Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 6 di 6

  1. #1

    Allegri: 'Milan, rischio psicosi per gli infortuni. Ancelotti fortunato con Inzaghi'

    Allegri sembra a rischio: circolano i nomi di Inzaghi e Van Basten.
    Salta il chiarimento tra l'allenatore e Galliani: "Non potremo più comprare i campioni".
    (QS)

    Niente cene, ma dialogano. E si rivedranno.
    Galliani e Allegri: doppio vertice in gran segreto.
    Venerdì summit in sede, sabato pure a Forte dei Marmi.
    (Gazzetta dello Sport)


    "Certe statistiche senza senso: solo 3 ko muscolari".
    Allegri: "Milan e infortuni, gioco al massacro. Temo una psicosi tra i ragazzi".
    L'addio dei senatori: "Nessuno mi ha salutato? Forse perché sono una persona diretta, avrei dovuto prenderli in giro. Ancelotti fortunato, anchìio avrei voluto Inzaghi con 7 anni in meno".


    Massimiliano Allegri, quanti sono i giocatori del Milan che si sono fatti male per colpa sua?
    «Non ha senso fare statistiche adesso. Sembra che al Milan ogni giorno muoia qualcuno».

    Numeri alla mano: cinque infortuni pronti via.
    «Ci sarebbe da preoccuparsi se fossero tutti guai muscolari. Invece io ne conto due e mezzo perché Pato e Robinho hanno avuto due stiramenti importanti ma lo stop di Montolivo è di poco conto. Dopo la sosta Riccardo sarà a disposizione, i brasiliani invece si rivedranno il 23».

    E degli altri cosa ci dice?
    «Muntari si è bloccato in vacanza, Didac Vilà non si è mai allenato con noi, Strasser si è fatto male al malleolo tibiale e Abate ha avuto una distorsione. Per non incappare in infortuni traumatici c’è un solo rimedio: giocare a dama».

    La stagione scorsa si è chiusa con 71 infortuni. Negli ultimi due mesi c’è stata un’epidemia.
    «Il problema è stato alla fine e lì ho sbagliato non c’è dubbio. Più rischi, più ti fai male ma il gioco valeva la candela: ci giocavamo lo scudetto. Se avessimo vinto nessuno si sarebbe permesso di screditare il nostro lavoro, siamo arrivati secondi e allora distruggiamo i giocatori».

    Proprio loro, come stanno reagendo?
    «Spero che tra i ragazzi non si crei una psicosi. Il rischio c’è, si parla soltanto di noi».

    Adriano Galliani è seccato.
    «Quando uno si scotta ha più paura. Ma Galliani ha ragione quando dice che dobbiamo analizzare la situazione . Bisogna essere vigili però sereni. L’equilibrio e la calma ti consentono di vedere bene le cose, sennò ti fai offuscare».

    Contro il Real Madrid è stato accusato da Galliani di aver fatto troppi cambi. Era offuscato?
    «Premessa: il mio rapporto con Galliani non è mai stato in discussione. Detto questo resto convinto che era giusto fare quei cambi. Ho dei giocatori che hanno poca esperienza e ho il dovere di farli crescere. Nel primo tempo stavamo uno a uno poi sono arrivati quattro gol su contropiede, tra l’altro fotocopia di quelli incassati al Berlusconi con la Juventus. Per migliorare bisogna passare da qualche batosta».

    Lo stesso discorso vale per il campionato e la Champions?
    «Nel periodo che ci servirà per migliorare dobbiamo essere bravi a fare anche risultato».

    Passa per essere un tagliatore di teste.
    «Serviva un cambio generazionale, sarò antipatico ma così va la vita. Ancelotti è stato fortunato ad allenare gente come Gattuso, Inzaghi, Nesta e Seedorf nel fior fiore della loro carriera. Anch’io avrei voluto averli a disposizione con sette anni in meno. Serve coraggio per prendere decisioni dolorose e il Milan lo ha avuto. Parlare di questi campioni continuamente è sbagliato, è una mancanza di rispetto nei confronti di chi è rimasto».

