Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito!
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    47,359

    Bacca":Ora mi diverto. Con Montella tutta un'altra cosa".

    Ecco le parole di Carlos Bacca sul nuovo Milan e su Vincenzo Montella in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 26 agosto:"Il West Ham è un club di prima grandezza. Ma ho respinto l'offerta anche perchè devo pensare alla mia famiglia. Ne ho parlato con Galliani, mi è parso giusto avvisarlo perché mi ritengo una persona chiara e trasparente e la mia intenzione è restare dove sono. Lui mi ha risposto che anche il club ritiene che io debba rimanere. Sono sincero: mi piace molto sentirmi dire dalla società che per loro sono importante. Ai tifosi dico: tranquilli, per me il mercato è terminato. Prima ero sul mercato, so che il club aveva dei problemi e so che ero uno dei pochi che avrebbe garantito di fare cassa. Con i soldi della mia cessione il Milan avrebbe risolto diverse situazioni, quindi se fosse finita così lo avrei capito. Ora invece la sensazione di essere un incedibile è molto bella. Vuol dire che c’è fiducia in me, che sono andato bene. Prima di essere un calciatore sono una persona. Se sono importante per il Milan, vuol dire che devo restare. Chi mi ha convinto a restare? La mia famiglia. Oltre che dall’Inghilterra avevo offerte anche da Italia (il Napoli, ndr) e Francia, ma erano tutte situazioni in cui non mi vedevo al 100%. Ho ascoltato mia moglie prima di decidere di restare a Milano. A lei piace tutto dell’Italia e di questa città e mio figlio considera Milano casa sua. Io voglio arrivare a casa e vedere la mia famiglia contenta. Penso di essere un buon papà. Il pallone della tripletta l’ho consegnato a mio figlio. Prima se l’è messo in camera, il giorno dopo l’ha sistemato nel museo di casa con tutti gli altri trofei che ho vinto in carriera. Vorrei che facesse il calciatore anche lui, giochiamo tutti i giorni nel campetto di casa. E’ lungo una cinquantina di metri, si diverte da matti e il sorriso è la cosa più importante, come ce l’ho io quando gioco a pallone. Montella? Con lui mi diverto molto di più, perché è con la palla che si gioca a calcio, non con la corsa. Se corri e basta allora tanto vale
    allenarsi con Bolt... Mi piace il suo gioco perché la squadra è costruita per attaccare e mi arrivano più palle gol. Col Torino sono state 5 o 6 e allora sì chela butto dentro tre volte. Se invece te ne arriva una è molto più complicato. L’anno scorso era così e dovevo restare concentratissimo. Posso dirlo? Ora è diverso, c’è allegria in spogliatoio, in pullman, in hotel. La scorsa stagione mancava. Montella mi ha detto chiaramente che gli sarebbe spiaciuto perdermi, che mi ritiene forte, un leader, e che segno tanto come faceva lui. Ho sentito la sua fiducia e so che nel suo tipo di gioco ci starò bene come ci starei in quello di tutti gli allenatori. Sono uno che si adatta e lavora duro per la squadra, è sempre successo così. la classifica marcatori mi interessa eccome. Come minimo, voglio superare i gol dell’anno scorso, però vorrei equilibrio nei miei confronti: non sono un fenomeno dopo una tripletta, e non sono scarso se me ne mangio tre. Quando succederà mi diranno che ho la testa altrove, e io invece resto sempre lo stesso. Mi dà fastidio essere giudicato solo in base ai gol. Poi, ovvio, devo migliorare, soprattutto col sinistro. Voglio l’Europa con questa maglia, sto lavorando per questo. La mentalità mia e del club è europea, per il Milan l’Europa è un obbligo. Sono orgoglioso di essere in questo club e di esserci adesso: cinque anni fa sarebbe stato facile e comodo per chiunque scegliere il Milan, io l’ho fatto quando tutto era più difficile. Ora è arrivato il momento di cambiare la situazione e riportarla com’era. Se segnerò ancora di rabona? Direi di sì. A qualcuno non piacerà, ma se mi riesce poi sono un fenomeno per tutti...".
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Senior Member L'avatar di kolao95
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Località
    Atessa (CH)
    Messaggi
    8,064
    Bellissima intervista, mi è parso molto schietto come persona.
    Che dire? Lo scorso anno lo sostenevo anche quando le cose andavano male perché col gioco in ripartenza di Mihajlovic era importante, quest'anno speravo andasse via per far sì che si rinforzassero altri reparti e perchè continuo a non reputarlo adatto al calcio di Montella, detto questo spero che mi faccia ricredere (come ha fatto già domenica) su quest'ultimo aspetto e che continui a farci esultare

    P.S: mi hanno stupito quelle dichiarazioni sull'umore dello spogliatoio nello scorso anno.. Chissà se si riferiva a Brocchi o a Miha (o a entrambi).
    Ci avete strappato perfino la voglia di tifare. Vergognatevi, pezzenti!

