Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 30 di 30
  1. #21
    martinmilan
    Ospite
    Mi sono fermato dove dice che ci farà un libro..che risate..
    In 3 mesi ha azzeccato solo 2 date di arrivo di Galatioto poi si è inventato tutto sfruttando la sua credibilità come fonte.Possibile che la gente non lo veda?I fatti dimostrano questo.Non santificherò mai chi non se lo merita,mi son bastati 8 anni di Galliani ''Re del mercato....''

    P.s Guardate il riepilogo della cessione del Milan,incredibilmente scoprirete che il primo a parlare di cessione ai cinesi con il governo a controllare il tutto è stato niente popò di meno che Alciato...il 7 febbraio...
    Poi a seguire Repubblica,ilGiornale finendo con la dichiarazione di Galatioto...poi dopo tutti arriva il genio che complice una fortuita coincidenza per uno spostamento di Galatioto,azzarda una data dell'esclusiva e così decide di inventarsi un paio di nomi della cordata e creare Hype...tutto il resto è arrampicamento sociale in stile nauseante...

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
     

  3. #22
    Moderatore L'avatar di Andreas89
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    21,850
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Nota informativa: ricordiamo ai lettori che i contenuti di questo forum sono protetti da copyright, per cui ne è vietata la pedissequa riproduzione, anche solo parziale. Chiunque voglia servirsi di queste informazioni può farlo rielaborandole e citando come fonte “Milan World”. Ogni comportamento diverso sarà perseguito a norma di legge.

    La firma del preliminare, primo passo fondamentale verso la cessione del Milan: i tifosi rossoneri rossoneri non aspettavano altro e negli ultimi 4 mesi questo tema ha monopolizzato l'attenzione di moltissimi media e giornalisti.
    Tra questi, il primo che si è distinto per l'accuratezza delle notizie e per la pazienza nei confronti dei tifosi che lo bersagliavano di domande, è Pasquale Campopiano del Corriere dello Sport.
    Milan World ha avuto il piacere di chiacchierare con lui, rivolgendogli numerose domande sulla cessione del Milan che rivelano aspetti particolari ancora poco chiari o sconosciuti ai più.
    Le domande, così come le risposte, sono molto articolate ed occupano i primi due post, per cui prendetevi tutto il tempo necessario. Siamo sicuri che la vostra curiosità verrà ampiamente soddisfatta

    Ecco l'intervista:

    - Partiamo dall'inizio: quando hai iniziato ad interessarti concretamente alla vicenda relativa alla cessione del Milan? E quando hai capito che potevi fornire un contributo determinante in questa storia?

    Innanzitutto faccio un caloroso saluto agli utenti di Milanworld, il vostro forum è stato il primo, il primo in assoluto a darmi fiducia. E questo, non lo dimentico, perciò, prima di tutto ci tenevo a ringraziare voi e i vostri utenti che (spesso nel bene, ma anche nel male) sono stati sempre attenti critici del mio lavoro.
    Partiamo...tutto nasce la sera del 14 aprile 2016 a Roma. Me la ricordo come fosse oggi quella sera...ovviamente i dettagli di quella sera li racconterò nel mio libro #nerosurosso, quello che posso dirvi è che tutto nasce da una partita di playstation. Sì, lo so...sono criptico, ma altrimenti che gusto ci sarebbe...cmq da quella sera, da quella partita nasce una storia assurda, strana, complicata e snervante, nasce la storia della cessione del Milan ai cinesi. Ci ho creduto subito, da quella sera, perché la mia fonte era di quelle che soltanto una volta ti possono capitare nella vita. L'ho ascoltata, valutata, era tutto troppo credibile (e poi i fatti diranno anche vero) ed è nata tutta questa storia...​


    - La cordata che ha firmato il preliminare è la stessa di quella di Richard Lee o sono due consorzi diversi? Che tu sappia qualcuno di questi (Wanda, Mr Pink) ha mai fatto parte dell'attuale cordata?

    P​er un paio di giorni ho pensato che lo fosse. Perché nei giorni precedenti la firma del preliminare è stato il caos totale. Improvvisamente sono cominciati a spuntare fuori nomi possibili dei cinesi grandi orchestranti della famosa "conglomerata", ma in realtà quello che mi sembrava fosse mister Lee, in realtà era Mr Li, e possiamo sostituire la parola mister con Yonghong​; è lui la mente, lui che ha manovrato tutta questa operazione, prima affidandosi al duo Gancikoff-Galatioto, poi, quando ha capito che questi andavano in un'altra direzione rispetto a quella scelta all'inizio della trattativa, è andato dritto alla fonte e ha fatto tutto da solo. Quindi la risposta è che Lee con Li non c'entra, sono due consorzi diversi. Di Wanda e Mr Pink, onestamente, non ho mai sentito parlare, almeno da quando io seguo questa trattativa...

