Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 10 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 91

  1. #1
    Senior Member L'avatar di Darren Marshall
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    9,246

    Biografia di Pirlo: Real meglio del Milan. Sarei andato di corsa

    Dalla biografia di Andrea Pirlo:

    Aggiornamento

    ...Perchè se ti chiedono se è vero che avevi praticamente firmato per il Real Madrid, devi rispondere nascondendoti dietro a frasi fatte e finte, già sentite, recitate da uno scialbo copione studiato da uffici stampa privi di guizzo e di talento:"Non è vero, sto bene al Milan". Ma vaffa...
    Peccato sia finita così. Al Real ci sarei andato di corsa. Ha più fascino del Milan, più futuro, più appeal, più tutto. incute timore negli avversari a prescindere. Comunque, al termine di quella stagione, mi sono consolato vincendo la Champions League. Poteva andare molto peggio.

    "Una penna. Bella eh, ma pur sempre una penna, di Cartier, luccicante, più pesante di una Bic, con lo stemma del Milan. Eppure una penna. Con un ripieno di inchiostro blu, banalmente blu. La guardavo, me la rigiravo tra le mani, ci giochicchiavo incuriosito, come fa un neonato con il suo primo peluche".

    "Tentavo di studiarne il profilo da diverse angolazioni, di coglierne il senso più profondo. Di Capire. Mi è venuto il mal di testa a forza di pensare, credo sia scesa anche qualche gocciolina di sudore, però alla fine l'illuminazione è arrivata. Mistero risolto: il lato B non esisteva, il suo inventore non l'aveva previsto. Volutamente? Chissà. 'E mi raccomando, non usarla per firmare il nuovo contratto con la Juventus'".

    "Almeno Adriano Galliani aveva azzeccato la battuta, come regalo d'addio mi sarei aspettato qualcosina di più di quel tempo comico perfetto"

    "Dieci anni di Milan andati così. Comunque, ho sorriso. Perché io so ridere, tanto e bene. 'E grazie di tutto, Andrea'. (...) Mi stavano tirando giù dalla cornice, ma non a forza. La noia da Milan era il rischio che non volevo correre, ecco perché alla fine di quell'ultimo incontro ero dispiaciuto, ma il giusto. Come me, Galliani".

    "Ci siamo lasciati senza rimorso. In mezz'ora, arrotondando per eccesso, ero fuori da lì. Quando si ama serve tempo, quando il sentimento muore può aiutare una scusa. 'Andrea, il nostro allenatore Allegri pensa che se resti non potrai più giocare davanti alla difesa. Per te avrebbe pensato a un altro ruolo: sempre a centrocampo, ma sulla parte sinistra'. Piccolo particolare: davanti alla difesa pensavo di poter dare ancora il meglio di me".

    "Un pesce quando il mare è profondo respira, se lo spostano sotto il pelo dell'acqua si arrangia, ma non è la stessa cosa. 'Anche con te in panchina o in tribuna abbiamo vinto lo scudetto. E poi, Andrea, da quest'anno la politica della società è cambiata. A chi ha più di trent'anni, proponiamo il rinnovo di contratto solo per dodici mesi'".

    "Non mi è mai capitato di sentirmi vecchio, neppure in quel preciso momento. Solo a tratti ho avuto la sensazione che qualcuno volesse farmi passare per bollito, più che altro erano le premesse a lasciarmi perplesso. 'Grazie, ma davvero non posso accettare. E poi la Juventus mi ha proposto un accordo triennale'".

    "Si sono fatti avanti tutti, anche l’Inter. Io, direttamente, sono stato contattato solo una volta. Me la ricordo bene, era un lunedì mattina, a stagione appena terminata. «Pronto, Andrea, sono Leo». Dall’altra parte della cornetta c’era Leonardo, in quel momento allenatore dell’Inter. «Ciao Leo». «Senti, finalmente è tutto a posto. Ho il via libera del presidente Moratti. Possiamo iniziare a trattare». Tra l’altro, mi raccontava grandi cose dell’Inter, di come si sentisse carico e si trovasse bene. Poteva essere una bella sfida, affascinante: tornare dove ero già stato. Passare sull’altra sponda dopo dieci anni consecutivi al Milan, di cui nove straordinari. Pure in questo Leonardo avrebbe potuto aiutarmi, non fosse stato che dopo poche settimane si è trasferito al Paris Saint-Germain degli sceicchi. «Andrea, nella nuova Inter avrai un ruolo fondamentale». Sì, a un certo punto ci ho pensato, ma non ne sarei stato capace. Sarebbe stato davvero troppo, un affronto che i tifosi del Milan non avrebbero meritato."

    "Ho declinato. Senza mai parlare di soldi, quel pomeriggio della primavera del 2011. Mai. Discorsi economici con Galliani, in quei trenta minuti, non ne sono stati affrontati. Volevo essere considerato importante, al centro del progetto, non un giocatore in lista per la rottamazione".

