Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 5 di 7 PrimaPrima ... 34567 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 67
  1. #41
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Repubblica (Luca Pagni) a pag. 14, tra la cronaca economica: in Cina spiegano che Milan Inter fu la prima partita del calcio europeo ad essere trasmessa da quelle parti. Ma il Milan ha molti più tifosi dei cugini, ben 4 milioni. Il club rossonero infatti è il secondo più seguito, soltanto il Manchester United per ora ha più fan.
    E questo spiega anche la determinazione della cordata che ha voluto fortemente il Diavolo spendendo 1 miliardo tra quote e impegni finanziari. La trattativa, tuttavi, non sarebbe mai giunta alla conclusione senza l'intervento diretto del governo di Pechino, che attraverso Haixia (fondo statale) ha garantito l'affare con il 15%, diventando il maggior socio all'interno della cordata. Il progetto Milan, in ogni caso, non ha a che fare soltanto con i piani di espansione del governo di Pechino. Il Milan infatti è destinato a diventare un vero e proprio modello per tutte le operazioni future di questo tipo. Infatti, proprio grazie alla sua enorme popolarità i cinesi hanno intenzione di utilizzare il Milan come simbolo del made in Italy. Per fare un paragone, è come se avessero rilevato il marchio Ferrari.
    Un simbolo di eccellenza sportiva che può servire come biglietto da visita per futuri progetti di espansione nel mondo dello sport.
    Per il momento sono noti soltanto i detentori del 30% (Haixia e Yonghong Li), maggioranza relativa. Il restante 69% sarà diviso tra diverse grandi aziende, alcune delle quali a loro volta controllate dallo Stato, ma per buona parte avremo un azionariato diffuso. L'idea è quella di dare vita ad una sorta di azionariato popolare dove aziende, imprenditori e tifosi vip avranno una percentuale del glorioso club rossonero. Cosicché tutti possano sentirsi parte del grande progetto. Che sarà un modello a metà tra le società inglesi quotate in borsa e l'azionariato popolare di Barca e Real Madrid. Un progetto che verrà delineato nei dettagli nei prossimi mesi.
    Mamma mia ho i brividi

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #42
    Mi ricordo che Fu un anno fa in un'intervista parlò di crowdfunding cinese e azionariato popolare vip.
    Qualcuno può ripescare quell'articolo? Penso che vengano spiegate le manovre che verranno attuate per il Milan.

    Pazzesco comunque Fu, troll incredibile. Ed effettivamente ora che ci penso non aveva assolutamente senso questo atteggiamento critico nei confronti della cessione dopo che poco tempo prima aveva fatto un'intervista del genere

  4. #43
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Repubblica (Luca Pagni) a pag. 14, tra la cronaca economica: in Cina spiegano che Milan Inter fu la prima partita del calcio europeo ad essere trasmessa da quelle parti. Ma il Milan ha molti più tifosi dei cugini, ben 4 milioni. Il club rossonero infatti è il secondo più seguito, soltanto il Manchester United per ora ha più fan.
    E questo spiega anche la determinazione della cordata che ha voluto fortemente il Diavolo spendendo 1 miliardo tra quote e impegni finanziari. La trattativa, tuttavi, non sarebbe mai giunta alla conclusione senza l'intervento diretto del governo di Pechino, che attraverso Haixia (fondo statale) ha garantito l'affare con il 15%, diventando il maggior socio all'interno della cordata. Il progetto Milan, in ogni caso, non ha a che fare soltanto con i piani di espansione del governo di Pechino. Il Milan infatti è destinato a diventare un vero e proprio modello per tutte le operazioni future di questo tipo. Infatti, proprio grazie alla sua enorme popolarità i cinesi hanno intenzione di utilizzare il Milan come simbolo del made in Italy. Per fare un paragone, è come se avessero rilevato il marchio Ferrari.
    Un simbolo di eccellenza sportiva che può servire come biglietto da visita per futuri progetti di espansione nel mondo dello sport.
    Per il momento sono noti soltanto i detentori del 30% (Haixia e Yonghong Li), maggioranza relativa. Il restante 69% sarà diviso tra diverse grandi aziende, alcune delle quali a loro volta controllate dallo Stato, ma per buona parte avremo un azionariato diffuso. L'idea è quella di dare vita ad una sorta di azionariato popolare dove aziende, imprenditori e tifosi vip avranno una percentuale del glorioso club rossonero. Cosicché tutti possano sentirsi parte del grande progetto. Che sarà un modello a metà tra le società inglesi quotate in borsa e l'azionariato popolare di Barca e Real Madrid. Un progetto che verrà delineato nei dettagli nei prossimi mesi.
    Manderei avanti il tempo per godere già di tutto ciò