    - A quando risalgono i primissimi contatti tra questi cinesi e Fininvest? Com'è nato il contatto Galatioto-Fininvest? E per quale motivo i cinesi si sono rivolti proprio a Zio Sal, come lo chiamano affettuosamente i tifosi milanisti?

    Come lo chiamavano vorrai dire. C'è stato un momento ​in cui tirava più un "Soon" di zio Sal che una mandria di buoi. Per giorni e giorni interi la domanda più ricorrente su Twitter dei tifosi del Milan era "Pas, dov'é Galatioto? Quando arriva, e quanto resta?" Senza contare poi, che Galatioto, e niente me lo toglie dalla testa, al di lá di tutto èuna brava persona, e rispondeva alle migliaia di tifosi del Milan che gli scrivevano.
    Scusate, mi sono dilungato, ma secondo me certe cose vanno dette. I primi contatti tra i cinesi e Fininvest risalgono a un anno e mezzo fa. Tutta questa storia nasce perché Nicholas Gancikoff, che voi tutti avete imparato a conoscere, fiuta "l'affare" Milan. Lui è un advisor, cresciuto sotto l'egida di Sal Galatioto, suo docente in America e super advisor americano (per intenderci è quello che ha curato il passaggio azionario dei Golden State, la squadra che ha vinto tutto in Nba). Bene Gancikoff chiama Galatioto e gli chiede consulenza per la vicenda Milan, poi contatta un gruppo di investitori cinesi,lui che in Cina va spesso e volentieri, e si presenta alla banca Lazard (riferimento di Fininvest) con una potenziale offerta di acquisto. Fininvest, che vuole vendere come nessuno, si siede subito al tavolo delle trattative, stiamo parlando più o mendo di gennaio/febbraio 2015, poi accade l'impronosticabile. Entra in scena Mister Bee con un'offerta molto più alta (e a conti fatti meno veritiera) e Galatioto e Gancikoff fanno un passo indietro. Sappiamo tutti com'è andata a finire poi quella storia...


    - Come mai i cinesi non hanno abbandonato la trattativa dopo che Berlusconi gli preferì Mr Bee?

    Semplice, volevano il Milan. E quando hanno capito che dietro mister Bee si nascondeva in realtà un'operazione fantasma, sono tornati alla carica. Se facciamo mente locale gli ultimi fuochi di mister Bee sono all'inizio di questo anno. In quel momento Galatioto e Gancikoff capiscono che è il momento di tornare alle carica. Chiamano Fininvest, sondano la disponibilità e si risiedono al tavolo delle trattative.

    - La composizione della cordata: ancora devono giungere conferme in merito, e per il momento si parla solo di Haixia e Yonghong Li. Comunque, parlando di grandi nomi, tu sei stato il primo ad affermare con forza la presenza di Robin Li come uno dei principali componenti della cordata (per completezza Repubblica lo aveva soltanto brevemente accennato lo scorso anno, ma nessuno gli diede peso). Come sei arrivato a questa notizia e poi successivamente a quella di Evergrande?

    Uhmmm, mi sa che volete sapere troppe cose, ma poi nel libro cosa scrivo? Vi posso dire questo, la notizia su Robin Li nasce praticamente la stessa sera della notizia della cessione del Milan ai cinesi. Mi viene contestualizzato il cerchio dei possibili acquirenti, vengo subito a conoscenza del fatto che non si tratta di un singolo investitore ma di un gruppo "di almeno sei o sette" (mi dicono) potenziali investitori. Singoli e gruppi. Mi danno pochissime info, passo la notte sul pc a caccia di conferme, all'alba tutto porta a un solo nome, Robin Li. Su Evergrande la storia è diversa, mi arriva un sms mentre ero, me lo ricordo ancora, con un collega del corrieredellosport.it alla pizzeria Il Mattarello a Roma. Leggo, chiedo conferma e parto. Redazione, articolo al volo e lancio per il direttore Jacobelli che entrava in diretta su Raisport con Zona 11. Erano le undici di sera, che adrenalina!

    - Le società che hanno firmato il preliminare sono le stesse di quelle che hanno trattato in quest'ultimo anno, oppure la cordata si è modificata nel corso del tempo? Sei a conoscenza di qualche altro nome, oltre a quelli apparsi nel comunicato Fininvest?

