Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 10 di 10

  1. #1
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,142

    I 6 lustri del trentennio berlusconiano: ecco come è andata

    Come da titolo ho suddiviso il trentennio Berlusconiano in sei lustri per vedere come si sono concentrate le nostre vittorie, il quadro che ne emerge è il seguente, parliamo di lustri “reali” quindi senza tener conto dei cicli o di chi era in panchina, ma solo guardando di 5 anni in 5 anni cosa si è ottenuto:
    1986/87 – 1990/91
    1 solo campionato, ma poi il dominio in Europea e nel Mondo con ben 2 Champions, 2 Supercoppe Europee e 2 Intercontinentali, la prima Supercoppa Italiani completa le vittorie di quell’esaltante lustro. Il Milan di Sacchi e degli olandesi è la squadra più forte al mondo e unanimemente riconosciuta come una delle più rivoluzionarie e belle della storia del calcio.
    Totale: 8 trofei vinti

    1991/92 – 1995/96
    Senza dubbio il Milan più dominante di sempre, con Capello arrivano in sequenza ben 4 campionati e 3 Supercoppe Italiane (il dominio più netto in Italia mai avuto), in campo internazionale si domina ma si sprecano anche alcune occasioni, il bottino dice comunque 1 Champions (quella storica di Atene col Barca) e 1 Supercoppa Europea.
    Totale: 9 trofei vinti

    1996/97 – 2000/01
    Le ruggini dei dieci anni stellari appena conclusi presentano il conto, la squadra è stanca e viene a mancare un po’ di organizzazione, anche in seguito al ritiro di Baresi. Poco da ricordare in quegli anni se non lo scudetto capolavoro del 1999 in rimonta sulla Lazio. Ma si gettano anche alcune basi per il futuro, su tutte l’arrivo di Shevchenko dalla Dinamo Kiev.
    Totale: 1 trofeo vinto

    2001/02 – 2005/06
    Si apre in quel lustro l’epopea di Ancelotti che culminerà nel 2007 a Tokyo. Il Milan, sfruttando l’ossatura creata su Maldini, Sheva e Gattuso completa la rosa con 5 colpi fenomenali (Nesta, Pirlo, Inzaghi, Seedorf e poi Kakà) creando una delle squadre più forti di sempre: arrivano successi importanti in campo internazionale con la storica finale di Manchester conquistata battendo in sequenza l’inter e la juve. In Italia invece la Juve domina sempre (anche se con molti favori.....) nonostante il Milan sembri nel complesso superiore. Le macchie sono la finale di Istanbul e l’intercontinentale persa col Boca che sporcano un po’ un lustro altrimenti sensazionale, chiuso comunque con un bottino corposo: 1 campionato, 1 coppa italia, 1 supercoppa italiana, 1 champions e 1 supercoppa europea. Da segnalare la cessione a sorpresa di Shevchenko, il primo campionissimo ceduto dal Milan di Berlusconi fino ad allora.
    Totale: 5 trofei vinti

    2006/07 - 2010/11
    Gli anni delle rivincite internazionali e degli addii sofferti: tra maggio e dicembre 2007 il Milan si vendica in sequenza del Liverpool prima e del Boca poi, la supercoppa vinta col Siviglia completa poi un “triplete europeo” che mancava dal 1990. In Italia invece la squadra composta da troppi senatori inizia ad arrancare sulle lunghe distanze e vede partire il suo faro Kakà dopo aver già dovuto assistere al ritiro del capitano Maldini (a cui la società inspiegabilmente non regala il meritato tributo). Qualche anno buio, poi l’arrivo di Ibra e Silva riportano il Milan allo scudetto dopo il dominio quinquennale dell’inter, arriva anche la supercoppa italiana sempre contro i cugini. Per il Milan sembra un nuovo inizio.
    Totale: 5 trofei vinti

