Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 23

  1. #11
    Rassegnato
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    2,842
    Straordinario lavoro di Marina, mente molto lucida e razionale

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #12
    Senior Member L'avatar di Black
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    5,152
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Come riporta l'Huffington Post, a firma Alessandro de Angelis, la cessione del Milan ha un evidente marchio di fabbrica: è quello di Marina Berlusconi, figlia di primo letto di Silvio e pupilla del patron rossonero.

    Nel corso degli ultimi tempi, Fininvest ha dovuto preparare l'uscita dal campo del capostipite, e di questo se n'è occupata Marina. Da qui, il dossier Milan. Uno dei più spinosi. Probabilmente il più politico per l'effetto che ha sul popolo.
    In questi 30 anni è stato connubio indissolubile, al punto che sembrava impossibile immaginare un Milan senza Silvio.
    Eppure tra il 7 e il 15 luglio arriveranno le firme, quindi l'annuncio non appena il patron uscirà dal San Raffaele.
    L'accordo prevede che la società, valutata 750M (debiti compresi) venga rilevata dai cinesi con un iniziale 80%, mentre il restante 20% resterà a Fininvest per altri 3 anni. Poi potrà essere rilevato dai cinesi.
    In questo lasso di tempo Silvio resterà presidente (ruolo onorario, non operativo). Proprio ieri il Cavaliere ne ha parlato col fido Galliani ed i manager che hanno seguito la trattativa fin dall'inizio
    .

    Chi gli sta vicino racconta che Silvio è stato indeciso fino alla fine per ragioni di cuore (sentimento, ndr).
    Tuttavia Marina è stata fredda e lucida fino alla fine, ed ha mostrato quella necessaria sicurezza per intraprendere la decisione più giusta, forza che invece è mancata al padre fino alla fine, pervaso dai molteplici sentimenti. Ma non solo.

    L'argomento cessione infatti ha tenuto banco anche nel cosiddetto "cerchio magico", oggi in dismissione.
    I commenti più diffusi erano "Lo stanno facendo soffrire”, "non è questo ciò che voleva”, "Marina non asseconda la sua volontà".
    Sono soltanto alcune delle frasi ripetute in modo concitato dalle signore che attorniavano il Cavaliere
    .
    E che hanno sortito in Marina l'effetto opposto: la primogenita infatti ha rafforzato ulteriormente il convincimento che il "cerchio magico" andava allontanato. E così ha fatto, "impacchettandole tutte": tornano con insistenza le voci di un trasloco della Pascale nella villa in Brianza. Inoltre la Rossi, tesoriera dei conti di Forza Italia, verrà sostituta da Cefaliello, già presente nell'organigramma del Milan.
    Cefaliello è molto legato a Danilo Pellegrino, neo AD Fininvest, in assoluto uno dei collaboratori più stretti della primogenita di Silvio.

    Il finale di questa storia, dunque, è targato Marina Berlusconi. Dopo anni di tormentoni, la pupilla è finalmente scesa in campo. E questo coincide con la dismissione di Silvio dalla politica, dalle sue strutture di badanti e codazzi, e infine... dal Milan.
    che dire.... W Marina!! non avrei mai pensato di dirlo, dato che l'ho sempre detestata come il padre. E penso che ne sia la degna erede in tutti i sensi. Se grazie a lei ci liberiamo della feccia Berlusconiana con tutti i lecchini al seguito, si merita tutta la nostra gratitudine

  4. #13
    Crox93
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Come riporta l'Huffington Post, a firma Alessandro de Angelis, la cessione del Milan ha un evidente marchio di fabbrica: è quello di Marina Berlusconi, figlia di primo letto di Silvio e pupilla del patron rossonero.

