Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 2 di 9 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 81

  1. #11
    Senior Member L'avatar di Serginho
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    West Sussex
    Messaggi
    5,990
    Ha la trollface in quella foto hahaha. Cmq non martellatevi i genitali, si sa che Berlusconi e' un bugiardo cronico, e' tutta campagna elettorale pure questa. Entro 5 anni avra' venduto quasi sicuramente

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #12
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,687
    Citazione Originariamente Scritto da Aron Visualizza Messaggio
    Se lui si diverte a perdere soldi ogni anno, a vedere litigare Barbara e Galliani, ad assistere alle lotte tra i figli, a lasciare il club navigare tra l'Europa League e il decimo posto...Lasciamolo fare.

    I tifosi si possono irritare, ma quello che più ci perde è lui.


    Per me il Milan resterà comunque in mano di Berlusconi al massimo per un altro anno.
    Totalmente condivisibile.

  4. #13
    A vendere fumo e'' sempre il numero uno

  5. #14
    Senior Member L'avatar di Underhill84
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Livorno
    Messaggi
    8,441
    Tartaglia salvaci tu
    "Più che una società sembrate una telenovela, in pochi mesi state offuscando i successi di un'era".

    Il Milan è morto - Galliani è il suo cancro

  6. #15
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,556
    Sono tutte balle. In due anni cambierà la proprietà. Abbiate fede

  7. #16
    Ecco l'intervista integrale. Molti i temi toccati: dal futuro del Milan, a Mr Bee, fino al rapporto Barbara-Galliani e le pretese dell'altra figlia, Marina.

    Presidente, che voto darebbe ai suoi 30 anni di Milan?
    "Siamo partiti puntando al 10. Per com’è andata direi 10 e lode. Sono stati trent’anni magici. Abbiamo vinto più di tutti. Ci siamo conquistati 363 milioni di simpatizzanti nel mondo. E soprattutto il nostro amore per il Milan è stato ripagato e ci ha riempito il cuore di felicità".

    Qual è stato il giorno più bello?
    "Ce ne sono stati tanti. Certamente indimenticabile è la vittoria a Barcellona della prima Coppa Campioni, battendo 4-0 la Steaua Bucarest. Ricordo lo spettacolo indimenticabile del Camp Nou completamente tappezzato di bandiere rossonere. Sull’autostrada per la Spagna si crearono veri e propri ingorghi di auto e di pullman imbandierati. Fu l’intero popolo rossonero, non soltanto la squadra, a vincere la Coppa. Ma sono indimenticabili, per motivi diversi, anche le due finali di Atene".

    Ce n’è uno, invece, che vorrebbe cancellare?
    "La rimonta del Liverpool a Istanbul, quella incredibile finale di Champions perduta dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio per 3-0. L’abbiamo già cancellata con i due gol di Pippo nell’altra finale di Atene, due anni dopo, ancora contro il Liverpool. Invece ancora amara la finale di Champions del 1993. Eravamo arrivati a quell’incontro vincendo tutte le partite del torneo, 10 su 10, andata e ritorno. Perdemmo 1-0 la finale con il Marsiglia. Una partita stregata".

    Se potesse tornare indietro, rifarebbe tutto o cambierebbe qualcosa?
    "Non cambierei certo la missione data alla squadra. Quella di giocare per essere padroni del campo e del gioco, di vincere convincendo, con il bel gioco, l’entusiasmo, la passione e la lealtà nei confronti dei nostri avversari".

    Qual è stata la decisione più importante che ha preso?
    "Diventare responsabile del Milan e dargli l’obiettivo di diventare la squadra più vincente al mondo. Un obiettivo che a tutti sembrava impossibile".

    Visto che ormai la vicenda è prescritta, può rivelare chi diede l’ordine di ritirare la squadra a Marsiglia?
    "Non fu certo una mossa premeditata. Galliani mi spiegò poi come andarono le cose. Reagì d’impulso, da tifoso, senza malizia. Ricordo che abbiamo accettato la grave sanzione inflittaci dall’Uefa. Molti giornali scrissero dopo quella sera che il ciclo del Milan era finito. Invece era appena cominciato".