    2011/12 – 2015/16
    Gli ultimi tristi anni cominciano con lo scudetto perso dalla Juve di Conte: il Milan prima rimonta i gobbi e si porta al comando, poi un po’ per gli infortuni un po’ per mala gestione si fa superare di nuovo e lascia lo scudetto ai bianconeri. Il passo d’addio di tutti i senatori a fine campionato (dopo l’addio un anno prima di Pirlo lasciano in un sol colpo Seedorf, Inzaghi, Nesta, Gattuso, Zambrotta e Van Bommel) e la devastante cessione congiunta di Ibra e Silva al PSG spalancano le porte al lustro più nefasto della storia recente rossonera, chiuso senza trofei (forse una coppa italia, ndr.) e con 3 anni di fila sotto i 60 punti in campionato.
    Totale: 0 trofei vinti.
    Si torna a giocare e a tifare davvero

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    23,204
    madonna questo è durato più del fascismo ..rabbrividisco .
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

  4. #3
    Senior Member L'avatar di diavoloINme
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    7,873
    Bella ricostruzione. Da notare come dietro i grandi cicli di vittorie ci sia sempre un gruppo di calciatori cardine, il famoso zoccolo duro. Nel primo ciclo addirittura molti campioni arrivarono in 'eredità' dalla gestione farina che furono elementi indispensabili in tutto il ciclo capello addirittura e anche oltre. Nel ciclo di ancelotti furono scelti uomini ,per completare,ringiovanire e arricchire la base, come seedorf, pirlo, kaka, gattuso. Io mi focalizzerei su questo punto chiave : usciti di società i vari braida, ramaccioni, leonardo non si è più avuta la capacità di ricostruire. I pilastri del milan di oggi sono abate, montolivo, mexes, zapata, balotelli, poli. Su tale base al massimo può venir su una palafitta. Mancano i costacurta, maldini, nesta, albertini, evani, baresi, pirlo, gattuso.

  5. #4
    Member L'avatar di Il Genio
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    MB
    Messaggi
    2,351
    Complimenti per l'idea e l'attenta analisi.
    Che dire, se la storia fosse ciclica, in un modo o nell'altro il prossimo anno dovrebbe essere quello della terza rinascita.
    Chi sarà il fautore?

  6. #5
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,142
    Citazione Originariamente Scritto da Il Genio Visualizza Messaggio
    Complimenti per l'idea e l'attenta analisi.
    Che dire, se la storia fosse ciclica, in un modo o nell'altro il prossimo anno dovrebbe essere quello della terza rinascita.
    Chi sarà il fautore?
    Ho voluto creare sto thread proprio per evidenziare come non si costruisca nulla senza basi solide, la rinascita del Milan di Ancelotti è proprio la dimostrazione: nel lustro precedente si era fatto schifetto, però c'erano le basi su cui rifondare (appunto Maldini, Gattuso, Sheva e ci metterei anche Abbiati)..è servito l'innesto di quei fenomeni arrivati tutti in un lasco ridotto (e non ho nemmeno messo Rui Costa e Cafù) per tornare in cima..

    Oggi mancano le basi su cui ripartire, e per giunta prendere un gruppo di giocatori del livello di Seedorf, Pirlo, Inzaghi, Kakà costerebbe qualcosa come 200-250 milioni..
    La verità è che gli ultimi 5 anni buttati ci costeranno almeno altri 3-4 anni prima di poter tornare ai vertici anche se arrivano i cinesi..perché chiunque arrivi troverà il nulla assoluto
    Si torna a giocare e a tifare davvero

  7. #6
    Member L'avatar di Il Genio
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    MB
    Messaggi
    2,351
    Citazione Originariamente Scritto da Milanforever26 Visualizza Messaggio
    Ho voluto creare sto thread proprio per evidenziare come non si costruisca nulla senza basi solide, la rinascita del Milan di Ancelotti è proprio la dimostrazione: nel lustro precedente si era fatto schifetto, però c'erano le basi su cui rifondare (appunto Maldini, Gattuso, Sheva e ci metterei anche Abbiati)..è servito l'innesto di quei fenomeni arrivati tutti in un lasco ridotto (e non ho nemmeno messo Rui Costa e Cafù) per tornare in cima..

