Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    101,248

    Bellinazzo:"Milan vicenda anomala. Gestita male da Uefa".

    Marco Bellinazzo, intervistato da Il Romanista, sulla vicenda Milan - Uefa:"Non era in programma. Non era previsto nessun giudizio sul club rossonero, non c'era nulla all'ordine del giorno che riguardava il Milan - ha aggiunto Bellinazzo - Il fatto è che su queste vicende molta gente parla a sproposito senza conoscere bene le cose. Non c'è una data certa, può essere domani (ieri ndr) come tra una settimana. L'unica cosa certa è che esiste una vera e propria corsa contro il tempo che sta mettendo in atto il Milan per non rischiare di andare troppo in là con i tempi: se le cose si prolungano verrà a crearsi uno scenario simile a quello dello scorso anno, con una sentenza arrivata troppo in avanti. Per il Milan sarebbe positivo subire ora la sanzione, avendo poi a disposizione più tempo per pianificare con maggior cura ed attenzione il modo per rientrare nei paletti del Fair Play Finanziaro. Normalmente questo tipo di procedure deve chiudersi prima che parta la stagione, comunque in tempo utile per non procurare questi disguidi alle varie società interessate. Ma, lo ripeto, la vicenda del Milan è anomale e la Uefa non l'ha gestita bene. La Uefa ha paura che qualora il Milan, ma per esempio anche il City per quanto riguarda la sua questione, fossero messi alle strette, potrebbero portare la vicenda oltre i limiti del Tas, quindi ad un tribunale ordinario mettendo in pericolo tutta l'impalcatura del Fair Play Finanziaro rispetto alle norme europee sulla libertà d'impresa e sulla libera concorrenza. La Uefa, quindi, ha un chiaro timore di confrontarsi col fondo Elliot nel caso del Milan e con lo sceicco per quanto riguarda il City Group: si tratta di paure politiche in ambito europeo che, di conseguenza, condizionano anche i giudici contabili che ne risentono nel loro modo di procedere. Così si sono creati i tempi lunghi che però hanno un limite fisiologico, ovvero quello dei preliminari dell'Europa League. Ma al di là del calendario vero e proprio, e delle date certe, andrebbe dato ai vari club un tempo minimo, per organizzarsi nel modo giusto, senza doversi preoccupare delle anomalie e delle rispettive procedure".
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Super_Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    31,201
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Marco Bellinazzo, intervistato da Il Romanista, sulla vicenda Milan - Uefa:"Non era in programma. Non era previsto nessun giudizio sul club rossonero, non c'era nulla all'ordine del giorno che riguardava il Milan - ha aggiunto Bellinazzo - Il fatto è che su queste vicende molta gente parla a sproposito senza conoscere bene le cose. Non c'è una data certa, può essere domani (ieri ndr) come tra una settimana. L'unica cosa certa è che esiste una vera e propria corsa contro il tempo che sta mettendo in atto il Milan per non rischiare di andare troppo in là con i tempi: se le cose si prolungano verrà a crearsi uno scenario simile a quello dello scorso anno, con una sentenza arrivata troppo in avanti. Per il Milan sarebbe positivo subire ora la sanzione, avendo poi a disposizione più tempo per pianificare con maggior cura ed attenzione il modo per rientrare nei paletti del Fair Play Finanziaro. Normalmente questo tipo di procedure deve chiudersi prima che parta la stagione, comunque in tempo utile per non procurare questi disguidi alle varie società interessate. Ma, lo ripeto, la vicenda del Milan è anomale e la Uefa non l'ha gestita bene. La Uefa ha paura che qualora il Milan, ma per esempio anche il City per quanto riguarda la sua questione, fossero messi alle strette, potrebbero portare la vicenda oltre i limiti del Tas, quindi ad un tribunale ordinario mettendo in pericolo tutta l'impalcatura del Fair Play Finanziaro rispetto alle norme europee sulla libertà d'impresa e sulla libera concorrenza. La Uefa, quindi, ha un chiaro timore di confrontarsi col fondo Elliot nel caso del Milan e con lo sceicco per quanto riguarda il City Group: si tratta di paure politiche in ambito europeo che, di conseguenza, condizionano anche i giudici contabili che ne risentono nel loro modo di procedere. Così si sono creati i tempi lunghi che però hanno un limite fisiologico, ovvero quello dei preliminari dell'Europa League. Ma al di là del calendario vero e proprio, e delle date certe, andrebbe dato ai vari club un tempo minimo, per organizzarsi nel modo giusto, senza doversi preoccupare delle anomalie e delle rispettive procedure".
    Una volta ogni tanto condivido ogni parola con Bellinazzo.

