Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    100,242

    Caldara:"Ripagherò la fiducia di Maldini e dei tifosi".

    Mattia Caldara intervistato dalla GDS in edicola:"Come sto? Sempre meglio. Sono qui da un mese e mezzo e ho cominciato a fare lavori sul campo: corsette, conduzioni ed esercizi di stabilità. Tra pochi giorni avrò un controllo, poi farò una breve vacanza a Mykonos in at-tesa di tornare a Milanello. La mia giornata tipo a Villa Stuart? Dormo in un hotel qui vicino. Mi sveglio alle 8 e poi faccio fisioterapia dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 alternando campo, piscina e palestra. Sono qui con la mia fidanzata Nicole e nel weekend di solito vengono i miei genitori, Stefano e Laura. Senza il loro supporto sarebbe stato tutto più difficile. Fino a dieci giorni fa avevo ancora fastidio, adesso invece cerco di godermi un po’ Roma. Sono stato anche all’udienza generale con il Papa. E la carbonara mette a rischio il primato della pizza nei miei gusti... Ma la cosa più importante è rispettare il programma. Finora è andato tutto bene. Le prime due settimane dopo l’operazione sono state difficili a livello mentale oltre che fisi- co. Ma il peggio è passato: altri due o tre mesi e ricomincio da dove avevo lasciato. Ho ipotizzato una data per il rientro, ma la tengo per me. Anno buttato, quanto domande mi sono fatto? Tante. Questo periodo mi è servito a capire me stesso, i miei piccoli difetti caratteriali. Ho riflettuto molto. Non ho giocato, ma sono cresciuto come uomo. E ho capito cosa mi mancava a livello fisico: il secondo infortunio, quello al ginocchio, è stata una fatalità (scontro con Borini in allenamento, ndr), ma il primo (lesione parziale del tendine achilleo e lesione della giunzione mio-tendinea del muscolo gemello mediale del polpaccio destro, ndr) fu in parte dovuto alla mancanza di elasticità e ho lavorato molto per risolvere questo problema. Momenti di sconforto e pianto? Un paio di volte, da solo. Ho scoperto che aiuta. Mi sono mancati il Milan e la Nazionale. Siamo all’inizio di un nuovo ciclo azzurro, l’Italia ha avuto un cambio di rotta importante e sta ottenendo buoni risultati. Mancini convoca chi lo merita e io voglio dimostrare di poter stare nel gruppo. Temp che qualcuno si sia dimenticato di me? Dopo un anno così sarebbe normale. Toccherà a me ricordare chi sono ancora. Come ho vissuto il trasferimento dalla Juve al Milan? Furono giorni frenetici, ho saputo tutto un paio di giorni prima della conclusione. Stavo ancora cercando di inserirmi nella Juve e all’improvviso cambiò tutto. Non fu facile affrontare quel momento. I tifosi del Milan mi accolsero benissimo e mi dispiace molto non aver ancora ripagato la loro fiducia. Io sono molto timido, ma mi sono trovato subito bene. Chiedo scusa per quest’anno disgraziato. Pensi che da bambino sognavo di fare gli scalini di San Siro e di vedere lo stadio pieno: mi è successo una sola volta. Il rapporto con Maldini? Paolo mi ha sempre parlato tanto e ogni volta sento la sua fiducia. Avere davanti uno che ha fatto la storia del Milan è un grande stimolo. Mi ha chiamato anche dopo l’infortunio, è sempre molto presente. La 33 non ha portato bene, la lascerò a Krunic? Sì, penso di cambiare numero, non so ancora quale prenderò".
