Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 36 di 36

Discussione: Franco Baresi

  1. #31
    Senior Member L'avatar di MaschioAlfa
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Milan
    Messaggi
    5,547
    Quegli occhi quando giocava...
    Occhi che parlavano da soli.
    Mettevano paura all avversario.
    Una grinta fuori dal normale, sempre con la bava alla bocca e altrettanto corretto sulle gambe degli avversari.


    Unico vero capitano inimitabile.
    Le' mei daghel che ciapal !
    L'è Mei il cul del Salam, che il Salam in del cul.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #32
    Auguri Leggenda!

  4. #33
    Junior Member L'avatar di MasterGorgo
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    milan
    Messaggi
    318
    Respirava calcio, mangiava calcio, interpretava il ruolo di libero e capitano 24 ore al giorno. Non accetto di vederlo invecchiare.
    Su di lui creata la più grande difesa mai esisita, alta, veloce in alcune partite sopra ogni meraviglia, come vedere le cascate del niagara, il decollo dello shuttle o l'aurora boreale.

    Alcuni interventi da dietro sulla palla in spaccata se li penso vado in meditazione per ore.

  5. #34
    Il più grande centrale di tutti i tempi..inarrivabile..I difensori di oggi stanno 5 categorie sotto.
    Franco era IL difensore, per spiegarlo mi ci vorrebbe un quarto d'ora..chi vi paragona Nesta è perchè non l'ha mai visto giocare, con lui dietro le quattro pere di La coruna e le tre di Istanbul non si sarebbero mai prese..
    Con lui la Nazionale arrivava sempre in fondo ai Mondiali, nel 90 in semifinale usciti ai rigori, e nel 94 in finale di nuovo ai rigori..


  6. #35
    Junior Member L'avatar di Milancholy
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    219
    Citazione Originariamente Scritto da Blu71 Visualizza Messaggio
    Altezza 176 cm
    Peso 70 Kg
    Franco Baresi è il Capitano.
    Per descrivere le sue caratteristiche tecniche basta riportare come lo definì Gianni Brera: «Baresi II è dotato di uno stile unico, prepotente, imperioso, talora spietato. Si getta sul pallone come una belva".


    Nato a Travagliato in provincia di Brescia l'8 maggio del 1960, inizia a giocare nella squadra del' oratorio del suo paese sia come terzino che come stopper. Ha un fratello, Beppe, maggiore di due anni, che gioca nelle giovanili dell'Inter ed è proprio l'Inter che nel maggio del 1974 lo boccia Franco in un provino dicendogli: "Devi crescere, magari torni il prossimo anno".
    Tra i capi del settore giovanile interista c'è Italo Galbiati che la stagione successiva passa al Milan e lo manda a chiamare sottoponendo lo ad un nuovo provino a Milanello e questa volta lo prendono per un milione e mezzo di lire e una clausola: "Vi diamo un milione per ogni centimetro in più se va oltre il metro e settanta". Franco da 164 cm arriva a 176cm.

    Entra nel settore giovanile dei rossoneri nell'agosto 1974.
    Allegato 274
    Nella stagione 1977-78 è nella Primavera di Francesco Zagatti e guadagna ventimila lire al mese oltre a vitto e alloggio e "mantenimento" agli studi. Franco Baresi è iscritto all'istituto per geometri a Milano. Perde tragicamente il padre (travolto da un'automobile) e Milanello diventa la sua nuova casa con Paolo Mariconti, il massaggiatore della Primavera, che di fatto diventa un suo secondo papà. Quando lo inseriscono nel giro della prima squadra la presenza di Liedholm è decisiva perché l'allenatore difende e lancia i giovani.

