Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 3 di 7 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 63

  1. #21
    Senior Member L'avatar di Toby rosso nero
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    11,732
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 27 Agosto 2015, pubblica un'intervista esclusiva a Mario Balotelli, che si confessa e racconta tutto su se stesso, Berlusconi, Mihajlovic, la figlia Pia e gli Europei.

    Balotelli giura:"Sono un altro".

    Nelle prossime ore l'intervista completa


    Ecco la prima pagina


    Mancava solo che gli facessero un fotomontaggio con l'aureola e le ali da angelo.

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #22
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,738
    Citazione Originariamente Scritto da er piscio de gatto Visualizza Messaggio
    Ogni volta la stessa storia. Lui e Cassano, gemelli nell'idiozia

    Non cambierà mai, magari starà un mese tranquillo, ma tanto prima o poi ci ricasca. E' sempre Balotelli.

    Verrà ammonito per proteste, verrà espulso per proteste, verrà squalificato per insulti agli arbitri, verrà ammonito quando farà falli normali perché è Balotelli.

    Una spirale che lo risucchierà di nuovo nell'oblio, ma purtroppo è pieno di soldi e non lo potremo mai vedere per strada a fare l'elemosina

    Cosa vuoi farci... Non è l'epoca dei giganti, ma di nani che vivono sulle spalle di nani. L'era dei Baresi, Tassotti, Donadoni ed Evani tornerà forse un giorno, ma non è questa. Speriamo di non diventare troppo vecchi prima di rivederla. Nel frattempo facciamo con quello che c'è.

  4. #23
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    10,990
    Citazione Originariamente Scritto da Toby rosso nero Visualizza Messaggio
    Mancava solo che gli facessero un fotomontaggio con l'aureola e le ali da angelo.


    Quasi quasi lo faccio io il fotomontaggio

  5. #24
    Ecco la prima parte dell'intervista:

    «Come mi sento? Come uno che ha appena messo da parte il primo tempo della sua carriera. Giocata e vissuta da ragazzo. Non tutto è andato bene, ho sprecato diverse occasioni. Ma la partita non è finita... Ho ancora un secondo tempo davanti. Ora me lo gioco e vivo da uomo. Lo so che molti non credono alla mia rimonta. Ma ho il dovere di provarci. E la certezza di riuscirci»

    È l’ultima occasione. Anzi l’ultimissima come ha detto Galliani.

    «Ho una promessa da mantenere con me stesso, la mia famiglia, il Milan, Mihajlovic, Raiola e chi mi vuole bene... Riparto da zero. So che non posso più sbagliare niente, non posso pretendere nulla e devo riconquistare tutto. Mi metto a disposizione. Accetto ogni regola. Avrò spazio se lo meriterò. Ma non ho dimenticato come si gioca al calcio. Rientro pieno di energia, voglia di lavorare, entusiasmo. La mia partita non è ancora finita».

    Fa effetto sentirla parlare... Quando è arrivata tutta questa maturità?

    «Ho 25 anni, non sono più un bambino. E ho buttato via già troppe occasioni. E poi c’è la vita. Quella non la programmi. E quando ti presenta il conto all’improvviso, è li che cambi. Sono le situazioni che ti fanno maturare. Si tratti della gioia di capire cosa vuol dire essere padre o del dolore di perderlo, un padre».

    Mario, cos’è il sorriso di una figlia?

    «È una tenerezza infinita. Quando Pia sorride, il mondo che a volte sembra in bianco e nero torna ad essere a colori. Io sono innamorato pazzo di mia figlia. Quando è cominciato il rapporto con lei, è cambiato tutto. Ora poi mi riconosce, capisce ed è bellissimo... Cercherò di farla avvicinare a Milano, la voglio accanto a me, il più vicino possibile».

    Come è nato questo clamoroso ritorno al Milan?

    «All’improvviso. Mino (Raiola, ndr) mi ha avvertito sabato: “fai i bagagli e prendi un aereo privato, torni al Milan”. Non c’è stato bisogno di aerei privati, ne ho preso uno di linea e sono tornato...».

