Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18

  1. #1
    Member L'avatar di David Gilmour
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    1,006

    Berlusconi vende le aziende di famiglia: e il Milan?

    Secondo un articolo del 15 marzo di Fabrizio Patti per il sito Linkiesta (chiedo agli admin se la fonte è potabile), Silvio Berlusconi, giunto alla soglia degli 80 anni, starebbe riorganizzando le aziende di famiglia. In particolare, vedendo i figli più come investitori che non come imprenditori, punterebbe a una progressiva dismissione delle aziende, distribuendo il ricavato tra i figli, ad eccezione di Marina, che terrebbe Mondadori.
    Per quel che ci riguarda, cruciale sarebbe, come molti di noi hanno capito, la cessione di Mediaset Premium (un fallimento di Pier Silvio, con i 700 M spesi per tre anni di esclusiva della CL): il più serio candidato sarebbe il gruppo Vivendi di Vincent Bolloré, un finanziere francese che sta facendo la voce grossa in Italia (assicurazioni Generali e Telecom; in entrambi i casi, ha buttato fuori l'ad). Nelle intenzioni di Bolloré ci sarebbe la creazione di un polo europeo di comunicazione che possa far concorrenza a Sky, e Premium può essere un tassello di questo disegno. Ora, è evidente che, ceduta Premium, ben poco interesse avrebbe Berlusconi a tenersi il Milan, al di là dei noti proclami sull'affetto che lo lega ai colori rossoneri. L'articolo, ma anche diversi giornali negli ultimi giorni, dà per ormai fatta la cessione di Premium (aggiunta mia).
    Nello specifico, l'articolo riferisce che, chiusa la vicenda di mister Bee, Berlusconi avrebbe altre offerte al vaglio, fra cui quella di Richard Lee, già nota a noi del forum, che sarebbe composta di una serie di colossi cinesi, fra cui Huawei, Alibaba, Wanda Group e Wahaha. In più, ci sarebbe un'ulteriore offerta di un grande gruppo industriale, sempre cinese, che vedrebbe nel Milan un grande potenziale di business. Gli ostacoli sarebbero due: il prezzo e il controllo (per il secondo gruppo, inoltre, sarebbe fondamentale anche risolvere la questione stadio in quanto la presenza di un impianto di proprietà sarebbe fondamentale per concretizzare l'offerta). Come ovvio, le cifre offerte sono minori di quella di Bee e i (presunti) acquirenti vorrebbero da subito comandare, ridimensionando Galliani e Barbara Berlusconi.
    Completano il quadro la progressiva ritirata dalla vita politica e la vendita di altre aziende di famiglia, fra cui quote di EI Towers, Mediaset Espana, Mediolanum e dei multisala The Space Cinema.
    L'intenzione di Berlusconi è quella di trasformare i figli da imprenditori ad azionisti delle sue aziende, sistemando quindi l'annosa questione ereditaria.
    Incrociamo le dita e speriamo che 'sto tizio abbia ragione
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 22-03-2016 alle 20:45