  5. #44

    Red face

    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Repubblica (Luca Pagni) a pag. 14, tra la cronaca economica: in Cina spiegano che Milan Inter fu la prima partita del calcio europeo ad essere trasmessa da quelle parti. Ma il Milan ha molti più tifosi dei cugini, ben 4 milioni. Il club rossonero infatti è il secondo più seguito, soltanto il Manchester United per ora ha più fan.
    E questo spiega anche la determinazione della cordata che ha voluto fortemente il Diavolo spendendo 1 miliardo tra quote e impegni finanziari. La trattativa, tuttavia, non sarebbe mai giunta alla conclusione senza l'intervento diretto del governo di Pechino, che attraverso Haixia (fondo statale) ha garantito l'affare con il 15%, diventando il maggior socio all'interno della cordata. Il progetto Milan, in ogni caso, non ha a che fare soltanto con i piani di espansione del governo cinese. Il club rossonero è destinato a diventare un vero e proprio modello per tutte le operazioni future di questo tipo. Infatti, proprio grazie alla sua enorme popolarità i cinesi hanno intenzione di utilizzare il Milan come simbolo del made in Italy. Per fare un paragone, è come se avessero rilevato il marchio Ferrari.
    Un simbolo di eccellenza sportiva che può servire come biglietto da visita per futuri progetti di espansione nel mondo dello sport.
    Per il momento sono noti soltanto i detentori del 30% (Haixia e Yonghong Li), maggioranza relativa. Il restante 69% sarà diviso tra diverse grandi aziende, alcune delle quali a loro volta controllate dallo Stato, ma per buona parte avremo un azionariato diffuso. L'idea è quella di dare vita ad una sorta di azionariato popolare dove aziende, imprenditori e tifosi vip avranno una percentuale del glorioso club rossonero. Cosicché tutti possano sentirsi parte del grande progetto. Che sarà un modello a metà tra le società inglesi quotate in borsa e l'azionariato popolare di Barca e Real Madrid. Un progetto che verrà delineato nei dettagli nei prossimi mesi.
    Abbiamo penato tantissimo negli ultimi anni, ma sembra proprio che il destino ci risarcirà con gli interessi...
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  6. #45
    Junior Member L'avatar di Zani
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    530
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Repubblica (Luca Pagni) a pag. 14, tra la cronaca economica: in Cina spiegano che Milan Inter fu la prima partita del calcio europeo ad essere trasmessa da quelle parti. Ma il Milan ha molti più tifosi dei cugini, ben 4 milioni. Il club rossonero infatti è il secondo più seguito, soltanto il Manchester United per ora ha più fan.
    E questo spiega anche la determinazione della cordata che ha voluto fortemente il Diavolo spendendo 1 miliardo tra quote e impegni finanziari. La trattativa, tuttavia, non sarebbe mai giunta alla conclusione senza l'intervento diretto del governo di Pechino, che attraverso Haixia (fondo statale) ha garantito l'affare con il 15%, diventando il maggior socio all'interno della cordata. Il progetto Milan, in ogni caso, non ha a che fare soltanto con i piani di espansione del governo cinese. Il club rossonero è destinato a diventare un vero e proprio modello per tutte le operazioni future di questo tipo. Infatti, proprio grazie alla sua enorme popolarità i cinesi hanno intenzione di utilizzare il Milan come simbolo del made in Italy. Per fare un paragone, è come se avessero rilevato il marchio Ferrari.
    Un simbolo di eccellenza sportiva che può servire come biglietto da visita per futuri progetti di espansione nel mondo dello sport.
    Per il momento sono noti soltanto i detentori del 30% (Haixia e Yonghong Li), maggioranza relativa. Il restante 69% sarà diviso tra diverse grandi aziende, alcune delle quali a loro volta controllate dallo Stato, ma per buona parte avremo un azionariato diffuso. L'idea è quella di dare vita ad una sorta di azionariato popolare dove aziende, imprenditori e tifosi vip avranno una percentuale del glorioso club rossonero. Cosicché tutti possano sentirsi parte del grande progetto. Che sarà un modello a metà tra le società inglesi quotate in borsa e l'azionariato popolare di Barca e Real Madrid. Un progetto che verrà delineato nei dettagli nei prossimi mesi.
    Per la prima volta si può guardare al futuro con entusiasmo, e finalmente posso tifare Milan senza remore e con un poì di speranza nel futuro

