Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    62,151

    Calma e sangue fresco. Luca Serafini

    Nota di Luca Serafini pubblicata sul suo profilo Facebook.

    Bel pezzo, da leggere.

    Da qualche anno diciamo che la filosofia, la politica, gli obiettivi del Milan dell'epoca Berlusconi sono drasticamente cambiati. Da quando, nel 2009, dopo 5 mesi di teatrino fu ceduto (per la prima volta nella storia rossonera) il giocatore migliore, Kakà. Persino Fedele Confalonieri disse al "Corriere della sera", quell'estate, che la vicenda del brasiliano al Real Madrid era stata gestita male. Nel 2010 la solfa è cambiata per scopi elettorali, ma è ripresa subito dopo con il lento, inesorabile depauperamento della rosa: via libera ai senatori, uno dopo l'altro, rimpiazzati con riserve di varie squadre e squadrette pur di sistemare il bilancio. Senza un disegno, senza le opportunità e le intuizioni di un tempo, senza le ambizioni che hanno contraddistinto il club per un quarto di secolo. Per questo ci siamo presi anche dei gufi e dei disfattisti, ci sta nell'umore dei tifosi, ma se un giornalista confessa la sua fede per una squadra, non può limitarsi a celebrarla (eppure il Milan lo ha meritato per 25 anni). Ha il dovere di raccontare come stanno le cose, sempre.
    Assediato e percosso dai propri problemi di politica, finanza, vita privata, Silvio Berlusconi si è lentamente, inesorabilmente distaccato dalla vita della squadra, sopportando scelte non gradite come quella dell'allenatore e addirittura ignorando o fingendo di ignorare che l'ultimo capitano venisse sbolognato in malo modo. Sono lontani i tempi dei giri di campo, degli applausi e delle lacrime nei giorni degli addii, riservati persino a mezze meteore come Rivaldo.
    Da quando il presidente ha chiuso i rubinetti, Adriano Galliani si è arrabattato stringendo amicizie di comodo con procuratori, presidenti e scaldasedie in tribuna di vario tipo, con gli interessi della squadra chiaramente scivolati in secondo piano. Altrimenti non avrebbe mai potuto parlare di squadra ultracompetitiva dopo che in pochissimo tempo è passata da Nesta, Thiago Silva, Zambrotta, Pirlo, Gattuso, Ambrosini, Seedorf, Ibrahimovic, Inzaghi a Zapata, Constant, Muntari, Emanuelson, Birsa, Silvestre, Zaccardo... E tutti quei grandi campioni se ne sono andati senza applausi, incazzati e perlopiù sbattendo la porta. Con l'avallo non troppo silenzioso di un allenatore evidentemente convinto di far ripercorre i loro fasti da Zapata, Constant, Muntari, Emanuelson, Silvestre, Zaccardo e ora lo straccio del fantasma di Robinho, per far entrare il quale si sacrifica il migliore di centrocampo, Poli, e si arretra il migliore attaccante, Kakà. Segno inconfutabile di uno stato confusionale irreversibile. Non si dica che non è colpa sua se da Nesta si è passati a Zapata eccetera: oltre a mettere il sigillo sulla liberazione di Pirlo e di qualche altro senza pretendere o almeno chiedere qualcuno all'altezza, Allegri ha rifiutato l'estate scorsa altre panchine prestigiose pur di non doversi dimettere.
    Fin qui la storia che si conclude con l'assedio della Curva sabato sera, magari se vogliamo nella sera sbagliata visto che l'impegno e le occasioni da rete raccontano di una partita anche un po' sfigata. Quegli striscioni già pronti sembrava dovessero essere usati per forza, ma comunque era ora che la frangia irriducibile manifestasse civilmente, ma con vigore, il suo malcontento. Il problema è che quando la contestazione riguardò il Milan di Capello, si poté vincere lo scudetto la stagione successiva. Questi qui se li fischi e li insulti, li deprimi ma certamente non ne cavi giocate diverse da quelle che ci propinano ormai da tempo.
    Oggi che si sente parlare più dell'esonero della dirigenza che del tecnico, è il momento invece di riflettere bene e ponderare l'unica decisione possibile, con calma e sangue fresco per usare un'espressione ironica di Totò. L'unica decisione possibile a novembre nel calcio è cambiare l'allenatore: con questo la squadra resterebbe scarsa, ma forse avrebbe finalmente un minimo di identità, tradotta in organizzazione, coerenza e infine gioco. E quel "sangue fresco" potrebbe essere la linfa di gente come Cristante e Saponara, o lo stesso El Shaarawy e poi il convalescente De Sciglio, sbandierati come nuovi fenomeni e poi costretti a tribuna, panchina o infermerie più o meno diplomatiche. Impossibile che, anche se inesperti e fragili, siano peggio di chi gioca al loro posto.
    Ci vuole qualcuno in grado di ridare autostima a questo drappello di creste e tatuaggi, di dare un'impostazione credibile sfruttando al massimo le qualità e le caratteristiche dei pochi che ne hanno, pungolando almeno il carattere. E' l'unico modo per riconquistare il sostegno dei tifosi in una stagione con il destino comunque segnato.
    La personalità, invece, quella è destinata a rimanere fuori dallo spogliatoio fino a quando Berlusconi o chi per lui non decideranno di riportare a Milanello, oltre che giocatori da Milan, anche uomini da Milan.
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di Butcher
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    5,894
    lo stesso El Shaarawy e poi il convalescente De Sciglio, sbandierati come nuovi fenomeni e poi costretti a tribuna, panchina o infermerie più o meno diplomatiche.
    .

