Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 4 di 4

  1. #1
    Renegade
    Ospite

    Ancelotti a Gazzetta TV: ''La mia storia di allenatore...''

    Carlo Ancelotti è stato intervistato nel programma di Condò su Gazzetta TV, questi i suoi racconti, specie sul Milan: ''La prima grande vittoria è stata la finale di Champions League a Manchester del 2003. Prima di allora ero riuscito a vincere il campionato a Reggio in B, a raggiungere un secondo posto col Parma e i due con la Juvetus. Ma quel trionfo contro la Juventus è stato il precursore a quello che sono riuscito a conquistare dopo. A livello personale, dovevo togliermi l'etichetta di eterno secondo. Sono ancora molto legato al Milan. Che ci fosse la Juve, in quella finale, è un dettaglio. Istanbul? A Istanbul avrei rifatto comunque le stesse cose. La cosa principale è che ho detto ai ragazzi che gli dovevamo dare il colpo di grazia, di finirli, che erano inglesi e per questo non si arrendevano mai, quindi non c'era da fidarsi. Che i primi 15 minuti sarebbero stati importantissimi e che loro ci credevano ancora. Penso di aver detto le cose giuste. Atene? Speravo fortemente che ci ricapitasse il Liverpool. Li volevamo, a tutti i costi. Avevamo visto la partita in ritiro e vedevo che tutti volevano questa rivincita. Perché, alla fine, credo che ci sia un destino. Non si può perdere una finale come l’abbiamo persa, e quella volta dovevamo vincerla. Un po’ come col Boca Juniors. Gerrard? Ho avuto Alonso in squadra e ci abbiamo scherzato. Nutro un’ammirazione per Gerrard infinta, abbiamo provato a prenderlo al Milan, ma è stato impossibile. Il 4-3-2-1? Il Milan mi mise a disposizione una marea di trequartisti in rosa. Dovevamo giocare un calcio offensivo, come è nel DNA del Milan. Il primo alberello è quello di La Coruna, con Pirlo e Seedorf in mezzo e Rui Costa e Rivaldo dietro a Inzaghi. Ci fu un grande sacrificio di Seedorf in quel modulo, perché doveva arretrare a giocare sul centrosinistra, come mezzala. Il Deportivo giocava con due mediani schierati in campo e pensai di mandare i due trequartisti. Nella finale di Manchester contro la Juventus non usammo questo sistema, abbiamo giocato col rombo di centrocampo. I miei test atletici da giocatore? Sacchi mi raccontava un sacco di storielle per non farmi demoralizzare sulla mia lentezza, causa infortuni alle ginocchia. Fargli da assistente ai Mondiali del 1994 fu una grande esperienza per me. Era un grande tecnico, si faceva capire subito da tutti. Berlusconi? La relazione principale, secondo me, è quella con la tua squadra. Se va male con i giocatori, sei un uomo morto. Quello che io dico, e parlo in generale, un allenatore deve sentirsi tutelato dalla società. Allenare l'Italia? Per ora non saprei, in quanto mi piace allenare tutti i giorni. Poi se nel 2018 non ne avrò più voglia, chissà...''