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Citazione Originariamente Scritto da David Gilmour Visualizza Messaggio
    Secondo un articolo di Fabrizio Patti per il sito Linkiesta (chiedo agli admin se la fonte è potabile), Silvio Berlusconi, giunto alla soglia degli 80 anni, starebbe riorganizzando le aziende di famiglia. In particolare, vedendo i figli più come investitori che non come imprenditori, punterebbe a una progressiva dismissione delle aziende, distribuendo il ricavato tra i figli, ad eccezione di Marina, che terrebbe Mondazzoli.
    Per quel che ci riguarda, cruciale sarebbe, come molti di noi hanno capito, la cessione di Mediaset Premium (un fallimento di Pier Silvio, con i 700 M spesi per tre anni di esclusiva della CL): il più serio candidato sarebbe il gruppo Vivendi di Vincent Bolloré, un finanziere francese che sta facendo la voce grossa in Italia (assicurazioni Generali e Telecom; in entrambi i casi, ha buttato fuori l'ad). Nelle intenzioni di Bolloré ci sarebbe la creazione di un polo europeo di comunicazione che possa far concorrenza a Sky, e Premium può essere un tassello di questo disegno. Ora, è evidente che, ceduta Premium, ben poco interesse avrebbe B. a tenersi il Milan, al di là dei noti proclami sull'affetto che lo lega ai colori rossoneri. L'articolo, ma anche diversi giornali negli ultimi giorni, dà per ormai fatta la cessione di Premium (aggiunta mia).
    Nello specifico, l'articolo riferisce che, chiusa la vicenda di mister Bee, il signor B. avrebbe altre offerte al vaglio, fra cui quella di Richard Lee, già nota a noi del forum, che sarebbe composta di una serie di colossi cinesi, fra cui Huawei, Alibaba, Wanda Group e Wahaha. In più, ci sarebbe un'ulteriore offerta di un gruppo industriale, sempre cinese. Gli ostacoli sarebbero due: il prezzo e il controllo. Come ovvio, le cifre offerte sono minori di quella di Bee e i (presunti) acquirenti vorrebbero da subito comandare, ridimensionando Galliani e Barbara B.
    Completano il quadro la progressiva ritirata dalla vita politica e la vendita di altre aziende di famiglia, fra cui quote di EI Towers, Mediaset Espana, Mediolanum e dei multisala The Space Cinema.
    Incrociamo le dita e speriamo che 'sto tizio abbia ragione
    La notizia è importante quindi per questa volta va bene anche Linkiesta, ma i nomi devi scriverli per intero. Quindi non B. ma Berlusconi. Inoltre i commenti vanno scritti a parte, non nel corpo del thread. Infine l''articolo è del 15 marzo, quindi per completezza inserisci anche la data.

    Grazie!
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  4. #3
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,749
    Citazione Originariamente Scritto da David Gilmour Visualizza Messaggio
    Secondo un articolo di Fabrizio Patti per il sito Linkiesta (chiedo agli admin se la fonte è potabile), Silvio Berlusconi, giunto alla soglia degli 80 anni, starebbe riorganizzando le aziende di famiglia. In particolare, vedendo i figli più come investitori che non come imprenditori, punterebbe a una progressiva dismissione delle aziende, distribuendo il ricavato tra i figli, ad eccezione di Marina, che terrebbe Mondazzoli.
    Per quel che ci riguarda, cruciale sarebbe, come molti di noi hanno capito, la cessione di Mediaset Premium (un fallimento di Pier Silvio, con i 700 M spesi per tre anni di esclusiva della CL): il più serio candidato sarebbe il gruppo Vivendi di Vincent Bolloré, un finanziere francese che sta facendo la voce grossa in Italia (assicurazioni Generali e Telecom; in entrambi i casi, ha buttato fuori l'ad). Nelle intenzioni di Bolloré ci sarebbe la creazione di un polo europeo di comunicazione che possa far concorrenza a Sky, e Premium può essere un tassello di questo disegno. Ora, è evidente che, ceduta Premium, ben poco interesse avrebbe B. a tenersi il Milan, al di là dei noti proclami sull'affetto che lo lega ai colori rossoneri. L'articolo, ma anche diversi giornali negli ultimi giorni, dà per ormai fatta la cessione di Premium (aggiunta mia).
    Nello specifico, l'articolo riferisce che, chiusa la vicenda di mister Bee, il signor B. avrebbe altre offerte al vaglio, fra cui quella di Richard Lee, già nota a noi del forum, che sarebbe composta di una serie di colossi cinesi, fra cui Huawei, Alibaba, Wanda Group e Wahaha. In più, ci sarebbe un'ulteriore offerta di un gruppo industriale, sempre cinese. Gli ostacoli sarebbero due: il prezzo e il controllo. Come ovvio, le cifre offerte sono minori di quella di Bee e i (presunti) acquirenti vorrebbero da subito comandare, ridimensionando Galliani e Barbara B.
    Completano il quadro la progressiva ritirata dalla vita politica e la vendita di altre aziende di famiglia, fra cui quote di EI Towers, Mediaset Espana, Mediolanum e dei multisala The Space Cinema.
    Incrociamo le dita e speriamo che 'sto tizio abbia ragione
    Ricostruzione degli eventi che incrocia notizie vere ad altre meno recenti, e tenta una sintesi. Lo diciamo da tempo: sono le necessità ad imporre determinate decisioni a Berlusconi, non sue personali scelte. Come sempre è un problema di soldi, e per Silvio un problema di immagine pubblica: quella di un Berlusconi che smonta pezzo per pezzo il suo impero non è favorevole a livello politico, e va dunque gestita con un certo mestiere. Ma che la convenienza oggi sia per lui vendere (in che misura ed a quali condizioni è da vedersi) è ormai nei fatti.