    Nel corso degli ultimi tempi, Fininvest ha dovuto preparare l'uscita dal campo del capostipite, e di questo se n'è occupata Marina. Da qui, il dossier Milan. Uno dei più spinosi. Probabilmente il più politico per l'effetto che ha sul popolo.
    In questi 30 anni è stato connubio indissolubile, al punto che sembrava impossibile immaginare un Milan senza Silvio.
    Eppure tra il 7 e il 15 luglio arriveranno le firme, quindi l'annuncio non appena il patron uscirà dal San Raffaele.
    L'accordo prevede che la società, valutata 750M (debiti compresi) venga rilevata dai cinesi con un iniziale 80%, mentre il restante 20% resterà a Fininvest per altri 3 anni. Poi potrà essere rilevato dai cinesi.
    In questo lasso di tempo Silvio resterà presidente (ruolo onorario, non operativo). Proprio ieri il Cavaliere ne ha parlato col fido Galliani ed i manager che hanno seguito la trattativa fin dall'inizio
    .

    Chi gli sta vicino racconta che Silvio è stato indeciso fino alla fine per ragioni di cuore (sentimento, ndr).
    Tuttavia Marina è stata fredda e lucida fino alla fine, ed ha mostrato quella necessaria sicurezza per intraprendere la decisione più giusta, forza che invece è mancata al padre fino alla fine, pervaso dai molteplici sentimenti. Ma non solo.

    L'argomento cessione infatti ha tenuto banco anche nel cosiddetto "cerchio magico", oggi in dismissione.
    I commenti più diffusi erano "Lo stanno facendo soffrire”, "non è questo ciò che voleva”, "Marina non asseconda la sua volontà".
    Sono soltanto alcune delle frasi ripetute in modo concitato dalle signore che attorniavano il Cavaliere
    .
    E che hanno sortito in Marina l'effetto opposto: la primogenita infatti ha rafforzato ulteriormente il convincimento che il "cerchio magico" andava allontanato. E così ha fatto, "impacchettandole tutte": tornano con insistenza le voci di un trasloco della Pascale nella villa in Brianza. Inoltre la Rossi, tesoriera dei conti di Forza Italia, verrà sostituta da Cefaliello, già presente nell'organigramma del Milan.
    Cefaliello è molto legato a Danilo Pellegrino, neo AD Fininvest, in assoluto uno dei collaboratori più stretti della primogenita di Silvio.

    Il finale di questa storia, dunque, è targato Marina Berlusconi. Dopo anni di tormentoni, la pupilla è finalmente scesa in campo. E questo coincide con la dismissione di Silvio dalla politica, dalle sue strutture di badanti e codazzi, e infine... dal Milan.
    Salvaci tu

  5. #14
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Come riporta l'Huffington Post, a firma Alessandro de Angelis, la cessione del Milan ha un evidente marchio di fabbrica: è quello di Marina Berlusconi, figlia di primo letto di Silvio e pupilla del patron rossonero.

    Nel corso degli ultimi tempi, Fininvest ha dovuto preparare l'uscita dal campo del capostipite, e di questo se n'è occupata Marina. Da qui, il dossier Milan. Uno dei più spinosi. Probabilmente il più politico per l'effetto che ha sul popolo.
    In questi 30 anni è stato connubio indissolubile, al punto che sembrava impossibile immaginare un Milan senza Silvio.
    Eppure tra il 7 e il 15 luglio arriveranno le firme, quindi l'annuncio non appena il patron uscirà dal San Raffaele.
    L'accordo prevede che la società, valutata 750M (debiti compresi) venga rilevata dai cinesi con un iniziale 80%, mentre il restante 20% resterà a Fininvest per altri 3 anni. Poi potrà essere rilevato dai cinesi.
    In questo lasso di tempo Silvio resterà presidente (ruolo onorario, non operativo). Proprio ieri il Cavaliere ne ha parlato col fido Galliani ed i manager che hanno seguito la trattativa fin dall'inizio
    .