    Come volevasi dimostrare : " Iddiot " Cit. se li sta portando a casa.
    Gattuso : " il giorno che arrivò Kaka a Milanello ci guardammo tutti in faccia chiedendoci chi fosse quello sfigato con gli occhialini ,due ore dopo iniziammo la partitella. Primo pallone toccato da Kaka mi salta come nulla fosse arriva davanti a Nesta si sposta la palla e spara un missile all incrocio dei pali. Che ci crediate o meno in quel momento capii che avremmo rivinto la Champions guidati da quello sfigato con gli occhialini "

  3. #3
    Senior Member L'avatar di diavoloINme
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    18,752
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Marco Bellinazzo, intervistato da Il Romanista, sulla vicenda Milan - Uefa:"Non era in programma. Non era previsto nessun giudizio sul club rossonero, non c'era nulla all'ordine del giorno che riguardava il Milan - ha aggiunto Bellinazzo - Il fatto è che su queste vicende molta gente parla a sproposito senza conoscere bene le cose. Non c'è una data certa, può essere domani (ieri ndr) come tra una settimana. L'unica cosa certa è che esiste una vera e propria corsa contro il tempo che sta mettendo in atto il Milan per non rischiare di andare troppo in là con i tempi: se le cose si prolungano verrà a crearsi uno scenario simile a quello dello scorso anno, con una sentenza arrivata troppo in avanti. Per il Milan sarebbe positivo subire ora la sanzione, avendo poi a disposizione più tempo per pianificare con maggior cura ed attenzione il modo per rientrare nei paletti del Fair Play Finanziaro. Normalmente questo tipo di procedure deve chiudersi prima che parta la stagione, comunque in tempo utile per non procurare questi disguidi alle varie società interessate. Ma, lo ripeto, la vicenda del Milan è anomale e la Uefa non l'ha gestita bene. La Uefa ha paura che qualora il Milan, ma per esempio anche il City per quanto riguarda la sua questione, fossero messi alle strette, potrebbero portare la vicenda oltre i limiti del Tas, quindi ad un tribunale ordinario mettendo in pericolo tutta l'impalcatura del Fair Play Finanziaro rispetto alle norme europee sulla libertà d'impresa e sulla libera concorrenza. La Uefa, quindi, ha un chiaro timore di confrontarsi col fondo Elliot nel caso del Milan e con lo sceicco per quanto riguarda il City Group: si tratta di paure politiche in ambito europeo che, di conseguenza, condizionano anche i giudici contabili che ne risentono nel loro modo di procedere. Così si sono creati i tempi lunghi che però hanno un limite fisiologico, ovvero quello dei preliminari dell'Europa League. Ma al di là del calendario vero e proprio, e delle date certe, andrebbe dato ai vari club un tempo minimo, per organizzarsi nel modo giusto, senza doversi preoccupare delle anomalie e delle rispettive procedure".
    Non vedo dove sia il problema : ciò che è anacronistico è sempre destinato a crollare...
    La sentenza Bosman non cambiò il calcio?
    Ce ne faremmo una ragione anche in tal caso.
    I got guns in my head and they won’t go....

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600