  5. #4
    Citazione Originariamente Scritto da David Gilmour Visualizza Messaggio
    Secondo un articolo di Fabrizio Patti per il sito Linkiesta (chiedo agli admin se la fonte è potabile), Silvio Berlusconi, giunto alla soglia degli 80 anni, starebbe riorganizzando le aziende di famiglia. In particolare, vedendo i figli più come investitori che non come imprenditori, punterebbe a una progressiva dismissione delle aziende, distribuendo il ricavato tra i figli, ad eccezione di Marina, che terrebbe Mondadori.
    Per quel che ci riguarda, cruciale sarebbe, come molti di noi hanno capito, la cessione di Mediaset Premium (un fallimento di Pier Silvio, con i 700 M spesi per tre anni di esclusiva della CL): il più serio candidato sarebbe il gruppo Vivendi di Vincent Bolloré, un finanziere francese che sta facendo la voce grossa in Italia (assicurazioni Generali e Telecom; in entrambi i casi, ha buttato fuori l'ad). Nelle intenzioni di Bolloré ci sarebbe la creazione di un polo europeo di comunicazione che possa far concorrenza a Sky, e Premium può essere un tassello di questo disegno. Ora, è evidente che, ceduta Premium, ben poco interesse avrebbe Berlusconi a tenersi il Milan, al di là dei noti proclami sull'affetto che lo lega ai colori rossoneri. L'articolo, ma anche diversi giornali negli ultimi giorni, dà per ormai fatta la cessione di Premium (aggiunta mia).
    Nello specifico, l'articolo riferisce che, chiusa la vicenda di mister Bee, Berlusconi avrebbe altre offerte al vaglio, fra cui quella di Richard Lee, già nota a noi del forum, che sarebbe composta di una serie di colossi cinesi, fra cui Huawei, Alibaba, Wanda Group e Wahaha. In più, ci sarebbe un'ulteriore offerta di un grande gruppo industriale, sempre cinese, che vedrebbe nel Milan un grande potenziale di business. Gli ostacoli sarebbero due: il prezzo e il controllo (per il secondo gruppo, inoltre, sarebbe fondamentale anche risolvere la questione stadio in quanto la presenza di un impianto di proprietà sarebbe fondamentale per concretizzare l'offerta). Come ovvio, le cifre offerte sono minori di quella di Bee e i (presunti) acquirenti vorrebbero da subito comandare, ridimensionando Galliani e Barbara Berlusconi.
    Completano il quadro la progressiva ritirata dalla vita politica e la vendita di altre aziende di famiglia, fra cui quote di EI Towers, Mediaset Espana, Mediolanum e dei multisala The Space Cinema.
    Incrociamo le dita e speriamo che 'sto tizio abbia ragione
    Editato.
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  6. #5
    Member L'avatar di David Gilmour
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    1,006
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    La notizia è importante quindi per questa volta va bene anche Linkiesta, ma i nomi devi scriverli per intero. Quindi non B. ma Berlusconi. Inoltre i commenti vanno scritti a parte, non nel corpo del thread. Infine l''articolo è del 15 marzo, quindi per completezza inserisci anche la data.

    Grazie!
    OK, mi atterrò per il futuro!

  7. #6
    Senior Member
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    10,181
    Teniamo d'occhio Richard Lee, e la cordata che rappresenta, e il fondo Madison.

  8. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2015
    Messaggi
    93
    Ricostruzione molto molto credibile a mio avviso... Detto ciò a noi vecchi cuori rossoneri della ripartizione del patrimonio frega zero! A noi interessa l ac Milan!! E leggere di alibaba e i cinesi e lo stadio di proprietà fa sognare.. Solo così potremmo tornare a divertirci.. Riassumendo o Silvio molla e cede per un prezzo equo 650 mln per il 100% o addio sogni di gloria ( con Galliani e Berlusconi ancora in sella collezioneremo fallimenti su fallimenti tutti gli anni).

