Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 6 di 20 PrimaPrima ... 4567816 ... UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 194

  1. #51
    Senior Member L'avatar di Aragorn
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    8,409
    La gestione della vicenda Seedorf è l'emblema della malafede e della malagestione di questa società. È dal 2006 che ci scassano i bip con la storia del fair play, del risparmio, dell'importanza degli introiti della Champions, e bla bla bla e poi esonerano l'olandese anteponendo i vari giochi di potere ai risultati e al fatto che allo stesso spettava la bellezza di 2.5 milioni netti fino al 2016. Evidentemente quando c'è da salvaguardare il Mulino Bianco e i vari interessi personali non si bada a spese; quando invece si ritorna a parlare di aspetti tecnici (scelta dell'allenatore) via con l'"oculatezza": tecnico aziendalista e con basso ingaggio (ergo o scarso o con zero esperienza), e i risultati si vedono.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #52
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    38,303
    Citazione Originariamente Scritto da prebozzio Visualizza Messaggio
    Io in questo momento spero in un allenatore vero, un Donadoni.
    La dirigenza punta su allenatori "da zero" sperando di beccare il fenomeno: non posso/voglio spendere per i giocatori? Allora spero nell'allenatore che mi fa vincere tutto.

    Quello che più desidero in questo momento è un allenatore vero, uno alla Donadoni: un lavoratore serio, che cava il sangue dalle rape, facendo giocare benino le squadre senza troppi fronzoli.
    Questo io, come te ed altri, lo chiediamo da quanti anni? E' stato fatto l'esperimento Leonardo, miseramente fallito. Non contenti sono riusciti a mettere sulla panchina altre due scommesse da zero presenze sulla panchina. Quando riusciranno a mettere in panchina un allenatore vero fin da subito!?

  4. #53
    Senior Member L'avatar di Toby rosso nero
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    11,708
    Ragazzi, Seedorf voleva una campagna acquisti faraonica e uno staff che costava più di tutta la squadra, per tornare subito a vincere lo scudetto.
    Era ambizioso.

    E' stato fuori per questo, in realtà non ci sono altri motivi, lo spogliatoio non era spaccato per causa sua.
    Tutte le cose di contorno erano balle, il "gruppo degli italiani" era manovrato da chi sapete anche voi... queste favole sono iniziate ad orologeria qualche giorno dopo che la curva e la stampa etichettarono l'AD come principale responsabile della situazione.

    Non fatemi pensare più a quei mesi che mi viene il mal di fegato.

  5. #54
    Renegade
    Ospite
    Parto da una premessa. Io tra Seedorf e Inzaghi ho sempre preferito il secondo, anche come calciatore e anche quando bisognava fare la fatidica scelta nel Gennaio scorso. Detto ciò, non nego che sul piano motivazionale e mentale Seedorf sarebbe meglio ad oggi. Ma Seedorf ha fatto troppi errori, nonostante io stia dalla sua parte e non da quella della società. E' vero che molta gente non è da Milan, è vero che bisognava rifondare, è vero che siamo in una situazione tragica, ma Seedorf ha sbagliato atteggiamento. Si è messo in una posizione di supponenza, da presuntuoso, deridendo Allegri già prima di soffiargli il posto, offendendo il blocco italiano che, ok, sarà scarso, ma sono comunque persone, esseri umani che hanno dei sentimenti ed un'autostima che in quel momento tu vai a distruggere, magari anche verso giocatori che nonostante il loro basso livello si sono sempre comportati bene ed hanno onorato la maglia del Milan con rispetto e serietà (Abbiati, Pazzini, Bonera, Montolivo, De Sciglio, l'hanno fatto. Bisogna essere obiettivi.), ha offeso gente come Tassotti con una presunzione inarrivabile, Tassotti che per quanto ''molle'' possa essere è un signore, uno delle persone più educate nel mondo del calcio, con grande classe. Tu arrivi e vuoi giudicarlo. Arrivi e vuoi imporre i tuoi modi di fare, che saranno anche giusti, ma nel modo sbagliato. Ti senti così grande e arrivato dal voler cacciare tre quarti della rosa, senza avere la minima umiltà di cercare di lavorare un pochino con quel che si ha e cavarne il massimo. Ti metti in un atteggiamento di guerriglia, da comandante, come se tutto ti fosse dovuto. E' sbagliato. E' completamente sbagliato. E' vero che è meglio non fingere di avere una personalità che non si possiede, ma questa è logica basilare. Inzaghi non avrà la grandissima mentalità e personalità di Seedorf, non mirerà in alto come lui, non avrà lo stile Milan che ci dovrebbe essere, ma è umile, molto e ha accettato di lavorare col gruppo, si impegna e cerca di dare il massimo e non offende né giudica nessuno in modo rude. La verità è che la gestione di Seedorf era senza amore. E nella vita esso è quasi sempre fondamentale. Conte non è come Pippo, è un duro, è più presuntuoso di Seedorf ma ha avuto l'umiltà di lavorare anche coi Matri e coi Quagliarella. Si è fatto AMARE dal gruppo, al punto che in campo sarebbero morti per lui. Seedorf no. E per questo non lo rimpiango. Non del tutto.