    Chi gli sta vicino racconta che Silvio è stato indeciso fino alla fine per ragioni di cuore (sentimento, ndr).
    Tuttavia Marina è stata fredda e lucida fino alla fine, ed ha mostrato quella necessaria sicurezza per intraprendere la decisione più giusta, forza che invece è mancata al padre fino alla fine, pervaso dai molteplici sentimenti. Ma non solo.

    L'argomento cessione infatti ha tenuto banco anche nel cosiddetto "cerchio magico", oggi in dismissione.
    I commenti più diffusi erano "Lo stanno facendo soffrire”, "non è questo ciò che voleva”, "Marina non asseconda la sua volontà".
    Sono soltanto alcune delle frasi ripetute in modo concitato dalle signore che attorniavano il Cavaliere
    .
    E che hanno sortito in Marina l'effetto opposto: la primogenita infatti ha rafforzato ulteriormente il convincimento che il "cerchio magico" andava allontanato. E così ha fatto, "impacchettandole tutte": tornano con insistenza le voci di un trasloco della Pascale nella villa in Brianza. Inoltre la Rossi, tesoriera dei conti di Forza Italia, verrà sostituta da Cefaliello, già presente nell'organigramma del Milan.
    Cefaliello è molto legato a Danilo Pellegrino, neo AD Fininvest, in assoluto uno dei collaboratori più stretti della primogenita di Silvio.

    Il finale di questa storia, dunque, è targato Marina Berlusconi. Dopo anni di tormentoni, la pupilla è finalmente scesa in campo. E questo coincide con la dismissione di Silvio dalla politica, dalle sue strutture di badanti e codazzi, e infine... dal Milan.
    Quando avevano appena ricoverato Berlusconi, citai nell'apposito 3d un articolo del Sole24Ore che parlava proprio di questo cerchio magico e della sua riduzione.. ero convinto che questa cosa ci avrebbe giovato e che erano molti "fedeli" a mettere in giro certe voci.

    GRAZIE MARINA!!
    Abbiate pazienza.. e torneremo grandi!

  6. #15
    Il Milan è una fede L'avatar di Il Rosso e il Nero
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    924
    Erano anni che donna Marina voleva togliersi il Milan dalle scatole, come Confalonieri, del resto. Ai tormenti del cuore di Silvio non credo nel modo più assoluto, a lui interessa esclusivamente quello che può guadagnarci , altro che "lo fanno soffrire "

  7. #16
    Junior Member L'avatar di Lorenz-v
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    24
    Leggo sempre la stessa frase dal 20-21 Dicembre 2014. "Firma finale a nei prossimi giorni!".
    ahhhhh aspèèè ho capito! E' una raccolta firme?

  8. #17
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,758
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Come riporta l'Huffington Post, a firma Alessandro de Angelis, la cessione del Milan ha un evidente marchio di fabbrica: è quello di Marina Berlusconi, figlia di primo letto di Silvio e pupilla del patron rossonero.

    Nel corso degli ultimi tempi, Fininvest ha dovuto preparare l'uscita dal campo del capostipite, e di questo se n'è occupata Marina. Da qui, il dossier Milan. Uno dei più spinosi. Probabilmente il più politico per l'effetto che ha sul popolo.
    In questi 30 anni è stato connubio indissolubile, al punto che sembrava impossibile immaginare un Milan senza Silvio.
    Eppure tra il 7 e il 15 luglio arriveranno le firme, quindi l'annuncio non appena il patron uscirà dal San Raffaele.
    L'accordo prevede che la società, valutata 750M (debiti compresi) venga rilevata dai cinesi con un iniziale 80%, mentre il restante 20% resterà a Fininvest per altri 3 anni. Poi potrà essere rilevato dai cinesi.
    In questo lasso di tempo Silvio resterà presidente (ruolo onorario, non operativo). Proprio ieri il Cavaliere ne ha parlato col fido Galliani ed i manager che hanno seguito la trattativa fin dall'inizio
    .