    La cordata si è modificata nel tempo, non c'è dubbio. Alcuni investitori sono rimasti gli stessi. So per certo, per esempio, che il mandato di tutta l'operazione acquisizione Milan lo conferisce Yonghong Li in persona allo studio legale scelto e agli advisor Galatioto e Gancikoff. Formalmente ovviamente, perché in realtà sono loro che fiutano e propongono l'affare a Li, che poi, ufficialmente, li "incarica". Calcolate che solo per quello che è successo tra il 31 luglio e il 4 agosto, con il "salto" di zio Sal e compagnia, è cambiato tutto. Il Milan lo stava andando a comprare la Gsr di Sonny Wu e Steven Zheng, alla fine, lo abbiamo visto tutti, lo comprano I due Li e la Sino Europe. Chiariamo: fino a quando c'erano Galatioto e Gancikoff, la Gsr era uno degli otto investitori, faceva parte del fondo/società veicolo Sino Europe. L'altro nome uscito in queste ultime ore, quello della Jiling Yongda, l'ho già analizzato, è un pesce piccolo. Ora, da quanto sappiamo Yonghong Li e il fondo statale Haixia partecipano con un 15% a testa, totale 30. A quanto sappiamo, considerato che si vende il 99,3% del Milan (lo 0,7 è dei piccoli azionisti), capiamo perché non è ancora finita...chi compra il restante 69,3% del Milan?

    - Molti tifosi hanno dubitato dell'affare anche per la segretezza sui nomi delle imprese coinvolte. Puoi spiegarci per quale motivo la cordata che ha firmato il preliminare ha voluto mantenere questa privacy, assumendo un atteggiamento completamente opposto ad esempio a quello del Suning?

    Ho due risposte a questa domanda, e una potrebbe non far felici i tifosi del Milan. Sulla segretezza dei nomi, permettetemi, il problema è stato soprattutto di chi la raccontava questa trattativa. La domanda dei tifosi era sempre la stessa: "Si, ma chi ci compra?". Soprattutto quando si è capito che tutto stava andando a rotoli e non c'erano più certezze sull'esito finale del deal. La prima differenza con la Suning è che lì a comprare l'Inter è stata una holding privata con i suoi quadri dirigenziali certi e definiti. Nel caso del Milan siamo di fronte a un ibrido tra partecipazione statale, personale e finanziaria, quindi, top secret. E questa è, cone dire, la versione politically correct. C'è lo stato cinese, c'è il piano Xi Jinping, ci sono fondi, società veicolo, singoli investitori...insomma, vogliono restare "coperti". Io però due domande me le pongo e le rivolgo anche ai vostri utenti: "Secondo voi, Xi Jinping in persona o il Robin Li grande investitore, una volta convinti dell'affaire Milan, avrebbero impiagato più di tre giorni per comprarlo? E soprattutto, avrebbero consentito (e chi conosce come ragionano i cinesi lo sa) che venissero fuori altri nomi più piccoli e non i loro in tutta la loro maestosità?". La seconda risposta, per chiudere, è scomoda: c'è top secret sui nomi degli altri investitori perché quel 69%restante non è tutto coperto. Sia chiaro a tutti però, che Fininvest, per dire ok firmiamo, ha avuto ampie rassicurazioni, o sull'attuale composizione o su quella definitiva della cordata. È il chiodo fisso di Fininvest e di Berlusconi, senza garanzie, non si firmava il preliminare.

    - Ti risulta che lo scorso anno Suning fosse tra i soggetti coinvolti da Bee per l'acquisto del Milan?

    Onestamente quella vicenda l'ho seguita poco e mi è "puzzata" subito, ma da quello che so Suning era interessata all'epoca soprattutto a partnership commerciali, di sponsorizzazioni. Poi ha fiutato l'affare Inter e ci si è tuffata.

    - E' possibile che in futuro qualcuna delle aziende che abbia partecipato alla costituzione del fondo, abbandoni quest'ultimo? E al contrario, è possibile che qualche società si aggiunga? Insomma vorremmo capire se il fondo è una entità aperta e quali sono le regole di entrata/uscita che lo disciplinano.

    In parte vi ho già risposto in precedenza. Secondo me l'operazione messa su da Yanghong e Han Li, è molto complessa. E ancora troppo poco definita, sono sicuro che capiremo tante cose in più al closing previsto entro fine anno. Cosi come sono certo che alcuni investitori entreranno nella Sino Europe che compra il Milan per uscirne con delle royalties, o per rivendere a terzi per farne un margine. Così come del restante 69% si sa pochissimo, quindi è tutto aperto. Sulle regole di entrata e di uscita non sono un economista, quindi passo. Ma posso dirvi che molto dipende da quelle 100 pagine di contratto. Sono le famose clausole sulle quali fino a 1 metro dal traguardo Gancikoff e Galatioto trattavano con Franzosi, che è stato il referente Fininvest per tutta l'operazione.

