Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

  1. #1
    Member L'avatar di Brain84
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Venezia
    Messaggi
    3,233

    ...Galliani, Allegri ed un mercato da "PES"

    Il mercato del Milan non è ancora chiuso, con Galliani, si sa, sino all’ultimo giorno non si può mai dire, memori dell’estate del 2010 (che oggi come oggi sembra lontanissima), ma sin qui non possiamo certo definirlo entusiasmante.
    Per chi è appassionato di Pes (famoso gioco di calcio della Konami, diffusissimo simulatore di calcio che ha ispirato anche i Club Dogo per una hit di questa estate), la campagna acquisti rossonera sembra ricordare un po’ quella a cui tutti siamo stati costretti quando abbiamo mosso i primi passi nella famosa ed avvincente Master League. Per chi fosse completamente a digiuno dai giochi, spieghiamo che la Master League è un campionato in cui il giocatore seleziona una squadra qualsiasi (Milan compreso) la quale può essere composta dalla rosa reale (la versione facilitata del gioco) o da giocatori totalmente inventati e dal valore piuttosto scarso. In questo secondo caso il giocatore dovrà confrontarsi conto le corazzate e vincere più match possibili per accumulare i fondi utili ad acquisire i giocatori reali che, naturalmente, hanno un costo comparato al loro valore (la versione più gettonata ed avvincente che nelle prime edizioni era l’unica possibile).

    Bene, quando si muovono i primi passi in questa lega, scegliendo la seconda opzione, almeno inizialmente non resta che affidarsi a giocatori che siano il giusto compromesso fra valori accettabili, magari di prospettiva (perché andando avanti con l’età e disputando i match i loro valori possono crescere in maniera esponenziale), ed un costo contenuto. Ecco allora che si punta su attaccanti ancora acerbi e poco concreti, ma dal futuro certo viste le prospettive (per esempio Niang), piuttosto che giocatori già mezzi affermati e dalla qualità importante, ma con carenze evidenti sotto altri punti di vista (il primo acquisto di chi scrive negli ultimi anni è sempre stato Bojan Krkic, per gli ingegneri della Konami dotato di grande tecnica, ma di poco fisico e scarsa precisione), o su personalità non eccellenti, ma affidabili per la linea mediana e la difesa (pensiamo a Traorè, Zapata o Constant), giocatori capaci di regalare le prime vittorie ed accumulare i fondi necessari a comprare il primo campione per spiccare il volo.

    Le possibilità di buona riuscita della Master League, finalizzata alla costruzione di una squadra di livello, è legata quindi alle abilità del giocatore (colui il quale mette in campo la squadra ed utilizza i giocatori acquistati) nello sfruttare al massimo le capacità degli uomini a disposizione e trarne il massimo profitto.
    Il parallelo, più o meno serio, regge. Il Milan in quest’estate ha investito poco, si spera bene, puntando su giocatori giovanissimi come Niang, promesse ancora in attesa di esplodere come Bojan, giocatori che probabilmente non saranno mai dei campioni, ma che assicurano un discreto rendimento come Constant, Zapata e Traorè. Una campagna acquisti certo non entusiasmante, sicuramente un punto di partenza e non d’arrivo, starà ad Allegri (il giocatore) provare a tirare fuori il meglio dagli uomini messi a disposizione da Adriano Galliani, puntando tutto sul gioco e sul gruppo, provando a creare una squadra che faccia dell’armonia della manovra e dello spogliatoio il proprio punto di forza.