    Chi gli sta vicino racconta che Silvio è stato indeciso fino alla fine per ragioni di cuore (sentimento, ndr).
    Tuttavia Marina è stata fredda e lucida fino alla fine, ed ha mostrato quella necessaria sicurezza per intraprendere la decisione più giusta, forza che invece è mancata al padre fino alla fine, pervaso dai molteplici sentimenti. Ma non solo.

    L'argomento cessione infatti ha tenuto banco anche nel cosiddetto "cerchio magico", oggi in dismissione.
    I commenti più diffusi erano "Lo stanno facendo soffrire”, "non è questo ciò che voleva”, "Marina non asseconda la sua volontà".
    Sono soltanto alcune delle frasi ripetute in modo concitato dalle signore che attorniavano il Cavaliere
    .
    E che hanno sortito in Marina l'effetto opposto: la primogenita infatti ha rafforzato ulteriormente il convincimento che il "cerchio magico" andava allontanato. E così ha fatto, "impacchettandole tutte": tornano con insistenza le voci di un trasloco della Pascale nella villa in Brianza. Inoltre la Rossi, tesoriera dei conti di Forza Italia, verrà sostituta da Cefaliello, già presente nell'organigramma del Milan.
    Cefaliello è molto legato a Danilo Pellegrino, neo AD Fininvest, in assoluto uno dei collaboratori più stretti della primogenita di Silvio.

    Il finale di questa storia, dunque, è targato Marina Berlusconi. Dopo anni di tormentoni, la pupilla è finalmente scesa in campo. E questo coincide con la dismissione di Silvio dalla politica, dalle sue strutture di badanti e codazzi, e infine... dal Milan.
    Beata Marina da Segrate, evangelizzazione con pugno di ferro in guanto di ferro. E una bella teoria di streghe abbruciate sui sentieri della redenzione. Semplicemente, a serious businessman.

  9. #18
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,773
    Lo sapevamo fin dall'inizio che Marina fosse stata la molla decisiva per la nostra cessione.

  10. #19
    Member L'avatar di mistergao
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    Rho
    Messaggi
    1,323
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Come riporta l'Huffington Post, a firma Alessandro de Angelis, la cessione del Milan ha un evidente marchio di fabbrica: è quello di Marina Berlusconi, figlia di primo letto di Silvio e pupilla del patron rossonero.

    Nel corso degli ultimi tempi, Fininvest ha dovuto preparare l'uscita dal campo del capostipite, e di questo se n'è occupata Marina. Da qui, il dossier Milan. Uno dei più spinosi. Probabilmente il più politico per l'effetto che ha sul popolo.
    In questi 30 anni è stato connubio indissolubile, al punto che sembrava impossibile immaginare un Milan senza Silvio.
    Eppure tra il 7 e il 15 luglio arriveranno le firme, quindi l'annuncio non appena il patron uscirà dal San Raffaele.
    L'accordo prevede che la società, valutata 750M (debiti compresi) venga rilevata dai cinesi con un iniziale 80%, mentre il restante 20% resterà a Fininvest per altri 3 anni. Poi potrà essere rilevato dai cinesi.
    In questo lasso di tempo Silvio resterà presidente (ruolo onorario, non operativo). Proprio ieri il Cavaliere ne ha parlato col fido Galliani ed i manager che hanno seguito la trattativa fin dall'inizio
    .

    Chi gli sta vicino racconta che Silvio è stato indeciso fino alla fine per ragioni di cuore (sentimento, ndr).
    Tuttavia Marina è stata fredda e lucida fino alla fine, ed ha mostrato quella necessaria sicurezza per intraprendere la decisione più giusta, forza che invece è mancata al padre fino alla fine, pervaso dai molteplici sentimenti. Ma non solo.