    Il suo amico Confalonieri, in un’intervista al Corriere della Sera, ha paragonato Galliani a Moshe Dayan, «il nostro grande generale»: è d’accordo?
    "Perché no?".

    Qual è l’allenatore al quale è rimasto più legato?
    "Sacchi mi ricorda i primi meravigliosi anni. Ma sono legato da una profonda amicizia anche ad Ancelotti e a Capello".

    Quale campione vorrebbe rivedere in campo?
    "Vorrei rivederli tutti, i nostri campioni. Da Van Basten che ha lasciato il calcio troppo presto a Baresi, il nostro Capitano, da Savicevic a Ronaldinho, da Maldini a Costacurta, a Tassotti, a Donadoni, a Massaro. Da Weah a Gullit, a Sheva, a Kakà… Non posso citarli tutti. Ma ho voluto bene a tutti e per molti di loro sono stato un fratello maggiore. Aggiungo, con orgoglio, che il mio Milan è l’unica squadra nella storia del calcio ad aver piazzato, per due volte (1988 e 1989, ndr), tre giocatori ai primi tre posti del Pallone d’oro".

    Lei sogna sempre un grande Milan in corsa per lo scudetto e di nuovo in Champions: che cosa prova a vedere la squadra di oggi, così lontana dai suoi sogni?
    "Forse non è così lontana come qualcuno pensa. Io sono stato impegnato su molti fronti con impegni difficili e anche dolorosi. Ma ora sono tornato in campo. Non lavoriamo solo per l’oggi. Stiamo ricostruendo una squadra per un nuovo ciclo con giovani promettenti e con molti fuoriclasse. Sono sicuro che ci riusciremo. In questi anni abbiamo vissuto 8 finali di Champions. Entro cinque anni dobbiamo arrivare a 10".

    Donnarumma è il giovane più promettente, già seguito da molte squadre straniere: non teme che ve lo portino via?
    "Donnarumma è uno dei tanti giovani del nostro vivaio e spero che rimanga con noi per altri vent’anni".

    Sua figlia Barbara ha detto che bisogna essere onesti coi tifosi, parlando di Europa League. Galliani, invece, ha ribadito che l’obiettivo è la Champions: è la conferma che hanno visioni diverse?
    "E’ la conferma che entrambi hanno a cuore il bene della squadra. Contraddicendo quello che l’età farebbe pensare, Barbara ragiona più da manager, Adriano più da tifoso. Hanno ragione entrambi, ed entrambi torto. E’ del tutto evidente che l’Europa League oggi è l’obiettivo alla nostra portata, ed è altrettanto evidente che non ci accontentiamo di questo. Nella mia vita, di imprenditore, uomo di stato, di uomo di sport ho sempre seguito una regola: pormi degli obbiettivi un po’ più alti di quelli che il normale buonsenso ritiene facilmente raggiungibili. E li ho sempre raggiunti".

    Se il Milan non guadagnasse un posto per l’Europa, potrebbe bastare vincere la Coppa Italia per salvare la stagione?
    "Non basterebbe. Ma alzare la Coppa Italia sarebbe importante. Vincere fa sempre bene, e comunque la Coppa Italia garantisce un posto in Europa".

    E’ vero che prima di puntare su Mihajlovic aveva scartato la candidatura di Sarri?
    "Quando si sceglie qualcuno, per definizione cadono le altre candidature. Anche quelle di cui si ha la massima stima, come nel caso di Sarri".

    Seedorf, Inzaghi e ora Mihajlovic: non sono troppi tre allenatori in tre stagioni?
    "In effetti preferisco quando in tre stagioni arrivano tre finali di Champions".