    Sembrava non la volesse più nessuno...

    «No, sapevo che avrei avuto un’altra squadra, perché non sono finito. Ma sono grato al Milan, perché, dico la verità, non mi aspettavo mi avrebbe ripreso, puntando ancora su di me. Tornare qui è un sogno che si realizza, è la seconda chance che tanti non hanno avuto. Il Milan me la sta dando e sono fortunato».

    Cosa non ha funzionato a Liverpool?

    «Mi prendo le mie colpe, ma anche il modulo scelto da Rodgers non era congeniale alle mie caratteristiche. All’inizio ho sbagliato alcuni gol facili, poi ho avuto meno occasioni per segnare, un po’ di sfortuna, infortuni... Un casino. Però non ho mai protestato, ho accettato le scelte del tecnico, mi sono comportato sempre da professionista. Mario uomo non sbuca adesso a Milanello, anche a Liverpool atteggiamenti e stile di vita sono stati normalissimi. Nell’ultimo anno non ci sono stati mai problemi nel mio privato. Potevo mettere su Instagram una foto al ristorante, ma questo non significava che non mi allenavo anche se non giocavo.»

    In effetti sembra in buona forma.

    «Mi sono allenato tanto, spesso doppie sedute anche da solo nell'ultimo mese con Borini e Jose Enrique: è stata dura, ma se non lo avessi fatto ieri dopo l’allenamento sarei morto. Perché quelli di Mihajlovic sono durissimi, ma io sto bene».

    Come ha convinto Mihajlovic a puntare su di lei?

    «Il mister mi conosce sin da quando ero ragazzo. Il problema non è mai stato la qualità, semmai il carattere. Si sentono sempre tante cose su di me, ogni aspetto viene amplificato, giustamente ha voluto guardarmi negli occhi, capire se avevo le motivazioni giuste. Mi ha ascoltato, senza farsi condizionare dai si dice, e già solo per questo lo ringrazio».

    Cosa gli ha detto?

    "Che ho capito i miei errori e che se mi avesse dato un'altra chances non lo avrei deluso. Che darò tutto quello che ho. Che sono un uomo adesso e problemi non ne creo. Che accetterò ogni sua decisione. Il mister è un leader, onesto, schietto, leale. Non bluffa. Ti parla guardandoti negli occhi, come piace a me. Guarda l'uomo non solo il calciatore. Si è esposto riprendendomi. Ho un grande debito verso lui".

    Galliani ha parlato di certi amori che ritornano... ma i ritorni al Milan sono stati spesso deludenti.

    "Un motivo in più per invertire la tendenza. Devo dimostrare che non ha sbagliato. So che ci crede quanto ci credo io".

    Berlusconi le ha teso una una mano, sebbene in passato l'abbia definita una mela marcia...

    "Il si di Berlusconi è stata la sorpresa più grande di tutte. Non me lo sarei mai aspettato. Quella frase su di me è stata estrapolata da un contesto, non sono mai stato una mela marcia. Ero un ragazzino, ora troverà un uomo. E lo ripagherò della fiducia".

    La seconda parte verrà caricata dopo
    Con il Milan nel sangue, nella mente e nel cuore.

  6. #25
    Mah... son davvero parole di Balotelli?
    Quando lo intervistano solitamente fatica e mettere insieme una frase, qua sembra esprimere concetti profondi e articolati.
    A me sembra tanto scritta con l'aiuto di qualcuno...

  7. #26
    Bannato
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    570
    Fino a dicembre farà benissimo, poi tornerà il solito.