  6. #55
    Senior Member L'avatar di Angstgegner
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    9,922
    Citazione Originariamente Scritto da neversayconte Visualizza Messaggio
    @ anstgenger: stramaccioni mica faceva il giocatore, nn mi risulta.
    No, ma è stato comunque un azzardo da parte dell'Inter quello di mettere sulla panchina un esordiente in Serie A (che tra l'altro non reputo in assoluto così incapace).

    Citazione Originariamente Scritto da prebozzio Visualizza Messaggio
    Io in questo momento spero in un allenatore vero, un Donadoni.
    La dirigenza punta su allenatori "da zero" sperando di beccare il fenomeno: non posso/voglio spendere per i giocatori? Allora spero nell'allenatore che mi fa vincere tutto.

    Quello che più desidero in questo momento è un allenatore vero, uno alla Donadoni: un lavoratore serio, che cava il sangue dalle rape, facendo giocare benino le squadre senza troppi fronzoli.
    Esatto. Un Donadoni o un Ventura farebbero al nostro caso in questo momento.

  7. #56
    Senior Member L'avatar di hiei87
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Massa
    Messaggi
    5,472
    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    Parto da una premessa. Io tra Seedorf e Inzaghi ho sempre preferito il secondo, anche come calciatore e anche quando bisognava fare la fatidica scelta nel Gennaio scorso. Detto ciò, non nego che sul piano motivazionale e mentale Seedorf sarebbe meglio ad oggi. Ma Seedorf ha fatto troppi errori, nonostante io stia dalla sua parte e non da quella della società. E' vero che molta gente non è da Milan, è vero che bisognava rifondare, è vero che siamo in una situazione tragica, ma Seedorf ha sbagliato atteggiamento. Si è messo in una posizione di supponenza, da presuntuoso, deridendo Allegri già prima di soffiargli il posto, offendendo il blocco italiano che, ok, sarà scarso, ma sono comunque persone, esseri umani che hanno dei sentimenti ed un'autostima che in quel momento tu vai a distruggere, magari anche verso giocatori che nonostante il loro basso livello si sono sempre comportati bene ed hanno onorato la maglia del Milan con rispetto e serietà (Abbiati, Pazzini, Bonera, Montolivo, De Sciglio, l'hanno fatto. Bisogna essere obiettivi.), ha offeso gente come Tassotti con una presunzione inarrivabile, Tassotti che per quanto ''molle'' possa essere è un signore, uno delle persone più educate nel mondo del calcio, con grande classe. Tu arrivi e vuoi giudicarlo. Arrivi e vuoi imporre i tuoi modi di fare, che saranno anche giusti, ma nel modo sbagliato. Ti senti così grande e arrivato dal voler cacciare tre quarti della rosa, senza avere la minima umiltà di cercare di lavorare un pochino con quel che si ha e cavarne il massimo. Ti metti in un atteggiamento di guerriglia, da comandante, come se tutto ti fosse dovuto. E' sbagliato. E' completamente sbagliato. E' vero che è meglio non fingere di avere una personalità che non si possiede, ma questa è logica basilare. Inzaghi non avrà la grandissima mentalità e personalità di Seedorf, non mirerà in alto come lui, non avrà lo stile Milan che ci dovrebbe essere, ma è umile, molto e ha accettato di lavorare col gruppo, si impegna e cerca di dare il massimo e non offende né giudica nessuno in modo rude. La verità è che la gestione di Seedorf era senza amore. E nella vita esso è quasi sempre fondamentale. Conte non è come Pippo, è un duro, è più presuntuoso di Seedorf ma ha avuto l'umiltà di lavorare anche coi Matri e coi Quagliarella. Si è fatto AMARE dal gruppo, al punto che in campo sarebbero morti per lui. Seedorf no. E per questo non lo rimpiango. Non del tutto.
    Tutto vero, però guardiamo i dati di fatto: Seedorf, senza nemmeno un giorno di esperienza da allenatore, ha preso in mano una squadra che era ai margini della zona retrocessione (23 punti nel girone di andata), e ha fatto quasi il doppio dei punti del suo predecessore, con un parziale da qualificazione champions.
    Se nello spogliatoio tutti lo odiavano, chissenefrega! A maggior ragione, chissà cosa avrebbe potuto fare se nessuno gli avesse remato contro dall'inizio (galliani e la sua cricca di lecchini)
    Inzaghi avrà portato entusiasmo, fame, serietà, armonia e tutto quello che vogliamo, però i risultati sono questi. Se siamo a ridosso del terzo posto è solo per demerito delle concorrenti e per il fatto di avere avuto un calendario facilissimo.
    Poi per carità, Inzaghi avrà tutte le attenuanti del caso, e al momento non lo si può di certo bocciare, però la disparità di trattamento con il suo predecessore da parte dei media e in generale dell'ambiente Milan è palese.