    - Veniamo alla trattativa: c'è stato un momento in cui si è corso il rischio che tutto potesse saltare? E per quali motivi?

    Certo, più volte è stata sul punto di saltare. La prima volta subito dopo il video di Berlusconi su Facebook in cui annunciava di voler vendere preferibilmente agli italiani. In quel momento è stato il caos, con i cinesi cha hanno perso la pazienza e Galatioto che ha dato l'ultimatum per la firma del famoso termsheet che ha dato il via all'esclusiva. Poi, in questi mesi, tutto procedeva secondo i piani, certo, era una trattativa complessa, ma è andato tutto bene fino al 31 luglio. Lì è successo l'impronosticabile, Gancikoff e Galatioto sono saltati, si è detto di un'esclusiva scaduta ma in realtà non era così, perché Han Li e Yonghong Li sono andati dritti alla fonte bypassando gli advisor, è successo di tutto...

    - Le famigerate date: Galatioto a metà aprile parlò di 8 settimane, quindi entro metà giugno. E invece siamo arrivati a metà luglio. Inoltre qualche persona ti ha fatto notare che le tue scadenze non sono state sempre rispettate. Ci riferiamo alla notizia della firma di fine aprile con il fatidico si di Berlusconi per la firma del preliminare, che poi si è tramutato nella firma dell'esclusiva del 10 maggio. Poi dell'esclusiva fino al 15 giugno, data entro la quale doveva firmarsi il preliminare, prorogata al 30, poi al 7 e infine al 15. Puoi spiegarci bene come sono andate le cose, in modo tale da chiarire il vero motivo di questi "slittamenti”?

    Il motivo di tutti questi slittamenti ha un nome e un cognome, Nicholas Gancikoff. Era lui a condurre l'operazione sul fronte cinese, è stato lui a temporeggiare sul nome degli investitori quando era tutto pronto. Certo, c'è stata anche l'operazione al cuore di Berlusconi e tutta una serie di vicende burocratiche che hanno allungato il brodo. So per certo che Gancikoff è stato più volte in Cina per chiudere, ma è sempre tornato con notizie non del tutto confortanti. I movimenti burocratici sui capitali cinesi in uscita hanno fatto il resto, e si è arrivati al fatidico 31 luglio, dove la Sino Europe ha preso in mano la situazione ed è andata a firmare a Villa Certosa.
    .

  4. #23
    Moderatore L'avatar di Andreas89
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    21,850
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    - Il colpo di teatro finale: l’uscita di Galatioto. Puoi spiegarci cosa è successo di preciso e soprattutto la reazione avuta dal diretto interessato, il vero “sconfitto" di questo affare?

    Galatioto non è stato fatto fuori, è andato via per sua scelta. Non si è più rivisto nelle strategie di Gancikoff e della Sino Europe, è come se si fosse dissociato da entrambi, e ha battuto in ritirata. Per uno con il suo curriculum è stata una mazzata tremenda. Quello che posso dirvi è che so per certo che ci è rimasto malissimo, e che avrebbe voluto un tutt'altro epilogo per questa vicenda. Certo, anche lui ha commesso degli errori, si è fidato troppo, e ne ha pagato le conseguenze. Io però a quel signore che è sbarcato a Malpensa con il suo trolley, con quell'aria familiare, con quegli occhi furbi, resto affezionato, non ci posso fare niente...

    - Per quale motivo i cinesi hanno deciso di acquistare il Milan consorziandosi in un fondo, quindi senza acquistare direttamente la società? C’è un intento speculativo, oppure semplicemente di immagine? Quali sono i progetti della cordata per il futuro rossonero?

    Sul futuro è inutile parlarne adesso che è cambiata un po' tutta l'operazione anche se gli investitori iniziali sono gli stessi. Lo vedremo....sul progetto industriale era tutto chiaro von Galatioto come advisor: creare una società veicolo da quotare in borsa e riportare in alto ilMilan con investitori grossi e managment all'altezza. L'idea del consorzio è figlia della partecipazione dello stato cinese, che in qualche modo ha voluto essere dentro questa operazione. Il resto, si vedrà...