    Fra il calcio reale e quello virtuale il parallelo sembra perfetto, Adriano Galliani e Massimiliano Allegri, novelli giocatori di Pes (abituati a ben altre spese ed a giocatori dal profilo differente, nonché ad una base di partenza di altro spessore), si affacciano alla loro prima Master League in versione “squadra da ricostruire”, imboccando una strada totalmente nuova per loro, ma ampiamente battuta dai veterani del gioco. I tifosi del diavolo (molti dei quali conoscono perfettamente le dinamiche di Pes) si accomodano e guardano, piuttosto diffidenti sull’operato del duo, attendendo di avere le prime risposte sulle loro capacità con un joypad per le mani, magari nella speranza che le qualità dei due consentano di ottenere risultati ed arrivare sin da subito ad un campione, magari in là con l’età, quello che ti fa fare il primo salto di qualità e rilancia il valore della squadra, insomma, un tipo alla Kakà…

    milanews




    www.uaitstudio.it

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Deberlusconizzata L'avatar di ErreKappa
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    66
    Sapevo che qualcuno prima o poi sparato il paragone nerd...

    E in effetti Constant, Traorè, Bonera, Acerbi...sembrano i giocatori di default della master

    Chissà, magari Niang si rivela la reincarnazione di un vecchio campione...proprio come succede in Pes

  4. #3
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    145
    Banalità, ovvietà. Ci si inventa metafore, "nonsense" e quant'altro.... Mah.

  5. #4
    alexrossonero
    Ospite
    Un mercato da PEScara. Ma nemmeno, mi sa.

  6. #5
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    10,987
    hahahah ma questo si chiama GIORNALISMO ?

  7. #6
    Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    343
    Il problema è che temo che questo non sia un punto di partenza, un anno zero, ma una costante per i prossimi anni: arrangiarsi con scarti e schifezzuole che si trovano in giro.
    La paura, neanche a dirlo, viene dal fatto che di progetto non se ne vede neanche da lontano.
    Tra l'altro, si sta sempre con la paura che se per dire, un Niang tra un paio di anni dovesse esplodere come il nuovo crack del calcio europeo, arriva il primo sceicco che ti riempie di soldi e te lo porta via.
    Insomma, veramente demotivante.

  8. #7
    Senior Member L'avatar di The Ripper
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    13,655
    Mialwnes pls

  9. #8
    Citazione Originariamente Scritto da Dottorm Visualizza Messaggio
    Il problema è che temo che questo non sia un punto di partenza, un anno zero, ma una costante per i prossimi anni: arrangiarsi con scarti e schifezzuole che si trovano in giro.
    La paura, neanche a dirlo, viene dal fatto che di progetto non se ne vede neanche da lontano.
    Tra l'altro, si sta sempre con la paura che se per dire, un Niang tra un paio di anni dovesse esplodere come il nuovo crack del calcio europeo, arriva il primo sceicco che ti riempie di soldi e te lo porta via.
    Insomma, veramente demotivante.
    Che altro aggiungere?
    A me tutta questa "responsabilizzazione" di Allegri puzza molto, mi sembra chiaro che, quando la squadra dimostrerà di non essere competitiva per lo scudetto, la responsabilità verrà scaricata interamente su di lui e verrà fatto fuori.

  10. #9
    Junior Member L'avatar di Sindaco
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Palazzo Marino
    Messaggi
    376
    Citazione Originariamente Scritto da Dottorm Visualizza Messaggio
    Il problema è che temo che questo non sia un punto di partenza, un anno zero, ma una costante per i prossimi anni: arrangiarsi con scarti e schifezzuole che si trovano in giro.
    La paura, neanche a dirlo, viene dal fatto che di progetto non se ne vede neanche da lontano.
    Tra l'altro, si sta sempre con la paura che se per dire, un Niang tra un paio di anni dovesse esplodere come il nuovo crack del calcio europeo, arriva il primo sceicco che ti riempie di soldi e te lo porta via.
    Insomma, veramente demotivante.
    Mi viene in mente Donadoni, al termine di una partita, nella sciagurata stagione 96/97:"se questo è un punto di partenza non siamo messi male, altrimenti..."

  11. #10
    Bannato
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    145
    Citazione Originariamente Scritto da Sindaco Visualizza Messaggio
    Mi viene in mente Donadoni, al termine di una partita, nella sciagurata stagione 96/97:"se questo è un punto di partenza non siamo messi male, altrimenti..."
    Donadoni, avercelo (in campo e in panchina).

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.