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    15,848
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Mattia Caldara intervistato dalla GDS in edicola:"Come sto? Sempre meglio. Sono qui da un mese e mezzo e ho cominciato a fare lavori sul campo: corsette, conduzioni ed esercizi di stabilità. Tra pochi giorni avrò un controllo, poi farò una breve vacanza a Mykonos in at-tesa di tornare a Milanello. La mia giornata tipo a Villa Stuart? Dormo in un hotel qui vicino. Mi sveglio alle 8 e poi faccio fisioterapia dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 alternando campo, piscina e palestra. Sono qui con la mia fidanzata Nicole e nel weekend di solito vengono i miei genitori, Stefano e Laura. Senza il loro supporto sarebbe stato tutto più difficile. Fino a dieci giorni fa avevo ancora fastidio, adesso invece cerco di godermi un po’ Roma. Sono stato anche all’udienza generale con il Papa. E la carbonara mette a rischio il primato della pizza nei miei gusti... Ma la cosa più importante è rispettare il programma. Finora è andato tutto bene. Le prime due settimane dopo l’operazione sono state difficili a livello mentale oltre che fisi- co. Ma il peggio è passato: altri due o tre mesi e ricomincio da dove avevo lasciato. Ho ipotizzato una data per il rientro, ma la tengo per me. Anno buttato, quanto domande mi sono fatto? Tante. Questo periodo mi è servito a capire me stesso, i miei piccoli difetti caratteriali. Ho riflettuto molto. Non ho giocato, ma sono cresciuto come uomo. E ho capito cosa mi mancava a livello fisico: il secondo infortunio, quello al ginocchio, è stata una fatalità (scontro con Borini in allenamento, ndr), ma il primo (lesione parziale del tendine achilleo e lesione della giunzione mio-tendinea del muscolo gemello mediale del polpaccio destro, ndr) fu in parte dovuto alla mancanza di elasticità e ho lavorato molto per risolvere questo problema. Momenti di sconforto e pianto? Un paio di volte, da solo. Ho scoperto che aiuta. Mi sono mancati il Milan e la Nazionale. Siamo all’inizio di un nuovo ciclo azzurro, l’Italia ha avuto un cambio di rotta importante e sta ottenendo buoni risultati. Mancini convoca chi lo merita e io voglio dimostrare di poter stare nel gruppo. Temp che qualcuno si sia dimenticato di me? Dopo un anno così sarebbe normale. Toccherà a me ricordare chi sono ancora. Come ho vissuto il trasferimento dalla Juve al Milan? Furono giorni frenetici, ho saputo tutto un paio di giorni prima della conclusione. Stavo ancora cercando di inserirmi nella Juve e all’improvviso cambiò tutto. Non fu facile affrontare quel momento. I tifosi del Milan mi accolsero benissimo e mi dispiace molto non aver ancora ripagato la loro fiducia. Io sono molto timido, ma mi sono trovato subito bene. Chiedo scusa per quest’anno disgraziato. Pensi che da bambino sognavo di fare gli scalini di San Siro e di vedere lo stadio pieno: mi è successo una sola volta. Il rapporto con Maldini? Paolo mi ha sempre parlato tanto e ogni volta sento la sua fiducia. Avere davanti uno che ha fatto la storia del Milan è un grande stimolo. Mi ha chiamato anche dopo l’infortunio, è sempre molto presente. La 33 non ha portato bene, la lascerò a Krunic? Sì, penso di cambiare numero, non so ancora quale prenderò".
    Belle parole. Torna con calma ma sopratutto più forte di prima!