  7. #46
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,222
    Citazione Originariamente Scritto da diavoloINme Visualizza Messaggio
    Ciao Re!!!!!
    Grazie per il tuo meraviglioso lavoro di informazione in questa odissea che ci ha provato non poco!!!!
    Hai fatto più 'informazione' tu di molti presunti giornalisti che dimenticano ( o forse fa comodo dimenticare ) quale è il vero ruolo di un giornalista : informare!!! Trovare delle fonti ma informare.
    E invece, tutt'ora, ci sono pseudo-giornalisti che non solo non informano ma si rifiutano di guardare in faccia la realtà e riportano notizie false. Ma come si fa a dire che quanto firmato giorni fa in sardegna sia tale e quale quello successo con mister bee??
    Non riesco più a distinguere l'incapacità dalla malafede.
    Nel tempo di twitter e facebook, tempi nei quali la notizia viaggia a una velocità fulminea, la corsa alla 'soffiata' è continua ma forse ci vorrebbe a volte buon senso e rispetto per chi legge e cerca delle informazioni.
    Nascondere la realtà o peggio travisarla a propria convenienza è una forma di dittatura.
    Non faccio nomi ma sei talmente 'sul pezzo' che avrai già capito a chi mi riferisco.
    Grazie ancora di cuore.
    Tutti in piedi davanti a Felice!

  8. #47
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,222
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Repubblica (Luca Pagni) a pag. 14, tra la cronaca economica: in Cina spiegano che Milan Inter fu la prima partita del calcio europeo ad essere trasmessa da quelle parti. Ma il Milan ha molti più tifosi dei cugini, ben 4 milioni. Il club rossonero infatti è il secondo più seguito, soltanto il Manchester United per ora ha più fan.
    E questo spiega anche la determinazione della cordata che ha voluto fortemente il Diavolo spendendo 1 miliardo tra quote e impegni finanziari. La trattativa, tuttavia, non sarebbe mai giunta alla conclusione senza l'intervento diretto del governo di Pechino, che attraverso Haixia (fondo statale) ha garantito l'affare con il 15%, diventando il maggior socio all'interno della cordata. Il progetto Milan, in ogni caso, non ha a che fare soltanto con i piani di espansione del governo cinese. Il club rossonero è destinato a diventare un vero e proprio modello per tutte le operazioni future di questo tipo. Infatti, proprio grazie alla sua enorme popolarità i cinesi hanno intenzione di utilizzare il Milan come simbolo del made in Italy. Per fare un paragone, è come se avessero rilevato il marchio Ferrari.
    Un simbolo di eccellenza sportiva che può servire come biglietto da visita per futuri progetti di espansione nel mondo dello sport.
    Per il momento sono noti soltanto i detentori del 30% (Haixia e Yonghong Li), maggioranza relativa. Il restante 69% sarà diviso tra diverse grandi aziende, alcune delle quali a loro volta controllate dallo Stato, ma per buona parte avremo un azionariato diffuso. L'idea è quella di dare vita ad una sorta di azionariato popolare dove aziende, imprenditori e tifosi vip avranno una percentuale del glorioso club rossonero. Cosicché tutti possano sentirsi parte del grande progetto. Che sarà un modello a metà tra le società inglesi quotate in borsa e l'azionariato popolare di Barca e Real Madrid. Un progetto che verrà delineato nei dettagli nei prossimi mesi.
    Che dire? I cinesi non atterrano mai male, perché non atterrano proprio. E li motiva un insanabile istinto patriottico, ed ora, col beneficio di torrenti di renminbi della espansione illimitata di venti anni, una sfrenata ambizione: portare una propria visione della vita nel mondo, e vincere. Sempre.

  9. #48
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Come riporta La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 7 agosto 2016, la cordata cinese che ha acquistato il Milan, dopo il preliminare, ha rilanciato le prime dichiarazioni attraverso un portavoce. Ecco quanto dichiarato:" I tifosi stiano tranquilli, se abbiamo fatto questo investimento è perché vogliamo che il Milan torni ad essere al vertice nel mondo. E ’un nostro obiettivo".