    L'argomento cessione infatti ha tenuto banco anche nel cosiddetto "cerchio magico", oggi in dismissione.
    I commenti più diffusi erano "Lo stanno facendo soffrire”, "non è questo ciò che voleva”, "Marina non asseconda la sua volontà".
    Sono soltanto alcune delle frasi ripetute in modo concitato dalle signore che attorniavano il Cavaliere
    .
    E che hanno sortito in Marina l'effetto opposto: la primogenita infatti ha rafforzato ulteriormente il convincimento che il "cerchio magico" andava allontanato. E così ha fatto, "impacchettandole tutte": tornano con insistenza le voci di un trasloco della Pascale nella villa in Brianza. Inoltre la Rossi, tesoriera dei conti di Forza Italia, verrà sostituta da Cefaliello, già presente nell'organigramma del Milan.
    Cefaliello è molto legato a Danilo Pellegrino, neo AD Fininvest, in assoluto uno dei collaboratori più stretti della primogenita di Silvio.

    Il finale di questa storia, dunque, è targato Marina Berlusconi. Dopo anni di tormentoni, la pupilla è finalmente scesa in campo. E questo coincide con la dismissione di Silvio dalla politica, dalle sue strutture di badanti e codazzi, e infine... dal Milan.
    Non faccio fatica a crederci: Marina ha sempre tenuto un filo logico in ciò che ha fatto (come anche il padre, almeno fino ad un certo punto della sua vita) ed era ovvio che il Milan fosse ormai un impiccio. Lo si era capito fin da qualche mese fa, quando Mediaset Premium è stata sostanzialmente ceduta ai francesi: io ho sempre pensato che il Milan servisse soprattutto perchè possedendo la società Galliani aveva costantemente un piede in Lega Calcio, laddove poteva pilotare le gare per i diritti del calcio sul digitale terrestre. Una volta venduto questo comparto il Milan era un costo e basta.

    Poi io penso anche che sullo sfondo ci sia tutto ciò che è successo dopo il divorzio Silvio-Veronica Lario, che ha lasciato macerie importanti su tutto ciò che era legato al Milan, con Veronica Lario che aveva preteso (giustamente, per carità) un ruolo per i proprio figli e con Silvio che di conseguenza aveva infilato Barbara nel Milan, con tutti i casini che ne sono seguiti (tipo l'affare Pato-Tevez, che ci ha portato a perdere lo scudetto); penso che da lì Barbara abbia cominciato a vedere nel Milan non solo un fardello da un punto di vista economico, ma qualcosa che era in mano alla persona che lei percepiva come "nemica", quindi alla quale fare la guerra.

  11. #20
    Bannato
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Località
    Milan
    Messaggi
    2,603
    Citazione Originariamente Scritto da mistergao Visualizza Messaggio
    Non faccio fatica a crederci: Marina ha sempre tenuto un filo logico in ciò che ha fatto (come anche il padre, almeno fino ad un certo punto della sua vita) ed era ovvio che il Milan fosse ormai un impiccio. Lo si era capito fin da qualche mese fa, quando Mediaset Premium è stata sostanzialmente ceduta ai francesi: io ho sempre pensato che il Milan servisse soprattutto perchè possedendo la società Galliani aveva costantemente un piede in Lega Calcio, laddove poteva pilotare le gare per i diritti del calcio sul digitale terrestre. Una volta venduto questo comparto il Milan era un costo e basta.

    Poi io penso anche che sullo sfondo ci sia tutto ciò che è successo dopo il divorzio Silvio-Veronica Lario, che ha lasciato macerie importanti su tutto ciò che era legato al Milan, con Veronica Lario che aveva preteso (giustamente, per carità) un ruolo per i proprio figli e con Silvio che di conseguenza aveva infilato Barbara nel Milan, con tutti i casini che ne sono seguiti (tipo l'affare Pato-Tevez, che ci ha portato a perdere lo scudetto); penso che da lì Barbara abbia cominciato a vedere nel Milan non solo un fardello da un punto di vista economico, ma qualcosa che era in mano alla persona che lei percepiva come "nemica", quindi alla quale fare la guerra.
    ottimo commento & considerazioni

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.