    Comunque non vi siete resi conto di una cosa gravissima:
    Da quando è arrivato, si è preso la scena, giornali, TV ecc
    Non si parla più delle nostre lacune, del nostro mercato e del sciagurato galliani

    Specchietto per le allodole.
    Basti pensare che c'erano tifosi sia a casa Milan che a milanello solo per lui

  8. #27
    Member L'avatar di folletto
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Terni
    Messaggi
    4,757
    Citazione Originariamente Scritto da Super_Lollo Visualizza Messaggio
    Incredibile neanche 24h dopo L arrivo in Italia è già è su tutti i giornali .
    Esattamente. Il silenzio poteva far sperare (poco), la primapagina è il preludio a tante altre prime pagine
    Liberi ma......ancora brutti....

  9. #28
    Senior Member L'avatar di Casnop
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    6,738
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Ecco la prima parte dell'intervista:

    «Come mi sento? Come uno che ha appena messo da parte il primo tempo della sua carriera. Giocata e vissuta da ragazzo. Non tutto è andato bene, ho sprecato diverse occasioni. Ma la partita non è finita... Ho ancora un secondo tempo davanti. Ora me lo gioco e vivo da uomo. Lo so che molti non credono alla mia rimonta. Ma ho il dovere di provarci. E la certezza di riuscirci»

    È l’ultima occasione. Anzi l’ultimissima come ha detto Galliani.

    «Ho una promessa da mantenere con me stesso, la mia famiglia, il Milan, Mihajlovic, Raiola e chi mi vuole bene... Riparto da zero. So che non posso più sbagliare niente, non posso pretendere nulla e devo riconquistare tutto. Mi metto a disposizione. Accetto ogni regola. Avrò spazio se lo meriterò. Ma non ho dimenticato come si gioca al calcio. Rientro pieno di energia, voglia di lavorare, entusiasmo. La mia partita non è ancora finita».

    Fa effetto sentirla parlare... Quando è arrivata tutta questa maturità?

    «Ho 25 anni, non sono più un bambino. E ho buttato via già troppe occasioni. E poi c’è la vita. Quella non la programmi. E quando ti presenta il conto all’improvviso, è li che cambi. Sono le situazioni che ti fanno maturare. Si tratti della gioia di capire cosa vuol dire essere padre o del dolore di perderlo, un padre».

    Mario, cos’è il sorriso di una figlia?

    «È una tenerezza infinita. Quando Pia sorride, il mondo che a volte sembra in bianco e nero torna ad essere a colori. Io sono innamorato pazzo di mia figlia. Quando è cominciato il rapporto con lei, è cambiato tutto. Ora poi mi riconosce, capisce ed è bellissimo... Cercherò di farla avvicinare a Milano, la voglio accanto a me, il più vicino possibile».

    Come è nato questo clamoroso ritorno al Milan?

    «All’improvviso. Mino (Raiola, ndr) mi ha avvertito sabato: “fai i bagagli e prendi un aereo privato, torni al Milan”. Non c’è stato bisogno di aerei privati, ne ho preso uno di linea e sono tornato...».

    Sembrava non la volesse più nessuno...

    «No, sapevo che avrei avuto un’altra squadra, perché non sono finito. Ma sono grato al Milan, perché, dico la verità, non mi aspettavo mi avrebbe ripreso, puntando ancora su di me. Tornare qui è un sogno che si realizza, è la seconda chance che tanti non hanno avuto. Il Milan me la sta dando e sono fortunato».

    Cosa non ha funzionato a Liverpool?

    «Mi prendo le mie colpe, ma anche il modulo scelto da Rodgers non era congeniale alle mie caratteristiche. All’inizio ho sbagliato alcuni gol facili, poi ho avuto meno occasioni per segnare, un po’ di sfortuna, infortuni... Un casino. Però non ho mai protestato, ho accettato le scelte del tecnico, mi sono comportato sempre da professionista. Mario uomo non sbuca adesso a Milanello, anche a Liverpool atteggiamenti e stile di vita sono stati normalissimi. Nell’ultimo anno non ci sono stati mai problemi nel mio privato. Potevo mettere su Instagram una foto al ristorante, ma questo non significava che non mi allenavo anche se non giocavo.»

    In effetti sembra in buona forma.