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
     

  3. #2
    Citazione Originariamente Scritto da Renegade Visualizza Messaggio
    Carlo Ancelotti è stato intervistato nel programma di Condò su Gazzetta TV, questi i suoi racconti, specie sul Milan: ''La prima grande vittoria è stata la finale di Champions League a Manchester del 2003. Prima di allora ero riuscito a vincere il campionato a Reggio in B, a raggiungere un secondo posto col Parma e i due con la Juvetus. Ma quel trionfo contro la Juventus è stato il precursore a quello che sono riuscito a conquistare dopo. A livello personale, dovevo togliermi l'etichetta di eterno secondo. Sono ancora molto legato al Milan. Che ci fosse la Juve, in quella finale, è un dettaglio. Istanbul? A Istanbul avrei rifatto comunque le stesse cose. La cosa principale è che ho detto ai ragazzi che gli dovevamo dare il colpo di grazia, di finirli, che erano inglesi e per questo non si arrendevano mai, quindi non c'era da fidarsi. Che i primi 15 minuti sarebbero stati importantissimi e che loro ci credevano ancora. Penso di aver detto le cose giuste. Atene? Speravo fortemente che ci ricapitasse il Liverpool. Li volevamo, a tutti i costi. Avevamo visto la partita in ritiro e vedevo che tutti volevano questa rivincita. Perché, alla fine, credo che ci sia un destino. Non si può perdere una finale come l’abbiamo persa, e quella volta dovevamo vincerla. Un po’ come col Boca Juniors. Gerrard? Ho avuto Alonso in squadra e ci abbiamo scherzato. Nutro un’ammirazione per Gerrard infinta, abbiamo provato a prenderlo al Milan, ma è stato impossibile. Il 4-3-2-1? Il Milan mi mise a disposizione una marea di trequartisti in rosa. Dovevamo giocare un calcio offensivo, come è nel DNA del Milan. Il primo alberello è quello di La Coruna, con Pirlo e Seedorf in mezzo e Rui Costa e Rivaldo dietro a Inzaghi. Ci fu un grande sacrificio di Seedorf in quel modulo, perché doveva arretrare a giocare sul centrosinistra, come mezzala. Il Deportivo giocava con due mediani schierati in campo e pensai di mandare i due trequartisti. Nella finale di Manchester contro la Juventus non usammo questo sistema, abbiamo giocato col rombo di centrocampo. I miei test atletici da giocatore? Sacchi mi raccontava un sacco di storielle per non farmi demoralizzare sulla mia lentezza, causa infortuni alle ginocchia. Fargli da assistente ai Mondiali del 1994 fu una grande esperienza per me. Era un grande tecnico, si faceva capire subito da tutti. Berlusconi? La relazione principale, secondo me, è quella con la tua squadra. Se va male con i giocatori, sei un uomo morto. Quello che io dico, e parlo in generale, un allenatore deve sentirsi tutelato dalla società. Allenare l'Italia? Per ora non saprei, in quanto mi piace allenare tutti i giorni. Poi se nel 2018 non ne avrò più voglia, chissà...''
    Carletto,che ricordi che tiri fuori...Quanta nostalgia!
    Per me lui è il top, ecco perché non vorrei mai rivederlo al Milan, perlomeno in mezzo all'indecenza odierna (per fortuna non credo proprio ci sia il rischio xD).Per quanto riguarda l'Italia, beh,sarebbe il giusto traguardo, ma credo come dice lui stesso che a non allenare tutti i giorni soffrirebbe.
    Il rosso e il nero,due colori comuni,una passione unica!
    #WeAreACMilan

    "Ricordiamoglielo al mondo chi eravamo e che potremmo ritornare!" (Tiziano Ferro ai milanisti)

    #Lanuovaeraèqui #Vivalesocietànormali

    "Digo lo que pienso,tómame como soy. No intentes amarrarme, ni dominarme, yo soy quien elige como equivocarme."
    (Shakira)

  4. #3
    Renegade
    Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da MissRossonera Visualizza Messaggio
    Carletto,che ricordi che tiri fuori...Quanta nostalgia!
    Per me lui è il top, ecco perché non vorrei mai rivederlo al Milan, perlomeno in mezzo all'indecenza odierna (per fortuna non credo proprio ci sia il rischio xD).Per quanto riguarda l'Italia, beh,sarebbe il giusto traguardo, ma credo come dice lui stesso che a non allenare tutti i giorni soffrirebbe.
    L'unica cosa che dovrebbe tornare di lui sono il rombo a centrocampo o l'albero di natale col 4-3-2-1. Il resta nulla, si rovinerebbe.

    ps. svuota la casella sennò non posso risponderti, pff

  5. #4
    Member L'avatar di Marchisio89
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Località
    GER
    Messaggi
    2,192
    Magari ci fosse lui alla guida della squadra azzurra!

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.