  3. #3
    Member L'avatar di uolfetto
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Località
    (Fr)
    Messaggi
    2,051
    se a posto fisicamente è forte. speriamo bene...
    buonista

  4. #4
    Member L'avatar di The P
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    4,957
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Mattia Caldara intervistato dalla GDS in edicola:"Come sto? Sempre meglio. Sono qui da un mese e mezzo e ho cominciato a fare lavori sul campo: corsette, conduzioni ed esercizi di stabilità. Tra pochi giorni avrò un controllo, poi farò una breve vacanza a Mykonos in at-tesa di tornare a Milanello. La mia giornata tipo a Villa Stuart? Dormo in un hotel qui vicino. Mi sveglio alle 8 e poi faccio fisioterapia dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 alternando campo, piscina e palestra. Sono qui con la mia fidanzata Nicole e nel weekend di solito vengono i miei genitori, Stefano e Laura. Senza il loro supporto sarebbe stato tutto più difficile. Fino a dieci giorni fa avevo ancora fastidio, adesso invece cerco di godermi un po’ Roma. Sono stato anche all’udienza generale con il Papa. E la carbonara mette a rischio il primato della pizza nei miei gusti... Ma la cosa più importante è rispettare il programma. Finora è andato tutto bene. Le prime due settimane dopo l’operazione sono state difficili a livello mentale oltre che fisi- co. Ma il peggio è passato: altri due o tre mesi e ricomincio da dove avevo lasciato. Ho ipotizzato una data per il rientro, ma la tengo per me. Anno buttato, quanto domande mi sono fatto? Tante. Questo periodo mi è servito a capire me stesso, i miei piccoli difetti caratteriali. Ho riflettuto molto. Non ho giocato, ma sono cresciuto come uomo. E ho capito cosa mi mancava a livello fisico: il secondo infortunio, quello al ginocchio, è stata una fatalità (scontro con Borini in allenamento, ndr), ma il primo (lesione parziale del tendine achilleo e lesione della giunzione mio-tendinea del muscolo gemello mediale del polpaccio destro, ndr) fu in parte dovuto alla mancanza di elasticità e ho lavorato molto per risolvere questo problema. Momenti di sconforto e pianto? Un paio di volte, da solo. Ho scoperto che aiuta. Mi sono mancati il Milan e la Nazionale. Siamo all’inizio di un nuovo ciclo azzurro, l’Italia ha avuto un cambio di rotta importante e sta ottenendo buoni risultati. Mancini convoca chi lo merita e io voglio dimostrare di poter stare nel gruppo. Temp che qualcuno si sia dimenticato di me? Dopo un anno così sarebbe normale. Toccherà a me ricordare chi sono ancora. Come ho vissuto il trasferimento dalla Juve al Milan? Furono giorni frenetici, ho saputo tutto un paio di giorni prima della conclusione. Stavo ancora cercando di inserirmi nella Juve e all’improvviso cambiò tutto. Non fu facile affrontare quel momento. I tifosi del Milan mi accolsero benissimo e mi dispiace molto non aver ancora ripagato la loro fiducia. Io sono molto timido, ma mi sono trovato subito bene. Chiedo scusa per quest’anno disgraziato. Pensi che da bambino sognavo di fare gli scalini di San Siro e di vedere lo stadio pieno: mi è successo una sola volta. Il rapporto con Maldini? Paolo mi ha sempre parlato tanto e ogni volta sento la sua fiducia. Avere davanti uno che ha fatto la storia del Milan è un grande stimolo. Mi ha chiamato anche dopo l’infortunio, è sempre molto presente. La 33 non ha portato bene, la lascerò a Krunic? Sì, penso di cambiare numero, non so ancora quale prenderò".
    Certo che anche di sfortuna ne abbiamo avuta... tra lui e Conti tra i nuovi, più Bonaventura tra i vecchi, abbiamo 3 titolari che hanno saltato rispettivamente 2 anni, 1 anno e 1 anno.

  5. #5
    Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Brisbane
    Messaggi
    24,330
    Citazione Originariamente Scritto da The P Visualizza Messaggio
    Certo che anche di sfortuna ne abbiamo avuta... tra lui e Conti tra i nuovi, più Bonaventura tra i vecchi, abbiamo 3 titolari che hanno saltato rispettivamente 2 anni, 1 anno e 1 anno.
    Tutti ex Atalanta

