamente stato mandato a fare shopping... e il dolore al ginocchio sembrava passato.

    Il fallimento di Balotelli al Liverpool è solo colpa sua. Non ha mai raggiunto un livello di professionalità accettabile.
    A parte il suo atteggiamento svogliato negli allenamenti, Balotelli era sempre il primo ad andarsene. Quando gli altri facevano una seduta aggiuntiva di allenamento, o studiavano le analisi video, o semplicemente pranzavano insieme, Balotelli non c'era mai e coglieva ogni occasione per andarsene alla svelta.

    Ma non era impopolare nello spogliatoio, anzi. Era quello che metteva il sorriso ai compagni, con i suoi atteggiamenti. Si era auto-nominato il buffone di corte.
    Per esempio, i compagni non credettero ai loro occhi quando lo trovarono a fumare sul campo di Melwood, dove il Liverpool si allena, mentre loro erano impegnati proprio ad allenarsi. O quando disse di non sapere chi fosse Joe Allen, nonostante il gallese fosse suo compagno di squadra ormai da mesi.

    Lo staff e l'allenatore, Rodgers, erano poi furibondi per la mole di persona che Balotelli si portava dietro come suo staff. Come quando, la sera prima dello scontro in Champions contro il Basilea, Mario portò in albergo un numero considerevole di persone che rimasero fino alle prime ore del mattino. Il Liverpool poi perse contro il Basilea e Balotelli non toccò palla in area di rigore per tutta la partita, e Rodgers andò su tutte le furie quando Mario si rifiutò anche di andare ad applaudire i tifosi.

    Aveva contro anche il resto dello staff. In un incontro di FA Cup, Mario si rifiutò di fare delle corse richieste dal preparatore atletico Ryland Morgans.

    Inizialmente Balotelli non era voluto da Rodgers. L'allenatore, dopo la partenza di Luis Suarez, voleva Bony. Ma l'affare non andò in porto e i Reds non avevano altra scelta all'infuori di Balotelli. L'altra alternativa era l'ormai vecchio Eto'o.
    20 milioni sembravano un'azzardo, ma non molto rischioso poichè considerano di poterlo rivendere. Mario aveva anche firmato della clausole relative al comportamento.
    Un anno dopo, il Liverpool pur di liberarsene avrebbe accettato anche la metà di quanto speso. Ma non c'era nessun club disposto a pagarglielo.

    Rodgers però ci credeva in Balotelli. Ma gli aveva detto che il Liverpool non poteva adeguarsi a lui, ma era lui che doveva adeguarsi. Nel senso che non poteva chiedere semplicemente la palla sui piedi, doveva correre e muoversi. Essere più mobile. Rodgers si accorse presto che stava sprecando fiato.

    Ora Mario è tornato a Milano, dove ha accettato un codice di condotta, dicendo di volersi concentrare sul calcio. Tutte cose che abbiamo già sentito.

    Balotelli è stata una costosa scommessa persa. Non cambierà mai i suoi atteggiamenti. Gli unici che rimapngeranno Balotelli, saranno quelli del ristorante italiano Sorrento, a Formby.
    In effetti penso che per raddrizzare uno così, siano necessarie tante bastonate nei denti prese dalla vita...FORSE qualche cambiamento lo si potrà vedere; diversamente farà una finaccia, perchè riuscirà a mettersi nei guai per davvero, e di persone poco raccomandabili che cercano il pollo ingenuo da spennare, in giro ce n'è...eccome se ce n'è...

    p.s: secondo me Balo in fin dei conti è un buono...ne sono certo.
    "Nonostante i periodi bui, soprattutto nel 1982-83 ho avuto tante possibilità di andarmene, ma ho deciso fermamente di rimanere perchè il Milan mi ha dato tanto....Non lo avrei lasciato per nulla al mondo. Sapevo che prima o poi saremo tornati grandi e infatti cosi è stato. Alzare la Coppa Campioni con questa maglia e con la fascia da capitano è stata la soddisfazione più grande della mia vita."

    Franco Baresi (the Legend).

  7. #6
    Member L'avatar di koti
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    3,983
    Con quella testa è nato e con quella testa rimarrà. Poprio come Cassano che a 35 anni è lo stesso di quando ne aveva 20, per Balotelli sarà la stessa cosa.

  8. #7
    Senior Member
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    10,268
    Citazione Originariamente Scritto da koti Visualizza Messaggio
    Con quella testa è nato e con quella testa rimarrà. Poprio come Cassano che a 35 anni è lo stesso di quando ne aveva 20, per Balotelli sarà la stessa cosa.
    Cassano però qualche cosa la combinava sul campo.
    Balotelli nulla.

  9. #8
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Gli atteggiamenti descritti denotano oltre al basso livello di Q.I. anche una totale mancanza d'orgoglio, io credo che la maggior parte di noi quando fà male il proprio lavoro si vergogna, lui no,
    cambiando ambiente credo che l'entusiasmo possa aiutarlo inizialmente, ma il mezzo uomo è questo non penso sia recuperabile a livelli agonistici.