    Debutta in serie A il 23 aprile 1978 poiché Ramon Turone è squalificato e Liedholm lo prende in disparte: "Giochi tu".
    Il Milan vince e negli spogliatoi alla fine incontra il grande Nereo Rocco, che lo squadra e bofonchia: "Ciò, mona, te ga zogà anca ti?". Baresi s'incendia e i suoi compagni si mettono a ridere. Scappa, si nasconde sotto la doccia. Il giorno dopo sfoglia i giornali e trova i complimenti. Rivera: "Questo ragazzo farà molta strada". E detto da Rivera...


    Il ragazzo Baresi è sempre il Piscinin essendo il più giovane ma Liedholm, che stravede per lui, lo promuove: "Tu adesso iochi sempre".
    Vince lo scudetto numero dieci.
    Nel 1979 lo stipendio, da contratto, è 12 milioni l'anno. Rive nove milioni.
    Anni '80. Liedholm lascia sostituito da Massimo Giacomini ma i risultati sono disastrosi ep poi scoppia lo scandalo delle scommesse. Il Milan è dentro sino al collo. Alcuni giocatori, gli anziani, puntano al totonero, Baresi il piccolo è all'oscuro di tutto. Il Milan arriva terzo ma è retrocesso. La società in B conferma Giacomini, immediato ritorno in A.
    Baresi nel frattempo è convocato da Vicini nell'Under 21.
    Sono anni bui, parte Giacomini ed arriva Gigi Radice.
    Il campionato 1981-82 perde Franco Baresi per quattro mesi per una malattia del sangue. Sono giorni terribili, Franco teme di lasciare il calcio.
    Radice viene esonerato e sulla panchina arriva Italo Galbiati mentre il presidente Colombo viene squalificato per lo scandalo scommesse e cede la società a Giussy Farina. Il Milan retrocede per la seconda volta in B ma Baresi non lascia pur avendo offerte allettanti e dice: "Il Milan è la mia vita".
    Franco diventa capitano a soli 22 anni.
    "Un fatto strano, quella retrocessione fu per me il totale rilancio"

    Franco è in B, ma Bearzot prima lo inserisce nell'elenco per la Spagna e quindi torna campione del mondo pur non giocando.
    Esordisce a Firenze contro la Romania (0-0) al posto di Gaetano Scirea infortunato.
    Gioca un tempo da libero e uno da mediano.
    Durante una trasferta di serie B, Franco conosce Maura che diventerà sua moglie.

    Enzo Bearzot convoca Franco per le Olimpiadi di Los Angeles del 1984 facendolo giocare da mediano e Baresi si arrabbia tanto che dopo alcuni dissidi con la panchina, non ce la fa più, esplode e manda a quel paese Bearzot che lo fa uscire dal giro azzurro.

    Nel dicembre 1985 arriva violenta la crisi societaria con i libri della società in tribunale. Il Presidente Farina è pieno di debiti e potrebbe salvarsi vendendo Hateley ma non lo fa. Potrebbe vendere Baresi a Mantovani della Sampdoria che offre 16 miliardi ma Farina dice no. Anche presidente dell'Inter, Ernesto Pellegrini, attraverso il fratello Beppe, manda a dire a Franco: "Se vuoi, noi siamo pronti". Baresi dice no.
    Il primo marzo 1986 Berlusconi è a Milanello.
    Il Milan di Berlusconi si trasforma, diventa un'azienda.

    Nasce il Milan di Arrigo Sacchi e Baresi, Il Capitano.
    Con Sacchi arriva lo scudetto del sorpasso al Napoli. Con Sacchi, Baresi alza due coppe dei Campioni, due coppe Intercontinentali, due Supercoppe Europee.
    I tifosi cantano "Francobaresi, c'è solo Francobaresi" ma il più grande libero del mondo ( così lo definiscono Platini, Maradona e Van Basten) non è ritenuto idoneo per il Pallone d'oro.

    Allegato 273
    Arrigo Sacchi lascia per allenare la nazionale. Silvio Berlusconi consegna il Milan a Fabio Capello e quel Milan diventa il Milan dei tre scudetti consecutivi e poi dei quattro scudetti in cinque anni.