    - Da quello che ti risulta, vista la presenza di Haixia tra i soci di maggioranza, c'è un coinvolgimento diretto o indiretto del governo cinese nell'acquisto del Milan, magari attraverso l'interesse in prima persona di Xi Jinping come affermò la Gazzetta dello Sport un anno fa? In caso affermativo, qual è il grado di questo coinvolgimento e soprattutto la motivazione di base? Qualcuno ritiene che la cordata possa essere di stampo regionale (con il governo di Changxing) e non statale...

    Allora, chiariamo subito che una cosa è la Repubblica federale cinese e un'altra la Repubblica popolare. La seconda rappresenta il governo, la prima le contee e i piccoli stati. Secondo me è sbagliato in questo momento anche parlare di Haixia come socio di maggioranza, perché non sappiamo ancora chi detiene il 69% restante. Perciò ci vuole calam, attenzione agli sviluppi della vicenda è curiosità per un mondo, quello cinese, che è ancora tutto da scoprire. Ma e" chiaro che l'investimento di capitali statali nel calcio fanno parte del grande piano di Xi Jinping di portare i mondiali in Cina nel 2030.

    - Sai qualcosa di Yonghong Li, l’altro socio che insieme a Haixia avrebbe la maggioranza relativa pari al 15%?

    Poco, le poche cose che sono trapelate in questi giorni. So due cose certe: è lui la chiave di tutto, è lui che ha incaricato advisor e studi legali, è lui che si è speso con gli investitori cinesi, ed è soprattutto lui che a pochi metri dal traguardo ha fatto il "golpe" prendendo in mano la situazione e andando alla firma del preliminare. Quella prevista da Gancikoff doveva arrivare intorno a ferragosto e non il 5, e forse anche con altri protagonisti della stessa cordata...

    - La quotazione in borsa è un obiettivo concreto della cordata? Entro quando arriverà e qual è lo scopo di questa operazione?

    Inizialmente lo era, lo so per certo perché era negli accordi presi tra Fininvest e i cinesi. Ovviamente la quotazione di una società ex novo richiede tempo soprattutto per superare tutti i controlli e gli sbarramenti all'ingresso del mercato, figuriamoci ad Hong Kong poi. Ma onestamente non so più se adesso la Sino Europe vuole più la quotazione.

    - In questi due mesi sei stato bersagliato da migliaia di tifosi che ti hanno fatto tantissime domande, e ti sei dimostrato sempre molto disponibile. Quindi complimenti per questo. Un tuo parere su questo entusiasmo del popolo rossonero. Sei stato sorpreso?

    Grazie. La mia è stata una scelta difficile, ma ho capito subito che andava fatta. Ho scelto di rispondere, di spiegare, di far capire ai tanti tifosi che me lo chiedevano, cosa stava succedendo. sono stato anche molto criticato per questo, soprattutto dai miei colleghi, ma sono andato avanti per la mia strada. Ho scelto il dialogo con i tifosi piuttosto che i salotti televisivi, ed ho scoperto delle persone fantastiche. Una su tutte, il vostro Re dell'Est! E comunque no, non sono stato sorpreso dai tifosi del Milan, ma ho notato quanto per loro ha oesato in tutta questa storia anche un semplice respiro di Berlusconi. Pazzesco...

    - La cessione del Milan ha praticamente monopolizzato i giornali da un anno e mezzo. Quindi hai avuto modo di confrontarti anche con diversi colleghi che scrivevano sullo stesso argomento. Ed abbiamo notato dei vicendevoli attestati di stima con molti giornalisti che hanno apprezzato il tuo lavoro. Ma è stato davvero tutto rose e fiori?

    Macché, queste cose, inutile nasconderlo, provocano invidie e gelosie. Fanno parte di questo mestiere. È acqua passata, ho conosciuto anche tantissimi colleghi validissimi, ma una cosa su tutte mi è rimasta impressa, la gabbia mediatica che i tifosi rossoneri hanno dovuto sopportare per tanti anni. Allucinante, ho provato ad essere una voce libera e sembravo un alieno.

    - Una curiosità: qualcuno ha sostenuto che le tue fonti fossero così precise perché avevi una sorella nel gruppo di legali che si occupano della cessione. Stiamo parlando di Fabiana Campopiano, dello studio legale romano Gattai, Minoli, Agostinelli&Partners. Un tuo commento?

    Saluto entrambi. Fabiana non la conosco ma so che è un'ottima profesionista, il fantomatico rapporto di parentela ha incuriosito anche me e ho scoperto che è un ottimo avvocato. Saluto anche lo studio legale, col quale non ho mai avuto il piacere di rapportarmi.