    «Mi sono allenato tanto, spesso doppie sedute anche da solo nell'ultimo mese con Borini e Jose Enrique: è stata dura, ma se non lo avessi fatto ieri dopo l’allenamento sarei morto. Perché quelli di Mihajlovic sono durissimi, ma io sto bene».

    Come ha convinto Mihajlovic a puntare su di lei?

    «Il mister mi conosce sin da quando ero ragazzo. Il problema non è mai stato la qualità, semmai il carattere. Si sentono sempre tante cose su di me, ogni aspetto viene amplificato, giustamente ha voluto guardarmi negli occhi, capire se avevo le motivazioni giuste. Mi ha ascoltato, senza farsi condizionare dai si dice, e già solo per questo lo ringrazio».

    Cosa gli ha detto?

    "Che ho capito i miei errori e che se mi avesse dato un'altra chances non lo avrei deluso. Che darò tutto quello che ho. Che sono un uomo adesso e problemi non ne creo. Che accetterò ogni sua decisione. Il mister è un leader, onesto, schietto, leale. Non bluffa. Ti parla guardandoti negli occhi, come piace a me. Guarda l'uomo non solo il calciatore. Si è esposto riprendendomi. Ho un grande debito verso lui".

    Galliani ha parlato di certi amori che ritornano... ma i ritorni al Milan sono stati spesso deludenti.

    "Un motivo in più per invertire la tendenza. Devo dimostrare che non ha sbagliato. So che ci crede quanto ci credo io".

    Berlusconi le ha teso una una mano, sebbene in passato l'abbia definita una mela marcia...

    "Il si di Berlusconi è stata la sorpresa più grande di tutte. Non me lo sarei mai aspettato. Quella frase su di me è stata estrapolata da un contesto, non sono mai stato una mela marcia. Ero un ragazzino, ora troverà un uomo. E lo ripagherò della fiducia".

    La seconda parte verrà caricata dopo
    Deve dare prova di questo, da subito. E lo deve al Milan ed ai tifosi della Nazionale, benché debba ammettersi che si è caricato di responsabilità non esclusive per il fallimento del Mondiale dello scorso anno. Tocca a lui, è nell'età migliore per farlo.

  10. #29
    Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Bucci beach and Franciacorta
    Messaggi
    6,732
    Citazione Originariamente Scritto da Il Re dell'Est Visualizza Messaggio
    Ecco la prima parte dell'intervista:

    «Come mi sento? Come uno che ha appena messo da parte il primo tempo della sua carriera. Giocata e vissuta da ragazzo. Non tutto è andato bene, ho sprecato diverse occasioni. Ma la partita non è finita... Ho ancora un secondo tempo davanti. Ora me lo gioco e vivo da uomo. Lo so che molti non credono alla mia rimonta. Ma ho il dovere di provarci. E la certezza di riuscirci»

    È l’ultima occasione. Anzi l’ultimissima come ha detto Galliani.

    «Ho una promessa da mantenere con me stesso, la mia famiglia, il Milan, Mihajlovic, Raiola e chi mi vuole bene... Riparto da zero. So che non posso più sbagliare niente, non posso pretendere nulla e devo riconquistare tutto. Mi metto a disposizione. Accetto ogni regola. Avrò spazio se lo meriterò. Ma non ho dimenticato come si gioca al calcio. Rientro pieno di energia, voglia di lavorare, entusiasmo. La mia partita non è ancora finita».

    Fa effetto sentirla parlare... Quando è arrivata tutta questa maturità?

    «Ho 25 anni, non sono più un bambino. E ho buttato via già troppe occasioni. E poi c’è la vita. Quella non la programmi. E quando ti presenta il conto all’improvviso, è li che cambi. Sono le situazioni che ti fanno maturare. Si tratti della gioia di capire cosa vuol dire essere padre o del dolore di perderlo, un padre».

    Mario, cos’è il sorriso di una figlia?