    E' il 17 luglio 1994 quando, dopo un infortunio ad un ginocchio il 23 giugno durante Italia-Norvegia al Giants Stadium di New York per cui era stato operato di menisco a Manhattan e aveva fatto in tempo a guarire e recuperare, Baresi si reca per primo sul dischetto e ne viene fuori un tiro alto, dopo di lui, sbagliano Massaro e Baggio e il titolo finisce al Brasile. Baresi rimane in lacrime al centro del campo. Si conclude così il rapporto tra Baresi e la Nazionale dopo 81 presenze e una rete.

    Gioca le sue ultime tre stagioni e conquista nel 1995/96 l'ennesimo scudetto con Capello.
    Dice addio il 23 giugno 1997.
    La sua maglia, la numero 6, è stata ritirata dal Milan.

    Il giorno del saluto:


    Dal campionato 1977/1978 a quello 1996/1997 nella prima squadra del Milan.
    Totale presenze in gare ufficiali: 719 (di cui 531 in campionato, 97 in Coppa Italia, 78 nelle Coppe Europee e 13 in Altri Tornei)
    Palmares:

    Campionato italiano: 6
    Milan: 1978-1979, 1987-1988, 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996
    Campionato italiano di Serie B: 2
    Milan: 1980-1981, 1982-1983
    Supercoppa italiana: 4
    Milan: 1988, 1992, 1993, 1994


    Coppa Mitropa: 1
    Milan: 1981-1982
    Coppa dei Campioni/Champions League: 3
    Milan: 1988-1989, 1989-1990, 1993-1994Supercoppa UEFA: 3
    Milan: 1989, 1990, 1994
    Coppa Intercontinentale: 2
    Milan: 1989, 1990
    Nazionale
    Campionato del mondo: 1
    Spagna 1982
    Individuale
    Capocannoniere della Coppa Italia: 1
    Coppa Italia 1989-1990 (4 gol)
    Inserito nel FIFA 100
    Franco Baresi è stato il mio primo Milan ed il mio Milan sarà per sempre. Ripercorrendone la carriera, in un mare di ricordi intrecciati indissolubilmente alla mia vita, mi attanagliano brividi di passione, gioie e dolori (calcistici e non) in un lungo percorso. Deviando per un istante dal sentimento (in estemporaneo barlume di lucidità), i 16 miliardi della Samp (Maradona nello stesso periodo andò a Napoli per 13 sfondando ogni logica e ridefinendo i parametri del mercato) mi sembrano un parto di fantasia.

  7. #36
    Junior Member L'avatar di ThaiBoxer93
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    420
    Citazione Originariamente Scritto da dioscuro84 Visualizza Messaggio
    Il più grande centrale di tutti i tempi..inarrivabile..I difensori di oggi stanno 5 categorie sotto.
    Franco era IL difensore, per spiegarlo mi ci vorrebbe un quarto d'ora..chi vi paragona Nesta è perchè non l'ha mai visto giocare, con lui dietro le quattro pere di La coruna e le tre di Istanbul non si sarebbero mai prese..
    Con lui la Nazionale arrivava sempre in fondo ai Mondiali, nel 90 in semifinale usciti ai rigori, e nel 94 in finale di nuovo ai rigori..

    Ti dirò che per ragioni anagrafiche non ho mai visto all’opera Baresi; il miglior centrale che abbia mai visto è stato Nesta e quando sentivo parlare di un Baresi ancora più forte pensavo alle solite esagerazioni che si fanno quando si sostiene che la generazione precedente sia migliore di quella che la segue. Poi ho visto la finale dell’Italia contro il Brasile a Usa 94 (all’epoca avevo 1 anno) e ho capito perché Baresi sia considerato uno dei migliori, se non il miglior difensore di sempre: da lì me ne sono innamorato e ho iniziato a vedere tutti i video che ho potuto su di lui.
    Senatus Populusque Quiritium Romanus

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600