    - Molti tifosi te lo hanno chiesto e non possiamo sottrarci: qual è la tua squadra del cuore?

    Non ho paura a rispondere. Tifo Cavese perché sono di Cava de' tirreni. Ricordate la Cavese che sbanca San Siro in serie B? Avevo 9 anni e sembrava una favola da raccontare. Ma a quei tempi in italia era già sbarcato l'uomo che mi ha cambiato la vita da tifoso, quel Paulo Roberto Falcao che mi ha fatto scegliere la Roma a 6 anni. Ma, attenzione, ho amato tantissimo il Milan di Sacchi, stravedevo per Van Basten e per me Paolo Maldini è il calciatore più forte della storia del calcio. Più di Maradona e Pele', aveva la loro classe da terzino sinistri. Un mito.

    - In questo momento sei impegnato con Futbol, programma di Scanzi che sta riscuotendo un ottimo successo. Il tuo futuro sarà questo o hai altri progetti in ballo?

    Rispondo con il più classico dei "vediamo..." Che hanno trascinato i tifosi rossoneri in questi mesi. Ma e' chiaro che tutta questa storia l'ho scritta per passione, la gloria non c'entra. Se arriverà, ovvio, mi farò trovare pronto...

    - Ultimissima curiosità: il closing... a proposito, sarà una formalità? Le penali del preliminare a quanto ammontano?

    Le penali sono da 100 milioni per entrambe le parti, se difettano in qualche modo nella trattativa. Il closing non è una formalità, lo sarà quando sapremo il quadro completo degli investitori.

    - Un saluto ai tifosi del Milan?

    Grazie. Siete stati la mia forza in mesi e mesi di duro lavoro. #youareacmilan, ho sempre scritto i miei articoli tenendolo presente. Rispetto voi e la vostra storia. Adesso riprendetevela...

    Grazie Pasquale, tutto lo staff di MW ti ringrazia sentitamente!
    .

  5. #24
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    698
    Se qualcuno sarà disposto a comprare il libro di Campopiano, allora avrà fatto bene a scriverlo. Non capisco questo atteggiamento, francamente. Poi non ci si arricchisce con i libri, a me è capitato di scriverne capitoli, l'unica ricompensa in genere è la "soddisfazione".

  6. #25
    Junior Member L'avatar di marcokaka
    Data Registrazione
    Oct 2015
    Messaggi
    249
    Sul libro scriverà anche che Bentancur sono due giorni che è sull'aereo ?

  7. #26
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    - Il colpo di teatro finale: l’uscita di Galatioto. Puoi spiegarci cosa è successo di preciso e soprattutto la reazione avuta dal diretto interessato, il vero “sconfitto" di questo affare?

    Galatioto non è stato fatto fuori, è andato via per sua scelta. Non si è più rivisto nelle strategie di Gancikoff e della Sino Europe, è come se si fosse dissociato da entrambi, e ha battuto in ritirata. Per uno con il suo curriculum è stata una mazzata tremenda. Quello che posso dirvi è che so per certo che ci è rimasto malissimo, e che avrebbe voluto un tutt'altro epilogo per questa vicenda. Certo, anche lui ha commesso degli errori, si è fidato troppo, e ne ha pagato le conseguenze. Io però a quel signore che è sbarcato a Malpensa con il suo trolley, con quell'aria familiare, con quegli occhi furbi, resto affezionato, non ci posso fare niente...

    - Per quale motivo i cinesi hanno deciso di acquistare il Milan consorziandosi in un fondo, quindi senza acquistare direttamente la società? C’è un intento speculativo, oppure semplicemente di immagine? Quali sono i progetti della cordata per il futuro rossonero?

    Sul futuro è inutile parlarne adesso che è cambiata un po' tutta l'operazione anche se gli investitori iniziali sono gli stessi. Lo vedremo....sul progetto industriale era tutto chiaro von Galatioto come advisor: creare una società veicolo da quotare in borsa e riportare in alto ilMilan con investitori grossi e managment all'altezza. L'idea del consorzio è figlia della partecipazione dello stato cinese, che in qualche modo ha voluto essere dentro questa operazione. Il resto, si vedrà...

    - Da quello che ti risulta, vista la presenza di Haixia tra i soci di maggioranza, c'è un coinvolgimento diretto o indiretto del governo cinese nell'acquisto del Milan, magari attraverso l'interesse in prima persona di Xi Jinping come affermò la Gazzetta dello Sport un anno fa? In caso affermativo, qual è il grado di questo coinvolgimento e soprattutto la motivazione di base? Qualcuno ritiene che la cordata possa essere di stampo regionale (con il governo di Changxing) e non statale...