    «È una tenerezza infinita. Quando Pia sorride, il mondo che a volte sembra in bianco e nero torna ad essere a colori. Io sono innamorato pazzo di mia figlia. Quando è cominciato il rapporto con lei, è cambiato tutto. Ora poi mi riconosce, capisce ed è bellissimo... Cercherò di farla avvicinare a Milano, la voglio accanto a me, il più vicino possibile».

    Come è nato questo clamoroso ritorno al Milan?

    «All’improvviso. Mino (Raiola, ndr) mi ha avvertito sabato: “fai i bagagli e prendi un aereo privato, torni al Milan”. Non c’è stato bisogno di aerei privati, ne ho preso uno di linea e sono tornato...».

    Sembrava non la volesse più nessuno...

    «No, sapevo che avrei avuto un’altra squadra, perché non sono finito. Ma sono grato al Milan, perché, dico la verità, non mi aspettavo mi avrebbe ripreso, puntando ancora su di me. Tornare qui è un sogno che si realizza, è la seconda chance che tanti non hanno avuto. Il Milan me la sta dando e sono fortunato».

    Cosa non ha funzionato a Liverpool?

    «Mi prendo le mie colpe, ma anche il modulo scelto da Rodgers non era congeniale alle mie caratteristiche. All’inizio ho sbagliato alcuni gol facili, poi ho avuto meno occasioni per segnare, un po’ di sfortuna, infortuni... Un casino. Però non ho mai protestato, ho accettato le scelte del tecnico, mi sono comportato sempre da professionista. Mario uomo non sbuca adesso a Milanello, anche a Liverpool atteggiamenti e stile di vita sono stati normalissimi. Nell’ultimo anno non ci sono stati mai problemi nel mio privato. Potevo mettere su Instagram una foto al ristorante, ma questo non significava che non mi allenavo anche se non giocavo.»

    In effetti sembra in buona forma.

    «Mi sono allenato tanto, spesso doppie sedute anche da solo nell'ultimo mese con Borini e Jose Enrique: è stata dura, ma se non lo avessi fatto ieri dopo l’allenamento sarei morto. Perché quelli di Mihajlovic sono durissimi, ma io sto bene».

    Come ha convinto Mihajlovic a puntare su di lei?

    «Il mister mi conosce sin da quando ero ragazzo. Il problema non è mai stato la qualità, semmai il carattere. Si sentono sempre tante cose su di me, ogni aspetto viene amplificato, giustamente ha voluto guardarmi negli occhi, capire se avevo le motivazioni giuste. Mi ha ascoltato, senza farsi condizionare dai si dice, e già solo per questo lo ringrazio».

    Cosa gli ha detto?

    "Che ho capito i miei errori e che se mi avesse dato un'altra chances non lo avrei deluso. Che darò tutto quello che ho. Che sono un uomo adesso e problemi non ne creo. Che accetterò ogni sua decisione. Il mister è un leader, onesto, schietto, leale. Non bluffa. Ti parla guardandoti negli occhi, come piace a me. Guarda l'uomo non solo il calciatore. Si è esposto riprendendomi. Ho un grande debito verso lui".

    Galliani ha parlato di certi amori che ritornano... ma i ritorni al Milan sono stati spesso deludenti.

    "Un motivo in più per invertire la tendenza. Devo dimostrare che non ha sbagliato. So che ci crede quanto ci credo io".

    Berlusconi le ha teso una una mano, sebbene in passato l'abbia definita una mela marcia...

    "Il si di Berlusconi è stata la sorpresa più grande di tutte. Non me lo sarei mai aspettato. Quella frase su di me è stata estrapolata da un contesto, non sono mai stato una mela marcia. Ero un ragazzino, ora troverà un uomo. E lo ripagherò della fiducia".

    La seconda parte verrà caricata dopo
    il lupo perde il pelo ma non il vizio,mi sembra tutto un immenso deja vu

  11. #30
    Member L'avatar di bmb
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    3,137
    Come ho già detto, anche Cassano è riuscito a stare buono un paio di stagioni. Ci riuscirà anche lui.

Pagina 3 di 7 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.