  4. #3
    Member L'avatar di Serginho
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Newcastle
    Messaggi
    4,894

    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    perché è con la palla che si gioca a calcio, non con la corsa. Se corri e basta allora tanto vale
    allenarsi con Bolt... .
    Parole sante

  5. #4
    Junior Member L'avatar di Luca_Taz
    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    447
    Molto onesto e senza troppi giri di parole...niente da ridire.

    molto simpatico l'ultimo stralcio "farai ancora gol in rabona? direi di sì cosi sarò un fenomeno per tutti.."

    il pezzo non scritto è "se xo' sbaglio mi tirano i seggiolini di san siro nella schiena!"
    #saveacmilan #silviovendi

  6. #5
    Member L'avatar di MaschioAlfa
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Milan
    Messaggi
    1,869
    .... Donne.
    Sono la rovina o la salvezza.
    Quella di Sheva voleva Londra....
    Quella di Carlos Milano.....
    Le' mei daghel che ciapal !

  7. #6
    Senior Member L'avatar di Djici
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Liège
    Messaggi
    8,305
    Intervista che mi piace molto.
    Bravo Bacca. Piu sincero di cosi non poteva.
    Brocchi per brocchi

  8. #7
    Member L'avatar di martinmilan
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Località
    Borgo Nuovo Verona
    Messaggi
    3,700
    Conferma che mihajlovic era l'anticalcio.Un ex difensore ''mazzolatore'' che pensa più a spezzare il gioco che a crearlo.
    I più grandi allenatori da giocatori erano quasi sempre centrocampisti perchè sanno che per vincere bisogna creare.