  9. #8
    Bannato
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,159
    Citazione Originariamente Scritto da David Gilmour Visualizza Messaggio
    Secondo un articolo del 15 marzo di Fabrizio Patti per il sito Linkiesta (chiedo agli admin se la fonte è potabile), Silvio Berlusconi, giunto alla soglia degli 80 anni, starebbe riorganizzando le aziende di famiglia. In particolare, vedendo i figli più come investitori che non come imprenditori, punterebbe a una progressiva dismissione delle aziende, distribuendo il ricavato tra i figli, ad eccezione di Marina, che terrebbe Mondadori.
    Per quel che ci riguarda, cruciale sarebbe, come molti di noi hanno capito, la cessione di Mediaset Premium (un fallimento di Pier Silvio, con i 700 M spesi per tre anni di esclusiva della CL): il più serio candidato sarebbe il gruppo Vivendi di Vincent Bolloré, un finanziere francese che sta facendo la voce grossa in Italia (assicurazioni Generali e Telecom; in entrambi i casi, ha buttato fuori l'ad). Nelle intenzioni di Bolloré ci sarebbe la creazione di un polo europeo di comunicazione che possa far concorrenza a Sky, e Premium può essere un tassello di questo disegno. Ora, è evidente che, ceduta Premium, ben poco interesse avrebbe Berlusconi a tenersi il Milan, al di là dei noti proclami sull'affetto che lo lega ai colori rossoneri. L'articolo, ma anche diversi giornali negli ultimi giorni, dà per ormai fatta la cessione di Premium (aggiunta mia).
    Nello specifico, l'articolo riferisce che, chiusa la vicenda di mister Bee, Berlusconi avrebbe altre offerte al vaglio, fra cui quella di Richard Lee, già nota a noi del forum, che sarebbe composta di una serie di colossi cinesi, fra cui Huawei, Alibaba, Wanda Group e Wahaha. In più, ci sarebbe un'ulteriore offerta di un grande gruppo industriale, sempre cinese, che vedrebbe nel Milan un grande potenziale di business. Gli ostacoli sarebbero due: il prezzo e il controllo (per il secondo gruppo, inoltre, sarebbe fondamentale anche risolvere la questione stadio in quanto la presenza di un impianto di proprietà sarebbe fondamentale per concretizzare l'offerta). Come ovvio, le cifre offerte sono minori di quella di Bee e i (presunti) acquirenti vorrebbero da subito comandare, ridimensionando Galliani e Barbara Berlusconi.
    Completano il quadro la progressiva ritirata dalla vita politica e la vendita di altre aziende di famiglia, fra cui quote di EI Towers, Mediaset Espana, Mediolanum e dei multisala The Space Cinema.
    L'intenzione di Berlusconi è quella di trasformare i figli da imprenditori ad azionisti delle sue aziende, sistemando quindi l'annosa questione ereditaria.
    Incrociamo le dita e speriamo che 'sto tizio abbia ragione
    Ma speriamo presto che non ne posso più.

  10. #9
    Senior Member L'avatar di Black
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    5,151
    speriamo, sono un pò le cose che si sentono da tempo. Per Mediaset ormai il destino sembra segnato, speriamo che a ruota segua anche il Milan

  11. #10
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    23,183
    Citazione Originariamente Scritto da andrea1985 Visualizza Messaggio
    ricostruzione molto molto credibile a mio avviso... Detto ciò a noi vecchi cuori rossoneri della ripartizione del patrimonio frega zero! A noi interessa l ac milan!! E leggere di alibaba e i cinesi e lo stadio di proprietà fa sognare.. Solo così potremmo tornare a divertirci.. Riassumendo o silvio molla e cede per un prezzo equo 650 mln per il 100% o addio sogni di gloria ( con galliani e berlusconi ancora in sella collezioneremo fallimenti su fallimenti tutti gli anni).
    amen
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.