  8. #57
    Member L'avatar di Gas
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,218
    Io mi trovo in completo dissenso da questi discorsi che dicono che Seedorf ed Inzaghi sono dei NON allenatori. Poi gli stessi che fanno queste affermazioni rimpiangono Ancellotti (ex giocatore) o sognano Simeone (ex giocatore) e prima ancora sognavano Guardiola (ex giocatore). Seedorf ed Inzaghi sono degli allenatori con poca esperienza, ma con una vita sui campi da gioco, ed i più prestigiosi del mondo, si sono allenati con i più grandi campioni e sono stati allenati dai migliori allenatori.
    Stiamo cadendo nel giochino dell' allenatoro che ha sempre torto, e questo sposta gli occhi dal vero grosso problema, ovvero che non siamo più un top club neppure in Italia, e qualsiasi allenatore non farebbe i miracoli ottenendo risultati tutto sommato similari a quelli di Inzaghi.
    Allegri che personalmente reputo un pessimo allenatore quando aveva Ibra, Thiago e la vecchia guardia ha vinto uno scudetto, i giocatori fanno la differenza, punto.
    Detto ciò, io preferivo Seedorf. Nel girone di ritorno ha fatto 3° con tre quarti della squadra contro, un carisma immenso.

  9. #58
    Senior Member L'avatar di Milanforever26
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    15,036
    Citazione Originariamente Scritto da Blu71 Visualizza Messaggio
    Inzaghi, è una bandiera del Milan e perciò per lui massima stima ma come allenatore non mi sta convincendo affatto. Troppo ossequioso della dirigenza e della proprietà. Mi sta facendo rimpiangere Seedorf. Voi cosa ne pensate?
    Mi sono ripromesso di dare un girone intero ad inzaghi prima di esprimermi su di lui come allenatore..per ora mi limito a dire che per me la formazione è ai limiti del ridicolo..gli unici giocatori di livello internazionale sono De Jong e diego lopez e ad oggi infatti l'hanno dimostrato..il resto è nulla..
    Alex due infortuni in 8 partite è probabilmente alla frutta
    Honda a parte i gol nonha fatto nulla, senza i gol in campo non esiste
    Torres è più cotto di Matri
    Menez si sapeva che va a colpi..mi stupisce chi ora si stupisce

    Potrei continuare con tutta la rosa..

    Che colpa ha inzaghi se manda in campo zapate e questo combina più disastri di un alluvione?!..

    Dopo un girone se non abbiamo un'identità di squadra parlarò dell'allenatore ma per ora non lo metto in croce..è un NON allenatore che ha per le mani una squadra assemblata al circo..

  10. #59
    Senior Member L'avatar di runner
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    7,206
    che fosse meglio tenere Clarence è una cosa ovvia, il fatto che non sia restato vuole dire che il progetto impone minimi esborsi....

    io la dico qua, ma secondo me se non si riparte ONESTAMENTE dai giovani in Italia forse è meglio seguire altri sport

  11. #60
    Member L'avatar di Tobi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    3,634
    Seedorf nel girone di ritorno fece tantissimi punti, sotto solo a Juve e Roma. Con una dirigenza e giocatori che remavano allo stesso tempo contro.
    Aveva idee di gioco molto chiare e stava iniziando a metterle in pratica con prestazioni molto convincenti. Stradominata la Juve a San Siro come nessuna squadra a parte il Bayern aveva fatto e giocato una grande gara contro l'Atletico Madrid vicecampione d'europa. Si intravedevano possesso palla, pressing, movimenti.. ma giustamente è stato fatto fuori perche troppo ambizioso

Pagina 6 di 20 PrimaPrima ... 4567816 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.