    Trent’anni fa lei disse: «Il calcio è bello anche perché non bastano i soldi per fare uno squadrone». Purtroppo sembra una frase adatta a questo Milan…
    "La penso come 30 anni fa. Ma qualche squadrone abbiamo già dimostrato di essere capaci di costruirlo. Certo, anche investendo molti soldi. Sono stati più di un miliardo e duecento milioni di euro i nostri investimenti sul Milan in questi trent’anni".

    Che effetto le fa pensare che 30 anni fa prese il Milan al terzo posto, mentre oggi è soltanto sesto?
    "Non si può vincere sempre. Io sono entrato nel Milan in uno dei periodi peggiori della sua storia. Nei 5 anni precedenti, due li aveva giocati in Serie B, e gli altri tre li aveva chiusi rispettivamente al 14o, al 6o e al 5o posto in Serie A. Oggi il fatto stesso che il Milan sia al sesto posto è una notizia. Sembra strano ai tifosi, visto che, in trent’anni, per venti volte abbiamo concluso il campionato nei primi tre posti. In tutto il mondo la parola Milan è sinonimo di grandi successi e, voglio ripeterlo, contiamo su 363 milioni di simpatizzanti".

    Se a fine stagione la trattativa con Mister Bee non fosse ancora conclusa, cercherebbe di vendere ad altri le quote di minoranza?
    "Il mio obiettivo è comunque il bene del Milan. Nel calcio moderno sono entrati soggetti dotati di risorse infinite e quindi è difficile rimanere competitivi al massimo livello. Per questo abbiamo ritenuto che l’apporto di energie e capitali freschi fosse necessario. Su questa base abbiamo una negoziazione in corso. Aspettiamo che si concluda".

    E’ vero che sua figlia Marina spinge per farle vendere tutto il Milan?
    "Non è assolutamente vero. Lei mi ripete sempre di seguire quello che mi dice il cuore e il mio cuore continua a battere forte per il Milan".

    L’altra sua figlia Barbara, invece, si era impegnata molto per il progetto del nuovo stadio: che cosa accadrà ora con San Siro?
    "San Siro è la nostra gloriosa storia. Il legame affettivo, emotivo, con quel prato, quegli spalti, quella curva, è profondissimo per ogni milanista. Tuttavia il futuro sembra essere degli stadi di proprietà, secondo un modello che all’estero si va sempre più diffondendo e che per ora, in Italia, solo la Juve ha potuto realizzare. Quindi l’idea di Barbara era assolutamente quella giusta. Purtroppo si sono frapposte difficoltà che al momento non potevamo prevedere. Continueremo quindi a giocare a San Siro, fieri di stare nella “Scala del calcio”, senza tuttavia smettere di guardarci intorno".

    I tifosi contestano a Galliani il peccato di nostalgia, pensando ai ritorni di Balotelli e Boateng, dopo i rinnovi dei contratti a De Jong e Mexes: con il senno di poi si è trattato di errori?
    "Perché errori? Boateng è rientrato con una grande voglia di tornare a giocare, e finora ha fatto bene. Balotelli si sta rimettendo da seri problemi di salute. Se riuscirà a evitare gli errori del passato, potrà essere una risorsa. Credo valga la pena di provare".

    Che regalo vorrebbe per i suoi 30 anni di Milan?
    "Sabato, in occasione dell’anniversario, vorrei pranzare con la squadra a Milanello. Ne approfitterò per chiedere a Mihajlovic di vincere tutte le partite da qui alla fine".

    Concludendo: sarà presidente del Milan a vita o fino a quando?
    "Stiamo a vedere come andranno i prossimi 30 anni, e poi decideremo..."
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 17-02-2016 alle 09:47
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  8. #17
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Ecco l'intervista integrale. Molti i temi toccati: dal futuro del Milan, a Mr Bee, fino al rapporto Barbara-Galliani e le pretese dell'altra figlia, Marina.