  6. #6
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Mattia Caldara intervistato dalla GDS in edicola:"Come sto? Sempre meglio. Sono qui da un mese e mezzo e ho cominciato a fare lavori sul campo: corsette, conduzioni ed esercizi di stabilità. Tra pochi giorni avrò un controllo, poi farò una breve vacanza a Mykonos in at-tesa di tornare a Milanello. La mia giornata tipo a Villa Stuart? Dormo in un hotel qui vicino. Mi sveglio alle 8 e poi faccio fisioterapia dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 alternando campo, piscina e palestra. Sono qui con la mia fidanzata Nicole e nel weekend di solito vengono i miei genitori, Stefano e Laura. Senza il loro supporto sarebbe stato tutto più difficile. Fino a dieci giorni fa avevo ancora fastidio, adesso invece cerco di godermi un po’ Roma. Sono stato anche all’udienza generale con il Papa. E la carbonara mette a rischio il primato della pizza nei miei gusti... Ma la cosa più importante è rispettare il programma. Finora è andato tutto bene. Le prime due settimane dopo l’operazione sono state difficili a livello mentale oltre che fisi- co. Ma il peggio è passato: altri due o tre mesi e ricomincio da dove avevo lasciato. Ho ipotizzato una data per il rientro, ma la tengo per me. Anno buttato, quanto domande mi sono fatto? Tante. Questo periodo mi è servito a capire me stesso, i miei piccoli difetti caratteriali. Ho riflettuto molto. Non ho giocato, ma sono cresciuto come uomo. E ho capito cosa mi mancava a livello fisico: il secondo infortunio, quello al ginocchio, è stata una fatalità (scontro con Borini in allenamento, ndr), ma il primo (lesione parziale del tendine achilleo e lesione della giunzione mio-tendinea del muscolo gemello mediale del polpaccio destro, ndr) fu in parte dovuto alla mancanza di elasticità e ho lavorato molto per risolvere questo problema. Momenti di sconforto e pianto? Un paio di volte, da solo. Ho scoperto che aiuta. Mi sono mancati il Milan e la Nazionale. Siamo all’inizio di un nuovo ciclo azzurro, l’Italia ha avuto un cambio di rotta importante e sta ottenendo buoni risultati. Mancini convoca chi lo merita e io voglio dimostrare di poter stare nel gruppo. Temp che qualcuno si sia dimenticato di me? Dopo un anno così sarebbe normale. Toccherà a me ricordare chi sono ancora. Come ho vissuto il trasferimento dalla Juve al Milan? Furono giorni frenetici, ho saputo tutto un paio di giorni prima della conclusione. Stavo ancora cercando di inserirmi nella Juve e all’improvviso cambiò tutto. Non fu facile affrontare quel momento. I tifosi del Milan mi accolsero benissimo e mi dispiace molto non aver ancora ripagato la loro fiducia. Io sono molto timido, ma mi sono trovato subito bene. Chiedo scusa per quest’anno disgraziato. Pensi che da bambino sognavo di fare gli scalini di San Siro e di vedere lo stadio pieno: mi è successo una sola volta. Il rapporto con Maldini? Paolo mi ha sempre parlato tanto e ogni volta sento la sua fiducia. Avere davanti uno che ha fatto la storia del Milan è un grande stimolo. Mi ha chiamato anche dopo l’infortunio, è sempre molto presente. La 33 non ha portato bene, la lascerò a Krunic? Sì, penso di cambiare numero, non so ancora quale prenderò".
    Forza Mattia!!
    Che cosa le manca del calcio giocato? ”La fatica, il senso piacevole di sentirsi fisicamente svuotati." Andriy Shevchenko.

  7. #7
    Senior Member L'avatar di Clarenzio
    Data Registrazione
    Jul 2015
    Località
    Milano
    Messaggi
    11,903
    Citazione Originariamente Scritto da Roten1896 Visualizza Messaggio
    Tutti ex Atalanta
    Veramente... Atalanta e Gobbi sono società con cui per motivi diversi non dobbiamo più trattare
    "Berlusconi ha un rapporto tutto suo con la verità. E' un mentitore professionale: mente a tutti, anche a se stesso, al punto da credere alle sue menzogne"
    "Tutti più o meno si amano. Silvio Berlusconi di più: non solo si ama, lui si corrisponde anche"
    (I. Montanelli)

  8. #8
    Penso abbia finito la carriera

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600