    Allora, chiariamo subito che una cosa è la Repubblica federale cinese e un'altra la Repubblica popolare. La seconda rappresenta il governo, la prima le contee e i piccoli stati. Secondo me è sbagliato in questo momento anche parlare di Haixia come socio di maggioranza, perché non sappiamo ancora chi detiene il 69% restante. Perciò ci vuole calam, attenzione agli sviluppi della vicenda è curiosità per un mondo, quello cinese, che è ancora tutto da scoprire. Ma e" chiaro che l'investimento di capitali statali nel calcio fanno parte del grande piano di Xi Jinping di portare i mondiali in Cina nel 2030.

    - Sai qualcosa di Yonghong Li, l’altro socio che insieme a Haixia avrebbe la maggioranza relativa pari al 15%?

    Poco, le poche cose che sono trapelate in questi giorni. So due cose certe: è lui la chiave di tutto, è lui che ha incaricato advisor e studi legali, è lui che si è speso con gli investitori cinesi, ed è soprattutto lui che a pochi metri dal traguardo ha fatto il "golpe" prendendo in mano la situazione e andando alla firma del preliminare. Quella prevista da Gancikoff doveva arrivare intorno a ferragosto e non il 5, e forse anche con altri protagonisti della stessa cordata...

    - La quotazione in borsa è un obiettivo concreto della cordata? Entro quando arriverà e qual è lo scopo di questa operazione?

    Inizialmente lo era, lo so per certo perché era negli accordi presi tra Fininvest e i cinesi. Ovviamente la quotazione di una società ex novo richiede tempo soprattutto per superare tutti i controlli e gli sbarramenti all'ingresso del mercato, figuriamoci ad Hong Kong poi. Ma onestamente non so più se adesso la Sino Europe vuole più la quotazione.

    - In questi due mesi sei stato bersagliato da migliaia di tifosi che ti hanno fatto tantissime domande, e ti sei dimostrato sempre molto disponibile. Quindi complimenti per questo. Un tuo parere su questo entusiasmo del popolo rossonero. Sei stato sorpreso?

    Grazie. La mia è stata una scelta difficile, ma ho capito subito che andava fatta. Ho scelto di rispondere, di spiegare, di far capire ai tanti tifosi che me lo chiedevano, cosa stava succedendo. sono stato anche molto criticato per questo, soprattutto dai miei colleghi, ma sono andato avanti per la mia strada. Ho scelto il dialogo con i tifosi piuttosto che i salotti televisivi, ed ho scoperto delle persone fantastiche. Una su tutte, il vostro Re dell'Est! E comunque no, non sono stato sorpreso dai tifosi del Milan, ma ho notato quanto per loro ha oesato in tutta questa storia anche un semplice respiro di Berlusconi. Pazzesco...

    - La cessione del Milan ha praticamente monopolizzato i giornali da un anno e mezzo. Quindi hai avuto modo di confrontarti anche con diversi colleghi che scrivevano sullo stesso argomento. Ed abbiamo notato dei vicendevoli attestati di stima con molti giornalisti che hanno apprezzato il tuo lavoro. Ma è stato davvero tutto rose e fiori?

    Macché, queste cose, inutile nasconderlo, provocano invidie e gelosie. Fanno parte di questo mestiere. È acqua passata, ho conosciuto anche tantissimi colleghi validissimi, ma una cosa su tutte mi è rimasta impressa, la gabbia mediatica che i tifosi rossoneri hanno dovuto sopportare per tanti anni. Allucinante, ho provato ad essere una voce libera e sembravo un alieno.

    - Una curiosità: qualcuno ha sostenuto che le tue fonti fossero così precise perché avevi una sorella nel gruppo di legali che si occupano della cessione. Stiamo parlando di Fabiana Campopiano, dello studio legale romano Gattai, Minoli, Agostinelli&Partners. Un tuo commento?

    Saluto entrambi. Fabiana non la conosco ma so che è un'ottima profesionista, il fantomatico rapporto di parentela ha incuriosito anche me e ho scoperto che è un ottimo avvocato. Saluto anche lo studio legale, col quale non ho mai avuto il piacere di rapportarmi.

    - Molti tifosi te lo hanno chiesto e non possiamo sottrarci: qual è la tua squadra del cuore?