    Presidente, che voto darebbe ai suoi 30 anni di Milan?
    "Siamo partiti puntando al 10. Per com’è andata direi 10 e lode. Sono stati trent’anni magici. Abbiamo vinto più di tutti. Ci siamo conquistati 363 milioni di simpatizzanti nel mondo. E soprattutto il nostro amore per il Milan è stato ripagato e ci ha riempito il cuore di felicità".

    Qual è stato il giorno più bello?
    "Ce ne sono stati tanti. Certamente indimenticabile è la vittoria a Barcellona della prima Coppa Campioni, battendo 4-0 la Steaua Bucarest. Ricordo lo spettacolo indimenticabile del Camp Nou completamente tappezzato di bandiere rossonere. Sull’autostrada per la Spagna si crearono veri e propri ingorghi di auto e di pullman imbandierati. Fu l’intero popolo rossonero, non soltanto la squadra, a vincere la Coppa. Ma sono indimenticabili, per motivi diversi, anche le due finali di Atene".

    Ce n’è uno, invece, che vorrebbe cancellare?
    "La rimonta del Liverpool a Istanbul, quella incredibile finale di Champions perduta dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio per 3-0. L’abbiamo già cancellata con i due gol di Pippo nell’altra finale di Atene, due anni dopo, ancora contro il Liverpool. Invece ancora amara la finale di Champions del 1993. Eravamo arrivati a quell’incontro vincendo tutte le partite del torneo, 10 su 10, andata e ritorno. Perdemmo 1-0 la finale con il Marsiglia. Una partita stregata".

    Se potesse tornare indietro, rifarebbe tutto o cambierebbe qualcosa?
    "Non cambierei certo la missione data alla squadra. Quella di giocare per essere padroni del campo e del gioco, di vincere convincendo, con il bel gioco, l’entusiasmo, la passione e la lealtà nei confronti dei nostri avversari".

    Qual è stata la decisione più importante che ha preso?
    "Diventare responsabile del Milan e dargli l’obiettivo di diventare la squadra più vincente al mondo. Un obiettivo che a tutti sembrava impossibile".

    Visto che ormai la vicenda è prescritta, può rivelare chi diede l’ordine di ritirare la squadra a Marsiglia?
    "Non fu certo una mossa premeditata. Galliani mi spiegò poi come andarono le cose. Reagì d’impulso, da tifoso, senza malizia. Ricordo che abbiamo accettato la grave sanzione inflittaci dall’Uefa. Molti giornali scrissero dopo quella sera che il ciclo del Milan era finito. Invece era appena cominciato".

    Il suo amico Confalonieri, in un’intervista al Corriere della Sera, ha paragonato Galliani a Moshe Dayan, «il nostro grande generale»: è d’accordo?
    "Perché no?".

    Qual è l’allenatore al quale è rimasto più legato?
    "Sacchi mi ricorda i primi meravigliosi anni. Ma sono legato da una profonda amicizia anche ad Ancelotti e a Capello".

    Quale campione vorrebbe rivedere in campo?
    "Vorrei rivederli tutti, i nostri campioni. Da Van Basten che ha lasciato il calcio troppo presto a Baresi, il nostro Capitano, da Savicevic a Ronaldinho, da Maldini a Costacurta, a Tassotti, a Donadoni, a Massaro. Da Weah a Gullit, a Sheva, a Kakà… Non posso citarli tutti. Ma ho voluto bene a tutti e per molti di loro sono stato un fratello maggiore. Aggiungo, con orgoglio, che il mio Milan è l’unica squadra nella storia del calcio ad aver piazzato, per due volte (1988 e 1989, ndr), tre giocatori ai primi tre posti del Pallone d’oro".

    Lei sogna sempre un grande Milan in corsa per lo scudetto e di nuovo in Champions: che cosa prova a vedere la squadra di oggi, così lontana dai suoi sogni?
    "Forse non è così lontana come qualcuno pensa. Io sono stato impegnato su molti fronti con impegni difficili e anche dolorosi. Ma ora sono tornato in campo. Non lavoriamo solo per l’oggi. Stiamo ricostruendo una squadra per un nuovo ciclo con giovani promettenti e con molti fuoriclasse. Sono sicuro che ci riusciremo. In questi anni abbiamo vissuto 8 finali di Champions. Entro cinque anni dobbiamo arrivare a 10".