  10. #9
    Junior Member L'avatar di Coccosheva81
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    826
    L'unica cosa che mi interessa in questo articolone, è la parte finale, quando Rodgers gli chiese di essere più mobile e di correre e si accorse di sprecare il fiato.
    Quello che fa fuori dal campo è nettamente secondario rispetto a quello che fa in partita.
    Guardate Icardi, 2 anni fa era Wando il tamarro gossipparo che faceva cornuto il migliore amico, dopo 2 stagioni e 40 gol segnati non frega più una ceppa a nessuno.
    Far bene in campo è l'unica cosa che conta, il resto viene da se

  11. #10
    Member L'avatar di gabuz
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    3,402
    Citazione Originariamente Scritto da Louis Gara Visualizza Messaggio
    Un anno dopo il suo arrivo al Liverpool, Mario Balotelli torna in prestito gratuito al Milan. Un'operazione economicamente non favorevole ai Reds che a quanto pare non ci hanno pensato due volte prima di liberarsi dell'attaccante italiano.

    Il Liverpool Echo ha pubblicato ieri i retroscena della frattura creatasi tra l'attaccante e l'ambiente del Liverpool. Un insieme di considerazioni ed aneddoti che hanno allontanato Balotelli dall'Anfield.

    Un giorno, negli spogliatoi, Balotelli viene incuriosito da uno smartphone di un compagno. E' il nuovo iPhone6, che Mario ancora non possiede. E si irrita della cosa.
    Entrato poi in campo per il riscaldamento, Balotelli dice di accusare dolori al ginocchio. Lo staff del Liverpool allora gli permette di ritornare nello spogliatoio.
    Un'ora e mezza dopo la sessione di allenamento, la squadra torna negli spogliatoi e trova Mario Balotelli seduto in un angolo, col nuovo iPhone 6 tra le mani, con varie scatole di ricambi e pezzi aggiuntivi. Uno dei suoi assistenti era praticamente stato mandato a fare shopping... e il dolore al ginocchio sembrava passato.

    Il fallimento di Balotelli al Liverpool è solo colpa sua. Non ha mai raggiunto un livello di professionalità accettabile.
    A parte il suo atteggiamento svogliato negli allenamenti, Balotelli era sempre il primo ad andarsene. Quando gli altri facevano una seduta aggiuntiva di allenamento, o studiavano le analisi video, o semplicemente pranzavano insieme, Balotelli non c'era mai e coglieva ogni occasione per andarsene alla svelta.

    Ma non era impopolare nello spogliatoio, anzi. Era quello che metteva il sorriso ai compagni, con i suoi atteggiamenti. Si era auto-nominato il buffone di corte.
    Per esempio, i compagni non credettero ai loro occhi quando lo trovarono a fumare sul campo di Melwood, dove il Liverpool si allena, mentre loro erano impegnati proprio ad allenarsi. O quando disse di non sapere chi fosse Joe Allen, nonostante il gallese fosse suo compagno di squadra ormai da mesi.

    Lo staff e l'allenatore, Rodgers, erano poi furibondi per la mole di persona che Balotelli si portava dietro come suo staff. Come quando, la sera prima dello scontro in Champions contro il Basilea, Mario portò in albergo un numero considerevole di persone che rimasero fino alle prime ore del mattino. Il Liverpool poi perse contro il Basilea e Balotelli non toccò palla in area di rigore per tutta la partita, e Rodgers andò su tutte le furie quando Mario si rifiutò anche di andare ad applaudire i tifosi.

    Aveva contro anche il resto dello staff. In un incontro di FA Cup, Mario si rifiutò di fare delle corse richieste dal preparatore atletico Ryland Morgans.

    Inizialmente Balotelli non era voluto da Rodgers. L'allenatore, dopo la partenza di Luis Suarez, voleva Bony. Ma l'affare non andò in porto e i Reds non avevano altra scelta all'infuori di Balotelli. L'altra alternativa era l'ormai vecchio Eto'o.
    20 milioni sembravano un'azzardo, ma non molto rischioso poichè considerano di poterlo rivendere. Mario aveva anche firmato della clausole relative al comportamento.
    Un anno dopo, il Liverpool pur di liberarsene avrebbe accettato anche la metà di quanto speso. Ma non c'era nessun club disposto a pagarglielo.

    Rodgers però ci credeva in Balotelli. Ma gli aveva detto che il Liverpool non poteva adeguarsi a lui, ma era lui che doveva adeguarsi. Nel senso che non poteva chiedere semplicemente la palla sui piedi, doveva correre e muoversi. Essere più mobile. Rodgers si accorse presto che stava sprecando fiato.

    Ora Mario è tornato a Milano, dove ha accettato un codice di condotta, dicendo di volersi concentrare sul calcio. Tutte cose che abbiamo già sentito.

    Balotelli è stata una costosa scommessa persa. Non cambierà mai i suoi atteggiamenti. Gli unici che rimapngeranno Balotelli, saranno quelli del ristorante italiano Sorrento, a Formby.
    Non voglio fare l'avvocato del diavolo perché per Mario non parla solo il fallimento di Liverpool, però notoriamente la stampa inglese non è proprio affidabile... Diciamo che non mi stupirei se qualcosa fosse stato gonfiato per far sì che un giornale di Liverpool ridimensioni il pessimo affare, soprattutto economico, della squadra più popolare della loro città (non me ne voglia l'Everton).

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.