    È vero che soffre i giocatori di grande personalità?
    «Per due anni ho allenato gente che ha portato a casa coppe di ogni tipo. Si vince con i giocatori bravi, il resto sono fandonie. Non ho mai visto un allenatore far gol dalla panchina. Non si può andare d’accordo con tutti però quando scelgo gli undici penso solo a chi può farmi vincere».

    Parla poco con chi va in panchina.
    «I ragazzi lo sanno: non sono il tipo che giustifica le sue scelte perché sarebbero solo prese in giro. Durante la settimana è un altro discorso. La cosa più importante è il rispetto e c’è sempre stato, con me tra l’altro hanno sempre giocato tutti».

    Cassano non è stato tenero con lei. Perché non ha voluto replicare né a lui né ad altri?
    «Perché non ha senso, perché non serve parlare dopo, perché ci vuole rispetto e non tutto è dovuto. Spero di restare al Milan per tanto tempo ma se succederà qualcosa di diverso dirò ugualmente grazie. Sarò sempre grato a Berlusconi e a Galliani per questa esperienza».

    Nessun senatore le ha detto pubblicamente grazie.
    «Forse risulto antipatico perché sono una persona diretta, magari avrei dovuto prenderli in giro…».

    Ha mai provato a convincere Nesta a restare?
    «Abbiamo parlato anche il giorno in cui ha annunciato il suo addio. Niente da fare, era irremovibile».

    Perché il Milan sceglie De Jong e si lascia scappare Verratti?
    «Perché il cartellino di Verratti costava molto e quando ha scelto Parigi noi avevamo ancora Ibra e Thiago Silva. Però su questo argomento voglio dire una cosa».

    Prego.
    «Fino a poco tempo fa andava di moda dire che i nostri giovani sono scarsi. Adesso giocano ovunque. Per la crisi? Macchè, perché sono bravi».

    Qual è la frase di Berlusconi che non scorderà mai?
    «Mi colpisce il suo modo di porsi. Non è mai banale».

    Come ci si rapporta ad un dirigente donna?
    «Se si riferisce a Barbara Berlusconi, direi molto bene. Quando può viene a trovarmi a pranzo, ha voglia di conoscere e porta entusiasmo».

    C’è qualcosa che invidia a Conte?
    «Direi di no, anche se ha fatto un ottimo lavoro, cambiando pure sistema di gioco».

    Che impatto avrà la Champions sul campionato della Juventus?
    «Possono anche perderle tutte ma se noi non facciamo risultato è tutto inutile. Meglio guardare solo in casa nostra».

    San Siro è diventato un tabù. Colpa del sintetico?
    «È un fatto casuale. Quando l’Inter ha pareggiato due a due con il Vaslui ho tirato un sospiro di sollievo!».

    Calciomercato a parte, sente la crisi economica?
    «Purtroppo sì, ho tanti amici che sono dipendenti e sono preoccupati perché rischiano il posto di lavoro».

    Che idea si è fatto della situazione dell’Italia?
    «Dobbiamo trovare una via d’uscita per forza. Non ci manca niente, il nostro paese ha storia, cultura e un paesaggio unico».

    Dopo il Milan dove si immagina?
    «Non sono eterno come il Trap, voglio godermi la vita. Prima però mi piacerebbe fare un’esperienza con la Nazionale».


    (Laura Bandinelli - La Stampa)

  2. # ADS
    Adv
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    343
    Anche lui ha le sue ragioni.

    Io dico solo una cosa: quest'anno per Allegri è l'anno decisivo. Se dimostrerà di avere intelligenza nel far rendere al massimo i giocatori e creare un impianto di gioco funzionale, ma soprattutto se vincerà (e non è per niente facile), sarà celebrato e tutti gli altri zittiti: avrà avuto ragione lui.

    Certo, facile sparargli addosso contro, adesso che l'impresa è ai limiti dell'impossibile. Io credo che sarà il capro espiatorio di tutte le porcate fatte dal Milan negli ultimi anni (contratti assurdi, ingaggio di ex-campioni bolliti, squadra vecchissima mai rinnovata, prese per il **** senza ritegno verso tifosi e tesserati, ridimensionamento ecc ecc ecc) ma era sacrosanto dargli la possibilità di dimostrare il suo valore quest'anno.