    Donnarumma è il giovane più promettente, già seguito da molte squadre straniere: non teme che ve lo portino via?
    "Donnarumma è uno dei tanti giovani del nostro vivaio e spero che rimanga con noi per altri vent’anni".

    Sua figlia Barbara ha detto che bisogna essere onesti coi tifosi, parlando di Europa League. Galliani, invece, ha ribadito che l’obiettivo è la Champions: è la conferma che hanno visioni diverse?
    "E’ la conferma che entrambi hanno a cuore il bene della squadra. Contraddicendo quello che l’età farebbe pensare, Barbara ragiona più da manager, Adriano più da tifoso. Hanno ragione entrambi, ed entrambi torto. E’ del tutto evidente che l’Europa League oggi è l’obiettivo alla nostra portata, ed è altrettanto evidente che non ci accontentiamo di questo. Nella mia vita, di imprenditore, uomo di stato, di uomo di sport ho sempre seguito una regola: pormi degli obbiettivi un po’ più alti di quelli che il normale buonsenso ritiene facilmente raggiungibili. E li ho sempre raggiunti".

    Se il Milan non guadagnasse un posto per l’Europa, potrebbe bastare vincere la Coppa Italia per salvare la stagione?
    "Non basterebbe. Ma alzare la Coppa Italia sarebbe importante. Vincere fa sempre bene, e comunque la Coppa Italia garantisce un posto in Europa".

    E’ vero che prima di puntare su Mihajlovic aveva scartato la candidatura di Sarri?
    "Quando si sceglie qualcuno, per definizione cadono le altre candidature. Anche quelle di cui si ha la massima stima, come nel caso di Sarri".

    Seedorf, Inzaghi e ora Mihajlovic: non sono troppi tre allenatori in tre stagioni?
    "In effetti preferisco quando in tre stagioni arrivano tre finali di Champions".

    Trent’anni fa lei disse: «Il calcio è bello anche perché non bastano i soldi per fare uno squadrone». Purtroppo sembra una frase adatta a questo Milan…
    "La penso come 30 anni fa. Ma qualche squadrone abbiamo già dimostrato di essere capaci di costruirlo. Certo, anche investendo molti soldi. Sono stati più di un miliardo e duecento milioni di euro i nostri investimenti sul Milan in questi trent’anni".

    Che effetto le fa pensare che 30 anni fa prese il Milan al terzo posto, mentre oggi è soltanto sesto?
    "Non si può vincere sempre. Io sono entrato nel Milan in uno dei periodi peggiori della sua storia. Nei 5 anni precedenti, due li aveva giocati in Serie B, e gli altri tre li aveva chiusi rispettivamente al 14o, al 6o e al 5o posto in Serie A. Oggi il fatto stesso che il Milan sia al sesto posto è una notizia. Sembra strano ai tifosi, visto che, in trent’anni, per venti volte abbiamo concluso il campionato nei primi tre posti. In tutto il mondo la parola Milan è sinonimo di grandi successi e, voglio ripeterlo, contiamo su 363 milioni di simpatizzanti".

    Se a fine stagione la trattativa con Mister Bee non fosse ancora conclusa, cercherebbe di vendere ad altri le quote di minoranza?
    "Il mio obiettivo è comunque il bene del Milan. Nel calcio moderno sono entrati soggetti dotati di risorse infinite e quindi è difficile rimanere competitivi al massimo livello. Per questo abbiamo ritenuto che l’apporto di energie e capitali freschi fosse necessario. Su questa base abbiamo una negoziazione in corso. Aspettiamo che si concluda".

    E’ vero che sua figlia Marina spinge per farle vendere tutto il Milan?
    "Non è assolutamente vero. Lei mi ripete sempre di seguire quello che mi dice il cuore e il mio cuore continua a battere forte per il Milan".