  9. #8
    Member L'avatar di Mr. Canà
    Data Registrazione
    Jul 2014
    Località
    Barcellona, Spagna
    Messaggi
    1,952
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Ecco le parole di Carlos Bacca sul nuovo Milan e su Vincenzo Montella in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, 26 agosto:"Il West Ham è un club di prima grandezza. Ma ho respinto l'offerta anche perchè devo pensare alla mia famiglia. Ne ho parlato con Galliani, mi è parso giusto avvisarlo perché mi ritengo una persona chiara e trasparente e la mia intenzione è restare dove sono. Lui mi ha risposto che anche il club ritiene che io debba rimanere. Sono sincero: mi piace molto sentirmi dire dalla società che per loro sono importante. Ai tifosi dico: tranquilli, per me il mercato è terminato. Prima ero sul mercato, so che il club aveva dei problemi e so che ero uno dei pochi che avrebbe garantito di fare cassa. Con i soldi della mia cessione il Milan avrebbe risolto diverse situazioni, quindi se fosse finita così lo avrei capito. Ora invece la sensazione di essere un incedibile è molto bella. Vuol dire che c’è fiducia in me, che sono andato bene. Prima di essere un calciatore sono una persona. Se sono importante per il Milan, vuol dire che devo restare. Chi mi ha convinto a restare? La mia famiglia. Oltre che dall’Inghilterra avevo offerte anche da Italia (il Napoli, ndr) e Francia, ma erano tutte situazioni in cui non mi vedevo al 100%. Ho ascoltato mia moglie prima di decidere di restare a Milano. A lei piace tutto dell’Italia e di questa città e mio figlio considera Milano casa sua. Io voglio arrivare a casa e vedere la mia famiglia contenta. Penso di essere un buon papà. Il pallone della tripletta l’ho consegnato a mio figlio. Prima se l’è messo in camera, il giorno dopo l’ha sistemato nel museo di casa con tutti gli altri trofei che ho vinto in carriera. Vorrei che facesse il calciatore anche lui, giochiamo tutti i giorni nel campetto di casa. E’ lungo una cinquantina di metri, si diverte da matti e il sorriso è la cosa più importante, come ce l’ho io quando gioco a pallone. Montella? Con lui mi diverto molto di più, perché è con la palla che si gioca a calcio, non con la corsa. Se corri e basta allora tanto vale
    allenarsi con Bolt... Mi piace il suo gioco perché la squadra è costruita per attaccare e mi arrivano più palle gol. Col Torino sono state 5 o 6 e allora sì chela butto dentro tre volte. Se invece te ne arriva una è molto più complicato. L’anno scorso era così e dovevo restare concentratissimo. Posso dirlo? Ora è diverso, c’è allegria in spogliatoio, in pullman, in hotel. La scorsa stagione mancava. Montella mi ha detto chiaramente che gli sarebbe spiaciuto perdermi, che mi ritiene forte, un leader, e che segno tanto come faceva lui. Ho sentito la sua fiducia e so che nel suo tipo di gioco ci starò bene come ci starei in quello di tutti gli allenatori. Sono uno che si adatta e lavora duro per la squadra, è sempre successo così. la classifica marcatori mi interessa eccome. Come minimo, voglio superare i gol dell’anno scorso, però vorrei equilibrio nei miei confronti: non sono un fenomeno dopo una tripletta, e non sono scarso se me ne mangio tre. Quando succederà mi diranno che ho la testa altrove, e io invece resto sempre lo stesso. Mi dà fastidio essere giudicato solo in base ai gol. Poi, ovvio, devo migliorare, soprattutto col sinistro. Voglio l’Europa con questa maglia, sto lavorando per questo. La mentalità mia e del club è europea, per il Milan l’Europa è un obbligo. Sono orgoglioso di essere in questo club e di esserci adesso: cinque anni fa sarebbe stato facile e comodo per chiunque scegliere il Milan, io l’ho fatto quando tutto era più difficile. Ora è arrivato il momento di cambiare la situazione e riportarla com’era. Se segnerò ancora di rabona? Direi di sì. A qualcuno non piacerà, ma se mi riesce poi sono un fenomeno per tutti...".
    Bella intervista, sembra una persona genuina. Interessante quando dice "Ora è diverso, c’è allegria in spogliatoio, in pullman, in hotel. La scorsa stagione mancava". Secondo me è un elemento molto importante. Miha faceva il sergente di ferro (o meglio, lo faceva a seconda delle situazioni), ma probabilmente solo il bastone non è servito a molto.

  10. #9
    Junior Member L'avatar di Djerry
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    407
    Tutto bellissimo, e la storia del giocatore non mi fa dubitare su questa sua emotività e sensibilità.

    Ma che il procuratore abbia iniziato coi mal di pancia fin da dicembre scorso, e che il fatto che sia ancora qui è solo dovuto alla pochezza del progetto europeo del West Ham (come per altro ben confermato ieri) ed all'assenza di una qualsiasi offerta per giocare in Champions, sono altre certezze che non possono essere dimenticate.

    La versione "il Milan aveva bisogno di cedermi" è sicuramente vera, ma l'altra parte della verità è che lui ed il suo entourage si sono messi sul mercato da 7-8 mesi non appena la stagione scorsa è andata a sud.

    E questa intervista dopo una tripletta ha un sapore dolcissimo, ma cosa sarà del suo essere incedibile, del Milan che ha scelto in tempi di vacche magre (a 4 milioni netti) e del gioco di Montella quando arriveranno, perché arriveranno, le sue partite da 4.5 senza toccare un pallone e le prime sconfitte?

  11. #10
    Bannato
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    893
    Un miracolo sia arrivato, un miracolo sia rimasto. Non poteva iniziare in un modo migliore, tripletta.
    Grande Bacca.

    Citazione Originariamente Scritto da Djerry Visualizza Messaggio
    E questa intervista dopo una tripletta ha un sapore dolcissimo, ma cosa sarà del suo essere incedibile, del Milan che ha scelto in tempi di vacche magre (a 4 milioni netti) e del gioco di Montella quando arriveranno, perché arriveranno, le sue partite da 4.5 senza toccare un pallone e le prime sconfitte?
    Ah già, quando arriveranno le sconfitte si parlerà soltanto di Bacca perchè in effetti sarà soltanto per colpa sua visto che i compagni sono fenomeni. E i 23 goals in 1 stagione e 1 partita si cancelleranno.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.