  4. #3
    Citazione Originariamente Scritto da Lucocco Franfrescone Visualizza Messaggio
    Allegri sembra a rischio: circolano i nomi di Inzaghi e Van Basten.
    Salta il chiarimento tra l'allenatore e Galliani: "Non potremo più comprare i campioni".
    (QS)

    Niente cene, ma dialogano. E si rivedranno.
    Galliani e Allegri: doppio vertice in gran segreto.
    Venerdì summit in sede, sabato pure a Forte dei Marmi.
    (Gazzetta dello Sport)


    "Certe statistiche senza senso: solo 3 ko muscolari".
    Allegri: "Milan e infortuni, gioco al massacro. Temo una psicosi tra i ragazzi".
    L'addio dei senatori: "Nessuno mi ha salutato? Forse perché sono una persona diretta, avrei dovuto prenderli in giro. Ancelotti fortunato, anchìio avrei voluto Inzaghi con 7 anni in meno".


    Massimiliano Allegri, quanti sono i giocatori del Milan che si sono fatti male per colpa sua?
    «Non ha senso fare statistiche adesso. Sembra che al Milan ogni giorno muoia qualcuno».

    Numeri alla mano: cinque infortuni pronti via.
    «Ci sarebbe da preoccuparsi se fossero tutti guai muscolari. Invece io ne conto due e mezzo perché Pato e Robinho hanno avuto due stiramenti importanti ma lo stop di Montolivo è di poco conto. Dopo la sosta Riccardo sarà a disposizione, i brasiliani invece si rivedranno il 23».

    E degli altri cosa ci dice?
    «Muntari si è bloccato in vacanza, Didac Vilà non si è mai allenato con noi, Strasser si è fatto male al malleolo tibiale e Abate ha avuto una distorsione. Per non incappare in infortuni traumatici c’è un solo rimedio: giocare a dama».

    La stagione scorsa si è chiusa con 71 infortuni. Negli ultimi due mesi c’è stata un’epidemia.
    «Il problema è stato alla fine e lì ho sbagliato non c’è dubbio. Più rischi, più ti fai male ma il gioco valeva la candela: ci giocavamo lo scudetto. Se avessimo vinto nessuno si sarebbe permesso di screditare il nostro lavoro, siamo arrivati secondi e allora distruggiamo i giocatori».

    Proprio loro, come stanno reagendo?
    «Spero che tra i ragazzi non si crei una psicosi. Il rischio c’è, si parla soltanto di noi».

    Adriano Galliani è seccato.
    «Quando uno si scotta ha più paura. Ma Galliani ha ragione quando dice che dobbiamo analizzare la situazione . Bisogna essere vigili però sereni. L’equilibrio e la calma ti consentono di vedere bene le cose, sennò ti fai offuscare».

    Contro il Real Madrid è stato accusato da Galliani di aver fatto troppi cambi. Era offuscato?
    «Premessa: il mio rapporto con Galliani non è mai stato in discussione. Detto questo resto convinto che era giusto fare quei cambi. Ho dei giocatori che hanno poca esperienza e ho il dovere di farli crescere. Nel primo tempo stavamo uno a uno poi sono arrivati quattro gol su contropiede, tra l’altro fotocopia di quelli incassati al Berlusconi con la Juventus. Per migliorare bisogna passare da qualche batosta».

    Lo stesso discorso vale per il campionato e la Champions?
    «Nel periodo che ci servirà per migliorare dobbiamo essere bravi a fare anche risultato».

    Passa per essere un tagliatore di teste.
    «Serviva un cambio generazionale, sarò antipatico ma così va la vita. Ancelotti è stato fortunato ad allenare gente come Gattuso, Inzaghi, Nesta e Seedorf nel fior fiore della loro carriera. Anch’io avrei voluto averli a disposizione con sette anni in meno. Serve coraggio per prendere decisioni dolorose e il Milan lo ha avuto. Parlare di questi campioni continuamente è sbagliato, è una mancanza di rispetto nei confronti di chi è rimasto».