    L’altra sua figlia Barbara, invece, si era impegnata molto per il progetto del nuovo stadio: che cosa accadrà ora con San Siro?
    "San Siro è la nostra gloriosa storia. Il legame affettivo, emotivo, con quel prato, quegli spalti, quella curva, è profondissimo per ogni milanista. Tuttavia il futuro sembra essere degli stadi di proprietà, secondo un modello che all’estero si va sempre più diffondendo e che per ora, in Italia, solo la Juve ha potuto realizzare. Quindi l’idea di Barbara era assolutamente quella giusta. Purtroppo si sono frapposte difficoltà che al momento non potevamo prevedere. Continueremo quindi a giocare a San Siro, fieri di stare nella “Scala del calcio”, senza tuttavia smettere di guardarci intorno".

    I tifosi contestano a Galliani il peccato di nostalgia, pensando ai ritorni di Balotelli e Boateng, dopo i rinnovi dei contratti a De Jong e Mexes: con il senno di poi si è trattato di errori?
    "Perché errori? Boateng è rientrato con una grande voglia di tornare a giocare, e finora ha fatto bene. Balotelli si sta rimettendo da seri problemi di salute. Se riuscirà a evitare gli errori del passato, potrà essere una risorsa. Credo valga la pena di provare".

    Che regalo vorrebbe per i suoi 30 anni di Milan?
    "Sabato, in occasione dell’anniversario, vorrei pranzare con la squadra a Milanello. Ne approfitterò per chiedere a Mihajlovic di vincere tutte le partite da qui alla fine".

    Concludendo: sarà presidente del Milan a vita o fino a quando?
    "Stiamo a vedere come andranno i prossimi 30 anni, e poi decideremo..."
    Come al solito gli stendono il tappeto rosso e non si azzardano a metterlo in difficoltà. E potevano farlo benissimo quando farneticava sulle 2 finali di CL nei prossimi 5 anni. Bastava chiedergli: "Quindi i tifosi devono aspettarsi un gran mercato?" Ci si segnava la risposta. E nel caso la si faceva riuscire a caratteri cubitali il 1 settembre 2016.

    Ad ogni modo bisogna essere coerenti: se non gli si crede quando dice qualcosa di buono, non bisognerebbe farlo nemmeno quando delira in questo modo. Checché se ne dica, Fininvest non butterà altri soldi dietro al Milan. In un modo o nell'altro, venderanno nel breve.
    Ultima modifica di Il Re dell'Est; 17-02-2016 alle 10:11
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  9. #18
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio

    Concludendo: sarà presidente del Milan a vita o fino a quando?
    "Stiamo a vedere come andranno i prossimi 30 anni, e poi decideremo..."
    Inquietante chiosa finale.
    Saremo una squadra di diavoli. I nostri colori saranno il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari! Herbert Kilpin

  10. #19
    Member L'avatar di gabuz
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    3,402
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 17 febbraio 2016, ha intervistato in esclusiva Silvio Berlusconi. Ecco la prima pagina della rosea con l'anticipazione dell'intervista:

    "I miei 30 anni al Milan da 10 e lode. E vedrete che Milan nei prossimi 5. Il ricordo più bello è il trionfo di Barcellona. Ora voglio arrivare a 10 finali di Champions. A Sinisa chiederò di vincere sempre da qui a fine campionato".

    Seguirà l'intervista completa





    Non sto nemmeno a perdere il tempo di leggere due o più pagine di menzogne

  11. #20
    Milan7champions
    Ospite
    Barcellona, Real Madrid, Bayern,Psg sono corazzate che spendono milioni e milioni, per riuscire a competere ci vuole tanti soldi ma soprattutto programmmare il futuro,bisogna prendere come esempio l'Atletico Madrid che riesce tenere testa a squadre con un fatturato ridotto,oppure la Juve

Pagina 2 di 9 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.