    L'obiettivo degli stessi cinesi è quello di arrivare al closing prima del 20 novembre, giorno in cui ci sarà il derby.

    Fassone (L'AD del Milan cinese), intanto, ha già iniziato a lavorare. C'è stata una telefonata con Galliani. Ed il mercato attuale dovrà essere concordato tra i due. A Galliani, poi, potrebbe essere offerto un ruolo da consulente. Si sta ragionando anche sul futuro Direttore Sportivo, i profili analizzati sono almeno 4-5. Berlusconi resterà presidente onorario, ma il cognome sparirà dal CDA del Milan.

    Bisognerà capire anche il futuro di Umberto Gandini, ministro degli esteri del Milan che, comunque, ha dei buoni rapporti con Fassone.

    Si continua da qui, dove trovate tutte le news precedenti ---) Milan venduto a Sino-Europe Investment Management Changxing.

    Repubblica (Luca Pagni) a pag. 14, tra la cronaca economica: in Cina spiegano che Milan Inter fu la prima partita del calcio europeo ad essere trasmessa da quelle parti. Ma il Milan ha molti più tifosi dei cugini, ben 4 milioni. Il club rossonero infatti è il secondo più seguito, soltanto il Manchester United per ora ha più fan.
    E questo spiega anche la determinazione della cordata che ha voluto fortemente il Diavolo spendendo 1 miliardo tra quote e impegni finanziari. La trattativa, tuttavia, non sarebbe mai giunta alla conclusione senza l'intervento diretto del governo di Pechino, che attraverso Haixia (fondo statale) ha garantito l'affare con il 15%, diventando il maggior socio all'interno della cordata. Il progetto Milan, in ogni caso, non ha a che fare soltanto con i piani di espansione del governo cinese. Il club rossonero è destinato a diventare un vero e proprio modello per tutte le operazioni future di questo tipo. Infatti, proprio grazie alla sua enorme popolarità i cinesi hanno intenzione di utilizzare il Milan come simbolo del made in Italy. Per fare un paragone, è come se avessero rilevato il marchio Ferrari.
    Un simbolo di eccellenza sportiva che può servire come biglietto da visita per futuri progetti di espansione nel mondo dello sport.
    Per il momento sono noti soltanto i detentori del 30% (Haixia e Yonghong Li), maggioranza relativa. Il restante 69% sarà diviso tra diverse grandi aziende, alcune delle quali a loro volta controllate dallo Stato, ma per buona parte avremo un azionariato diffuso. L'idea è quella di dare vita ad una sorta di azionariato popolare dove aziende, imprenditori e tifosi vip avranno una percentuale del glorioso club rossonero. Cosicché tutti possano sentirsi parte del grande progetto. Che sarà un modello a metà tra le società inglesi quotate in borsa e l'azionariato popolare di Barca e Real Madrid. Un progetto che verrà delineato nei dettagli nei prossimi mesi.
    È quello che tutti noi speriamo e che il Milan si merita.Speriamo che col tempo alle parole seguano i fatti,la direzione imboccata sembra finalmente quella giusta.
    Il rosso e il nero,due colori comuni,una passione unica!
    #WeAreACMilan

    "Ricordiamoglielo al mondo chi eravamo e che potremmo ritornare!" (Tiziano Ferro ai milanisti)

    #Lanuovaeraèqui #Vivalesocietànormali

    "Digo lo que pienso,tómame como soy. No intentes amarrarme, ni dominarme, yo soy quien elige como equivocarme."
    (Shakira)

  10. #49
    Senior Member L'avatar di MrPeppez
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Soverato
    Messaggi
    6,942
    Raga, alla fine la cessione c'è stata, non ci credo

    Ora speriamo che, a closing avvenuto, ci sia la tanto aspettata rivoluzione del managment e che qualcuno (Maldini, Albertini...) entri in società.

    FORZA MILAN fratelli rossoneri
    13/04/2017

    #viamontelladalmilan

  11. #50
    kolao95
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da MrPeppez Visualizza Messaggio
    Raga, alla fine la cessione c'è stata, non ci credo

    Ora speriamo che, a closing avvenuto, ci sia la tanto aspettata rivoluzione del managment e che qualcuno (Maldini, Albertini...) entri in società.

    FORZA MILAN fratelli rossoneri
    Hai visto alla fine che tutto quel pessimismo era infondato?

Pagina 5 di 7 PrimaPrima ... 34567 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.