    È vero che soffre i giocatori di grande personalità?
    «Per due anni ho allenato gente che ha portato a casa coppe di ogni tipo. Si vince con i giocatori bravi, il resto sono fandonie. Non ho mai visto un allenatore far gol dalla panchina. Non si può andare d’accordo con tutti però quando scelgo gli undici penso solo a chi può farmi vincere».

    Parla poco con chi va in panchina.
    «I ragazzi lo sanno: non sono il tipo che giustifica le sue scelte perché sarebbero solo prese in giro. Durante la settimana è un altro discorso. La cosa più importante è il rispetto e c’è sempre stato, con me tra l’altro hanno sempre giocato tutti».

    Cassano non è stato tenero con lei. Perché non ha voluto replicare né a lui né ad altri?
    «Perché non ha senso, perché non serve parlare dopo, perché ci vuole rispetto e non tutto è dovuto. Spero di restare al Milan per tanto tempo ma se succederà qualcosa di diverso dirò ugualmente grazie. Sarò sempre grato a Berlusconi e a Galliani per questa esperienza».

    Nessun senatore le ha detto pubblicamente grazie.
    «Forse risulto antipatico perché sono una persona diretta, magari avrei dovuto prenderli in giro…».

    Ha mai provato a convincere Nesta a restare?
    «Abbiamo parlato anche il giorno in cui ha annunciato il suo addio. Niente da fare, era irremovibile».

    Perché il Milan sceglie De Jong e si lascia scappare Verratti?
    «Perché il cartellino di Verratti costava molto e quando ha scelto Parigi noi avevamo ancora Ibra e Thiago Silva. Però su questo argomento voglio dire una cosa».

    Prego.
    «Fino a poco tempo fa andava di moda dire che i nostri giovani sono scarsi. Adesso giocano ovunque. Per la crisi? Macchè, perché sono bravi».

    Qual è la frase di Berlusconi che non scorderà mai?
    «Mi colpisce il suo modo di porsi. Non è mai banale».

    Come ci si rapporta ad un dirigente donna?
    «Se si riferisce a Barbara Berlusconi, direi molto bene. Quando può viene a trovarmi a pranzo, ha voglia di conoscere e porta entusiasmo».

    C’è qualcosa che invidia a Conte?
    «Direi di no, anche se ha fatto un ottimo lavoro, cambiando pure sistema di gioco».

    Che impatto avrà la Champions sul campionato della Juventus?
    «Possono anche perderle tutte ma se noi non facciamo risultato è tutto inutile. Meglio guardare solo in casa nostra».

    San Siro è diventato un tabù. Colpa del sintetico?
    «È un fatto casuale. Quando l’Inter ha pareggiato due a due con il Vaslui ho tirato un sospiro di sollievo!».

    Calciomercato a parte, sente la crisi economica?
    «Purtroppo sì, ho tanti amici che sono dipendenti e sono preoccupati perché rischiano il posto di lavoro».

    Che idea si è fatto della situazione dell’Italia?
    «Dobbiamo trovare una via d’uscita per forza. Non ci manca niente, il nostro paese ha storia, cultura e un paesaggio unico».

    Dopo il Milan dove si immagina?
    «Non sono eterno come il Trap, voglio godermi la vita. Prima però mi piacerebbe fare un’esperienza con la Nazionale».


    (Laura Bandinelli - La Stampa)
    ovviamente ciò non vale per pato. Lui infortunerebbe anche così!
    [SIGPIC][/SIGPIC]

  5. #4
    Junior Member L'avatar di prd7
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    542
    Comunque alla fine ha ragione, ci stiamo lamentando per tutti questi infortuni, ma di quelli muscolari sono 2. Pato non lo considero più.

  6. #5
    Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    264
    Grande mister, dai che quest'anno ti valutiamo fino in fondo!
    NeedForLibido

  7. #6
    Milano vende moda L'avatar di Marilson
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    UK
    Messaggi
    3,692
    inzaghi con l'esperienza di una sola panchina nel campionato allievi? bene.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.