  4. #3
    Member L'avatar di dyablo65
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    veneto
    Messaggi
    2,304
    tutto giusto , perfetto, inappuntabile ecc.ecc. e aggiungerei anche risaputo da tempo.

    e ora che si fa' ?

  5. #4
    Tutto giusto e tutto sotto gli occhi di tutti

  6. #5
    Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    571
    Lui cosa consiglia? Perchè l'articolo è ok ma potrebbe fare qualche nome..

  7. #6
    Senior Member L'avatar di AntaniPioco
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Sanremo
    Messaggi
    7,982
    tutto giusto

    aggiungo che la prossima partita a catania è cruciale, una sconfitta a catania ci manda in zona retrocessione a dicembre già iniziato

  8. #7
    Moderatore L'avatar di Andreas89
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    21,967
    Citazione Originariamente Scritto da AntaniPioco Visualizza Messaggio
    tutto giusto

    aggiungo che la prossima partita a catania è cruciale, una sconfitta a catania ci manda in zona retrocessione a dicembre già iniziato
    Non saremo comunque in zona retrocessione anche in caso di sconfitta.

  9. #8
    Senior Member L'avatar di Now i'm here
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    prov. di bs
    Messaggi
    12,736
    emblematiche le parole sull' "infermeria diplomatica" su el sha.

    ho idea che questo qua sia sul serio già promesso a qualcuno, altrimenti sarebbe puro autolesionismo lasciarlo fuori per far giocare matri e soci.

  10. #9
    Member L'avatar di folletto
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Terni
    Messaggi
    4,757
    Dice tante cose che si dicono da mesi, anni sottolineando alla fine che l'unica cosa fattibile in questa tragica situazione è mettere in panchina qualcuno che sia un minimo capace e che soprattutto sia dotato di balls........ma la società / dirigenza non ci arrivano (o se ne sbattono, o forse vogliono proprio distruggere il Milan?) e continuano a confermare Allegri
    Liberi ma......ancora brutti....

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,745
    Citazione Originariamente Scritto da AntaniPioco Visualizza Messaggio
    tutto giusto

    aggiungo che la prossima partita a catania è cruciale, una sconfitta a catania ci manda in zona retrocessione a dicembre già iniziato
    Notavo che il Catania stesso ultimo in classifica, nelle ultime cinque giornate, ha fatto più punti di noi. In generale notavo che nelle ultime cinque giornate tutta la serie A ha fatto più punti di noi.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.