    Oggi mancano le basi su cui ripartire, e per giunta prendere un gruppo di giocatori del livello di Seedorf, Pirlo, Inzaghi, Kakà costerebbe qualcosa come 200-250 milioni..
    La verità è che gli ultimi 5 anni buttati ci costeranno almeno altri 3-4 anni prima di poter tornare ai vertici anche se arrivano i cinesi..perché chiunque arrivi troverà il nulla assoluto
    Verissimo, ma d'altronde lo diciamo tutti noi tifosi milanisti veri (e per veri intendo quelli che hanno a cuore le sorti della squadra) che sarebbe bastato pochissimo per avere, come minimo, le bai per ripartire.

    Due nomi a caso come esempio? Sarebbero bastati 1 Romagnoli ed 1 Calabria a stagione.

    Mi spiego: 1 acquisto giovane e di sicuro avvenire con valori morali da Milan ed un prospetto delle giovanili con le stesse caratteristiche. Spesa annua di 30mln di euro, non uno di più, ed oggi avremmo uno zoccolo duro da cui ripartire.

  8. #7
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Un appunto nel periodo 91/96,

    non si possono tralasciare le 2 finali perse, quella contro il Marsiglia arrivando in finale vincendole tutte.

    Quel Milan con Capello in assoluto è stato il più forte di tutti i tempi, diciamo almeno fino al ritiro di Van Basten.

    Non per niente fece il record di imbattibilità e il suo cammino fino alle finali Champions è stato anche più autorevole rispetto a quello di Sacchi.

  9. #8
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,142
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Un appunto nel periodo 91/96,

    non si possono tralasciare le 2 finali perse, quella contro il Marsiglia arrivando in finale vincendole tutte.

    Quel Milan con Capello in assoluto è stato il più forte di tutti i tempi, diciamo almeno fino al ritiro di Van Basten.

    Non per niente fece il record di imbattibilità e il suo cammino fino alle finali Champions è stato anche più autorevole rispetto a quello di Sacchi.
    è esattamente quello che ho scritto: "il milan più dominante di sempre" e "in campo internazionale si domina ma si sprecano anche alcune occasioni" (e non solo le due finali di coppa campioni, per altro quella con l'Ajax persa contro una squadra più forte in tutto, parlo anche di due finali intercontinentali gettate via..)
    Comunque Van Basten ha di fatto chiuso nel '92..direi che il Milan di Capello ha basato la sua forza sulla difesa..
    Si torna a giocare e a tifare davvero

  10. #9
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,887
    Citazione Originariamente Scritto da Milanforever26 Visualizza Messaggio
    è esattamente quello che ho scritto: "il milan più dominante di sempre" e "in campo internazionale si domina ma si sprecano anche alcune occasioni" (e non solo le due finali di coppa campioni, per altro quella con l'Ajax persa contro una squadra più forte in tutto, parlo anche di due finali intercontinentali gettate via..)
    Comunque Van Basten ha di fatto chiuso nel '92..direi che il Milan di Capello ha basato la sua forza sulla difesa..
    Vero il Milan a cui mi riferisco è durato 1 anno e mezzo,
    da quando lo rilevò Capello al ritiro di Van Basten,,
    ma che Milan...
    tante partite vinte in campionato con 7 gol e dominio in champion fino al Marsiglia.

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,142
    Citazione Originariamente Scritto da tifoso evorutto Visualizza Messaggio
    Vero il Milan a cui mi riferisco è durato 1 anno e mezzo,
    da quando lo rilevò Capello al ritiro di Van Basten,,
    ma che Milan...
    tante partite vinte in campionato con 7 gol e dominio in champion fino al Marsiglia.
    Capello portò al massimo dello strapotere quel Milan plasmato da Sacchi..senza dubbio la squadra perfetta..con Van Basten che prima del ritiro stava toccando picchi impressionanti per l'epoca..Con lui al top avremmo vinto almeno altri 2-3 trofei internazionali quegli anni
    Si torna a giocare e a tifare davvero

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.