    Non ho paura a rispondere. Tifo Cavese perché sono di Cava de' tirreni. Ricordate la Cavese che sbanca San Siro in serie B? Avevo 9 anni e sembrava una favola da raccontare. Ma a quei tempi in italia era già sbarcato l'uomo che mi ha cambiato la vita da tifoso, quel Paulo Roberto Falcao che mi ha fatto scegliere la Roma a 6 anni. Ma, attenzione, ho amato tantissimo il Milan di Sacchi, stravedevo per Van Basten e per me Paolo Maldini è il calciatore più forte della storia del calcio. Più di Maradona e Pele', aveva la loro classe da terzino sinistri. Un mito.

    - In questo momento sei impegnato con Futbol, programma di Scanzi che sta riscuotendo un ottimo successo. Il tuo futuro sarà questo o hai altri progetti in ballo?

    Rispondo con il più classico dei "vediamo..." Che hanno trascinato i tifosi rossoneri in questi mesi. Ma e' chiaro che tutta questa storia l'ho scritta per passione, la gloria non c'entra. Se arriverà, ovvio, mi farò trovare pronto...

    - Ultimissima curiosità: il closing... a proposito, sarà una formalità? Le penali del preliminare a quanto ammontano?

    Le penali sono da 100 milioni per entrambe le parti, se difettano in qualche modo nella trattativa. Il closing non è una formalità, lo sarà quando sapremo il quadro completo degli investitori.

    - Un saluto ai tifosi del Milan?

    Grazie. Siete stati la mia forza in mesi e mesi di duro lavoro. #youareacmilan, ho sempre scritto i miei articoli tenendolo presente. Rispetto voi e la vostra storia. Adesso riprendetevela...

    Grazie Pasquale, tutto lo staff di MW ti ringrazia sentitamente!
    Complimenti Re grandissimo lavoro, ti ringrazio calorosamente per la passione che ci metti.
    Alla fine un grazie anche a Pasquale, anche se non ho ancora capito che tipo di personaggio è, non so se fidarmi o no.
    Di base comunque è l unico giornalista che non sputa in testa ai tifosi rossoneri ogni volta che apre bocca..

  8. #27
    Il Milan è una fede L'avatar di Il Rosso e il Nero
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    881
    Citazione Originariamente Scritto da martinmilan Visualizza Messaggio
    Mi sono fermato dove dice che ci farà un libro..che risate..
    In 3 mesi ha azzeccato solo 2 date di arrivo di Galatioto poi si è inventato tutto sfruttando la sua credibilità come fonte.Possibile che la gente non lo veda?I fatti dimostrano questo.Non santificherò mai chi non se lo merita,mi son bastati 8 anni di Galliani ''Re del mercato....''

    P.s Guardate il riepilogo della cessione del Milan,incredibilmente scoprirete che il primo a parlare di cessione ai cinesi con il governo a controllare il tutto è stato niente popò di meno che Alciato...il 7 febbraio...
    Poi a seguire Repubblica,ilGiornale finendo con la dichiarazione di Galatioto...poi dopo tutti arriva il genio che complice una fortuita coincidenza per uno spostamento di Galatioto,azzarda una data dell'esclusiva e così decide di inventarsi un paio di nomi della cordata e creare Hype...tutto il resto è arrampicamento sociale in stile nauseante...
    Anche secondo me ci sono parecchie cose che non quadrano.

  9. #28
    Senior Member L'avatar di kolao95
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    10,097
    Citazione Originariamente Scritto da martinmilan Visualizza Messaggio

    P.s Guardate il riepilogo della cessione del Milan,incredibilmente scoprirete che il primo a parlare di cessione ai cinesi con il governo a controllare il tutto è stato niente popò di meno che Alciato...il 7 febbraio...
    Poi a seguire Repubblica,ilGiornale finendo con la dichiarazione di Galatioto...poi dopo tutti arriva il genio che complice una fortuita coincidenza per uno spostamento di Galatioto,azzarda una data dell'esclusiva e così decide di inventarsi un paio di nomi della cordata e creare Hype...tutto il resto è arrampicamento sociale in stile nauseante...
    Non è vero. Prima uscì il primo articolo di Campopiano poi l'intervista di Galatioto alla Gazza.
    "Abbiamo una grande responsabilità. I tifosi vogliono rivedere il Milan in alto. Tutti i tifosi si aspettano di tornare ai vertici del calcio mondiale."
    -Yonghong Li.

  10. #29
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    2,232
    Stucchevole la storia del libro

  11. #30
    scusa ma non è interessato alla popolarità e alla tv e poi è in un programma televisivo fisso e scriverà un libro?? ma ci prende in giro?

    in ogni caso sta usando anche il forum per farsi ulteriore pubblicità secondo me....

    (detto questo complimenti a Re dell'Est comunque)

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.