    "Tra i fortunati, io lo sono particolarmente: ho conosciuto Antonio Conte. Mi sono dovuto confrontare con tanti allenatori e lui è quello che mi ha sorpreso di più. Gli è bastato un discorso, con tante parole semplici, per conquistare me e tutta la Juventus, pianeta su cui siamo sbarcati insieme. Il primo giorno di ritiro, in montagna, a Bardonecchia, ha convocato la squadra in palestra e si è presentato. Aveva già il veleno addosso. Si muoveva bene ad alta quota, perché le vipere sono fatte così. «In questa squadra, cari ragazzi, si viene da due settimi posti consecutivi in campionato. Roba da pazzi. Agghiacciante. Io non sono qui per questo, è ora di smetterla di fare schifo». Sul campo di Vinovo, in allenamento, spesso vinciamo, per il semplice motivo che giochiamo contro nessuno. Non ci sono gli avversari, dal lunedì al venerdì non esistono. Ci obbliga ad affrontare partitelle undici contro zero, spingendoci a ripetere per quarantacinque minuti gli stessi movimenti, fino a quando non vede che riescono bene, fino alla nausea. Ecco perché poi trionfiamo anche undici contro undici. Se Arrigo Sacchi era un genio, allora lui cos’è? Mi aspettavo uno bravo, ma non così bravo. Pensavo a un allenatore con tanta grinta e altrettanto carisma, invece ho scoperto che anche tatticamente e tecnicamente ha da insegnare a molti suoi colleghi."


    "Tornassi indietro, solo una cosa non rifarei: scegliere il posto vicino a Buffon dentro il nostro spogliatoio allo Juventus Stadium, esattamente davanti alla porta d’ingresso. È il punto più pericoloso di tutta Torino, soprattutto tra il primo e il secondo tempo delle partite. Nell’intervallo Conte entra e, anche quando stiamo vincendo, lancia contro il muro – e quindi contro il mio angolino – tutto quello che trova, quasi sempre delle bottigliette di plastica, piene d’acqua. Frizzante. Molto frizzante. Diventa una bestia. Non si accontenta mai, c’è sempre un dettaglio che non gli va a genio, vede in anticipo ciò che può succedere nei successivi quarantacinque minuti. Una volta, ad esempio, perdevamo contro il Milan e non riusciva a farsene una ragione: “Contro quelli! Non capisco come non riusciamo a vincere contro quelli! E giocano pure male»."

    Beh..............

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    62,442
    "Matri è un ipocondriaco, teme tutte le malattie del mondo"

  4. #3
    Graxx
    Ospite
    Conte è un esaltato del ......Pirlo in ogni frase che dice si legge che è passato dall'amarci profondamente perchè lo abbiamo reso un grande giocatore ad odiarci perchè lo abbiamo cacciato senza troppi indugi...e io aggiungo meglio cosi..
    Ultima modifica di Blu71; 20-04-2013 alle 13:35

  5. #4
    Senior Member L'avatar di Splendidi Incisivi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    30,781
    Per ripicca gioca bene nella Juve, soltanto perché vuole dimostrare di essere ancora un giocatore valido. Il problema è che con noi non si è mai reso conto di essere bollito sul serio.
    Conte, lo conosciamo... immagino Allegri quando entra nello spogliatoio, a testa bassa, senza dire una parola, il suo carattere non va bene per la panchina.

  6. #5
    Senior Member L'avatar di Darren Marshall
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    9,246
    Questo non era minimamente legato al Milan, neanche ai suoi tifosi, niente di niente, lo si capisce benissimo dal modo in cui parla.

  7. #6
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    38,313
    La motivazione nel calcio è tutto. Con noi stava a zero da troppo tempo.

  8. #7
    Bannato
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    2,247
    Spero che oltre agli elogi su Conte abbia speso qualche parola di ringraziamento verso l'allenatore che gli ha permesso di diventare quello che è.
    Senza Ancelotti Pirlo sarebbe diventato al massimo il nuovo Morfeo, se lo dovrebbe ricordare ogni tanto

  9. #8
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    38,313
    Citazione Originariamente Scritto da jaws Visualizza Messaggio
    Spero che oltre agli elogi su Conte abbia speso qualche parola di ringraziamento verso l'allenatore che gli ha permesso di diventare quello che è.
    Senza Ancelotti Pirlo sarebbe diventato al massimo il nuovo Morfeo, se lo dovrebbe ricordare ogni tanto
    Beh un pò di tempo fa disse che il suo allenatore per eccellenza è proprio Ancelotti, la persona che gli ha permesso di diventare un grande.

  10. #9
    Bannato
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    2,247
    L'ha detto prima di incontrare Conte, sarei curioso di sapere cosa pensa adesso

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Jino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Veneto
    Messaggi
    38,313
    Citazione Originariamente Scritto da jaws Visualizza Messaggio
    L'ha detto prima di incontrare Conte, sarei curioso di sapere cosa pensa adesso
    Beh ma un conto è qual'è l'allenatore al quale sei più legato ed un altro qual'è che ritieni più bravo... il primo è fuori di dubbio, è Ancelotti.. sul secondo non ho idea di cosa pensi...

Pagina 1 di 10 123 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.